Siti del circuito Teknoring


La Community degli Ingegneri Italiani · Supplemento di Tecnici.it - Quotidiano di informazione scientifica e tecnica - ISSN 2284-0109 - Anno 7 n° 220 del 18/04/2014
Cerca
  • feed
  • Commenti 773
  • tweeter2.014
  • facebook 43.318
  • 171.633 utenti registrati
  homepage/ / / Dissesto idrogeologico: accordo tra Ministero, Regione Sicilia e Protezione Civile

Dissesto idrogeologico: accordo tra Ministero, Regione Sicilia e Protezione Civile

Al via una strategia coordinata tra Stato e Regioni per fronteggiare l'emergenza

Di
Pubblicato sul Canale ambiente il 18 febbraio 2010

Entro la fine della prossima settimana saranno definiti gli interventi per fronteggiare l'emergenza idrogeologica in Sicilia. Questo è quanto emerso dalla riunione tecnica che si è tenuta oggi presso il Ministero dell'Ambiente, nella quale si è registrata la massima condivisione d'intenti, che sarà formalizzata in un accordo di programma tra Ministero, Regione siciliana e Protezione Civile. I tecnici sono già al lavoro per vagliare le priorità d'intervento sulla base delle effettive criticità, con l'obiettivo di garantire la sicurezza delle persone e dei centri abitati.

La concertazione tra il Ministero dell'Ambiente, la Regione e la Protezione Civile eviterà una deleteria frammentazione decisionale, assicurando efficienza operativa e mettendo a disposizione in tempi rapidi le risorse finanziarie necessarie a far fronte al dissesto idrogeologico della Sicilia. «Finalmente - ha commentato il Ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo - si avvia una strategia coordinata e concertata tra Stato e Regioni per fronteggiare l'emergenza idrogeologica nazionale attraverso accordi di programma come quello in via di definizione con la Sicilia e con la Calabria.

Si esce così dalla fase degli interventi scoordinati e a pioggia che hanno caratterizzato l'ultimo decennio e si potrà intervenire sui comparti più a rischio con misure organiche e con fondi adeguati. Purtroppo l'emergenza frane non dà tregua e impone a tutte le istituzioni decisioni responsabili e un'attenta valutazione delle situazioni di maggiore crisi. Quello intrapreso è un percorso che richiederà certamente tempi medio-lunghi e ulteriori fondi, ma è importante partire da subito per mettere in sicurezza le aree che destano più preoccupazione per l'incolumità delle popolazioni e per l'assetto del territorio».



Articoli consigliati

  • Software più scaricati
  • Strutture

    Calcolo solaio in ferro - NTC 2008

    Il foglio di calcolo effettua la verifica secondo le N.T.C. 2008 di solai con struttura portante costituita da travi in... Scaricato 6612 volte
  • Strutture

    Legno EC5

    Foglio di calcolo in excel per l'analisi statica e sismica delle strutture lignee secondo la normativa Europea EC5 e la... Scaricato 6693 volte

Google+
News In Evidenza