IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è mercoledì 28 ottobre 2020, 17:02

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 12 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: sabato 16 febbraio 2019, 12:02 
Non connesso

Iscritto il: sabato 16 febbraio 2019, 11:37
Messaggi: 2
Salve a tutti,
sono un ingegnere elettronico con laurea specialistica iscritto al settore dell'informazione
avrei bisogno di un vostro parere.

Da diversi anni, oltre a occuparmi di reti di telecomunicazioni e sistemi di videosorveglianza, collaboro anche con una ditta s.a.s. che si occupa di energie rinnovabili. Io, come consulente libero professionista, mi occupo della progettazione degli impianti fotovoltaici e della richiesta di incentivi al GSE e delle pratiche di detrazione per i vari impianti che vengono installati dalla ditta. Vengo pagato a pratica effettuata.
Ultimamente come sapete il settore fotovoltaico ha subito una flessione e i lavori sono diminuiti e la ditta vorrebbe cambiare profilo societario per poter partecipare anche agli appalti pubblici e estendere il lavoro anche ad altri tipi di impianti (elettrici o idraulici). Per partecipare agli appalti hanno bisogno di un responsabile tecnico e mi hanno chiesto se voglio farlo io.
Volevo chiedervi alcune cose:
1) posso farlo e continuare a fare il lavoro di libero professionista negli altri settori?
2) mi conviene accettare questa proposta e nel caso quali condizioni minime dovrei richiedere?

grazie a tutti


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: sabato 16 febbraio 2019, 13:07 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 14 marzo 2011, 17:44
Messaggi: 7295
Località: Atene (Greece)
1) posso farlo e continuare a fare il lavoro di libero professionista negli altri settori?

sì.

ricordo che neglia anni '90 il ruolo di responsabile tecnico legge 46/1990 non poteva svolgersi per più di una impresa (non potevi essere responsabile tecnico per due o più ditte).

per il compenso, va ad ogni certificazione che firmi, in base alla complessità alla quale è legata la tua responsabilità.

_________________
Tra quello che noi riusciamo a malapena a vedere e quello che in realtà accade veramente c'è sempre molta differenza (Banondre, filosofo greco agnostico del II sec. d.C.).


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: sabato 16 febbraio 2019, 13:37 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 22 novembre 2012, 12:09
Messaggi: 1350
Località: finis terrae
tmauro ha scritto:
1) posso farlo e continuare a fare il lavoro di libero professionista negli altri settori?

se il tuo incarico è quello di responsabile tecnico ex DM n. 37/2008 allora non puoi esercitare nessuna altra attività (cfr. art. 3, comma 2 del DM).

_________________
there must be some way out of here, said the joker to the thief.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: sabato 16 febbraio 2019, 15:38 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 14 marzo 2011, 17:44
Messaggi: 7295
Località: Atene (Greece)
2. Il responsabile tecnico di cui al comma 1 svolge tale funzione per una sola impresa e la qualifica è incompatibile con ogni altra attività continuativa.

a questo punto nessun piccolo impiantista, se necessita di un responsabile tecnico, come è successo a me verso il 1995, può iniziare l'attività.
e nessun ing. potrebbe fare la libera professione e nel contempo il responsabile tecnico per un piccolo instalaltore che vuole iniziare.

a meno che la libera professione è da non considerare come "altra attività continuativa", non essendo la libera professione paragonabile a un impiego a contratto.

_________________
Tra quello che noi riusciamo a malapena a vedere e quello che in realtà accade veramente c'è sempre molta differenza (Banondre, filosofo greco agnostico del II sec. d.C.).


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: sabato 16 febbraio 2019, 17:05 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 22 novembre 2012, 12:09
Messaggi: 1350
Località: finis terrae
salvatorebennardo ha scritto:
2. Il responsabile tecnico di cui al comma 1 svolge tale funzione per una sola impresa e la qualifica è incompatibile con ogni altra attività continuativa.

a questo punto nessun piccolo impiantista, se necessita di un responsabile tecnico, come è successo a me verso il 1995, può iniziare l'attività.
e nessun ing. potrebbe fare la libera professione e nel contempo il responsabile tecnico per un piccolo instalaltore che vuole iniziare.

a meno che la libera professione è da non considerare come "altra attività continuativa", non essendo la libera professione paragonabile a un impiego a contratto.

http://www.an.camcom.gov.it/20170824/re ... l-rapporto

_________________
there must be some way out of here, said the joker to the thief.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: sabato 16 febbraio 2019, 22:07 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 14 marzo 2011, 17:44
Messaggi: 7295
Località: Atene (Greece)
quindi, in base a quel parere quell'impresa non ha alternative.

facciamo così.

la violazione dell'art. 3, comma 2 del DM 37/2008 comporta una qualche sanzione?

sia nell'uno (sanzione sì), sia nell'altro caso (sanzione no), si può decidere se accettare o meno l'incarico di responsabile tecnico, che è di tipo saltuario.
se non è prevista alcuna sanzione, non vedo dove sta il problema, vista la natura ad minchiam dell'articolato del comma e della relativa interpretazione.

tra l'altro la costrizione precedente al DM 37/2008 che limitava a farlo per una sola ditta era contraria alla natura liberare della libera professione.

_________________
Tra quello che noi riusciamo a malapena a vedere e quello che in realtà accade veramente c'è sempre molta differenza (Banondre, filosofo greco agnostico del II sec. d.C.).


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 18 febbraio 2019, 9:58 
Non connesso

Iscritto il: sabato 16 febbraio 2019, 11:37
Messaggi: 2
Quindi tanto per cambiare la legge non è chiara e non si capisce se si può fare oppure no :sad:


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 18 febbraio 2019, 12:42 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 22 novembre 2012, 12:09
Messaggi: 1350
Località: finis terrae
tmauro ha scritto:
Quindi tanto per cambiare la legge non è chiara e non si capisce se si può fare oppure no :sad:

la legge è chiara.
tu puoi solo decidere se violarla o rispettarla.
e in tutto questo il discorso delle sanzioni, come vorrebbe far intendere salvatore, non c'entra un [email protected]@o.

_________________
there must be some way out of here, said the joker to the thief.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 18 febbraio 2019, 18:14 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 14 marzo 2011, 17:44
Messaggi: 7295
Località: Atene (Greece)
il discorso della sanzione ha un suo peso allorquando si pensi se violarla o no.
una norma "inibitoria" che non prevede alcuna sanzione non inibisce nulla. a livello pratico (sociale) è una non norma, equivale alla non esistenza della norma stessa.
una norma "inibitoria" che prevede una sanzione molto bassa induce a violarla.

_________________
Tra quello che noi riusciamo a malapena a vedere e quello che in realtà accade veramente c'è sempre molta differenza (Banondre, filosofo greco agnostico del II sec. d.C.).


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 18 febbraio 2019, 20:33 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 22 novembre 2012, 12:09
Messaggi: 1350
Località: finis terrae
salvatorebennardo ha scritto:
il discorso della sanzione ha un suo peso allorquando si pensi se violarla o no.
una norma "inibitoria" che non prevede alcuna sanzione non inibisce nulla. a livello pratico (sociale) è una non norma, equivale alla non esistenza della norma stessa.
una norma "inibitoria" che prevede una sanzione molto bassa induce a violarla.

va bene.
però non c'è solo "lo stato" o solo "il giudice".
se decidi di violare questa norma, cosa ne sai come reagisce la camera di commercio?
potrebbe imporre lei delle sanzioni.
oppure: che ne sai come reagisce l'ordine?
potrebbero esserci delle sanzioni disciplinari.
vale la pena?

_________________
there must be some way out of here, said the joker to the thief.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 12 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBB.it