IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è venerdì 22 novembre 2019, 19:25

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 15 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Consiglio studente per primo lavoro
MessaggioInviato: sabato 22 giugno 2019, 15:43 
Non connesso

Iscritto il: sabato 22 giugno 2019, 14:46
Messaggi: 6
Ciao a tutti. Mi chiamo Andrea e scrivo per la prima volta :wink: :wink:
Mi sono arrivate due proposte di lavoro entrambe molto allettanti e cercando di prendere la mia decisione sono incappato in questo forum. Ho letto diversi 3d, sia di situazioni "simili" alla mia, sia per farmi un'idea di che cosa il mercato posso offrire in questo momento. Scrivo per avere un consiglio da voi, che avete sicuramente più esperienza di uno studente sul mondo del lavoro e magari date peso ad aspetti che io non prendo in considerazione. Vi presento le due proposte cercando di inserire il maggior numero di dettagli senza diventare troppo prolisso, se vi servono altre info chiedete:

1) Contratto a tempo indeterminato fin da subito, presso una società di consulenza, che mi manderebbe a lavorare come "System/Approval Engineer" presso una multinazionale svedese, che si occupa di elettrodomestici nel nord-est. Partirei con un contratto metalmeccanico di V livello, al cui stipendio si aggiungerebbe una diaria giornaliera; arriverei dunque a circa 2000 euro per 13 mensilità

2) Periodo di formazione di 6 mesi con rimborso spese (credo 500 euro) per poi assunzione a tempo indeterminato (credo sui 1400-1500), presso una multinazionale tedesca a Milano che si occupa di automazione industriale (PLC :wink: ) e molto altro.

Per la seconda proposta ho messo solo dei valori indicativi perché non ho avuto ancora modo di parlare di questi aspetti, ne ho parlato in via informale perché ho lavorato ad un project work in questa azienda, dovrò farlo prossimamente. L'azienda n.1 si aspetta una risposta a breve quindi non so se riuscirò a vedere il contratto proposto dalla seconda anche per questo vorrei un vostro consiglio.
Dal mio punto di vista il lavoro presso l'azienda n.2, è molto più vicino a ciò che ho studiato all'università e risulterebbe molto più entusiasmante ed appagante, mi permetterebbe di crescere molto a livello di competenze, non solo in quello in cui andrò a lavorare ma anche in settori affini al mio.
La prima è comunque una multinazionale e offre di più a livello remunerativo, 500-600 euro non sono pochi, inoltre la vita a Milano costerebbe parecchio di più, io in entrambi i casi dovrei comunque trasferirmi. La società di consulenza mi ha fatto sapere che in futuro ci sarebbe la possibilità di lavorare anche per altre aziende mentre un lavoro presso la seconda sarebbe più spendibile per eventuali prossimi lavori.


Voi al mio posto che fareste?
Grazie per i consigli.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: domenica 23 giugno 2019, 8:04 
Non connesso

Iscritto il: domenica 4 novembre 2012, 14:50
Messaggi: 175
Osmosi ha scritto:
Ciao a tutti. Mi chiamo Andrea e scrivo per la prima volta :wink: :wink:
Mi sono arrivate due proposte di lavoro entrambe molto allettanti e cercando di prendere la mia decisione sono incappato in questo forum. Ho letto diversi 3d, sia di situazioni "simili" alla mia, sia per farmi un'idea di che cosa il mercato posso offrire in questo momento. Scrivo per avere un consiglio da voi, che avete sicuramente più esperienza di uno studente sul mondo del lavoro e magari date peso ad aspetti che io non prendo in considerazione. Vi presento le due proposte cercando di inserire il maggior numero di dettagli senza diventare troppo prolisso, se vi servono altre info chiedete:

1) Contratto a tempo indeterminato fin da subito, presso una società di consulenza, che mi manderebbe a lavorare come "System/Approval Engineer" presso una multinazionale svedese, che si occupa di elettrodomestici nel nord-est. Partirei con un contratto metalmeccanico di V livello, al cui stipendio si aggiungerebbe una diaria giornaliera; arriverei dunque a circa 2000 euro per 13 mensilità

2) Periodo di formazione di 6 mesi con rimborso spese (credo 500 euro) per poi assunzione a tempo indeterminato (credo sui 1400-1500), presso una multinazionale tedesca a Milano che si occupa di automazione industriale (PLC :wink: ) e molto altro.

Per la seconda proposta ho messo solo dei valori indicativi perché non ho avuto ancora modo di parlare di questi aspetti, ne ho parlato in via informale perché ho lavorato ad un project work in questa azienda, dovrò farlo prossimamente. L'azienda n.1 si aspetta una risposta a breve quindi non so se riuscirò a vedere il contratto proposto dalla seconda anche per questo vorrei un vostro consiglio.
Dal mio punto di vista il lavoro presso l'azienda n.2, è molto più vicino a ciò che ho studiato all'università e risulterebbe molto più entusiasmante ed appagante, mi permetterebbe di crescere molto a livello di competenze, non solo in quello in cui andrò a lavorare ma anche in settori affini al mio.
La prima è comunque una multinazionale e offre di più a livello remunerativo, 500-600 euro non sono pochi, inoltre la vita a Milano costerebbe parecchio di più, io in entrambi i casi dovrei comunque trasferirmi. La società di consulenza mi ha fatto sapere che in futuro ci sarebbe la possibilità di lavorare anche per altre aziende mentre un lavoro presso la seconda sarebbe più spendibile per eventuali prossimi lavori.


Voi al mio posto che fareste?
Grazie per i consigli.


circa 2000 euro per 13 mensilità...come primo lavoro da neolaureato? Decisamente fuori mercato in positivo. Il lavoro è comunque rivendibile, system/validation etc. son ovunque dal ferroviario all'Oil and Gas. Accetta subito.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: domenica 23 giugno 2019, 10:38 
Non connesso

Iscritto il: sabato 22 giugno 2019, 14:46
Messaggi: 6
elektronmrk ha scritto:
Osmosi ha scritto:
Ciao a tutti. Mi chiamo Andrea e scrivo per la prima volta :wink: :wink:
Mi sono arrivate due proposte di lavoro entrambe molto allettanti e cercando di prendere la mia decisione sono incappato in questo forum. Ho letto diversi 3d, sia di situazioni "simili" alla mia, sia per farmi un'idea di che cosa il mercato posso offrire in questo momento. Scrivo per avere un consiglio da voi, che avete sicuramente più esperienza di uno studente sul mondo del lavoro e magari date peso ad aspetti che io non prendo in considerazione. Vi presento le due proposte cercando di inserire il maggior numero di dettagli senza diventare troppo prolisso, se vi servono altre info chiedete:

1) Contratto a tempo indeterminato fin da subito, presso una società di consulenza, che mi manderebbe a lavorare come "System/Approval Engineer" presso una multinazionale svedese, che si occupa di elettrodomestici nel nord-est. Partirei con un contratto metalmeccanico di V livello, al cui stipendio si aggiungerebbe una diaria giornaliera; arriverei dunque a circa 2000 euro per 13 mensilità

2) Periodo di formazione di 6 mesi con rimborso spese (credo 500 euro) per poi assunzione a tempo indeterminato (credo sui 1400-1500), presso una multinazionale tedesca a Milano che si occupa di automazione industriale (PLC :wink: ) e molto altro.

Per la seconda proposta ho messo solo dei valori indicativi perché non ho avuto ancora modo di parlare di questi aspetti, ne ho parlato in via informale perché ho lavorato ad un project work in questa azienda, dovrò farlo prossimamente. L'azienda n.1 si aspetta una risposta a breve quindi non so se riuscirò a vedere il contratto proposto dalla seconda anche per questo vorrei un vostro consiglio.
Dal mio punto di vista il lavoro presso l'azienda n.2, è molto più vicino a ciò che ho studiato all'università e risulterebbe molto più entusiasmante ed appagante, mi permetterebbe di crescere molto a livello di competenze, non solo in quello in cui andrò a lavorare ma anche in settori affini al mio.
La prima è comunque una multinazionale e offre di più a livello remunerativo, 500-600 euro non sono pochi, inoltre la vita a Milano costerebbe parecchio di più, io in entrambi i casi dovrei comunque trasferirmi. La società di consulenza mi ha fatto sapere che in futuro ci sarebbe la possibilità di lavorare anche per altre aziende mentre un lavoro presso la seconda sarebbe più spendibile per eventuali prossimi lavori.


Voi al mio posto che fareste?
Grazie per i consigli.


circa 2000 euro per 13 mensilità...come primo lavoro da neolaureato? Decisamente fuori mercato in positivo. Il lavoro è comunque rivendibile, system/validation etc. son ovunque dal ferroviario all'Oil and Gas. Accetta subito.


Intanto volevo ringraziarti per avermi risposto, ho avuto altre offerte e lo so che questa è decisamente sopra la media. Anche io ero più propenso per quella scelta, solo che da studente i soldi fanno parecchia gola e non volevo prendere decisioni di cui poi potrei pentirmi. Il mio dubbio era sul fatto che nell'altra azienda potrei comunque imparare molto di più, quindi valutavo se guadagnare qualcosina in meno adesso per essere più spendibile in un prossimo futuro.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: domenica 23 giugno 2019, 11:28 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 28 ottobre 2015, 18:52
Messaggi: 428
non ha senso scegliere il primo lavoro in base ai soldi a meno che non hai necessita' impellenti di portare X euro a casa ogni mese. Scegli quello che piu' ti piace.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: domenica 23 giugno 2019, 16:37 
Non connesso

Iscritto il: domenica 4 novembre 2012, 14:50
Messaggi: 175
a.d3angel1s ha scritto:
non ha senso scegliere il primo lavoro in base ai soldi a meno che non hai necessita' impellenti di portare X euro a casa ogni mese. Scegli quello che piu' ti piace.


e come fa a sapere cosa gli piace? a me piaceva la microelettronica e l'informatica ai tempi dell'uni :azz:


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: domenica 23 giugno 2019, 16:48 
Non connesso

Iscritto il: domenica 4 novembre 2012, 14:50
Messaggi: 175
Se posso comunque avere un dubbio...ma la RAL te l'han detta? Perchè V livello 2000netti con contratto da dipendente (la p.iva lasciala stare) mai viste. E' un superminimo monstre che per un neolaureato fa strano.
Il tabellare minimo di un V livello metalmeccanico sono 1400netti (1750 lordi).


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: domenica 23 giugno 2019, 17:07 
Non connesso

Iscritto il: sabato 22 giugno 2019, 14:46
Messaggi: 6
elektronmrk ha scritto:
Se posso comunque avere un dubbio...ma la RAL te l'han detta? Perchè V livello 2000netti con contratto da dipendente (la p.iva lasciala stare) mai viste. E' un superminimo monstre che per un neolaureato fa strano.
Il tabellare minimo di un V livello metalmeccanico sono 1400netti (1750 lordi).


25000


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: domenica 23 giugno 2019, 18:35 
Non connesso

Iscritto il: domenica 4 novembre 2012, 14:50
Messaggi: 175
Come RAL mi torna molto di più, a questo punto direi che sei di fronte ad una buona offerta ma niente di eccezionale. Le indennità di trasferta sono da ccnl ma se sei fisso da una parte ti distaccano.
Valuta bene, direi comunque caschi in piedi perché anche un programmatore PLC coi conyrocazzi fa una bella carriera. Se ti piace imparare un mestiere (stile chiave a stella di Primo Levi) vai sul secondo. Se sei più manager inside, ti vedi più a fare meeting alle 7 di sera in giacca, sul primo.

Link utile

http://www.calcolostipendionetto.it/


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: domenica 23 giugno 2019, 18:43 
Non connesso

Iscritto il: sabato 22 giugno 2019, 14:46
Messaggi: 6
Io sarei più propenso per la prima scelta, la differenza tra i due stipendi è molta in più la vita a Milano è più cara. Se si fosse trattato di 200, 300 avrei scelto senza dubbi la seconda. Inoltre nei primi 6 mesi in cui non ho lo stipendio dovrei chiedere aiuto ai miei e la cosa non mi piace molto.
elektronmrk ha scritto:
Le indennità di trasferta sono da ccnl ma se sei fisso da una parte ti distaccano.

Che cosa intendi?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: domenica 23 giugno 2019, 20:35 
Non connesso

Iscritto il: domenica 4 novembre 2012, 14:50
Messaggi: 175
Che se vai in trasferta prendi un'indennità (30/50e lorde) ma per legge non puoi stare più di tot giorni al mese né continuativamente.
Se lavori per una società di consulenza o una ditta esterna e sei distaccato mesi/anni presso un datore di lavoro non ti spettano indennità, esclusi buoni pasto, eventualmente alloggio (se è un contributo forfettario finisce nella RAL) etc.
Se la RAL è 25000 il tuo netto in busta è 1450€, poi mi sbaglierò...e in tal caso ben per te.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 15 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010