IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è domenica 20 ottobre 2019, 1:01

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 6 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: mercoledì 3 luglio 2019, 19:17 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 3 luglio 2019, 18:49
Messaggi: 1
Mi presento,
Mi chiamo Leonardo, ho 24 anni e sono uno studente di ingegneria meccanica all'ultimo anno della magistrale.
Mi laureerò il prossimo ottobre e mi sto chiedendo come affrontare il mio futuro.
Possibilmente vorrei conseguire prima possibile l'abilitazione per entrare nell'albo degli ingegneri e in parallelo ottenere una qualche certificazione di inglese.
La vera domanda che mi pongo è:
"quando dovrò cercare un lavoro...in base a cosa lo cercherò?"
Ho innumerevoli dubbi a cui voglio trovare risposta:
E' meglio lavorare, come prima esperienza, in una media azienda o in una grande? Il problema è che vorrei evitare di imparare un mestiere che mi faccia crescere di esperienza sotto pochi aspetti (vorrei poter acquisire e rivendere più esperienza possibile).
Ovviamente in questi anni ho imparato tante formule, leggi e dimostrazioni, ma nel pratico siamo tutti scarsamente preparati..ciò ci porta a non sapere cosa ci aspetti dopo la laurea...Nello specifico non riesco a immaginare cosa andrò a fare in un'azienda. Ovviamente dipende dal tipo di realtà in questione,ma in ogni scenario che provo a osservare vedo solo tanta confusione.
Ho molto interesse verso la meccanica calda, metallurgia e la fisica tecnica...vorrei conoscere quali possono essere i migliori sbocchi lavorativi.
Un amico mi ha anche consigliato che forse è più conveniente acquisire esperienza nei vari "servizi" che sono facilmente rivendibili in futuro. Il problema è che non distinguo tali servizi nel mio ambito.
Mi scuso in anticipo per la confusione... al momento nella mia testa ci sono troppo domande aggrovigliate. Confido nei vostri consigli.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 3 luglio 2019, 19:43 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 3 luglio 2019, 19:22
Messaggi: 2
Ciao Leonardo!

Sono Alessandro, e come te mi laureerò a brevissimo (Settembre). Anche io sono attanagliato dai tuoi dubbi, mi permetto di rispondere e di non aprire un nuovo topic in quanto l'argomento è di interesse per entrambi!

La mia più grande passione è l'Automotive, ma ultimamente sto riflettendo molto sulla mia futura carriera. Ho saputo gli stipendi medi di ingegneri in multinazionali del settore (in Italia) e proprio questo mi ha fatto venire molti dubbi. Si parla di 1600 euro netti, con più di 10 anni di esperienza. Anche su internet c'è scritto che gli stipendi alla fca sono inferiori della media del 12%.

Ho scelto di diventare un Ingegnere sia perchè mi interessano le varie tematiche affrontate, ma anche per il lato economico. Da quando ho 14 anni lavoro per mantenermi gli studi, ma ho scelto di studiare e laurearmi. Ovviamente non mi aspetto un primo stipendio milionario, ma almeno la possibilità di lottarmela fra qualche anno. E mi sa che nel mondo Automotive ciò non è possibile, a patto di non entrare in Formula 1. Quindi mi sto guardando intorno, ed il settore Oil&Gas sembra molto promettente con più possibilità di crescita. Oppure potrei entrare nel mondo degli Impianti, così da poter un giorno aprire uno studio e lavorare da libero professionista.

Cosa potete consigliarci? Qual è il settore con la miglior crescita?

Vi chiedo di non essere ipocriti. Nessuno chiede 5k al mese come primo stipendio, ma se a 40 anni ne devo guadagnare 1500 al mese... no grazie. Preferisco fare il concorso come macchinista in fs. La voglia di lavorare c'è, ma anche e soprattutto la voglia di poter crescere nel proprio settore (professionalmente ed economicamente).


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 4 luglio 2019, 11:35 
Non connesso

Iscritto il: sabato 31 dicembre 2011, 16:05
Messaggi: 954
Purtroppo non c'è una risposta chiara alle vostre domande: è inutile cercare un settore o una specializzazione che paghino più di altre. In ogni settore c'è un ampio ventaglio di salari e opportunità che dipende anche dal ruolo che andate a ricoprire in azienda. Lavorare per un grande nome poi significa anche tre cose: bonus, stabilità e rivendibilità. Di questo probabilmente non è tenuto conto nelle RAL che trovate in giro.

Anche acquisire "molte esperienze diverse" è un'arma a doppio taglio. Vi rende più rivendibili, ma sarete poco specializzati, quindi non avrete mai un vero plus di rivendibilità. Io lavoro in un settore molto specifico e ricevo costantemente offerte molto specifiche da tutta europa: non mi contatterebbero mai se non fosse per la mia specializzazione. Ovviamente appena cerco di uscire dalla mia comfort zone a nessuno interessa il mio curriculum: come dicevo, armi a doppio taglio.

Inultile quindi che cerchiate il manuale dell'ingegnere di successo, non c'è.

Quello che viene pagato sono responsabilità, affidabilità, autonomia e risultati. Semplice da capire, difficile da realizzare.

Quanto viene pagato?

Parlando del nord italia e di netto mensile sui 12 mesi, si parte da 1500€.
Dopo qualche anno si arriva sui 2000€ se si iniziano ad avere le caratteristiche sopra esposte.
Poi si passa a 2500€ se si viene promossi a quadro (vedetelo come un "manager" nel senso popolare del termine)
C'è una sorta di cap a 3000€ a cui comunque molti arrivano con una decina d'anni di esperienza o poco più.

I soldi veri in azienda si fanno se diventate dirigenti, ma è un percorso generalmente più lungo e a cui accedono in pochi per ovvi motivi piramidali. In ogni caso qui parliamo di stipendi che vanno dai 3500 ai 6000€ di media, a seconda di quanto vi avvicinate al vertice, ma si può anche salire di più verso i 10.000, a questi livelli poi i bonus sono talmente tanti che la situazione si fa fumosa e diciamo che non ho molta esperienza nel settore... :arg:

Quindi cercate di avere delle aspettative consone, in Italia redditi da 3000€ al mese sono rari, un ingegnere ci può arrivare, l'impiegato medio si ferma a metà. Se avete in testa cifre molto diverse da quelle che ho scritto, magari perchè sempre "cercando su internet" avete letto qualche paragone con gli USA o la Svizzera, o rivedete le vostre aspettative o puntate agli USA e alla Svizzera... O vi date alla libera professione o addirittura all'imprenditoria e vi giocate le vostre carte. Ma a inizio carriera penserei a farmi le ossa, fossi in voi, non avete idea di quanto è profonda la tana del bianconiglio, altro che università :badgrin:


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 4 luglio 2019, 16:25 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 3 luglio 2019, 19:22
Messaggi: 2
Ti ringrazio whiter4bbit, sei stato molto esaustivo. Una curiosità: di cosa ti occupi?

Che dire.. la mia rabbia è dovuta al fatto che, nelle aziende top del settore, vieni pagato molto ma molto poco.

Lavorare in Ferrari è il top per un ingegnere meccanico? Sicuramente a livello professionale. E come tu stesso hai affermato, hai una stabilità che da altre parti non hai.

Lavorare nella società X che si occupa di lavorazioni per componenti aeronautici, 300 dipendenti, in cui nel giro di 5-10 anni se vali diventi dirigente invece? Sicuramente a livello economico, ma la stabilità vacilla perchè l'azienda potrebbe sempre fallire da un momento all'altro.

Onestamente, preferirei la seconda opzione. Nelle aziende più piccole è più semplice farti valere, in Ferrari sei solo uno su un milione. Non si campa di gloria, potrebbe essere figo sentirsi dire "wow lavori in Ferrari!" ma... la sostanza è molto molto poca.

Purtroppo questa situazione è davvero imbarazzante. Una volta l'ingegnere era il top, oggi è semplicemente un impiegato. Ci rimane una sola strada: emigrare verso luoghi esotici ed aprire un chiringuito :D


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 4 luglio 2019, 16:42 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 4 aprile 2012, 14:15
Messaggi: 1571
Non è facile diventare dirigente dopo 5-10 anni (se per dirigente intendete chi sta nel Cda ).
Ragazzi non è la regola.
Anzi.
E comunque aziende di 300 dipendenti non sono tanto piccole per gli standard italiani.
Sei un numero anche lì.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 4 luglio 2019, 17:47 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 30 novembre 2018, 16:34
Messaggi: 12
Per far crescere il proprio stipendio e la propria posizione, la chiave è cambiare lavoro/azienda ogni 4/5 anni.
Inoltre bisogna aver bene a mente che se ti piace fare il tecnico puro, certe posizioni ti sono precluse perchè farai sempre meno l'ingegnere e sempre più il manager.
De gustibus


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 6 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010