IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è mercoledì 3 giugno 2020, 3:21

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 107 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8 ... 11  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: mercoledì 24 marzo 2010, 18:02 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 10 marzo 2010, 19:37
Messaggi: 14
danydelco ha scritto:
Ti tolgo qualsiasi dubbio essendo un ingegnere elettrico junior ed avendo appena passato l'esame di stato..
Prima della riforma, esisteva un unico albo degli ingegneri a cui si poteva iscrivere chiunque avesse una laurea in ingegneria o addirittura chi avesse avuto un diploma e tot anni di esperienza nel settore.
Adesso esistono 6 diversi albi di ingegneria, 3 di categoria A (laurea specialistica) e 3 di categoria B (laurea triennale).. l'unica differenza pratica tra A e B sta nel fatto che quelli iscritti all'albo B non possono firmare i cosiddetti "progetti innovativi"..
Adesso veniamo alla tua questione..nella attuale normativa esistono 3 categorie ingegneristiche e purtroppo elettrica ed elettronica fanno parte di due categorie diverse (la prima fa parte del ramo industriale e la seconda di quello dell'informazione insieme a telecomunicazioni e informatica).
Per i progetti edili e civili non ne parliamo neanche perhé riguardano l'ultima categoria..
Quindi, in parole povere, per poter effettuare una progettazione elettrica bisogna essere iscritti all'albo degli ingegneri industriali e quindi avere conseguito una laurea in elettrica, energetica, aerospaziale, meccanica, biomedica, chimica, etc..
Per questo motivo gli studi nel settore delle ingegnerie dell'informazione non sono affatto adatti a chi volesse intraprendere la libera professione..ti consiglio vivamente di effettuare un passaggio a elettrica oppure a energetica che in effetti è un corso di studi molto interessante..
Infine, non è possibile effettuare la specialistica di elettrica avendo conseguito la triennale di elettronica..ho conosciuto un paio di ingegneri elettronici che sono venuti a prendere la laurea triennale in elettrica per il tuo stesso problema..
Spero di esserti stato di aiuto!
Ciao!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 24 marzo 2010, 18:36 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 9 gennaio 2009, 13:34
Messaggi: 313
...ari-bah!!!!
Prima di fare progetti "innovativi",bisognerebbe fare tanti ma tanti progetti "noiosi" molto simili fra di loro.Poi ti accorgerai che la tua esperienza ti farà apportare tocchetti di "innovazione" qua e là.Francamente non dovresti nemmeno porti sta domanda.Piuttosto se vuoi fare impianti elettrici chiediti xchè non hai scelto direttamente elettrotecnica.Cmq,sei sempre in tempo a rimediare.Boa sorte.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 25 marzo 2010, 13:29 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 8 febbraio 2010, 12:43
Messaggi: 202
la risposta è molto più ampia :
1) in UK le universita' sono Electrical and Electronics Engineers, Electrical Electronics and Communication guarda qua: http://www.prospects.ac.uk.
merda di un sistema italiano!!!
2) chi si iscrive spesso è perito in Elettronica e Telecomunicazioni il quale firma impianti elettrici, e continua con elettronica ma come ingegnere non può! MERDE sono DELLE MERDE, inquanto nei programmi ministeriali di scuola superiore un perito ELE & TLC fa impianti elettrici a TDP anzi consigliano al terzo anno progetti di impianti di elettrici e di illuminazione civile, trasformatori, PLC ecc..

Progetti innovativi vuol dire nulla o tutto, complessità vuol dire tutto o nulla.

Sarebbe da dire che se un ingegnere elettrico deve fare un impianto fotovoltaico innovativo che consiste nel uso di celle fotovoltaiche innovative NON PUO' FIRMARLO A CASA MIA, perchè la singola cella è un componente ELETTRONICO. E TANTA GIOIA!!


PER ME non fare utilizzare il GIS a un ingegnere civile e neppure l'elettronica ad un ingegnere industriale.

MERDE SONO DELLE MERDE!!!!!!!!!!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 25 marzo 2010, 14:42 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 9 settembre 2009, 12:50
Messaggi: 13
Mi associo a pipponero...

Non tanto sull'affermazione "Sono delle MER*E", bensì, sul discorso che una cella fotovoltaica è un componente elettronico (silicio-drogato) tantopiù se innovativo e di nuova concezione come potrebbero essere le celle fotovoltaiche organiche ad antocianine. Qundi il discorso non regge! anche un elettronico dovrebbe avere la facoltà di progettare e firmare impianti fotovoltaici !!!! ....con la riforma del 2001 sono state fatte diverse "porcate".

Fondamentalmente un elettronico viene comparato ad un informatico....che è un grosso errore! Per dirvi una cosa che mi è accaduta proprio oggi. Ho conosciuto un ing informatico (ottimo programmatore, ma pur sempre un programmatore) che non conosceva la differenza tra un segnale TTL ed un segnale RS232....per lui il max232 era un "chip da programmare....", mahh...e poi ci hanno inserito nell'albo dell'informazione....MAMMAMIA, CI HANNO INCHIAPPETTATO ALLA GRANDE !!!!


Ultima modifica di Branko82 il giovedì 25 marzo 2010, 16:14, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 25 marzo 2010, 15:39 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 12 febbraio 2010, 20:13
Messaggi: 18
Se posso dire la mia, in effetti con la riforma hanno fatto delle ca**ate anche grosse in quanto un ing elettronico non può firmare progetti e impianti civili e/o industriali ed è paragonato a ing il TLC e INF che non hanno niente a che vedere. C'è da dire che secondo me la riforma andava fatta dividendo più accuratamente le varie ingegnerie che si possono iscrivere ai diversi albi.
La mia esperienza infatti è quella che per stare su due staffe, mi sto laureando in ing dell'automazione con la nuova riforma è la laurea magistrale LM 29 che si può iscrivere a due albi tranquillamente. Il punto è che mio fratello è un p.i. in ELE e TLC e lui avendo il timbro non puà firmare nulla di elettrico, anche se da noi lo fanno senza problemi, e per questo deve fare prima la maturità e poi l'esame di stato per diventare p.i. elettrotecnico e quindi prendere l'abilitazione a poter firmare impianti.
Cmq avete ragione a dire che ve l'hanno messo dove non batte il sole in quanto in pratica non potreste firmare poco o nulla. :boni:


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 25 marzo 2010, 16:23 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 9 settembre 2009, 12:50
Messaggi: 13
Purtroppo gli ing. elettronici (32/S) dopo la riforma del 2001 sono stati "declassati".
Io ho fatto l'esame di stato per il terzo settore (purtroppo noi non possiamo iscriverci nel settore industriale) in dicembre, e mi rendo conto di averlo fatto giusto per il vizio di farlo e poter dire di aver concluso il mio iter universitario (anche se l'esame di stato non è un esame universitario, indirettamente lo è perchè viene organizzato in concomitanza tra l'Ordine Provinciale e l'Università).
Sono quasi sicuro che mai e poi mai sarà richiesta la mia firma. Purtroppo ho sbagliato all'inizio, quando ho cominciato gli studi. Dovevo studiare Elettrica e non Elettronica. :)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 25 marzo 2010, 18:05 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 8 febbraio 2010, 12:43
Messaggi: 202
NON SONO D'accordo Telecomunicazioni 30/S ed Elettronica 32/S stanno sulla stessa barca:
e poi hanno la stessa laurea triennale 9/S (informazione).

SoNO un TLC e ho fatto una tesi in biomedicale e tutte e due le tesi in elettromagnetismo applicato ING-INF/02.

CAMPI ELETTRICI e MAGNETICI.

Molto spesso trovo elettronici che dicono che tlc è completamente diversa bene non sono d'accordo, quante tesi in elettronica ho visto fare a dei tlc..


Io faro l'esame di Perito industriale LAUREATo in elettronica & TLC e li potro firmare elettrico fino a MT, senza limiti di potenza mi pare TANTA GIOA!!

Il mio tema sarà in Elettronica e tanta gioia...potevo fare a meno di studiare..e farlo subito senza tirocinio..ora l'ho tirato fuori dal cassetto...

Prossimo ad essere Perito Industriale Capotecnico Abilitato !!

sono delle merde :clap:


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 25 marzo 2010, 18:37 
Non connesso

Iscritto il: domenica 18 giugno 2006, 20:03
Messaggi: 102
pipponero ha scritto:
Io faro l'esame di Perito industriale LAUREATo in elettronica & TLC e li potro firmare elettrico fino a MT, senza limiti di potenza mi pare TANTA GIOA!!

Il mio tema sarà in Elettronica e tanta gioia...potevo fare a meno di studiare..e farlo subito senza tirocinio..ora l'ho tirato fuori dal cassetto...

Prossimo ad essere Perito Industriale Capotecnico Abilitato !!

sono delle merde :clap:


finalmente una sorta di risposta al mio quesito: col diploma di perito dunque si possono firmare impianti fino alle MT?

giusto per curiosità dunque sono molti i lavori che si incontrano nella pratica in cui è necessaria la firma di un ing.industriale e dove un perito elettrotecnico nn può mettere la propria firma?

grazie


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 25 marzo 2010, 20:51 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 8 febbraio 2010, 12:43
Messaggi: 202
mah devi considerare che l'ingegnere industriale abbraccia un ampia varietà di cose:
dentro l'industriale trovi
chi si occupa di processi chimici: chimico, gestionale
chi si occupa di meccanica: il meccanico
chi si occupa di termotecnica: meccanico
ad ogni modo le competenze del settore industriali sono giù di li impianti di tutti i generi e biomedicale.

Quindi sono molto maggiori le competenze di un ingegnere industriale rispetto ad una specializzazione da perito.

Devi tenere presente che un perito è molto settorializzato e comunque dipende dall'albo della tua provincia.

un per. ind. elettrotecnico (vecchia specializzazione) non potrà fare meccanica per capirsi, ma per quanto ne ho capito potrà fare termotecnica.

un per. ind. elettronico & tlc al più può ma questo lo decide post esame il collegio della tua provincia se puoi firmare l'elettrotecnica.

un per. ind. meccanico firma anche costruzioni meccaniche ossia nel suo microcampo anche parte del settore ingegneristico civile.

un per. ind. elettrotecnica & automazione, sicuramente firma elettronica elettrotecnica....non penso termotecnica.


Al contrario sono inferiori le competenze di un ingegnere elettronico rispetto ad un per. ind. elettronico.

Tieni presente che sono cose modeste infatti un per. ind. non può fare AT ....ma va bene lo stesso così..si porta già a casa qualcosa in più.

Quindi per capirsi l'ingegnere industriale ha più ampiezza di campi di intervento.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 25 marzo 2010, 21:26 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 12 febbraio 2010, 20:13
Messaggi: 18
Hai perfettamente ragione, infatti un ing industriale può firmare qualsiasi tipo di impianto a partire da quello elettrico, termico, condizionamento, automazione, telefonia e tv.
In pratica tutto.... Al contrario dei periti che necessitano di più specializzazioni per poter realizzare diversi tipi di impianti....


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 107 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8 ... 11  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBB.it