IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è martedì 29 settembre 2020, 1:24

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 107 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: giovedì 8 aprile 2010, 12:08 
Non connesso

Iscritto il: martedì 13 ottobre 2009, 14:10
Messaggi: 39
antonio_el. ha scritto:
vabbè comunque un perito elettrotecnico per quanto limitato nn lo è mai come un ing. elettronico, io sono cosciente che con questa laurea ho fatto un grosso errore, stavo cercando solo un modo di recuperare qualcosa di tanto studio buttato..

ad ogni modo la mia domanda era riferita solo al settore degli impianti elettrici ovvero volevo sapere, limitatamente agli impianti elettrici quanto un perito risulta limitato rispetto ad un ing. industriale ovvero se la maggior parte dei lavori che farebbe un ing.elettrico in ambito di impianti elettrici lo può fare pure un perito elettrotecnico.

grazie




Antonio,

Le attribuzioni e le riserve precedenti al DPR 328/01, come specificato nell'art. 46 del DPR, non sono state abrogate, pertanto grazie a queste potrai progettare (se ne sei capace) impianti elettrici pur essendo iscritto al settore solo settore dell'informazione...cosicome un ing. civile potrebbe tranquillamente scrivere un codice in C++...


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 8 aprile 2010, 12:57 
Non connesso

Iscritto il: sabato 16 maggio 2009, 14:01
Messaggi: 61
ConnyS ha scritto:
Antonio,

Le attribuzioni e le riserve precedenti al DPR 328/01, come specificato nell'art. 46 del DPR, non sono state abrogate, pertanto grazie a queste potrai progettare (se ne sei capace) impianti elettrici pur essendo iscritto al settore solo settore dell'informazione...cosicome un ing. civile potrebbe tranquillamente scrivere un codice in C++...


Giustissimo,

io la penso esattamente allo stesso modo: questa è la vera interpretazione che si deve dare al Regolamento (che essendo Regolamento è una norma secondaria e limitata al suo campo di applicazione, cioè l'iscrizione all'Albo, non all'attività professionale).

:clap:


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 8 aprile 2010, 19:20 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 13 aprile 2005, 13:51
Messaggi: 886
eeeehhh si preannunciano tempi interessanti con certe perle di saggezza...è sempre divertente sputtanare un presunto professionista che fa palesi cretinate, soprattutto quando, essendoci una certa abbondanza di imbecilli in giro, uno in meno non può che essere una cosa positiva

_________________
i politecnici sono luoghi di repressione sessuale :oops: , dove la sbandierata disciplina militare :police: , e la conseguente paura :lookaround: , [...] sono i motivi per cui l'omosessuale votato per l'ingegneria va su architettura. :arg:

:drinking:


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 8 aprile 2010, 21:47 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 8 febbraio 2010, 12:43
Messaggi: 202
ConnyS ha scritto:
antonio_el. ha scritto:
vabbè comunque un perito elettrotecnico per quanto limitato nn lo è mai come un ing. elettronico, io sono cosciente che con questa laurea ho fatto un grosso errore, stavo cercando solo un modo di recuperare qualcosa di tanto studio buttato..

ad ogni modo la mia domanda era riferita solo al settore degli impianti elettrici ovvero volevo sapere, limitatamente agli impianti elettrici quanto un perito risulta limitato rispetto ad un ing. industriale ovvero se la maggior parte dei lavori che farebbe un ing.elettrico in ambito di impianti elettrici lo può fare pure un perito elettrotecnico.

grazie




Antonio,

Le attribuzioni e le riserve precedenti al DPR 328/01, come specificato nell'art. 46 del DPR, non sono state abrogate, pertanto grazie a queste potrai progettare (se ne sei capace) impianti elettrici pur essendo iscritto al settore solo settore dell'informazione...cosicome un ing. civile potrebbe tranquillamente scrivere un codice in C++...



Mah...prova prima ad andare a chiederlo all'ordine degli ingegneri:
mi sembra e ho anche chiesto...la pensano diversamente... :clap:

http://www.youtube.com/watch?v=GvHsbHrIDvM


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: venerdì 9 aprile 2010, 13:50 
Non connesso

Iscritto il: martedì 13 ottobre 2009, 14:10
Messaggi: 39
pipponero ha scritto:
ConnyS ha scritto:
antonio_el. ha scritto:
vabbè comunque un perito elettrotecnico per quanto limitato nn lo è mai come un ing. elettronico, io sono cosciente che con questa laurea ho fatto un grosso errore, stavo cercando solo un modo di recuperare qualcosa di tanto studio buttato..

ad ogni modo la mia domanda era riferita solo al settore degli impianti elettrici ovvero volevo sapere, limitatamente agli impianti elettrici quanto un perito risulta limitato rispetto ad un ing. industriale ovvero se la maggior parte dei lavori che farebbe un ing.elettrico in ambito di impianti elettrici lo può fare pure un perito elettrotecnico.

grazie




Antonio,

Le attribuzioni e le riserve precedenti al DPR 328/01, come specificato nell'art. 46 del DPR, non sono state abrogate, pertanto grazie a queste potrai progettare (se ne sei capace) impianti elettrici pur essendo iscritto al settore solo settore dell'informazione...cosicome un ing. civile potrebbe tranquillamente scrivere un codice in C++...



Mah...prova prima ad andare a chiederlo all'ordine degli ingegneri:
mi sembra e ho anche chiesto...la pensano diversamente... :clap:

http://www.youtube.com/watch?v=GvHsbHrIDvM





Quello che conta é la legge che anche l'ordine é tenuto a rispettare...e l'articolo 46 comma 2 mi sembra abbastanza chiaro: Le attribuzioni e le riserve precedenti al DPR restano in vigore, quindi secondo me il collega Antonio puó progettare ( e
firmare) Impianti elettrici.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: venerdì 9 aprile 2010, 14:00 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 8 febbraio 2010, 12:43
Messaggi: 202
il collega antonio ing elettronico,
se è vecchio ordinamento può progettare quello che vuole.
se è nuovo ordinamento non può progettare niente (e penso sia in questo caso)

Il collega Antonio è anche perito e come perito può progettare impianti elettrici, ma con il timbro dell'albo dei periti industriale laureato in elettronica e tlc.. e si firmerà ""Dott. Per. Ind. Antonio""

Se volete posso dirne altre...
se il collega Corona ingegnere meccanico,
se è vecchio ordinamento può progettare quello che vuole
se è nuovo ordinamento può progettare tutti i tipi di impianti, ma non le strutture

Il collega Corona se è perito meccanico può progettare strutture, ma con il timbro dell'albo dei periti iscrivendosi come perito industriale laureato in meccanica.

:clap:

te ne dico altre...veniamo agli ingegneri junior...fin qui abbiamo parlato di ing elettronici o tlc (3+2) o meccanici (3+2)

l'ingegnere junior civile (3) non può progettare su zona sismica!
http://docs.google.com/viewer?a=v&q=cache:2oWs5I26TNUJ:ordingcomo.webhat.it/_modules/download/download/Avvisi/provincia%2520Macerata%2520-%2520parere%2520DPR%2520328-01.pdf+art.+46+del+DPR+328&hl=it&gl=it&pid=bl&srcid=ADGEESg6rE1pW4vcqU_DI13bqx6h6oBqb_OVMooMans6_ny8PS01XxJziZ1o_1S_7Db3_w0Hf14TjaLERVKGYENTrW7D8fmStA8oAUXJqZrHIDWhm-z82bJEOQYpV-GZEy1KLUREMHFq&sig=AHIEtbTywL2UU_ptk2bJVDTxEJ5EsMvzHA

qua tra l'altro si nota bene come ing triennale sta diventando un maturando...infatti si parla di "costruzioni semplici" e la parola "semplice" o "modesta" ha sempre caratterizzato il perito industriale..

mentre un geometra può o potrà farlo.
http://parlamento.openpolis.it/singolo_atto/44577


Stando anche a quanto si scrive nella legge dpr 328, ....il geologo (che non è un ingegnere) può fare studii strutturali ecc...

http://pietrozangheri.interfree.it/Prof ... eologo.ppt


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 15 aprile 2010, 14:40 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 27 settembre 2006, 12:03
Messaggi: 644
france871 ha scritto:
Salve a tutti sto frequentando il corso di laurea in ingegneria elettronica presso il Politecnico Di Bari ed oggi sono venuto a consocenza di una cosa di cui non avevo mai sospettato; cioè ho saputo che un ingegnere elettronico (ramo dell'ingegneria dell'informazione) NON PUO' firmare progetti di impianti civili/industriali cosa che può fare invece un ingegnere elettrico (ramo dell'ingegneria industriale)...quindi un ingegnere elettronico non può fare il libero professionista e può lavorare soltanto in azienda...è vero? mi interessa saperlo dato che ultimamente sto maturando l'idea della libera professione e quindi in caso dovrei cambiare oppure quando finirò la triennale dovrò prendere la specialistica in ingegneria elettrica...qualcuno può aiutarmi???

grazie

Ciao
purtroppo è proprio così, attualente stiamo portando avanti una mozione per poter cambiare questa legge assurda e priva di ogni razionalità.
per qualsiasi cosa non esitare a contattarmi


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 15 aprile 2010, 15:14 
Non connesso

Iscritto il: sabato 16 maggio 2009, 14:01
Messaggi: 61
Chiedo scusa, ma penso che la vostra iniziativa sia sbagliata per due ordini di motivi.

Il primo è di metodo: di petizioni ce ne è pieno il mondo e se si pensa che anche le proposte di legge popolare (con migliaia di firme raccolte) non vengono tenute in considerazione, non so proprio a cosa serva impegnarsi su una mozione o petizione.

Il secondo è di merito, visto che non sono il solo a pensare che questo Regolamento (non legge, regolamento, e quindi norma secondaria), sia interpretato in maniera volutamente restrittiva in primo luogo da una piccola casta ed in secondo luogo da ordini e consiglio nazionale (forse, perché che a me risulti nessuno ha mai subito un procedimento disciplinare sul tema).

Dunque la strada corretta sarebbe quella di un collega nuovo ordinamento che fa un progetto (ovviamente fatto bene e perché lo sa fare) relativo ad attività di settore diverso dal proprio e poi si autodenuncia al proprio Ordine.

Espletati, eventualmente in modo negativo - ma non lo so ! -, i due livelli interni (Ordine e CNI), ci si dovrebbe quindi rivolgere al TAR; sono convinto che il TAR darebbe ragione al collega (e non parlatemi della sentenza TAR Puglia che riguarda un problema di iscrizione a settore, non di attività di progettazione). Naturalmente gli interessati, invece che firmare inutili petizioni, potrebbero sostenere economicamente il collega per scegliersi un grande avvocato amministrativista.

In attesa ovviamente che qualcuno non segua questa procedura in via autonoma perché ci si è trovato coinvolto (e penso che prima o poi succederà).


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 15 aprile 2010, 16:03 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 27 settembre 2006, 12:03
Messaggi: 644
IngegnereEBasta ha scritto:
Chiedo scusa, ma penso che la vostra iniziativa sia sbagliata per due ordini di motivi.

Il primo è di metodo: di petizioni ce ne è pieno il mondo e se si pensa che anche le proposte di legge popolare (con migliaia di firme raccolte) non vengono tenute in considerazione, non so proprio a cosa serva impegnarsi su una mozione o petizione.

Il secondo è di merito, visto che non sono il solo a pensare che questo Regolamento (non legge, regolamento, e quindi norma secondaria), sia interpretato in maniera volutamente restrittiva in primo luogo da una piccola casta ed in secondo luogo da ordini e consiglio nazionale (forse, perché che a me risulti nessuno ha mai subito un procedimento disciplinare sul tema).

Dunque la strada corretta sarebbe quella di un collega nuovo ordinamento che fa un progetto (ovviamente fatto bene e perché lo sa fare) relativo ad attività di settore diverso dal proprio e poi si autodenuncia al proprio Ordine.

Espletati, eventualmente in modo negativo - ma non lo so ! -, i due livelli interni (Ordine e CNI), ci si dovrebbe quindi rivolgere al TAR; sono convinto che il TAR darebbe ragione al collega (e non parlatemi della sentenza TAR Puglia che riguarda un problema di iscrizione a settore, non di attività di progettazione). Naturalmente gli interessati, invece che firmare inutili petizioni, potrebbero sostenere economicamente il collega per scegliersi un grande avvocato amministrativista.

In attesa ovviamente che qualcuno non segua questa procedura in via autonoma perché ci si è trovato coinvolto (e penso che prima o poi succederà).


L'iniziativa di cui parlo non si basa esclusivamente su una raccolta firme, è una mozione portata avanti in primis dai docenti di ingegneria elettronica di tutta italia.
saluti


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 15 aprile 2010, 17:19 
Non connesso

Iscritto il: sabato 16 maggio 2009, 14:01
Messaggi: 61
Mi spiegate su cosa protestate.

Avete conoscenza documentabile di colleghi n.o. iscritti all'Albo (che è unico, unico, unico, unico, unico,...) ad un solo settore che abbiano fatto, a regola d'arte e con competenza (conditio sine qua non per qualsiasi attività), un qualche progetto e siano stati denunciati all'Ordine e poi abbiano subito una sanzione disciplinare ?

Vi state muovendo su una congettura di cui vi hanno convinto le stesse persone che vorrebbero la congettura fosse la realtà. Proponendo mozioni o petizioni non fate altro che rafforzare e dare credibilità e legittimità a questa congettura.

Detto questo, ho sentito parlare di questa mozione o petizione come la si vuol chiamare. Mi pare che si rivolga a cercare di sanare la situazione solo per gli elettronici: come dire, un gruppo di persone che protesta contro una casta per diventare sottocasta.
No, non sono d'accordo.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 107 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBB.it