IngForum
http://www.ingegneri.info/forum/

Ing. Elettronica vs Ing. Elettrica
http://www.ingegneri.info/forum/viewtopic.php?f=11&t=33751
Pagina 10 di 11

Autore:  watt [ mercoledì 7 luglio 2010, 12:30 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Ing. Elettronica vs Ing. Elettrica

ingframin ha scritto:
Beh... A quanto scritto nel DM37/08 se becco un elettrico/industriale/civile che infila nell'impianto elettrico l'impianto di antenna o telefonico lo denuncio all'ordine. Idem per il citofono e la rete LAN.
Quella è "cosa nostra", di noi informazione intendo!


ATTENTO: potresti incorrere in una querela nei tuoi confronti...

Autore:  ingframin [ mercoledì 7 luglio 2010, 14:05 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Ing. Elettronica vs Ing. Elettrica

watt ha scritto:
ingframin ha scritto:
Beh... A quanto scritto nel DM37/08 se becco un elettrico/industriale/civile che infila nell'impianto elettrico l'impianto di antenna o telefonico lo denuncio all'ordine. Idem per il citofono e la rete LAN.
Quella è "cosa nostra", di noi informazione intendo!


ATTENTO: potresti incorrere in una querela nei tuoi confronti...


Mah... guarda, essenzialmente la mia voleva essere più una battuta che altro su una questione che oenstamente mi pare l'ennesimo pasticcio all'italiana.
Il dpr 328 è chiaro come petrolio mischiato col nero di seppia e chiaramente né all'ordine né in altre sedi hanno le idee molto chiare.
Una volta la faccenda impiantistica mi stava molto a cuore fino a che un bel giorno non ho fatto il punto della situazione
e non ho ripensato al perché io abbia scelto elettronica.
Io non voglio fare l'impiantista, non mi interessa, non mi interessano el centrali elettriche né tanto meno le turbine o
gli impianti a vapore o nucleari....
Io ho scelto elettronica perché volevo fare cose di elettronica! Sensori, trattamento dati, microprocessori, radiotecnica, reti di telecomunicazioni, informatica e chi più ne ha più ne metta...
Oggi in parte ho raggiunto l'obiettivo, lavoro come progettista di schede elettroniche, niente di eccezionale, ma è pur sempre
ciò per cui ho studiato. Non è vero che perito elettrotecnico >> ingegnere elettronico assolutamente. Un perito elettrotecnico non saprebbe neanche dove mettere le mani sugli schemi che vengono fatti qui e ogni giorno imparo nuove cose e nuove tecniche da chi è più grande e più esperto di me.
Quello che mi sentirei di consiglaire alle matricole è: scegli bene perché correggere in corso d'opera è difficile.
Non me la sentirei di dire "è meglio elettrica" o "è meglio elettronica". A me elettrica non sarebbe piaciuta probabilmente, o forse si... chi lo sa... ma di certo non mi pento della scelta e la rifarei 1000 volte né tantomeno mi importa più di tanto cosa dice il dpr328. Tanto in ambito industriale tutti fanno tutto, si trova poi chi mette la firma, basta che chi fa sappia farlo a dovere. L'obiezione che potrei ricevere è "eh... ma di libera professione non puoi fare niente..."...
Io risponderei "ni" nel senso che difficilmetne verrà un padre di famiglia a chiedermi una scheda elettronica per casa sua, ma per le industrie in ambito elettronica/automazione/ informatica posso lavorare, è sancito dal dpr328 secondo cui di mia competenza sono anche "gli impianti di automazione" e sfido una eventuale denuncia che mi dovesse arrivare per aver collegato un robot alla presa elettrica a dimostrare che non ho le competenze per farlo.
Ma comunque... i punti cruciali sono due:
1) Chi sceglie elettronica deve essere ben consapevole che non potrà fare l'"elettricista"
2) Chi fa le leggi come il dpr328 è un i****a.
Tutto qui...
Sul fatto che i Vo possano iscriversi a tutti e tre i settori io ritengo che sia una palese ingiustizia frutto anche quella delle
meraviglie della legge italiana...
E non venitemi a dire che un civile VO è davvero in grado di fare tutto, lo vorrei vedere alle prese con un MMIC o col routing
di una scheda da 20 strati con linee miste analogiche, digitali e a microonde + parte ottica...

Autore:  Ronin [ mercoledì 7 luglio 2010, 17:30 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Ing. Elettronica vs Ing. Elettrica

ingframin ha scritto:
per le industrie in ambito elettronica/automazione/ informatica posso lavorare, è sancito dal dpr328 secondo cui di mia competenza sono anche "gli impianti di automazione"


framin, guarda che nessuno ti nega 'sto diritto. il punto è, come tu stesso dici, che analogo diritto avresti non solo laureandoti in altra classe di laurea ingegneristica, ma anche avendo raggiunto la licenza di 5a elementare: è tutta lì la questione.

ingframin ha scritto:
2) Chi fa le leggi come il dpr328 è un i****a.


finalmente un punto di incontro :biggrin:
cmq no, secondo me l'ingiustizia la patiscono i NO, e non siamo noi VO vessatori e approfittatori: siete voi NO vittime di una riforma che ha volutamente fatto strame del ruolo e della professionalità dell'ingegnere italiano.
chiaramente non ne avete colpa (anzi, ne hanno molta di più tutti i colleghi VO nella struttura ordinistica e universitaria, che non hanno saputo opporsi): però il dato di fatto (la "storia" della riforma, e la volontà politica che ci sta dietro) esiste, sarebbe assurdo non ammetterlo.

Autore:  ingframin [ mercoledì 7 luglio 2010, 21:50 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Ing. Elettronica vs Ing. Elettrica

Ronin ha scritto:
ingframin ha scritto:
per le industrie in ambito elettronica/automazione/ informatica posso lavorare, è sancito dal dpr328 secondo cui di mia competenza sono anche "gli impianti di automazione"


framin, guarda che nessuno ti nega 'sto diritto. il punto è, come tu stesso dici, che analogo diritto avresti non solo laureandoti in altra classe di laurea ingegneristica, ma anche avendo raggiunto la licenza di 5a elementare: è tutta lì la questione.

ingframin ha scritto:
2) Chi fa le leggi come il dpr328 è un i****a.


finalmente un punto di incontro :biggrin:
cmq no, secondo me l'ingiustizia la patiscono i NO, e non siamo noi VO vessatori e approfittatori: siete voi NO vittime di una riforma che ha volutamente fatto strame del ruolo e della professionalità dell'ingegnere italiano.
chiaramente non ne avete colpa (anzi, ne hanno molta di più tutti i colleghi VO nella struttura ordinistica e universitaria, che non hanno saputo opporsi): però il dato di fatto (la "storia" della riforma, e la volontà politica che ci sta dietro) esiste, sarebbe assurdo non ammetterlo.


Quoto al 100% e rincaro la dose... Una grossa colpa ce el'hanno i prof universitari che per boicottare il nuovo ordinamento
hanno abbassato il livello in maniera impressionante e ce lo hanno messo in quel posto. Non per altro ma ora chi studia si laurea bene, chi non studia ha ottime probabilità di laurearsi lo stesso (non parlo solo di ingegneria).
Di questo ne faccio una grandissima colpa a quei fannulloni che popolano le università dispensando un sapere e una conoscenza di un fantomatico mondo del lavoro che sta nei loro sogni e basta! Loro che per tutta la vita sono stati dietro ad una cattedra infinocchiando gli studenti con teorie che nella realtà pratica non hanno nessun riscontro!!
E con questo non intendo i teoremi di analisi che per quanto a volte astratti hanno la loro utilità io mi riferisco a tutte le volte che ci dicevano che qualcosa era inutile, tutti gli sfottò che mi sono preso per aver fatto basi di dati come esame a scelta, tutte le cavolate che ci hanno raccontato sulla microelettronica, i microsistemi, le micro schifezze, salvo poi scoprire che il 90% di noi non lavorerà mai con quelle cose neppure nell'industria in cui i processi di lavorazione sono onere e onore dei nostri colleghi chimici.
Ci dicevano "tranquilli che l'elettronica è pervasiva, l'elettronica è ovunque, il lavoro c'è per tutti, è ben pagato..."...
Si si... chiacchiere... Riguardo l'impiantistica:
all'uni ho preso 29 all'esame di impianti elettrici, ho pure progettato parti di due impianti con mio padre.
Se mai mi capiterà di doverne fare uno lo farò e se ci saranno storie per la firma lo faccio firmare a un amico/collega abilitato a farlo e buona notte al secchio... sempre che mi prendano, dato che in Italia per finire in galera ci vuole la raccomandazione.

Autore:  Ronin [ giovedì 8 luglio 2010, 12:37 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Ing. Elettronica vs Ing. Elettrica

per difendere amici e colleghi che lavorano in università: la colpa non è tutta loro.
non è questione nè di boicottaggio, nè di fannullonaggine (anzi, i fannulloni sono proprio gli UNICI che hanno guadagnato dal nuovo ordinamento): quello dell'azzeramento progressivo del valore del titolo di laurea è un processo imposto dalla politica (e forse anche dalla società, o almeno da sua preponderante parte), che ha interesse nello svilirlo in modo da propagandare una chance di "salita sociale" che nei fatti poi invece non esiste.

le università sono costrette ad operare come tu dici, perchè ricevono i fondi a seconda del numero di promossi (e non di iscritti, o di pubblicazioni scientifiche): in questo modo sono obbligate ad abbassare la soglia di sufficienza, per evitare di vedere paralizzata totalmente la loro attività.

naturalmente poi, una volta usciti, i nodi vengono al pettine, e così anche chi è meritevole (e ce ne sono, come sempre ce ne sono stati e ce ne saranno) sconta sulla sua pelle la dequalificazione dovuta alla massa di non meritevoli comunque titolata.

sicchè in pratica nell'illusione di dare a tutti facilmente il valore dell'essere laureati, si è perso di vista il fatto che questo valore era insito nel fatto che il titolo lo ottenevano solo i meritevoli e pochi altri (perchè c'erano anche prima gli incapaci e i raccomandati, come sempre ci saranno).
col risultato che adesso sì puoi ottenere la laurea in modo relativamente più semplice (perchè le università sono costrette a promuovere, pena la sparizione), epperò quella laurea NON ha lo stesso valore che aveva prima, anzi in tante situazioni non ne ha proprio nessuno.

per fortuna (lo dico cinicamente) poi la realtà le sue vendette se le prende sempre, per cui tutti costoro (quella massa di società che ha chiesto tale azzeramento, intendo) adesso sperimentano duramente lo sfruttamento micidiale che consegue allo svilimento che hanno caparbiamente voluto ed appoggiato. peraltro fallendo l'obiettivo primario, che era portare il numero di laureati a livelli europei (e che invece resta fermo alla metà della media europea: segno che il problema non è AFFATTO la difficoltà degli esami).

la speranza sarebbe che, a forza di bastonate nella schiena, finiscano per rendersi conto, ma a giudicare dalle vicende degli ultimi anni, direi che va affievolendosi...

sulla "propaganda" senza scrupoli di certi corsi venduti come fossero terni al lotto sicuri, invece hai pienamente ragione.

Autore:  pipponero [ giovedì 8 luglio 2010, 13:37 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Ing. Elettronica vs Ing. Elettrica

Mah, io con Ronin mi sono beccato molto spesso in questo threed,
in particolare sono figlio di un perito elettrotecnico, sono a mia volta perito elettronico (e come perito firmo l'impiantistica elettrica).
Come ingegnere delle telecomunicazioni, ti posso dire che non mi piace la divisione settoriale cosi come è fatta, non mi piace.
Se fosse per me il settore industriale andrebbe unito al settore dell'informazione, la divisione con il civile la lascio.
Perchè non è mai esistito un corso di ingegneria dell'informazione (è iniziato ad esistere dal 2001), invece esisteva ingegneria industriale ai primi del novecento.

Probabilmente una preparazione trasversale con elementi di meccanica avrebbe sicuramente migliorato la mia preparazione, perchè forti basi migliorano la preparazione, affrontare problemi diversi ti da ampiezza di visione e ragionamento, cosi come corsi di impiantistica elettrica nel settore elettrico. Nel contempo l'iperspecializzazione tende a creare corsi dai contenuti ridondanti, limitando la preparazione.

Un ingegnere delle telecomunicazioni in alcuni atenei viene fuori iperspecializzato superpreparato, in ambito multimediale audio-video, reti, telerilevamento, elettromagnetismo. Tieni presente che potrebbe non sapere niente di reti se fa multimedialità o viceversa. Le basi di informatica potrebbero essere, anzi sono carenti.
Io ho fatto elettromagnetismo, ci sono molte analogie tra il settore industriale perchè tutti o quasi i metodi numerici, che consentono lo studio delle antenne o sono di derivazione meccanica o sono di derivazione fisica, esempio...www.feko.info/ si sono evoluti nell'affrontare un problema diverso, le normative di compatibità sono CEI...ossia elettrotecniche.

Probabilmente mi sarebbe piaciuto avere un percorso più trasversale.

Attualmente assisto ad un movimento degli stessi docenti verso gli informatici (non ingegneri), ossia vanno a spiegare agli informatici elettronica. Ma fanno la stessa cosa anche a meccatronica. Infatti gli studenti di tlc, dopo il terzo anno pare che comincino a capire..e i numeri calano..

Poi si parla tanto del vecchio ordinamento, che faceva tutto, in verità io rimpiango e avrei voluto la preparazione di un vecchio ordinamento, ma non sarei mai andato a fare case.

L'obiettivo dei nuovi corsi, non era portare il numero di laureati a livelli europei, era portare i salari degli ingegneri verso zero, più c'è offerta meno costano, svalutare la categoria, buoni dipendenti di confindustria.

Non è vero che tutte le lauree sono uguali...ingegneria della sicurezza o meglio il biennio specialistico.. ha un valore aggiunto.

Autore:  soldino [ giovedì 8 luglio 2010, 16:27 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Ing. Elettronica vs Ing. Elettrica

pipponero ha scritto:
Mah, io con Ronin mi sono beccato molto spesso in questo threed,
in particolare sono figlio di un perito elettrotecnico, sono a mia volta perito elettronico (e come perito firmo l'impiantistica elettrica).
Domanda tecnica: firmi i progetti impiantistici (in BT? fino a quale potenza installata?) in quanto perito, anche se elettronico e non elettrotecnico, o è necessaria l'iscrizione al collegio dei periti industriali o altre abilitazioni?

Autore:  pipponero [ giovedì 8 luglio 2010, 18:23 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Ing. Elettronica vs Ing. Elettrica

dunque umm diciamo che sono in procinto di abilitarmi da perito, ( tutta l'italia è piena di periti elettronici che lavorano nel settore elettrico-elettronico).
Scelgo l'albo invece dell'ordine, mi da più soddisfazioni. E quindi rafforzerò l'albo dei periti, io e quelli che mi tiro dietro...
Ad ogni modo la mia voglia di essere ingegnere probabilmente mi porterà a studiare ancora..ed ad abilitarmi per il settore industriale.

Autore:  vinus [ domenica 22 gennaio 2012, 18:10 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Ing. Elettronica vs Ing. Elettrica

IngegnereEBasta ha scritto:
danydelco ha scritto:
Ti tolgo qualsiasi dubbio essendo un ingegnere elettrico junior ed avendo appena passato l'esame di stato..
Prima della riforma, esisteva un unico albo degli ingegneri


Ma non ci pensate nemmeno: l'Albo era, è e sarà UNICO.
Ma chi ve le racconta ste panzane.


Un momento, ma l'Albo era stato scorporato in accordo ai 3 settori.. o no??? :shock:

Autore:  flyblu [ lunedì 23 gennaio 2012, 11:44 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Ing. Elettronica vs Ing. Elettrica

Sono fratelli, perchè in vero all'estero gli ingegneri delle telecomunicazioni sono ingegneri elettrici.
Questo è un paradosso della società italiana, che ha voluto mantenere la vicinanza dei meccanici (ing industriali) agli elettrici, mentre
in UK i meccanici sono da una parte, mentre elettrici elettronici e tlc, sono in un altra associazione, e i civili in un altra associazione
Le differenze ci sono, cosi come le similitudini.

Quando si parla di albo unico mi vien da ridere, come fa un ing. civile a tutelare un ing. elettronico? sempre che si sia appropriato "tutelare" anche se potesse un ing civile NON lo farà mai e non muoverà mai una paglia per un ing. elettronico.
La leadership di un ipotetico albo unico dovrebbe equamente ridistribuita tra le varie specialità, cosa che non succede con l'ordine degli ingegneri.

http://www.ice.org.uk/ ICE (civili)
http://www.imeche.org/ IMECHE ( meccanici)
http://www.theiet.org/ IET (elettrici elettronici tlc informatici)
Le quali associazioni hanno poi firmato un memorandum di collaborazione ICE/IMechE/IET co-operation.

Pagina 10 di 11 Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
https://www.phpbb.com/