IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è giovedì 14 novembre 2019, 13:34

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 25 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: martedì 22 ottobre 2013, 13:30 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 30 novembre 2010, 13:09
Messaggi: 13
elektronmrk ha scritto:

Ok questa è la manfrina standard a costo zero, strano che non abbia usato i termini "opportunità di crescita" :)


eh si era, era quotata a 1,01 alla Snai ahah


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 9 dicembre 2013, 15:03 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 30 novembre 2010, 13:09
Messaggi: 13
Dopo qualche settimana torno in questo topic per un aggiornamento della situazione, magari puo' essere utile a qualche altro giovane ingegnere per farsi un'idea del mercato.

Io avevo chiesto 35.00€ lorde anno, sparando un po' di più dei 30.000 a cui puntavo. Ho avuto un colloquio con il titolare che mi ha proposto 28.000€ + 0,2% sul fatturato annuo per il primo anno, 31.000€ + 0,2% il secondo anno. Dico bene ci siamo.. al momento di chiudere il discorso, qualche settimana dopo questo colloquio, i 28.000€ si intendono COSTO AZIENDALE, il che significa che per me sono circa 17.000€ lordi/anno, ovvero circa 1.100€ in busta paga...

Per me sono una cifra ridicola e ancora non so se accettare (o meglio, accetterò cercando comunque un nuovo lavoro al più presto).
La cosa che mi ha incuriosito è stata: se preferisci puoi aprirti la partita iva e mi fatturi 28.000€ l'anno, per me è lo stesso.

Secondo voi, potrebbe convenirmi?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 9 dicembre 2013, 15:10 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 6 dicembre 2006, 13:10
Messaggi: 153
crociatoromano ha scritto:
Dopo qualche settimana torno in questo topic per un aggiornamento della situazione, magari puo' essere utile a qualche altro giovane ingegnere per farsi un'idea del mercato.

Io avevo chiesto 35.00€ lorde anno, sparando un po' di più dei 30.000 a cui puntavo. Ho avuto un colloquio con il titolare che mi ha proposto 28.000€ + 0,2% sul fatturato annuo per il primo anno, 31.000€ + 0,2% il secondo anno. Dico bene ci siamo.. al momento di chiudere il discorso, qualche settimana dopo questo colloquio, i 28.000€ si intendono COSTO AZIENDALE, il che significa che per me sono circa 17.000€ lordi/anno, ovvero circa 1.100€ in busta paga...

Per me sono una cifra ridicola e ancora non so se accettare (o meglio, accetterò cercando comunque un nuovo lavoro al più presto).
La cosa che mi ha incuriosito è stata: se preferisci puoi aprirti la partita iva e mi fatturi 28.000€ l'anno, per me è lo stesso.

Secondo voi, potrebbe convenirmi?


credo ci sia un pò di confusione, per un'azienda un dipendente è sempre un costo aziendale...

se tu costi all'azienda 28k annui, vuol dire che tu guadagni 28k annui ( almeno con loro), quindi quei 17k che indicativamente hai indicato sono netti


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 9 dicembre 2013, 15:15 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 30 novembre 2010, 13:09
Messaggi: 13
Giosal ha scritto:

credo ci sia un pò di confusione, per un'azienda un dipendente è sempre un costo aziendale...

se tu costi all'azienda 28k annui, vuol dire che tu guadagni 28k annui ( almeno con loro), quindi quei 17k che indicativamente hai indicato sono netti



Purtroppo non è così, l'azienda oltre allo stipendio lordo al lavoratore deve pagare altre imposte. ora io non sono esperto in materia e quindi non so argomentare con precisione.

Mi sono anche aiutato con questo sito http://www.globallaboratory.it/pit/calc ... lavoro.htm ed i conti tornano con i suoi.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 9 dicembre 2013, 19:43 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 6 dicembre 2006, 13:10
Messaggi: 153
Stipendio netto più imposte più contributi, e si arriva allo stipendio lordo annuo di un dipendente, altre spese non ne conosco, specialmente di 11k su 28
A sto punto lavora a partita iva e fattura 28, conviene


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 9 dicembre 2013, 21:43 
Non connesso

Iscritto il: domenica 2 dicembre 2012, 11:18
Messaggi: 206
Località: Nord!
Questo è un discorso che ho già sentito molto bene da vicino.
Anche io avevo la scelta tra i circa 30.000€ che l'azienda avrebbe voluto sborsare. Ma non parlo di RAL ma di costo del dipendente assoluto incluso Inps, Irpef, Inail, aliquote varie, SPOSTAMENTI in auto, ...
Non rientrano nei 30k, ma spesso il mio datore di lavoro conta anche la postazione Pc, riscaldamento in inverno, condizionamento in estate e così via...

Comunque ti conviene veramente la partita iva con il regime dei minimi. Costi sì 30k, ma almeno ti porti a casa 1600-1700€/mese.

PS: Avevo scovato una tabellina che il mio datore di lavoro ha preparato per stimare il costo suo per dipendente. Considerando un dipendente a tempo indeterminato che debba prendere 1600€ circa per 14 mensilità ha stimato un costo annuo di 54k, incluso tutto ciò che ho riportato su, quindi anche rimborsi auto e così via (incluso perfino il costo del commercialista per avere un dipendente).


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 9 dicembre 2013, 22:53 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 6 dicembre 2006, 13:10
Messaggi: 153
beh inps, irpef ed inail fanno parte delle trattenute che l'impresa paga per conto del dipendente, ma fanno parte sempre del suo reddito lordo...

certo se poi considerano nel nostro costo anche il pc ed il riscaldamento siamo fottuti :lol:


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 10 dicembre 2013, 0:47 
Non connesso

Iscritto il: sabato 25 marzo 2006, 16:38
Messaggi: 2720
Giosal ha scritto:
Stipendio netto più imposte più contributi, e si arriva allo stipendio lordo annuo di un dipendente, altre spese non ne conosco, .....beh inps, irpef ed inail fanno parte delle trattenute che l'impresa paga per conto del dipendente, ma fanno parte sempre del suo reddito lordo...
certo se poi considerano nel nostro costo anche il pc ed il riscaldamento siamo fottuti :lol:


Il costo sostenuto dal datore di lavoro per avere un dipendente non è pari al lordo riportato in busta paga.

Devi tener conto che una parte dei contributi è pagata a parte dal datore di lavoro.
La parte che compare in busta paga è quella pagata dal dipendente.

I contributi si calcolano percentualmente sulla retribuzione lorda del lavoratore.
La misura dei contributi è determinata dalla natura dell'attività esercitata dall'azienda, dalla posizione dei lavoratori in azienda e dalla retribuzione imponibile.
Ai fini del calcolo dei contributi, si considera retribuzione tutto ciò che il lavoratore percepisce dal datore di lavoro in denaro o in natura, in dipendenza del rapporto di lavoro, al lordo di qualsiasi ritenuta.
L'aliquota media a carico ditta (salvi ulteriori sgravi ed agevolazioni) è pari al 32,70% della retribuzione lorda per la generalità dei lavoratori dipendenti. La quota a carico del dipendente è normalmente pari al 9,19% della retribuzione.

https://www.inps.it/portale/default.asp ... 42&iMenu=1

A queste spese si aggiungono gli oneri dei consulenti del lavoro che il datore di lavoro deve pagare per gestire tutta la contabilità (buste paga, cud, ecc...)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 10 dicembre 2013, 1:03 
Non connesso

Iscritto il: sabato 25 marzo 2006, 16:38
Messaggi: 2720
crociatoromano ha scritto:
....il titolare che mi ha proposto 28.000€ + 0,2% sul fatturato annuo per il primo anno, 31.000€ + 0,2% il secondo anno. Dico bene ci siamo.. al momento di chiudere il discorso, qualche settimana dopo questo colloquio, i 28.000€ si intendono COSTO AZIENDALE, il che significa che per me sono circa 17.000€ lordi/anno, ovvero circa 1.100€ in busta paga...
Per me sono una cifra ridicola e ancora non so se accettare (o meglio, accetterò cercando comunque un nuovo lavoro al più presto).
La cosa che mi ha incuriosito è stata: se preferisci puoi aprirti la partita iva e mi fatturi 28.000€ l'anno, per me è lo stesso.
Secondo voi, potrebbe convenirmi?

No, valutando tutti i pro e i contro.
Nella tua posizione per i prossimi due anni preferirei senza dubbio continuare a essere dipendente.

La cifra che ti ha proposto comunque la reputo bassa.... tuttavia ci sono elementi nella proposta che fanno ben sperare per una futura contrattazione...


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 10 dicembre 2013, 9:38 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 7 gennaio 2010, 19:17
Messaggi: 129
Noto che il livello di confusione è abbastanza elevato, cerchiamo di fare un po' di ordine senza complicarci la vita: su questi 2 siti su può calcolare, partendo dalla RAL (Reddito Annuale Lordo), lo stipendio netto in busta paga (assumendo sempre che uno non abbia altre entrate e quindi non ci sia bisogno di una dichiarazione dei redditi da un commercialista).
http://www.calcolostipendio.it/software ... netto.aspx
http://miojob.repubblica.it/notizie-e-servizi/stipendio

In ogni caso, quando si parla di lordo, si intende il valore sul contratto. 28mila lordi, corrispondono circa a 20mila netti, utilizzando i siti che fanno il calcolino. Per evitare fraintendimenti, si può anche solo contrattare con il datore di lavoro parlando di netto e stop senza complicazioni.

Chi fa il ragioniere, o contabilità, dovrebbe poi sapere come ripartire i costi in un azienda, e sapere anche che assocciati ad ogni risorsa, ci sono dei costi fissi, che includono anche delle tasse, che in italia sono più elevate che in altri paesi è vero, ma senza entrare in un discorso fiscale, si può semplicemente dire che ad ogni lavoratore l'azienda, oltre al suo stipendio ha associati dei costi fissi, di elettricità, computer, acqua, manutenzione, etc. Però è solo un trucchetto da ragionieri fare quanto ha detto quel tale che ti dice che ti da 28mila lordi, che poi sono 1100 netti ! Questo francamente per me sarebbe quasi offensivo all'intelligenza e alla competenza delle persone che possono facilmente andare a chiedere queste cose e farsi spiegare meglio come sono. Purtroppo il livello generale del mercato del lavoro italiano oggi è questo, tutti cercano solo di sfruttare il prossimo e di tirare il più in là possibile. Anche io ho sentito più volte sto discorso, che viene sempre fatto da persone che non ne capiscono niente oppure che sono proprio in malafede e cercano di truffare il dipendente. In ogni caso, non è proprio così, i costi fissi associati al lavoratore, o anche solo le tasse che gravano sull'azienda per ogni lavoratore dipendente non possono essere proprio fatti passare per lo stipendio lordo, la cosa semplicemente secondo me è assurda. Poi io non sono né un ragioniere né un contabile, quindi potrei dire qualche minch..ta pure io, ma secondo me non sta in piedi.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 25 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010