IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è mercoledì 18 settembre 2019, 13:34

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 57 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6
Autore Messaggio
MessaggioInviato: lunedì 9 luglio 2018, 13:16 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 4 aprile 2012, 14:15
Messaggi: 1561
whiter4bbit ha scritto:
[

Io non conosco la situazione dei medici ma sicuramente parliamo di lavori e carriere così diverse che non mi sono neanche mai posto il problema.


Si, sono carriere decisamente diverse.
Infatti io i medici li considero una categoria di professionisti a parte totalmente.
Hanno indubbiamnete un percorso guidato, dall'università alla specializzazione che , dopo anni di sacrifici, complice il numero chiuso , assicura comunque una stabilità contrattuale cje di questi tempi non è poco.
Anche nella loro actegoria ci sono quelli che fano el guardie mediche a 50 anni suonati, ma sono comunque una percentuale abbastanza trascurabile.
E quando parlo di 43k si tratta di stipendi tabellari (cioè al netto di straordinari, festivi e tredicesima).Chi lavora in ospedale, con turni e notti, arriva a superare i 60k.Basta guardare gli stipendi che trovate su internet.E ci sono persone nate negli anni 80 con quegli stipend, non gente di 50 e passa anni.

Gli ingegneri ( e i laureati) in generale io non li vedo altrettanto "sistemati". é probabile comunque ,per un ingegnere ceh lavori in una zona industriale, arrivare a guadagnare tra i 1500 e i 2500 euro nell'arco di una decina d'anni (parlo come valore medio).
Ma,c ome dici tu, ci sonoa nche tanti a cui va malissimo, indipendentemente dal merito.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 10 luglio 2018, 4:51 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 10 ottobre 2016, 9:58
Messaggi: 810
tippgirl ha scritto:
whiter4bbit ha scritto:
[

Io non conosco la situazione dei medici ma sicuramente parliamo di lavori e carriere così diverse che non mi sono neanche mai posto il problema.


Si, sono carriere decisamente diverse.
Infatti io i medici li considero una categoria di professionisti a parte totalmente.
Hanno indubbiamnete un percorso guidato, dall'università alla specializzazione che , dopo anni di sacrifici, complice il numero chiuso , assicura comunque una stabilità contrattuale cje di questi tempi non è poco.
Anche nella loro actegoria ci sono quelli che fano el guardie mediche a 50 anni suonati, ma sono comunque una percentuale abbastanza trascurabile.
E quando parlo di 43k si tratta di stipendi tabellari (cioè al netto di straordinari, festivi e tredicesima).Chi lavora in ospedale, con turni e notti, arriva a superare i 60k.Basta guardare gli stipendi che trovate su internet.E ci sono persone nate negli anni 80 con quegli stipend, non gente di 50 e passa anni.

Gli ingegneri ( e i laureati) in generale io non li vedo altrettanto "sistemati". é probabile comunque ,per un ingegnere ceh lavori in una zona industriale, arrivare a guadagnare tra i 1500 e i 2500 euro nell'arco di una decina d'anni (parlo come valore medio).
Ma,c ome dici tu, ci sonoa nche tanti a cui va malissimo, indipendentemente dal merito.


Ma avete idea di quanto ci si faccia il mazzo a medicina vero?
Tra tirocini, frequenza obbligatoria e l'anno in più.
E non si possono prendere su dei 21,certo i voti sono più alti però non puoi passare gli esami andando la avendo studiato in una settimana. Senza contare anche lo studio per il test di ingresso che per quanto mi riguarda credo sia uno dei più selettivi che esistano per un università pubblica.
C'è gente che perde anni solo per entrare a medicina.
Non sto dicendo che i medici siano più bravi degli ingegneri anzi dico che tra gli ingegneri c'è chi non merita di esserlo che supera gli esami con 21 e fa una triennale in 4/5 anni. Questi svalutano la laurea e sono il 30% del totale. Ora togli a tutti gli ingegneri il 30% e vedrai che il lavoro si trova più facilmente.
Una volta questo 30% di inetti veniva scremato col percorso di studi, adesso non più perché a forza di ridare l'esame prima o poi ti fanno passare.
Dal mio punto di vista è stato più selettivo il liceo, alla fine di ogni anno se non avevi recuperato le materie eri fuori e ripetevi l'anno. Il permissivismo di concedersi uno due anni in più per la laurea é del tutto italiano.
La gente è considerata normale e brava quando prende una laurea magistrale in complessivi 7 anni... Ma siete fuori?
Per me è come venire segati due volte. Il voto di una laurea ha senso quando uno sfighe permettendo la finisce in 5 anni.
Finirla in 6/7 anni vuol dire studiare la metà, meno che in un buon liceo.
Poi magari ora è diventata un po' più semplice però vi posso garantire che per avere esami in regola e media del 29 mi sono fatto il mazzo ma non più di un qualsiasi operaio che lavora 40 ore a settimana.
Per me per il livello medio degli studenti medicina e ingegneria sono equiparabili come percorsi,con la differenza che ad ingegneria quello realmente bravo può essere assorbito come lavoro e retribuzione nella cerchia di quelli normali.
Comunque se volete un opinione del tutto personale, l'ingegnere meccanico con 110 che esce da una buona università secondo me avrà un guadagno migliore di un qualunque medico.il problema é per l'ingegneria non industriale e su quello vi do pienamente ragione.
Ovvio che il medico fa molte meno ore e magari non si deve trasferire o fare trasferte.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 10 luglio 2018, 17:01 
Non connesso

Iscritto il: domenica 22 aprile 2018, 14:11
Messaggi: 62
Non diciamo fesserie. Un laureato in ingegneria con 110L nella migliore università parte sempre da zero se non ha avuto esperienze di lavoro o una precedente formazione pratica da diplomato perito/geometra.
Il laureato in medicina non parte da zero perchè l'università gli ha insegnato il mestiere del medico, non è cosa da poco, le università di medicina sono forse le uniche dove trovi professori degni di insegnarti un mestiere.
Nell'ingegneria chi sono i professori? forse 1 su 10 è un ingegnere vero, tutti gli altri o sono scienziati da scrivania o sono laureati in altre materie che non ci azzeccano niente con l'ingegneria.
Se esci dall'università senza conoscere un mestiere, cosa pretendi di poter rivendere sul mercato? hai solo un pezzo di carta e nient'altro. L'università di ingegneria va riformata e le lauree professionalizzanti sono un primo passo.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 10 luglio 2018, 19:44 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 4 aprile 2012, 14:15
Messaggi: 1561
731086 ha scritto:
tippgirl ha scritto:
whiter4bbit ha scritto:
[

Io non conosco la situazione dei medici ma sicuramente parliamo di lavori e carriere così diverse che non mi sono neanche mai posto il problema.


Si, sono carriere decisamente diverse.
Infatti io i medici li considero una categoria di professionisti a parte totalmente.
Hanno indubbiamnete un percorso guidato, dall'università alla specializzazione che , dopo anni di sacrifici, complice il numero chiuso , assicura comunque una stabilità contrattuale cje di questi tempi non è poco.
Anche nella loro actegoria ci sono quelli che fano el guardie mediche a 50 anni suonati, ma sono comunque una percentuale abbastanza trascurabile.
E quando parlo di 43k si tratta di stipendi tabellari (cioè al netto di straordinari, festivi e tredicesima).Chi lavora in ospedale, con turni e notti, arriva a superare i 60k.Basta guardare gli stipendi che trovate su internet.E ci sono persone nate negli anni 80 con quegli stipend, non gente di 50 e passa anni.

Gli ingegneri ( e i laureati) in generale io non li vedo altrettanto "sistemati". é probabile comunque ,per un ingegnere ceh lavori in una zona industriale, arrivare a guadagnare tra i 1500 e i 2500 euro nell'arco di una decina d'anni (parlo come valore medio).
Ma,c ome dici tu, ci sonoa nche tanti a cui va malissimo, indipendentemente dal merito.


Ma avete idea di quanto ci si faccia il mazzo a medicina vero?
Tra tirocini, frequenza obbligatoria e l'anno in più.
E non si possono prendere su dei 21,certo i voti sono più alti però non puoi passare gli esami andando la avendo studiato in una settimana. Senza contare anche lo studio per il test di ingresso che per quanto mi riguarda credo sia uno dei più selettivi che esistano per un università pubblica.
C'è gente che perde anni solo per entrare a medicina.
Non sto dicendo che i medici siano più bravi degli ingegneri anzi dico che tra gli ingegneri c'è chi non merita di esserlo che supera gli esami con 21 e fa una triennale in 4/5 anni. Questi svalutano la laurea e sono il 30% del totale. Ora togli a tutti gli ingegneri il 30% e vedrai che il lavoro si trova più facilmente.
Una volta questo 30% di inetti veniva scremato col percorso di studi, adesso non più perché a forza di ridare l'esame prima o poi ti fanno passare.
Dal mio punto di vista è stato più selettivo il liceo, alla fine di ogni anno se non avevi recuperato le materie eri fuori e ripetevi l'anno. Il permissivismo di concedersi uno due anni in più per la laurea é del tutto italiano.
La gente è considerata normale e brava quando prende una laurea magistrale in complessivi 7 anni... Ma siete fuori?
Per me è come venire segati due volte. Il voto di una laurea ha senso quando uno sfighe permettendo la finisce in 5 anni.
Finirla in 6/7 anni vuol dire studiare la metà, meno che in un buon liceo.
Poi magari ora è diventata un po' più semplice però vi posso garantire che per avere esami in regola e media del 29 mi sono fatto il mazzo ma non più di un qualsiasi operaio che lavora 40 ore a settimana.
Per me per il livello medio degli studenti medicina e ingegneria sono equiparabili come percorsi,con la differenza che ad ingegneria quello realmente bravo può essere assorbito come lavoro e retribuzione nella cerchia di quelli normali.
Comunque se volete un opinione del tutto personale, l'ingegnere meccanico con 110 che esce da una buona università secondo me avrà un guadagno migliore di un qualunque medico.il problema é per l'ingegneria non industriale e su quello vi do pienamente ragione.
Ovvio che il medico fa molte meno ore e magari non si deve trasferire o fare trasferte.

Mah, ai miei tempi (fine anni 90- inizio 2000) a ingegneria ti facevi un mazzo in tutto e per tutto analogo a quello di medicina,anzi forse anche di più. Lo so perché ho degli amici che hanno fatto medicina.i bravi a medicina tutti con 110 e lode in 6 anni esatti( a luglio del sesto anno) gli ingegneri laureati a luglio del quinto anno,nel mio corso Non ci sono stati,i super bravi (2-3 per anno, ovvero lo 0,5% ) ce l'hanno fatta per la sessione di Novembre, i bravissimi entro marzo. Forse adesso ingegneria non è più selettiva come allora,ma io conosco persone non eccessivamente brillanti laureate in medicina in 8 anni e conosco una miriade di persone parimenti poco "brillanti" laureati in ingegneria in 11-12 anni


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 11 luglio 2018, 10:00 
Non connesso

Iscritto il: sabato 31 dicembre 2011, 16:05
Messaggi: 950
731086 ha scritto:
Non sto dicendo che i medici siano più bravi degli ingegneri anzi dico che tra gli ingegneri c'è chi non merita di esserlo che supera gli esami con 21 e fa una triennale in 4/5 anni. Questi svalutano la laurea e sono il 30% del totale. Ora togli a tutti gli ingegneri il 30% e vedrai che il lavoro si trova più facilmente.
Una volta questo 30% di inetti veniva scremato col percorso di studi, adesso non più perché a forza di ridare l'esame prima o poi ti fanno passare.

La gente è considerata normale e brava quando prende una laurea magistrale in complessivi 7 anni... Ma siete fuori?


Dipende con cosa ti confronti. Quando ho studiato io (e si potevano già "ridare gli esami finchè non li passi") la media voti era di 23 e il voto medio di laurea 96, e chi si laureava in corso era l'eccezione e non la norma...

Quando cerchi lavoro contano due cose: il curriculum e le competenze.
Se un'azienda guarda il curriculum, le interessa il tempo di laurea, il voto finale e l'ateneo (appunto perchè un 100 al polimi vale come un 110 da altre parti).
Se un'azienda guarda le competenze, non le interessa se ci hai messo un anno in più ad apprenderle, ma se le puoi spendere subito sul lavoro per portare valore. Viceversa se ti sei laureato in corso selezionando accuratamente gli esami più facili nel piano di studi, imparando a memoria gli esercizietti da esame e portandoti i bigliettini per le domande teoriche... ma poi fai un pessimo colloquio... non è che ti assumo perchè non eri fuori corso.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 11 luglio 2018, 12:18 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 10 ottobre 2016, 9:58
Messaggi: 810
whiter4bbit ha scritto:
731086 ha scritto:
Non sto dicendo che i medici siano più bravi degli ingegneri anzi dico che tra gli ingegneri c'è chi non merita di esserlo che supera gli esami con 21 e fa una triennale in 4/5 anni. Questi svalutano la laurea e sono il 30% del totale. Ora togli a tutti gli ingegneri il 30% e vedrai che il lavoro si trova più facilmente.
Una volta questo 30% di inetti veniva scremato col percorso di studi, adesso non più perché a forza di ridare l'esame prima o poi ti fanno passare.

La gente è considerata normale e brava quando prende una laurea magistrale in complessivi 7 anni... Ma siete fuori?


Dipende con cosa ti confronti. Quando ho studiato io (e si potevano già "ridare gli esami finchè non li passi") la media voti era di 23 e il voto medio di laurea 96, e chi si laureava in corso era l'eccezione e non la norma...

Quando cerchi lavoro contano due cose: il curriculum e le competenze.
Se un'azienda guarda il curriculum, le interessa il tempo di laurea, il voto finale e l'ateneo (appunto perchè un 100 al polimi vale come un 110 da altre parti).
Se un'azienda guarda le competenze, non le interessa se ci hai messo un anno in più ad apprenderle, ma se le puoi spendere subito sul lavoro per portare valore. Viceversa se ti sei laureato in corso selezionando accuratamente gli esami più facili nel piano di studi, imparando a memoria gli esercizietti da esame e portandoti i bigliettini per le domande teoriche... ma poi fai un pessimo colloquio... non è che ti assumo perchè non eri fuori corso.

Alcune cose studiarle a memoria é inevitabile... Scegliere gli esami più facili forse si ma alla fine si tratta di due esami su 40...


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 10 giugno 2019, 17:35 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 10 giugno 2019, 17:17
Messaggi: 1
vince86 ha scritto:
Tornando al bieco materialismo....
Date una letta a questa classifica
https://telegra.ph/Viagra-generico-Sild ... alia-05-28



Grazie per il materiale utile!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 57 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010