IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è sabato 15 agosto 2020, 6:57

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 23 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: lunedì 16 ottobre 2017, 11:17 
Non connesso

Iscritto il: sabato 31 dicembre 2011, 16:05
Messaggi: 975
731086 ha scritto:
Voglio dire, non dico che un ingegnere debba guadagnare mille mila euro al mese però sinceramente spero che la media degli ingegneri a 15/20 anni dalla laurea arrivi almeno a 2000-2200 euro netti per quelli dipendenti.


35-50k salvo situazioni straordinarie.

In netto mensile x12 si traduce, a seconda della tua situazione fiscale, in 1900-2800€ più ovviamente bonus e TFR.

Se non arrivi a posizioni di leadership/responsabilità, o non hai competenze particolarmente rare e ricercate, rimani nella parte bassa della coda, non dipende dall'età in sè.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 16 ottobre 2017, 21:41 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 10 ottobre 2016, 9:58
Messaggi: 810
Più o meno quello che mi aspettavo, mi rimane una domanda...
Quando uno trova il primo lavoro per i lavori successivi conta il voto e il tempo di laurea o contano solo le esperienze lavorative?
Perchè forse nell'azienda dove lavora mio padre hanno bisogno di un impiegato e io da laureato triennale gli andrei bene.
L'unico è che mi piacerebbe finire la magistrale nei tempi e con un buon voto cosa che lavorando non riuscirei a fare.
Diciamo che è un azienda che ha un bel nome solo che le possibilità di carriera sarebbero limitate dal fatto che i miei superiori sono tutti sulla quarantina quindi piuttosto giovani a cominciare da mio padre. E poi inizierei con un contratto di formazione.
Insomma nessun agevolazione particolare.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 16 ottobre 2017, 23:02 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 28 ottobre 2015, 18:52
Messaggi: 432
731086 ha scritto:
Più o meno quello che mi aspettavo, mi rimane una domanda...
Quando uno trova il primo lavoro per i lavori successivi conta il voto e il tempo di laurea o contano solo le esperienze lavorative?
Perchè forse nell'azienda dove lavora mio padre hanno bisogno di un impiegato e io da laureato triennale gli andrei bene.
L'unico è che mi piacerebbe finire la magistrale nei tempi e con un buon voto cosa che lavorando non riuscirei a fare.
Diciamo che è un azienda che ha un bel nome solo che le possibilità di carriera sarebbero limitate dal fatto che i miei superiori sono tutti sulla quarantina quindi piuttosto giovani a cominciare da mio padre. E poi inizierei con un contratto di formazione.
Insomma nessun agevolazione particolare.


cioe', non hai ancora finito la magistrale, e stai gia' a pensare a quanta carriera puoi fare? pensa a trovare un lavoro che ti interessi ed a formarti in un campo richiesto.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 17 ottobre 2017, 6:26 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 10 ottobre 2016, 9:58
Messaggi: 810
a.d3angel1s ha scritto:
731086 ha scritto:
Più o meno quello che mi aspettavo, mi rimane una domanda...
Quando uno trova il primo lavoro per i lavori successivi conta il voto e il tempo di laurea o contano solo le esperienze lavorative?
Perchè forse nell'azienda dove lavora mio padre hanno bisogno di un impiegato e io da laureato triennale gli andrei bene.
L'unico è che mi piacerebbe finire la magistrale nei tempi e con un buon voto cosa che lavorando non riuscirei a fare.
Diciamo che è un azienda che ha un bel nome solo che le possibilità di carriera sarebbero limitate dal fatto che i miei superiori sono tutti sulla quarantina quindi piuttosto giovani a cominciare da mio padre. E poi inizierei con un contratto di formazione.
Insomma nessun agevolazione particolare.


cioe', non hai ancora finito la magistrale, e stai gia' a pensare a quanta carriera puoi fare? pensa a trovare un lavoro che ti interessi ed a formarti in un campo richiesto.

La triennale è una formalità. Ho superato tutti gli esami e sto completando la tesi. Tra poche settimane inizio gli esami della magistrale. Il tempo fa presto a passare eh


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 17 ottobre 2017, 8:59 
Non connesso

Iscritto il: sabato 31 dicembre 2011, 16:05
Messaggi: 975
Cita:
Quando uno trova il primo lavoro per i lavori successivi conta il voto e il tempo di laurea o contano solo le esperienze lavorative?


Le esperienze lavorative sono generalmente più importanti, poi ognuno valuta quello che vuole.

Cita:
L'unico è che mi piacerebbe finire la magistrale nei tempi e con un buon voto cosa che lavorando non riuscirei a fare.


Nel tuo CV ci sarà scritto che lavoravi mentre studiavi, di conseguenza nessuno pretende le stesse performance di uno che studiava e basta.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 17 ottobre 2017, 9:32 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 4 aprile 2012, 14:15
Messaggi: 1589
731086 ha scritto:
Più o meno quello che mi aspettavo, mi rimane una domanda...
Quando uno trova il primo lavoro per i lavori successivi conta il voto e il tempo di laurea o contano solo le esperienze lavorative?
Perchè forse nell'azienda dove lavora mio padre hanno bisogno di un impiegato e io da laureato triennale gli andrei bene.
L'unico è che mi piacerebbe finire la magistrale nei tempi e con un buon voto cosa che lavorando non riuscirei a fare.
Diciamo che è un azienda che ha un bel nome solo che le possibilità di carriera sarebbero limitate dal fatto che i miei superiori sono tutti sulla quarantina quindi piuttosto giovani a cominciare da mio padre. E poi inizierei con un contratto di formazione.
Insomma nessun agevolazione particolare.

Tu hai la possibilità di lavorare, a 22 anni, in un'azienda con un bel nome con un contratto di formazioen lavoro (che ti farebbero anche con una laurea magistrale, cosa credi??).
Qual è il tuo cruccio??Non finire la magstrael nei tempi??Ma se cerchi lavoro a 30 anni, con uan magistrale appena presa e 7 anni di esperienza lavorativa attinente gli studi, o anche solo semi-attinente gli studi, parti avvantaggiato rispetto ad un 110L NEOLAUREATO DI 24 ANNI.
E poi, vedi già da te che il fatto di avere l'aggancio di tuo padre vale più di 1000 titoli.
Visto che, probabilmente, non solo per i tuoi meriti, ma grazie a questo contatto hai già scavalcato altri concorrenti, con tue stesse competenze ma meno agganci.
Non ti sto criticando, sto solo dicendo che il mondo va così.
Visto che tuo padre è giovane e già nel mondo dell'industrai parlane bene con lui, ti saprà dare delle dritte.
Non pensare di fare carriera stando per 40 anni nella stessa azienda, tra l'altro dietro casa .se ragioni già così parti male :wink:
E poi, carriera non si fa solo perchè il to "capo" va via, ma anche perchè le aziende si espandono e si aprono nuve posizioni per chi già è all'interno.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 17 ottobre 2017, 10:10 
Non connesso

Iscritto il: martedì 4 febbraio 2014, 12:33
Messaggi: 496
Alla fine il lavoro gira tutto attorno alle competenze.
E' bene che sul pezzo di carta ci sia scritto un voto alto, ma cerca di fare esperienze e specializzati in qualcosa che altri non fanno. In questo modo ti si apriranno molte porte in più, anche dal punto di vista della carriera.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 17 ottobre 2017, 23:01 
Non connesso

Iscritto il: domenica 4 novembre 2012, 14:50
Messaggi: 178
anora negli enta, quindi non rispondo :)

:biggrin:


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 18 ottobre 2017, 8:18 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 10 ottobre 2016, 9:58
Messaggi: 810
É che quando penso che potrei ottenere il titolo magistrale in soli due anni mi dico tieni botta e basta.
Perchè secondo me fare la magistrale a tempo perso non conviene. Nel senso che molti esami sono orali e ben saprete anche che quando ci sono degli orali di mezzo è fondamentale frequentare a lezione per non parlare dei progetti di gruppo da fare.
Nel senso che magari gli esami li passo ma mi laureo con 90 non capendoci magari molto di quello che studio.
Cercano in questa azienda una persona da inserire entro la primavera. Ad ora direi di no, se la sessione per qualche motivo dovesse andare male forse si.
Comunque lasciatemi dire che è uno scandalo che le università al giorno d'oggi non prevedano dei corsi e-learning in cui uno può seguire da casa.
Un prof lo fa ed è comodissimo. Certi giorni mi sparo 110km di macchina per due ore di lezione che diventano poi 90 minuti effettivi.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: domenica 27 gennaio 2019, 14:23 
Non connesso

Iscritto il: domenica 4 novembre 2012, 14:50
Messaggi: 178
tippgirl ha scritto:
1988andrea ha scritto:

Comunque a 40 anni non tutti diventano dirigenti, anzi forse è il solo 2% a diventarlo.Tutti gli altri ingegneri (pure gli uomini) da dipendenti fanno gli impiegati.E gli stipendi da impiegati sono raramente superiori ai 2000 netti mensili, pure se hai 60 anni.


a 60 anni bisogna sfiorare i 3k, vi ricordo che oltre i dirigenti un ottimo tecnico (di quelli seri, gli americani li chiamano principal engineer) può anche rimanere quadro ma è più vitale del dirigente di BU


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 23 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBB.it