IngForum
http://www.ingegneri.info/forum/

Lavoro
http://www.ingegneri.info/forum/viewtopic.php?f=11&t=92458
Pagina 4 di 5

Autore:  teluigi [ venerdì 28 dicembre 2018, 15:58 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Lavoro

Ah, non avevo capito. Ecco il programma.

Risorse energetiche primarie: classificazione e distribuzione. Le risorse energetiche non tradizionali e il loro ruolo dell’innovazione tecnologica, Metodi di valutazione economica e di qualità dei sistemi energetici. Energia ed ambiente. Produzione e Trasporto di Energia. Valutazioni energetiche in sistemi di trasformazione dell’energia. Metodi chimici e fisici di accumulo dell’energia. L’idrogeno “vettore energetico”. Accumulo di idrogeno e combustibili liquidi alternatici ad esso riconducibili. Tecnologie di trasformazione dell’energia ad alto rendimento (motori e celle a combustibile). Produzione del freddo e climatizzazione (pompe di calore).

A questo punto studio corrosione ed affidabilità.
So che bisogna studiare,infatti tenterò di prendere la laurea in ing. navale, ma non so quante possibilità mia dia. Perciò vorrei pensarci quando finirò la triennale in meccanica.

Circa i dubbi, beh, li ho avuti fino a pochi giorni fa. Io sono uscito da un ITN, c'è sempre quella parte che vorrebbe andare a lavorare e cercare l'indipendenza,magari frequentare un ITS. Purtroppo non posso ascoltare quella parte.

Autore:  731086 [ venerdì 28 dicembre 2018, 17:34 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Lavoro

teluigi ha scritto:
Ah, non avevo capito. Ecco il programma.

Risorse energetiche primarie: classificazione e distribuzione. Le risorse energetiche non tradizionali e il loro ruolo dell’innovazione tecnologica, Metodi di valutazione economica e di qualità dei sistemi energetici. Energia ed ambiente. Produzione e Trasporto di Energia. Valutazioni energetiche in sistemi di trasformazione dell’energia. Metodi chimici e fisici di accumulo dell’energia. L’idrogeno “vettore energetico”. Accumulo di idrogeno e combustibili liquidi alternatici ad esso riconducibili. Tecnologie di trasformazione dell’energia ad alto rendimento (motori e celle a combustibile). Produzione del freddo e climatizzazione (pompe di calore).

A questo punto studio corrosione ed affidabilità.
So che bisogna studiare,infatti tenterò di prendere la laurea in ing. navale, ma non so quante possibilità mia dia. Perciò vorrei pensarci quando finirò la triennale in meccanica.

Circa i dubbi, beh, li ho avuti fino a pochi giorni fa. Io sono uscito da un ITN, c'è sempre quella parte che vorrebbe andare a lavorare e cercare l'indipendenza,magari frequentare un ITS. Purtroppo non posso ascoltare quella parte.

Itn sta per?
Mi sembra quello sull'energia un corso molto teorico, tanta fuffa. Quindi semplicino, tipo quello che diedi io il secondo anno che si chiamava energia e idrocarburi o roba simile. Fallo dovrebbe essere facilino. Corrosione lo vedo più per i chimici.
Navale come ti avevo già detto offre diverse possibilità ma è un obbligo la disponibilità alla mobilità e la conoscenza dell'inglese.
Io rimarrei su meccanica o al massimo chimica per la quale però devi nutrire una discreta passione perché è una in assoluto delle più ostiche. E poi offre lavoro sopratutto al centro nord dove ci sono le più grosse aziende chimiche energetiche e del settore oil and gas nonché alimentari.
In campanja per dire vedrei meglio un meccanico sicuramente

Autore:  teluigi [ venerdì 28 dicembre 2018, 19:32 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Lavoro

ITN sta per Istituto Tecnico Nautico. Ora ha cambiato nome.

Io rimango su meccanica, al 100%. Potrei valutare una laurea triennale aggiuntiva, in ing. navale o ing. chimica, per avere qualche possibilità in più ed arricchire il CV. Il trasferimento l'ho messo in conto appena uscito dalle superiori, perciò non ha nessun peso.La conoscenza della lingua inglese, secondo me, è essenziale per qualsiasi ingegneria. Ingegneria chimica, non l'ho mai calcolata, non per mancanza di interessamento, ma perché pensavo a navale e meccanica. Poi con una triennale quanto potrei guadagnare? Inoltre, fare una magistrale mentre si lavora, sarebbe un po' pericoloso se non si ha un contratto a tempo determinato. Tu che ne pensi?

Autore:  731086 [ venerdì 28 dicembre 2018, 21:17 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Lavoro

teluigi ha scritto:
ITN sta per Istituto Tecnico Nautico. Ora ha cambiato nome.

Io rimango su meccanica, al 100%. Potrei valutare una laurea triennale aggiuntiva, in ing. navale o ing. chimica, per avere qualche possibilità in più ed arricchire il CV. Il trasferimento l'ho messo in conto appena uscito dalle superiori, perciò non ha nessun peso.La conoscenza della lingua inglese, secondo me, è essenziale per qualsiasi ingegneria. Ingegneria chimica, non l'ho mai calcolata, non per mancanza di interessamento, ma perché pensavo a navale e meccanica. Poi con una triennale quanto potrei guadagnare? Inoltre, fare una magistrale mentre si lavora, sarebbe un po' pericoloso se non si ha un contratto a tempo determinato. Tu che ne pensi?

Sei cocciuto eh :mrgreen:
Penso che dovresti prima pensare ai tuoi esami che da dare ne hai molti e questo è il periodo da studiare... Non si studia a marzo!
Solo con un triennale difficile a dirsi. Poche statistiche.

Autore:  teluigi [ domenica 30 giugno 2019, 19:14 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Lavoro

Ragazzi, buon pomeriggio a tutti. Sto andando avanti con gli studi, affrontando non poche difficolta (problemi familiari). Volevo chiedervi informazioni circa la produzione di energia, un ingegnere meccanico andrebbe bene, perché prendere una seconda magistrale sarebbe davvero una faticaccia.

Autore:  mentos [ lunedì 1 luglio 2019, 9:12 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Lavoro

Bravo, è la scelta giusta. Mai arrendersi.

Spiega meglio cosa intendi con produzione di energia, perchè il campo è molto vasto. Si va dalle rinnovabili all'oil&gas. Dalla progettazione di impianti alla loro gestione. Dalla consulenza al commerciale. etc.

Cmq, non è tanto il tipo di facoltà da cui uno proviene, quanto il percorso iniziato o che si ha in mente.

Autore:  teluigi [ lunedì 1 luglio 2019, 16:40 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Lavoro

Ciao. Ti ringrazio per la risposta e mi scuso per aver risposto solo ora, ma, in questo sono incasinatissimo.

Ti spiego come meglio posso. Vorrei lavorare per un'azienda che si occupa della produzione di energia, va bene sia costruzione di macchine per la produzione di energia, sia di manutenzione su di esse (preferisco la prima a dirla tutta :D ). Vorrei lavorare nel campo delle rinnovabili, per le oli&gas cosa ci sarebbe? Consulenza e commerciale non mi tira molto. So che non conta molto la facoltà, ma io vengo da una università di serie B per molti, perciò, credo che questo dato un peso lo abbia. Poi vorrei parlarti delle materie a scelta, sia quelle che devo affrontare, sia quelle che sto affrontando.

Autore:  mentos [ martedì 2 luglio 2019, 12:50 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Lavoro

La laurea in Ingegneria meccanica è sicuramente più spendibile di una energetica.

Non so se sei fuoricorso o quanti anni tu abbia, ma ti consiglio di iniziare la tua carriera all'estero per poi rientrare in Italia. Avrai molte più porte aperte e un potere contrattuale maggiore.

Cmq andrei a dare un'occhiata alle posizioni aperte che puoi trovare su Linkedin, Indeed, etc. e farmi un idea delle competenze che richiedono quei lavori che ti piacerebbe fare.

Pupi così fare la scelta delle materie da seguir in base a quello. Cmq se hai dei dubbi, chiedi pure.

Autore:  teluigi [ martedì 2 luglio 2019, 14:56 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Lavoro

mentos ha scritto:
La laurea in Ingegneria meccanica è sicuramente più spendibile di una energetica.

Non so se sei fuoricorso o quanti anni tu abbia, ma ti consiglio di iniziare la tua carriera all'estero per poi rientrare in Italia. Avrai molte più porte aperte e un potere contrattuale maggiore.

Cmq andrei a dare un'occhiata alle posizioni aperte che puoi trovare su Linkedin, Indeed, etc. e farmi un idea delle competenze che richiedono quei lavori che ti piacerebbe fare.

Pupi così fare la scelta delle materie da seguir in base a quello. Cmq se hai dei dubbi, chiedi pure.


Ho 22 anni, quest'anno entrerò al 3 anno della triennale, ma andrò fuoricorso per via dei miei problemi familiari.

Sto controllando i vari annunci, tranne su linkedin perchè si trova in fase di pulizia. Gli annunci sono un po' vaghi, dicono solo in cosa bisogna essere esperti, e per la scelta delle materie a scelta non ho ottenuto grandi informazioni. Sta di fatto che io la magistrale me la potrei permettere solo se lavorassi, la mia famiglia non si può permettere un fuori sede. Parliamo delle materie a scelta.
Nella triennale ho: TRATTAMENTO DEGLI EFFLUENTI NELL'INDUSTRIA DI PROCESSO e AFFIDABILITA' E SICUREZZA DELLE COSTRUZIONI MECCANICHE.
Nella magistrale :Sicurezza e Analisi del Rischio,Comportamento meccanico dei materiali,Materiali per l'accumulo di energia e Conversione di energia termica (ne devo scegliere 2).

Autore:  mentos [ mercoledì 3 luglio 2019, 12:18 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Lavoro

Siccome non è una scelta che devi fare ora, inizia a darci un occhio spesso ai vari lavori e le competenze richieste.
Per la magistrale, puoi farla tranquillamente dove sei ora, ma devi aver ben chiaro che dovrai probabilmente spostarti se vorrai trovare un buon lavoro. Non è più l'epoca di chi vuole trovare il lavoro sotto casa.

Per le materie invece torno a dirti che devi aver ben chiaro cosa vuoi fare e scegliere di conseguenza. Per esempio se intendi lavorare in progettazione, sarà più utile seguire "Comportamento meccanico dei materiali", se invece tendi ad un lavoro più gestionale, seguirei "Sicurezza e Analisi del Rischio"

Pagina 4 di 5 Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
https://www.phpbb.com/