IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è martedì 17 settembre 2019, 12:45

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 22 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Compenso neo laureato Ing. civile
MessaggioInviato: domenica 20 gennaio 2019, 16:23 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 10 ottobre 2016, 9:58
Messaggi: 810
pietro97 ha scritto:
731086 ha scritto:
Allora ti spiego :studi a Milano nel migliore ateneo sul territorio nazionale e uno dei migliori in Europa...stufi in una delle zone più ricche in Europa... Ovvio che ambientale insieme a civile ed edile all'interno di ingegneria è messa male però sei comunque laureato a Milano al politecnico. E credimi l'ateneo conta forse più del ramo di ingegneria. Nel senso che a Milano se non vai fuoricorso potresti valere più di un meccanico laureato a Perugia senza nulla togliere a Perugia...mi preoccuperei solo nel caso decidessi di andartene dalla Lombardia...
Vacci piano con l'estero che sottovaluti Milano...
Non sarà la Ruhr o Londra ma nemmeno troppo lontano. Se credi che a Monaco un immigrato guadagni più che a Milano per me ti sbagli. A meno che tu non sappia il tedesco


Ovvio che non voglio finire fuori corso ahah per carità, sono già partito con due anni di "ritardo".
Ma come fa ad essere la Lombardia una delle zone più ricche d'Europa.. scusa??? :shock:
L'estero lo preferirei in qualsiasi caso, non perché stia sottovalutando Milano (la considero, dal punto di vista del mio percorso accademico) una ENORME opportunità, sia chiaro.
Ma vorrei capire come giocare le mie carte, soprattutto per poter continuare gli studi non in Italia (pensavo ai paesi del Nord Europa,UK compreso..)

Milano è dopo Londra, monaco, la ruhr la zona più ricca in Europa...


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Compenso neo laureato Ing. civile
MessaggioInviato: domenica 20 gennaio 2019, 19:43 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 27 giugno 2014, 19:12
Messaggi: 233
731086 ha scritto:
pietro97 ha scritto:
731086 ha scritto:
Allora ti spiego :studi a Milano nel migliore ateneo sul territorio nazionale e uno dei migliori in Europa...stufi in una delle zone più ricche in Europa... Ovvio che ambientale insieme a civile ed edile all'interno di ingegneria è messa male però sei comunque laureato a Milano al politecnico. E credimi l'ateneo conta forse più del ramo di ingegneria. Nel senso che a Milano se non vai fuoricorso potresti valere più di un meccanico laureato a Perugia senza nulla togliere a Perugia...mi preoccuperei solo nel caso decidessi di andartene dalla Lombardia...
Vacci piano con l'estero che sottovaluti Milano...
Non sarà la Ruhr o Londra ma nemmeno troppo lontano. Se credi che a Monaco un immigrato guadagni più che a Milano per me ti sbagli. A meno che tu non sappia il tedesco


Ovvio che non voglio finire fuori corso ahah per carità, sono già partito con due anni di "ritardo".
Ma come fa ad essere la Lombardia una delle zone più ricche d'Europa.. scusa??? :shock:
L'estero lo preferirei in qualsiasi caso, non perché stia sottovalutando Milano (la considero, dal punto di vista del mio percorso accademico) una ENORME opportunità, sia chiaro.
Ma vorrei capire come giocare le mie carte, soprattutto per poter continuare gli studi non in Italia (pensavo ai paesi del Nord Europa,UK compreso..)

Milano è dopo Londra, monaco, la ruhr la zona più ricca in Europa...


Per dare un'idea, i "4 motori d'europa" sono Lombardia, Catalogna, Rodano-Alpi e Baden-Wurttemberg. Oppure c'è la cosiddetta "banana blu" che parte dalla Liguria e arriva in UK, toccando Svizzera, Germania sud-occidentale, Francia nord-orientale, Benelux.

Tutti bravi a sparlare dell'Italia ma almeno se si considera il Nord, non è certo inferiore a Grecia, Est Europa, Boemia, le stesse Spagna e Portogallo.
E pensate se fosse indipendente dal punto di vista energetico e non ci fosse corruzione....saremmo potenzialmente tra i primi 3-4.....

E tu pensa che nonostante questo, per i civili/ambientali è durissima comunque.....una volta si prendevano in giro gli aerospaziali perchè destinati a penare per far fruttare la loro laurea, oggi ci siamo noi al loro posto.


731086 ha scritto:
Nel senso che a Milano se non vai fuoricorso potresti valere più di un meccanico laureato a Perugia senza nulla togliere a Perugia...mi preoccuperei solo nel caso decidessi di andartene dalla Lombardia...

Su questo non condivido.....se all'azienda serve un meccanico lo va a prendere a Perugia, il civile/ambientale non lo considera proprio neanche se è un genio....e alle aziende italiane servono meccanici e gestionali, non altri..


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Compenso neo laureato Ing. civile
MessaggioInviato: domenica 20 gennaio 2019, 19:54 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 10 ottobre 2016, 9:58
Messaggi: 810
Su questo però non sono totalmente d'accordo...
C'è nel senso che nella mia azienda dove faccio lo stage ci sono ambientali e civili e sono pagati come gli altri. Certo erano bravi e sapevano bene l'inglese.
En*, sai*em, a2*, her*, ire*, ediso*, bas*... Questi non è che non assumono nemmeno un ambientale. Certo se vai a vedere chi ci è entrato nessuno si è laureato con meno di 105 e ci ha messo più di 7 anni con inglese ottimo...
È il discorso che facevo prima... Tra 100 ambientali si piazzano in 15/20.gli altri annaspano o sono a spasso. Così come questo discorso vale anche per biologi, psicologi...
Magari a meccanica ne escono 100 e quei 100 tutti trovano un buon lavoro.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Compenso neo laureato Ing. civile
MessaggioInviato: domenica 20 gennaio 2019, 20:01 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 27 giugno 2014, 19:12
Messaggi: 233
731086 ha scritto:
En*, sai*em, a2*, her*, ire*, ediso*, bas*... Questi non è che non assumono nemmeno un ambientale.


Di queste le prime due teoricamente sono votate all'ambito civile/ambientale ma ormai, se vai a vedere le offerte di lavoro che pubblicano, spesso allargano la ricerca anche ai meccanici (anche per fare ad esempio gli ingegneri di cantiere, classico lavoro che una volta faceva solo il civile), per non parlare di tutta la miriade di offerte che hanno per i gestionali.


731086 ha scritto:
È il discorso che facevo prima... Tra 100 ambientali si piazzano in 15/20.gli altri annaspano o sono a spasso. Così come questo discorso vale anche per biologi, psicologi...


E ti sembra un buon risultato? :lol: Per me è un fallimento.....fare tante fatiche per sperare di essere tra quei 15 o 20 su 100....? :arg: :arg:
Bisogna essere concreti a mio modo di vedere.....dei meccanici, su 100, 100 trovano un buon lavoro? Allora meglio fare quello....


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Compenso neo laureato Ing. civile
MessaggioInviato: domenica 20 gennaio 2019, 20:33 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 10 ottobre 2016, 9:58
Messaggi: 810
mighty ha scritto:
731086 ha scritto:
En*, sai*em, a2*, her*, ire*, ediso*, bas*... Questi non è che non assumono nemmeno un ambientale.


Di queste le prime due teoricamente sono votate all'ambito civile/ambientale ma ormai, se vai a vedere le offerte di lavoro che pubblicano, spesso allargano la ricerca anche ai meccanici (anche per fare ad esempio gli ingegneri di cantiere, classico lavoro che una volta faceva solo il civile), per non parlare di tutta la miriade di offerte che hanno per i gestionali.


731086 ha scritto:
È il discorso che facevo prima... Tra 100 ambientali si piazzano in 15/20.gli altri annaspano o sono a spasso. Così come questo discorso vale anche per biologi, psicologi...


E ti sembra un buon risultato? :lol: Per me è un fallimento.....fare tante fatiche per sperare di essere tra quei 15 o 20 su 100....? :arg: :arg:
Bisogna essere concreti a mio modo di vedere.....dei meccanici, su 100, 100 trovano un buon lavoro? Allora meglio fare quello....

eh lo so...
però io sono anche il primo a dire che per il mio background(estremamente scarso col pc e in fisica2 nonchè elettrotecnica) avrei fatto esttrema fatica a laurearmi.certamente non con il massimo e sicuramente non in corso ma almeno 2 anni fuori corso rispetto a ora che sono in corso.
Quindi avrei dovuto fare una cosa per la quale non sono portato in più tempo . ora è vero che un meccanico laureato in 7 anni con voto più basso trova comunque di più ma è anche vero che comunque ti precludi anche le aziende più grosse eh. nel senso che sarà pur difficile ma negli enti pubblici o in en+ fai 36-37 ore. nei contratti gas-acqua fai 38 ore.
nel metalmeccanico un meccanico almeno ne fa 40 e i ritmi sono serrati.
uno deve fare anche quello per cui è portato,il presidente della scuola di ingegneria il primo giorno ci fece un esempio...mio figlio ha scelto filosofia...a 26 anni ha conseguito un dottorato in germania e ora ha un contratto stabile...della serie che se si è relamente portati alla fine si emrge anche in settori sfavorevoli.
se uno sceglie ingegneria civile-ambientale tanto per scegliere e non si impegna al 100% allora è carta straccia ma uno che sa l'inglese ,si mette in gioco,fa stage, va bene e finisce in corso in un ateneo serio comunque è meglio che niente.
anche perchè quanti sono laureati in ingegneria in un università buona, in tempi minori a 7 anni totali,hanno fatto stage e sanno bene l'inglese?
pochi alla fine. perchè già che sanno bene l'inglese ad un livello almeno b2 sono meno della metà,garantito. chi si è laureato in tempi ragionevoli è un altra metà. chi ha fatto lo stage è un altra metà.
chi si è laureato in ateneo serio è altra metà...alla fine chi è veramente preparato al lavoro è il 20% .
da me il tirocinio lo fa il 20% in azienda. a meccanica il 70%.
da me l'inglese non è studiato a meccanica molti fanno dei corsi
a meccanica ci si laurea nei tempi a civil e e ambientale no...
c'è alla fine è anche un problema di studenti secondo me. quelli del ramo inustriale sono più orientati all'obiettivo e al lavoro rispetto agli altri.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Compenso neo laureato Ing. civile
MessaggioInviato: lunedì 21 gennaio 2019, 12:42 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 4 aprile 2012, 14:15
Messaggi: 1561
mighty ha scritto:
]
Su questo non condivido.....se all'azienda serve un meccanico lo va a prendere a Perugia, il civile/ambientale non lo considera proprio neanche se è un genio....e alle aziende italiane servono meccanici e gestionali, non altri..

non sono tanto d'accordo...se in Lombardia serve unambientale lo prendono dal politecnico di Milano.Punto.
Quelli di altri atenei manco li guardano.
E in generale, si fa fatica a prendere laureati in zone distanti dalla sede dell'azienda.Non so perchè ma è così.
Solo le grandi multinazionali ci fanno meno caso, ma le aziende medio-grandi (il 99/ in Italia) ci guardano eccome.
Quindi, se si vuoel lavorare a Milano, tanto vale studiare direttamente lì e viceversa.
Se si vuole rimanere vicino casa,non ha senso investire soldi studiando in atenei prestigiosi, il valore aggiunto non è comparabile al sacrifico fatto.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Compenso neo laureato Ing. civile
MessaggioInviato: lunedì 21 gennaio 2019, 20:27 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 27 giugno 2014, 19:12
Messaggi: 233
tippgirl ha scritto:
mighty ha scritto:
]
Su questo non condivido.....se all'azienda serve un meccanico lo va a prendere a Perugia, il civile/ambientale non lo considera proprio neanche se è un genio....e alle aziende italiane servono meccanici e gestionali, non altri..

non sono tanto d'accordo...se in Lombardia serve unambientale lo prendono dal politecnico di Milano.Punto.
Quelli di altri atenei manco li guardano.
E in generale, si fa fatica a prendere laureati in zone distanti dalla sede dell'azienda.Non so perchè ma è così.
Solo le grandi multinazionali ci fanno meno caso, ma le aziende medio-grandi (il 99/ in Italia) ci guardano eccome.
Quindi, se si vuoel lavorare a Milano, tanto vale studiare direttamente lì e viceversa.
Se si vuole rimanere vicino casa,non ha senso investire soldi studiando in atenei prestigiosi, il valore aggiunto non è comparabile al sacrifico fatto.


Ciao tippgirl, guarda forse hai frainteso, il mio discorso non era questo....io ho detto che se un'azienda di Milano cerca un meccanico, piuttosto lo va a prendere a Perugia, non prende l'ambientale di Milano perchè "è lì vicino, fa niente che non è meccanico".
Si parlava della spendibilità dei titoli, poi sul fatto delle distanze è vero che le aziende guardano abbastanza la provenienza (mentre invece ai candidati viene richiesto di essere flessibili, le aziende non lo sono mica tanto :mrgreen: )

Collegandomi al primo discorso, io stesso ho fatto colloqui dove gli ingegneri meccanici erano la prima scelta, io magari abitavo a 10 minuti dall'azienda ma mi scartavano perchè ero civile, andavano a prendere il meccanico che veniva da 50 km.....ho notato che alcuni recruiter, se vedono che sei sveglio e con un buon profilo, il colloquio tendono a fartelo fare, ma l'azienda spesso non ne vuole sapere di prendere figure diverse da quelle che cerca, per loro se non hai la laurea X o l'esperienza in Y sei fuori


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Compenso neo laureato Ing. civile
MessaggioInviato: lunedì 21 gennaio 2019, 22:20 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 10 ottobre 2016, 9:58
Messaggi: 810
mighty ha scritto:
tippgirl ha scritto:
mighty ha scritto:
]
Su questo non condivido.....se all'azienda serve un meccanico lo va a prendere a Perugia, il civile/ambientale non lo considera proprio neanche se è un genio....e alle aziende italiane servono meccanici e gestionali, non altri..

non sono tanto d'accordo...se in Lombardia serve unambientale lo prendono dal politecnico di Milano.Punto.
Quelli di altri atenei manco li guardano.
E in generale, si fa fatica a prendere laureati in zone distanti dalla sede dell'azienda.Non so perchè ma è così.
Solo le grandi multinazionali ci fanno meno caso, ma le aziende medio-grandi (il 99/ in Italia) ci guardano eccome.
Quindi, se si vuoel lavorare a Milano, tanto vale studiare direttamente lì e viceversa.
Se si vuole rimanere vicino casa,non ha senso investire soldi studiando in atenei prestigiosi, il valore aggiunto non è comparabile al sacrifico fatto.


Ciao tippgirl, guarda forse hai frainteso, il mio discorso non era questo....io ho detto che se un'azienda di Milano cerca un meccanico, piuttosto lo va a prendere a Perugia, non prende l'ambientale di Milano perchè "è lì vicino, fa niente che non è meccanico".
Si parlava della spendibilità dei titoli, poi sul fatto delle distanze è vero che le aziende guardano abbastanza la provenienza (mentre invece ai candidati viene richiesto di essere flessibili, le aziende non lo sono mica tanto :mrgreen: )

Collegandomi al primo discorso, io stesso ho fatto colloqui dove gli ingegneri meccanici erano la prima scelta, io magari abitavo a 10 minuti dall'azienda ma mi scartavano perchè ero civile, andavano a prendere il meccanico che veniva da 50 km.....ho notato che alcuni recruiter, se vedono che sei sveglio e con un buon profilo, il colloquio tendono a fartelo fare, ma l'azienda spesso non ne vuole sapere di prendere figure diverse da quelle che cerca, per loro se non hai la laurea X o l'esperienza in Y sei fuori

Le aziende grosse si. Ma un azienda sotto i 200 dipendenti piuttosto prende un perito non va a prendere uno che magari dopo un anno va via perché non gli conviene pagare l'affitto...
I fuorisede che vengono da lontano e vanno nelle piccole aziende hanno problemi:
1.perche le pmi vogliono gente stabile
2. Perché sanno che un Ingegnere che viene da fuori sopratutto se meccanico appena si fa un po' di esperienza torna a casa
3. Perché non lo puoi pagare due lire, non appena questo trova una posizione vicino casa se ne ritorna a casa.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Compenso neo laureato Ing. civile
MessaggioInviato: lunedì 21 gennaio 2019, 22:22 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 10 ottobre 2016, 9:58
Messaggi: 810
Esempio di una ditta di 50 dipendenti dove mi avevano preso...
Cercavano un meccanico che dalle mie parti vanno a ruba per fare disegnatore e hse...
Non lo hanno trovato e avevano preso me triennale in ambiente e territorio.
Io poi ho rifiutato e so che dopo di me hanno preso un edile triennale...
Dipende
Ovvio che un azienda media e grande cerca posizioni precise.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Compenso neo laureato Ing. civile
MessaggioInviato: martedì 22 gennaio 2019, 16:57 
Non connesso

Iscritto il: sabato 31 dicembre 2011, 16:05
Messaggi: 950
Come sempre si scrivono cose un po' troppo assolutiste, sembra che un perito o un ambientale siano sostituti perfetti di un ingegnere meccanico... Non è così. Dipende cosa richiede il ruolo. Alcuni ruoli sono flessibili e il requisito magari è "preferenziale", ma per altri ruoli sei disposto a prendere anche da 1000km se vicino ti arrivano solo profili non adatti.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 22 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010