IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è sabato 16 novembre 2019, 1:08

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 82 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 ... 9  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Stipendi Ingegneri in "Itaglia"
MessaggioInviato: martedì 15 gennaio 2019, 18:47 
Non connesso

Iscritto il: domenica 13 gennaio 2019, 18:57
Messaggi: 19
tippgirl ha scritto:
uptheirons86 ha scritto:
tippgirl ha scritto:
[quote="uptheirons86"l fantastico job italian world .

e comunque si dovrebbe dire Italian world job...


Giusto, però forse un manager italiota di oggi grazie a questo errore mi darebbe subito un posto di lavoro con retribuzione >2K

:mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
2k annui o mensili :wink:[/quote]

considerando il livello e le competenze dei miei ex colleghi in azienda direi mensili, assolutamente.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Stipendi Ingegneri in "Itaglia"
MessaggioInviato: martedì 15 gennaio 2019, 19:46 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 10 ottobre 2016, 9:58
Messaggi: 810
Lo studio è una cosa e il lavoro è un altro.sto facendo uno stage e me ne rendo sempre più conto...
Il titolo di studio serve solo a discriminare tra chi ha i soldi, la voglia e la speranza di fare carriera e chi invece punta a rimanere lì... Con la differenza che però ormai anche il 70% dei laureati rimane li o neanche ci rimane perché troppo intellettuale.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Stipendi Ingegneri in "Itaglia"
MessaggioInviato: martedì 15 gennaio 2019, 20:55 
Non connesso

Iscritto il: domenica 13 gennaio 2019, 18:57
Messaggi: 19
731086 ha scritto:
Lo studio è una cosa e il lavoro è un altro.sto facendo uno stage e me ne rendo sempre più conto...
Il titolo di studio serve solo a discriminare tra chi ha i soldi, la voglia e la speranza di fare carriera e chi invece punta a rimanere lì... Con la differenza che però ormai anche il 70% dei laureati rimane li o neanche ci rimane perché troppo intellettuale.


lo studio serve per preparare al lavoro e sarebbe (uso il condizionale perchè siamo in Itaglia) propedeutico all'ingresso nel mondo del lavoro. Il laureato ha studiato ed ha competenze acquisite negli anni, il diplomato invece (ovvero un buon 98% dei manager aziendali dei giorni nostri), poichè non ha mai avuto voglia di studiare visto che un diploma è il livello 0 della formazione professionale (in una scala da 1 a 10), l'unica cosa che può avere sono le esperienze formative in discoteca oppure la nullafacenza applicata. E non mi venite a dire che chi non ha una laurea può benissimo auto-skillarsi da se perchè se me lo dite mi faccio grosse risate. Figuriamoci se uno che non ha mai avuto voglia di studiare non si iscrive all'università e si dedica ad acquisire certificazioni o a fare free lancing. Forse può succedere nell'isola che non c'è :lol:


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Stipendi Ingegneri in "Itaglia"
MessaggioInviato: martedì 15 gennaio 2019, 21:36 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 27 giugno 2014, 19:12
Messaggi: 236
uptheirons86 ha scritto:
731086 ha scritto:
Lo studio è una cosa e il lavoro è un altro.sto facendo uno stage e me ne rendo sempre più conto...
Il titolo di studio serve solo a discriminare tra chi ha i soldi, la voglia e la speranza di fare carriera e chi invece punta a rimanere lì... Con la differenza che però ormai anche il 70% dei laureati rimane li o neanche ci rimane perché troppo intellettuale.


lo studio serve per preparare al lavoro e sarebbe (uso il condizionale perchè siamo in Itaglia) propedeutico all'ingresso nel mondo del lavoro. Il laureato ha studiato ed ha competenze acquisite negli anni, il diplomato invece (ovvero un buon 98% dei manager aziendali dei giorni nostri), poichè non ha mai avuto voglia di studiare visto che un diploma è il livello 0 della formazione professionale (in una scala da 1 a 10), l'unica cosa che può avere sono le esperienze formative in discoteca oppure la nullafacenza applicata. E non mi venite a dire che chi non ha una laurea può benissimo auto-skillarsi da se perchè se me lo dite mi faccio grosse risate. Figuriamoci se uno che non ha mai avuto voglia di studiare non si iscrive all'università e si dedica ad acquisire certificazioni o a fare free lancing. Forse può succedere nell'isola che non c'è :lol:


Come già detto da tippgirl, non puoi fare di tutta l'erba un fascio. Un diplomato può essere più che sufficiente a ricoprire determinate mansioni; caso mai dobbiamo chiederci perchè l'Italia continui a sfornare laureati quando per molti lavori non serve assolutamente la laurea.

Ti faccio poi un esempio di un mio compagno ai tempi dell'istituto per geometri: è rimasto diplomato ma si è fatto un mazzo, negli anni, per imparare software, prendere certificazioni, si è studiato norme e leggi anche straniere, insomma non sta mai con le mani in mano, eppure non è laureato, probabilmente dove lavori tu hai esempi "negativi" da questo punto di vista ma non è la regola, può essere la maggioranza magari, ma non la regola.
Infatti a volte ci prendiamo in giro perchè io dico che lui ha fatto bene a non laurearsi :lol:


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Stipendi Ingegneri in "Itaglia"
MessaggioInviato: martedì 15 gennaio 2019, 21:44 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 10 ottobre 2016, 9:58
Messaggi: 810
mighty ha scritto:
uptheirons86 ha scritto:
731086 ha scritto:
Lo studio è una cosa e il lavoro è un altro.sto facendo uno stage e me ne rendo sempre più conto...
Il titolo di studio serve solo a discriminare tra chi ha i soldi, la voglia e la speranza di fare carriera e chi invece punta a rimanere lì... Con la differenza che però ormai anche il 70% dei laureati rimane li o neanche ci rimane perché troppo intellettuale.


lo studio serve per preparare al lavoro e sarebbe (uso il condizionale perchè siamo in Itaglia) propedeutico all'ingresso nel mondo del lavoro. Il laureato ha studiato ed ha competenze acquisite negli anni, il diplomato invece (ovvero un buon 98% dei manager aziendali dei giorni nostri), poichè non ha mai avuto voglia di studiare visto che un diploma è il livello 0 della formazione professionale (in una scala da 1 a 10), l'unica cosa che può avere sono le esperienze formative in discoteca oppure la nullafacenza applicata. E non mi venite a dire che chi non ha una laurea può benissimo auto-skillarsi da se perchè se me lo dite mi faccio grosse risate. Figuriamoci se uno che non ha mai avuto voglia di studiare non si iscrive all'università e si dedica ad acquisire certificazioni o a fare free lancing. Forse può succedere nell'isola che non c'è :lol:


Come già detto da tippgirl, non puoi fare di tutta l'erba un fascio. Un diplomato può essere più che sufficiente a ricoprire determinate mansioni; caso mai dobbiamo chiederci perchè l'Italia continui a sfornare laureati quando per molti lavori non serve assolutamente la laurea.

Ti faccio poi un esempio di un mio compagno ai tempi dell'istituto per geometri: è rimasto diplomato ma si è fatto un mazzo, negli anni, per imparare software, prendere certificazioni, si è studiato norme e leggi anche straniere, insomma non sta mai con le mani in mano, eppure non è laureato, probabilmente dove lavori tu hai esempi "negativi" da questo punto di vista ma non è la regola, può essere la maggioranza magari, ma non la regola.
Infatti a volte ci prendiamo in giro perchè io dico che lui ha fatto bene a non laurearsi :lol:

Esatto il mercato non li richiede... Per fare hse non serve un ingegnere ambientale, per fare il buyer non serve una laurea in gestionale, per fare il disegnatore non serve essere ing. Meccanici, per fare un software non serve essere ing. Informatici, per fare un computo metrico non serve essere ing. Civili...
Solo il 20/30% dei lavori che fanno i laureati sono da laureati. E si questi penso che la gente usi comunque un decimo delle conoscenze apprese durante tutto il percorso di laurea...


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Stipendi Ingegneri in "Itaglia"
MessaggioInviato: martedì 15 gennaio 2019, 21:50 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 10 ottobre 2016, 9:58
Messaggi: 810
È come dire che uno scrittore non può essere bravo perché non sa l'analisi logica o tradurre in latino... Ecco dire che una persona è più scarsa solo perché non sa fare analisi 2 è altrettanto sbagliato...
Fare analisi 2 è una prova non una cosa che ti serve...
Stessa cosa per tutti gli ambiti...
Ci sono certe dottoresse che fanno pena laureate nei tempi contro degli ottimi specialisti senza lode però più svegli...
Ecco nel lavoro secondo me conta più essere svegli e multitasking che nello studio.
Studiare alla fine non è difficile, i concetti ti sono alla fine sempre forniti.
Sul lavoro spesso sei te che devi trovare la soluzione e non vieni imboccato.
E ci sono sempre task da risolvere nello stesso tempo per le quali bisogna portare avanti assieme il lavoro... Un genietto con lode potrebbe non essere capace perché abituato a studiare una cosa per volta. E non abituato a confrontarsi con gli altri.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Stipendi Ingegneri in "Itaglia"
MessaggioInviato: martedì 15 gennaio 2019, 23:24 
Non connesso

Iscritto il: domenica 13 gennaio 2019, 18:57
Messaggi: 19
731086 ha scritto:
È come dire che uno scrittore non può essere bravo perché non sa l'analisi logica o tradurre in latino... Ecco dire che una persona è più scarsa solo perché non sa fare analisi 2 è altrettanto sbagliato...
Fare analisi 2 è una prova non una cosa che ti serve...
Stessa cosa per tutti gli ambiti...
Ci sono certe dottoresse che fanno pena laureate nei tempi contro degli ottimi specialisti senza lode però più svegli...
Ecco nel lavoro secondo me conta più essere svegli e multitasking che nello studio.
Studiare alla fine non è difficile, i concetti ti sono alla fine sempre forniti.
Sul lavoro spesso sei te che devi trovare la soluzione e non vieni imboccato.
E ci sono sempre task da risolvere nello stesso tempo per le quali bisogna portare avanti assieme il lavoro... Un genietto con lode potrebbe non essere capace perché abituato a studiare una cosa per volta. E non abituato a confrontarsi con gli altri.


aridaje con sto "analisi 2 e analisi 3", ingegneria NON E' "analisi 2 o analisi 3" ingegneria sono 36 esami alla triennale ed altri 14 alla magistrale ! 50 esami ! per esempio in ambito informatico, sono almeno 50 esami tra matematica/fisica/elettronica/informatica/lingue di cui un buon 70% prevedono un progetto. Non analisi 2 e analisi 3 come pensi tu. La differenza tra un laureato e un diplomato in termini di cultura e preparazione è ABISSALE. E parlo di casi medi, poi è ovvio che esistono gli outlayers. Testato personalmente quando facevo il docente di elettronica e avevo a che fare con gente di 30/40/50 anni che veniva a fare l'esame da esterno.

"Studiare alla fine non è difficile" . Non commentabile
"Sul lavoro spesso sei te che devi trovare la soluzione e non vieni imboccato". All'università vieni imboccato? Hai mai fatto l'università? Il prof. non se ne sbatte una cippa di te, se fai un compito da 30 è 30 (forse) se fai un compito ridicolo è 0.
"Un genietto con lode potrebbe non essere capace perché abituato a studiare una cosa per volta. E non abituato a confrontarsi con gli altri". Il coefficente di autocorrelazione tra voto di laurea e numero di task simultanei che una persona è in grado di affrontare è sottozero. Non capisco la tua fantasiosa deduzione.

Il problem solving e la predisposizione al lavoro di gruppo sono le solite putt...ate di default che tutte le aziende richiedono al candidato, ben sapendo loro che sono qualità scontate e comuni a tutti, tranne che a pochi casi umani. Infatti dopo il primo colloquio conoscitivo, dal colloquio tecnico in poi non ti chiedono che grado di problem solving hai, ma se conosci Tizio oppure se sei parente di Caio (e nemmeno si sforzano di non darla a vedere questa cosa) dopo aver verificato le tue skills. Almeno in Itaglia. E' normale che nell'annuncio di lavoro, non potendo scrivere "il candidato deve essere amico/conoscente di Tizio/Caio con qualsiasi grado di istruzione dalla seconda elementare in poi" ti scrivono "Il candidato deve essere propenso al problem solving e predisposto al lavoro di gruppo e deve avere preferibilmente una laurea". Tutti la stessa stron...ata scrivono


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Stipendi Ingegneri in "Itaglia"
MessaggioInviato: martedì 15 gennaio 2019, 23:48 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 10 ottobre 2016, 9:58
Messaggi: 810
uptheirons86 ha scritto:
731086 ha scritto:
È come dire che uno scrittore non può essere bravo perché non sa l'analisi logica o tradurre in latino... Ecco dire che una persona è più scarsa solo perché non sa fare analisi 2 è altrettanto sbagliato...
Fare analisi 2 è una prova non una cosa che ti serve...
Stessa cosa per tutti gli ambiti...
Ci sono certe dottoresse che fanno pena laureate nei tempi contro degli ottimi specialisti senza lode però più svegli...
Ecco nel lavoro secondo me conta più essere svegli e multitasking che nello studio.
Studiare alla fine non è difficile, i concetti ti sono alla fine sempre forniti.
Sul lavoro spesso sei te che devi trovare la soluzione e non vieni imboccato.
E ci sono sempre task da risolvere nello stesso tempo per le quali bisogna portare avanti assieme il lavoro... Un genietto con lode potrebbe non essere capace perché abituato a studiare una cosa per volta. E non abituato a confrontarsi con gli altri.


aridaje con sto "analisi 2 e analisi 3", ingegneria NON E' "analisi 2 o analisi 3" ingegneria sono 36 esami alla triennale ed altri 14 alla magistrale ! 50 esami ! per esempio in ambito informatico, sono almeno 50 esami tra matematica/fisica/elettronica/informatica/lingue di cui un buon 70% prevedono un progetto. Non analisi 2 e analisi 3 come pensi tu. La differenza tra un laureato e un diplomato in termini di cultura e preparazione è ABISSALE. E parlo di casi medi, poi è ovvio che esistono gli outlayers. Testato personalmente quando facevo il docente di elettronica e avevo a che fare con gente di 30/40/50 anni che veniva a fare l'esame da esterno.

"Studiare alla fine non è difficile" . Non commentabile
"Sul lavoro spesso sei te che devi trovare la soluzione e non vieni imboccato". All'università vieni imboccato? Hai mai fatto l'università? Il prof. non se ne sbatte una cippa di te, se fai un compito da 30 è 30 (forse) se fai un compito ridicolo è 0.
"Un genietto con lode potrebbe non essere capace perché abituato a studiare una cosa per volta. E non abituato a confrontarsi con gli altri". Il coefficente di autocorrelazione tra voto di laurea e numero di task simultanei che una persona è in grado di affrontare è sottozero. Non capisco la tua fantasiosa deduzione.

Il problem solving e la predisposizione al lavoro di gruppo sono le solite putt...ate di default che tutte le aziende richiedono al candidato, ben sapendo loro che sono qualità scontate e comuni a tutti, tranne che a pochi casi umani. Infatti dopo il primo colloquio conoscitivo, dal colloquio tecnico in poi non ti chiedono che grado di problem solving hai, ma se conosci Tizio oppure se sei parente di Caio (e nemmeno si sforzano di non darla a vedere questa cosa) dopo aver verificato le tue skills. Almeno in Itaglia. E' normale che nell'annuncio di lavoro, non potendo scrivere "il candidato deve essere amico/conoscente di Tizio/Caio con qualsiasi grado di istruzione dalla seconda elementare in poi" ti scrivono "Il candidato deve essere propenso al problem solving e predisposto al lavoro di gruppo e deve avere preferibilmente una laurea". Tutti la stessa stron...ata scrivono

All'estero non ti stendono piu il tappeto rosso con una laurea... Il 40% è laureato ed è laureato nei tempi volente o nolente.
Forse un phd all'esteltti garantisce buone posizioni ma con la sola laurea devi valere. Perchè comunque sarai sempre visto come un emigrato a maggior ragione se vai in zone dove non conosci la lingua del posto... In Danimarca nella maggior parte delle aziende se sai solo l'inglese o fai ricerca sei ok oppure ci rimani poco


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Stipendi Ingegneri in "Itaglia"
MessaggioInviato: martedì 15 gennaio 2019, 23:51 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 10 ottobre 2016, 9:58
Messaggi: 810
In ogni caso avessi un phd andrei dritto dritto all'estero dove è valorizzato molto.
Ma deve essere in un campo utile... Non quelle cose tipiche italiane fine a se stesse dove se va bene si lavora o studia 15 ore a settimana...poi i dottorandi e gli assegnistj si lamentano che vengono pagati 1100 euro al mese. Per quello che fanno sono anche troppi.
Già che ci entra gente laureata in 8/9 anni fa capire il livello...


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Stipendi Ingegneri in "Itaglia"
MessaggioInviato: mercoledì 16 gennaio 2019, 10:48 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 4 aprile 2012, 14:15
Messaggi: 1572
Innanzitutto non è vero che tutti i manager 50enni sono solo diplomati.
Io ne vedo tanti laureati.Certo, a 40 anni ricoprivano già quelle posizioni, io a 40 anni mi trovo relegata a semplice impiegata, ma i tempi sono cambiati e il mercato ora è diverso.
Secondo, non è che tutti i bravi diplomati vogliano continuare a studiare.
Io ho colleghi diplomati con 60/60 in ragioneria o all'itis che , avendo trovato lavoro negli anni '90 appena dopo il diploma hanno deciso di lavorare.
Avevano sicuramente tutte le carte in regola per fare l'università ma hanno deciso di lavorare subito.
Non hanno nulla meno di me, se non che io, perchè ho fatto altri studi alle superiori, e perchè sono andata all'estero , ho migliori competenze linguistiche, sia in inglese che in italiano.
Ma questo, nel mio attaule lavoro conta poco.
Considera che io sono ingegnere ambientale e, nll'azienda per cui lavoro, hanno stessa mia mansione :un diplomato di 50 anni, un laureato di 50 anni, un geologo di 45, un ing.ambientale di 30, un ing. meccanico di 43 , un ing. chimico di 35.
Tutti le stesse mansioni in aziende diverse dello stesso gruppo.
Se un inegnere meccanico svolge le stese mansioni di un geologo, è ovvio che la formazioen universitaria NON SERVE ANULLA ai fini di questo specifico lavor.Visto che, da quei due corsi di laurea escono due figure professionali che NON HANNO NIENTE IN comune.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 82 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 ... 9  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010