IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è sabato 24 agosto 2019, 4:32

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 19 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: CRISI TOTALE
MessaggioInviato: martedì 29 gennaio 2019, 18:22 
Non connesso

Iscritto il: sabato 19 gennaio 2019, 23:08
Messaggi: 4
tippgirl ha scritto:
elvy95 ha scritto:
Sì, ma se ad una persona persona, l'economia aziendale fa schifo, che possiamo farci? Gestionale è facile e ricercata ma non fa per me. Ma poi, davvero non esistono persone che lavorano con la triennale (magari facendo allo stesso tempo la magistrale? Io tanto sono quasi sicura di espatriare, in Germania l'età non conta.; ma sarebbe bello sapere che nel mio paese anche i laureati ritardatari hanno una possibilità.

In Italia, sei considerto giovano fino ai 30-35 anni (nel snso che io ho visto assegnare tirocini formativi/stage anche a gente di 36 anni !!!!) poi magicamente a 50 anni diventi inservibile ;-)
Scherzi aparte, noi ti diciamo un pochino le cose come stanno, ma non è che ti sia totlmente precluso il lavoro.Anzi!!
Solo,non aspettarti che una laurea ti apra chissà che porte perchè,purtroppo,al momento non è così.
E non per la questione età.
le possibilità di lavoro sono scarse in generale, non solo per i "ritardatari".
Però, a 24 anni dovresti avere un progetto in mente.Non studiare "per trovare un lavoro" ma sapere già un pochino dove indirizzarti..già durante gli studi creati contatti, guardati intorno.
hai comunque 5 anni più di un diplomando, sai già un pochino come gira il mondo, o no??



Scusate il ritardo. Certo che so come gira il mondo. La confusione che mi rimane sta nello scegliere l'indirizzo giusto, volendo comunque sbrigarmi ed avere più opportunità possibili, sia qui che all'estero, casomai decidessi di espatriare. Lo so che la situazione è brutta per tutti, ma ingegneria e medicina sono le uniche che ti danno qualcosa. Tutte le altre lauree sono un caso perso. Il dubbio è tra gestionale (che non credo rispecchi il mio carattere, ma mi attrae tanto per via della relativa facilità e richiesta), meccanica (dovrebbe aprire anche strade da gestionale ed è più tecnica) ed elettronica. Volevo fare elettronica, perché meno inflazionata di informatica, ma mi è stato detto che in Italia l'industria non è buona ed hai sempre bisogno di una magistrale. Io credevo si potesse già iniziare a lavorare con la triennale, e studiare per la magistrale part-time. Voglio cercare di fare esperienza e crearmi un'indipendenza il prima possibile. Quale è la strada più pratica?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: CRISI TOTALE
MessaggioInviato: martedì 29 gennaio 2019, 18:53 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 4 aprile 2012, 14:15
Messaggi: 1558
elvy95 ha scritto:
tippgirl ha scritto:
elvy95 ha scritto:
Sì, ma se ad una persona persona, l'economia aziendale fa schifo, che possiamo farci? Gestionale è facile e ricercata ma non fa per me. Ma poi, davvero non esistono persone che lavorano con la triennale (magari facendo allo stesso tempo la magistrale? Io tanto sono quasi sicura di espatriare, in Germania l'età non conta.; ma sarebbe bello sapere che nel mio paese anche i laureati ritardatari hanno una possibilità.

In Italia, sei considerto giovano fino ai 30-35 anni (nel snso che io ho visto assegnare tirocini formativi/stage anche a gente di 36 anni !!!!) poi magicamente a 50 anni diventi inservibile ;-)
Scherzi aparte, noi ti diciamo un pochino le cose come stanno, ma non è che ti sia totlmente precluso il lavoro.Anzi!!
Solo,non aspettarti che una laurea ti apra chissà che porte perchè,purtroppo,al momento non è così.
E non per la questione età.
le possibilità di lavoro sono scarse in generale, non solo per i "ritardatari".
Però, a 24 anni dovresti avere un progetto in mente.Non studiare "per trovare un lavoro" ma sapere già un pochino dove indirizzarti..già durante gli studi creati contatti, guardati intorno.
hai comunque 5 anni più di un diplomando, sai già un pochino come gira il mondo, o no??



Scusate il ritardo. Certo che so come gira il mondo. La confusione che mi rimane sta nello scegliere l'indirizzo giusto, volendo comunque sbrigarmi ed avere più opportunità possibili, sia qui che all'estero, casomai decidessi di espatriare. Lo so che la situazione è brutta per tutti, ma ingegneria e medicina sono le uniche che ti danno qualcosa. Tutte le altre lauree sono un caso perso. Il dubbio è tra gestionale (che non credo rispecchi il mio carattere, ma mi attrae tanto per via della relativa facilità e richiesta), meccanica (dovrebbe aprire anche strade da gestionale ed è più tecnica) ed elettronica. Volevo fare elettronica, perché meno inflazionata di informatica, ma mi è stato detto che in Italia l'industria non è buona ed hai sempre bisogno di una magistrale. Io credevo si potesse già iniziare a lavorare con la triennale, e studiare per la magistrale part-time. Voglio cercare di fare esperienza e crearmi un'indipendenza il prima possibile. Quale è la strada più pratica?

Ovviamente puoi cercare lavoro con la triennale.
Bisogna vedere se e cosa trovi.
Non pensare però che sia immediato inserirsi.
Poi, se trovi lavoro che ti gratifica, la magistrale puoi anche non prenderla. Cosniedra ceh, normalmente i contratti dono da 40 ore settimanali, quindi dovresti studiare dal lunedì al venerdì solo dopo le 18:00 e non sarà così facile finisre al magistrale lavorando.
Prendi intanto una triennale e poi vedi che succede.
Scuas se te lo dico ma sei una donna, il mondo industriale è molto "maschilista" e tanti ruoli tecnici ad una ragazza sono preclusi. Perciò , ecco io meccanica te la sconsiglierei. Ma è una mia visione, perciò prendi il mio parere con le "pinze".
In bocac al lupo!!!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: CRISI TOTALE
MessaggioInviato: mercoledì 30 gennaio 2019, 12:15 
Non connesso

Iscritto il: sabato 31 dicembre 2011, 16:05
Messaggi: 946
In un mercato sano molti luoghi comuni che senti sono semplicemente falsi. Personalmente non conosco nessuno, uomo o donna, giovane o meno giovane, 110 o 90, che con una laurea nel settore elettronico o informatico non abbia un buon lavoro. Io mi riferisco in particolare al nord italia e all'area lombarda, se sei in Sicilia la questione cambia radicalmente.

Questa storia delle "lauree inflazionate" poi è ridicola. Informatica è inflazionata perchè c'è molto lavoro, non è come giurisprudenza che ci si iscrivono tutti e poi nessuno lavora... :azz:


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: CRISI TOTALE
MessaggioInviato: mercoledì 30 gennaio 2019, 14:44 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 4 aprile 2012, 14:15
Messaggi: 1558
whiter4bbit ha scritto:
In un mercato sano molti luoghi comuni che senti sono semplicemente falsi. Personalmente non conosco nessuno, uomo o donna, giovane o meno giovane, 110 o 90, che con una laurea nel settore elettronico o informatico non abbia un buon lavoro. Io mi riferisco in particolare al nord italia e all'area lombarda, se sei in Sicilia la questione cambia radicalmente.

Questa storia delle "lauree inflazionate" poi è ridicola. Informatica è inflazionata perchè c'è molto lavoro, non è come giurisprudenza che ci si iscrivono tutti e poi nessuno lavora... :azz:

Sono abbastanza d'accordo con te.
Confermo però che, per quanto vedo nella mia zona di lavoro, con una laurea in ingegneria meccanica molte ragazze trovano lavoro, ma raramente il lavoro è puramente "tecnico", vengono più impiegate per attività di gestione, controllo e reportistica.
Difficilmente una donna svolge attività di progettazione tecnica,progettazione o supervisione della produzione,..o almeno io la vedo così.
Elettronica e informatica mi sembrano due corsi di laurea abbastanza diversi, e diversi sono gli sbocchi.
Ma sono molto lontani dal mio campo di studi e non so proprio cosa consigliarti.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: CRISI TOTALE
MessaggioInviato: mercoledì 30 gennaio 2019, 16:10 
Non connesso

Iscritto il: sabato 31 dicembre 2011, 16:05
Messaggi: 946
Cita:
Difficilmente una donna svolge attività di progettazione tecnica,progettazione o supervisione della produzione,..o almeno io la vedo così.


Mah, questo sarà più per motivazioni sociali (scarso desiderio di lavorare in gruppi a prevalenza maschile ad esempio), personalmente di donne che fanno lavori tecnici ne conosco parecchie ma partiamo dal fatto che sono in pochissime a iscriversi a quei due corsi.

Non è una carriera preclusa di per sè, o almeno non mi pare.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: CRISI TOTALE
MessaggioInviato: mercoledì 30 gennaio 2019, 17:24 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 4 aprile 2012, 14:15
Messaggi: 1558
whiter4bbit ha scritto:
Cita:
Difficilmente una donna svolge attività di progettazione tecnica,progettazione o supervisione della produzione,..o almeno io la vedo così.


Mah, questo sarà più per motivazioni sociali (scarso desiderio di lavorare in gruppi a prevalenza maschile ad esempio), personalmente di donne che fanno lavori tecnici ne conosco parecchie ma partiamo dal fatto che sono in pochissime a iscriversi a quei due corsi.

Non è una carriera preclusa di per sè, o almeno non mi pare.


Francamente è una somma delle due cose.
Le donne laureate in ingegneria sono comunque numericamente inferiori agli uomini,ma è indubbio che, a parità di competenze, in alcuni campi venga preferito un uomo. A me, da ragazza, è stato detto chiaramente ad un paio di colloqui con delle agenzie di selezione del personale che mi avrebbero candidata per la posizione in questione, ma l'azienda aveva espressamente richiesto un uomo.
E infatti in quelle occasioni il colloquio con l'azienda non lo feci proprio.
E guarda caso, le uniche due donne laureate in ingegneria meccanica che lavorano nel mio gruppo, sono una nell'ufficio energia e l'altra nell'ufficio sicurezza e ambiente.Nessuna si occupa di produzione,e, in 10 stabilimenti del gruppo per cui lavoro, non c'è una sola donna come tecnico per la progettazione delle linee , come responsabile di statbilimento, come addetto alla gestione della produzione,
E un mio collega di università , laureato in meccanica, mi diceva che le 5-6 ragazze del suo corso, bravissime, comunque avevano faticato parecchio per trovare lavoro mentre, nei primi anni 2000 un ingegnere meccanico bravo, a pochi mesi dalla laurea trovava lavoro ovunque, anche nel centro italia .
Per questo, se la nostra vuole fare un lavoro "tecnico" non è detto che lo trovi.
Io poi, certo sono laureata in ambiente e territorio, che è palesemente corso di laurea di serie be, ma ho visto comunque che i ragazzii si inserivano nel lavoro un pochino prima rispetto alle donne.
Poi ecco, oltre ad essere una mia sensazione, tutti gli indici statistici segnalano il gender-gap nei salarie nelle mansioni.
Se posso permettermi,nelle facoltà tecniche,dove le donne sono in minoranza numerica, il gender gap si "sente" ancora di più.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: CRISI TOTALE
MessaggioInviato: giovedì 31 gennaio 2019, 16:20 
Non connesso

Iscritto il: sabato 31 dicembre 2011, 16:05
Messaggi: 946
Sì, ma tutte le statistiche sono medie del pollo degli ambienti padronali tipici dell'italia del pollo.
Ti assicuro che ho fatto diversi colloqui in cui il colloquio tecnico me lo faceva una donna... Che quindi non solo era un tecnico, ma aveva pure fatto carriera. Più esci da Milano più questa cosa ti sembrerà fantascienza (almeno a quello che leggo).
Per questo dico che è importante capire dove si vuole studiare e lavorare. E' giusto raccontare tutte le realtà.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: CRISI TOTALE
MessaggioInviato: giovedì 31 gennaio 2019, 19:02 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 4 aprile 2012, 14:15
Messaggi: 1558
whiter4bbit ha scritto:
Sì, ma tutte le statistiche sono medie del pollo degli ambienti padronali tipici dell'italia del pollo.
Ti assicuro che ho fatto diversi colloqui in cui il colloquio tecnico me lo faceva una donna... Che quindi non solo era un tecnico, ma aveva pure fatto carriera. Più esci da Milano più questa cosa ti sembrerà fantascienza (almeno a quello che leggo).
Per questo dico che è importante capire dove si vuole studiare e lavorare. E' giusto raccontare tutte le realtà.

Ma io ho parlato soprattutto di realtà industriale.Di ruolo tecnico nell'industria.
Non credo che tu abbia mai fatto colloqui per aziende produttive industriali, visto che sei un informatico.
Per dire, nelle società di consulenza, nel farmaceutico, nella finanza, ci sono donne che hanno ruooli "tecnici" ma non prettamente industriali.E alcune fanno anche carriera.Ma difficilmente troverai una donna a dirigere un cantiere, a progettare una linea produttiva.M;agari al troverai a progettare la macchina da utilizzare in una linea produttiva (presso aziende che producono macchine), ma sicuramente non in un'azienda che quelle macchine le usa per produrre.E siccome sono molto di più le aziende manufatturiere che quelle che costruiscono e brevettano macchine, i posti per ingegegneri industriali donna sono minori.
Forse mi sono spiegata male.
Quello che intendo dire alla nostra futura collega che ha aperto questo thread è che, se ambisce ad un ruolo "tecnico" avrà meno probabilità di trovarlo con meccanica che con elettronica ed informatica.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: CRISI TOTALE
MessaggioInviato: venerdì 1 febbraio 2019, 9:58 
Non connesso

Iscritto il: martedì 4 febbraio 2014, 12:33
Messaggi: 487
elvy95 ha scritto:
tippgirl ha scritto:
elvy95 ha scritto:
Sì, ma se ad una persona persona, l'economia aziendale fa schifo, che possiamo farci? Gestionale è facile e ricercata ma non fa per me. Ma poi, davvero non esistono persone che lavorano con la triennale (magari facendo allo stesso tempo la magistrale? Io tanto sono quasi sicura di espatriare, in Germania l'età non conta.; ma sarebbe bello sapere che nel mio paese anche i laureati ritardatari hanno una possibilità.

In Italia, sei considerto giovano fino ai 30-35 anni (nel snso che io ho visto assegnare tirocini formativi/stage anche a gente di 36 anni !!!!) poi magicamente a 50 anni diventi inservibile ;-)
Scherzi aparte, noi ti diciamo un pochino le cose come stanno, ma non è che ti sia totlmente precluso il lavoro.Anzi!!
Solo,non aspettarti che una laurea ti apra chissà che porte perchè,purtroppo,al momento non è così.
E non per la questione età.
le possibilità di lavoro sono scarse in generale, non solo per i "ritardatari".
Però, a 24 anni dovresti avere un progetto in mente.Non studiare "per trovare un lavoro" ma sapere già un pochino dove indirizzarti..già durante gli studi creati contatti, guardati intorno.
hai comunque 5 anni più di un diplomando, sai già un pochino come gira il mondo, o no??



Scusate il ritardo. Certo che so come gira il mondo. La confusione che mi rimane sta nello scegliere l'indirizzo giusto, volendo comunque sbrigarmi ed avere più opportunità possibili, sia qui che all'estero, casomai decidessi di espatriare. Lo so che la situazione è brutta per tutti, ma ingegneria e medicina sono le uniche che ti danno qualcosa. Tutte le altre lauree sono un caso perso. Il dubbio è tra gestionale (che non credo rispecchi il mio carattere, ma mi attrae tanto per via della relativa facilità e richiesta), meccanica (dovrebbe aprire anche strade da gestionale ed è più tecnica) ed elettronica. Volevo fare elettronica, perché meno inflazionata di informatica, ma mi è stato detto che in Italia l'industria non è buona ed hai sempre bisogno di una magistrale. Io credevo si potesse già iniziare a lavorare con la triennale, e studiare per la magistrale part-time. Voglio cercare di fare esperienza e crearmi un'indipendenza il prima possibile. Quale è la strada più pratica?


Lavorare e contemporaneamente studiare per la specialistica di ingegneria non è che sia molto pratico... comunque non è impossibile.
Per come parli ti direi di lasciare perdere gestionale... la faresti solo perchè la ritieni più semplice.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 19 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010