IngForum il forum di Ingegneri.info
[phpBB Debug] PHP Warning: in file /home/prod.ingegneri.info/public_html/wp-content/themes/teknoring/tk-posts/taxonomy.php on line 210: array_keys() expects parameter 1 to be array, null given
Visita le sezioni:

Oggi è martedì 23 ottobre 2018, 5:41

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 49 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: lunedì 14 marzo 2016, 16:32 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 10 febbraio 2011, 14:42
Messaggi: 75
Salve a tutti..mi inserisco in questa discussione in quanto sto studiando un caso particolare, serbatoio molto snello..

Probabilmente non ho ben compreso come utilizzare la pressione del liquido contenuto, mi spiego meglio: dovendo verificare eventualmente l'appoggio del serbatoio a terra (è ancorato poi tramite tirafondi), devo determinate le grandezze Taglio Momento e Sforzo Normale sotto il serbatoio.

Per Taglio e Momento, sto seguendo quanto indica l'EC8, col metodo di Malhotra, quindi dopo aver determinato accelerazioni impulsiva e convettiva, tutte le masse in gioco, derivo queste sollecitazioni.

Riguardo lo sforzo normale, in prima ipotesi avevo pensato di derivare similmente le accelerazioni imp e conv, stavolta con spettro verticale da norma, e poi moltiplicare l'accelerazione per la massa di serbat e liquido. Ma in questa valutazione, non entra in gioco anche la pressione del liquido sul fondo?

Ed in che modo si dovrebbe considerare? Al riguardo, pensavo a pressione idrostatica e pressione idrodinamica; le norme indiane (IITK) ad es. prevedono delle formule per la determinazione di pressione idrodinamica; ma poi questa spinta influisce su quali componenti, ed in che combinazioni utilizzarla? Bisogna sommarla alla pressione idrostatica, che di fatto c'è sempre?

Grazie per i suggerimenti che potrete darmi, e scusate se ho detto qualche fesseria nel procedimento che sopra ho ipotizzato, ma sono "nuovo" del settore, e vorrei capire il giusto metodo.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 14 marzo 2016, 17:48 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 24 novembre 2014, 19:30
Messaggi: 780
https://www.dropbox.com/sh/7j3w3bwty034 ... sCina?dl=0

se ti può essere utile questo calcolo che ho fatto con le norme dell'EC integrate con
le norme indiane


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 14 marzo 2016, 18:08 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 10 febbraio 2011, 14:42
Messaggi: 75
Grazie ciammarusti..

avevo già trovato il tuo calcolo...e mi è giò stato di grande aiuto...forse però mi manca ancora qualche piccolo passaggio per capire bene come fare...

nel tuo calcolo, prima utilizzi l'EC8 per trovare i periodi impulsivi e convettivi, relative accelerazioni, masse...e tutto chiaro fino alla determinazione di Tagli e Momenti alla base..

poi però utilizzi le norme indiane, calcolando la pressione compulsiva e convettiva..

quello che mi domando, è: le due cose sono 'correlate' oppure alternative? O meglio: avendo già calcolato con EC8 Taglio e Momento: ho necessità di 'integrare' le informazioni che ho 'aggiungendo' la pressione idrodinamica? E se si, come faccio a legare le due cose?

Oppure sostanzialmente ho giò finito: ovvero, applicando EC8, metodo di Malhotra...finisce con il calcolo di Taglio e Momento...e le norme indiane traducono forse la stessa cosa in termini di altro procedimento e quindi di pressione idrodinamica?

Spero di averti spiegato cosa voglio intendere...

Grazie della pazienza, spero potrai chiarirmi ogni dubbio


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 14 marzo 2016, 21:09 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 24 novembre 2014, 19:30
Messaggi: 780
il calcolo va completato con il calcolo delle masse impulsiva, convettiva ecc ecc
come vedi nel mio calcolo da pag.5 in poi, perchè queste servono per calcolare la pressione
totale sulle pareti

questa parte finale segue le indicazioni dell'Istituto Indiano


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 14 marzo 2016, 21:19 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 10 febbraio 2011, 14:42
Messaggi: 75
OK..

ho calcolato ora anche la pressione totale.

Che verifiche devo fare?

Ovvero: io ho proceduto così: taglio e momento, li ho calcolati col metodo EC8. Lo sforzo normale, l'ho calcolato moltiplicando la massa per l'accelerazione verticale ricavata.
A questa parte di sforzo normale, ho pensato che andasse aggiunta la componente di pressione totale che si scarica sulla base del serbatoio.

Secondo te faccio un errore? E' come se stessi sommando due volte una stessa cosa?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 15 marzo 2016, 14:48 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 24 novembre 2014, 19:30
Messaggi: 780
attenzione : la pressione dovuta al sisma verticale (25.15 KN/mq a pag.7) agisce sulla parete
e non sulla base , tanto è vero che va sommata alle altre pressioni calcolate agenti sulle pareti
per formare la pressione finale di 52.62 KN/mq

quindi dopo la verifica a ribaltamento (confronto fra il momento stabilizzante dovuto al peso
dell'acqua e il momento ribaltante dovuto alle varie spinte ( 20902 KNm calcolato a pag.5)
occorre verificare la base in assenza di sisma per la sola pressione dovuta al peso dell'acqua
e sotto sisma per le pressioni che si creano a seguito del ribaltamento

per la verifica delle pareti in assenza di sisma c'è la pressione idrostatica che induce tensioni
nell'acciaio delle pareti ,
con il sisma a quelle tensioni che rimangono nella memoria del materiale, si sommeranno quelle
dovute alla spinta totale con andamento trapezoidale con valore massimo alla base di 52.62 KN/mq

questa parte finale di verifiche non c'è nelle pubblicazioni predette , e ciò che farei io e vorrei
proprio che tu mi dicessi cosa ne pensi


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 15 marzo 2016, 17:01 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 10 febbraio 2011, 14:42
Messaggi: 75
Il tuo ragionamento mi sembra corretto.

Io probabilmente ho interpretato male allora la componente delle pressioni: ho pensato che la pressione totale agisse 'radialmente', ma in maniera non solo piana, ma anche spaziale, e quindi complessivamente come se fosse sferica (sia sulle pareti che sulla base).

Questo dubbio mi è giunto pensando al fatto che, nella determinazione di ptot sotto radice, si hanno pressioni calcolate sia in base all'accelerazione orizzontale che a quella verticale; perchè pensavo che la componente verticale amplificasse spostamenti proprio in verticale. Sbaglio inq uesto ragionamento?

La mia domanda era invece orientata proprio allo sforzo normale che si scarica al piede, per futura verifica del basamento e di ancoraggi: quale entità avrà? Sarà solo data dalla somma dei pesi di serbatoio e liquido, moltiplicata per accelerazione verticale (eventualmente sempre distinguendo tra impulsivo e convettivo); oppure c'è qualche altra componente da sommare (tipo una pressione in fase sismica?

Perchè su taglio e momento, le espressioni sono abbastanza chiare, sia in EC8 che in IITK. E' sullo sforzo normale che mi sto scervellando, e forse sto sbagliando proprio binario! Nel qual caso ti prego di indicarmelo :)

Ti ringrazio come sempre per l'aiuto.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 15 marzo 2016, 22:06 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 24 novembre 2014, 19:30
Messaggi: 780
sempre come ho capito io

il sisma non da sul fondo una pressione apprezzabile, mentre la spinta orizzontale sulle pareti
dà un momento M' =25980 KNm che sommato allo sforzo normale (peso dell' acqua) induce
pressoflessione sul fondo

infatti a pag.5 leggi che M (ribaltante sulla piastra di base , nll'EC A38 pari a 20902 KNm) serve
per progettare le pareti e gli ancoraggi

mentre M' (pari a 25980 KNm) deve essere usato per progettare la fondaziione


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 21 marzo 2016, 10:45 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 10 febbraio 2011, 14:42
Messaggi: 75
Di nuovo grazie Ciammarusti..

Torno sul famoso calcolo che sto facendo..qualcosa non mi convince...ricado nel caso di serbatoio "snello", dove cio+ H/R>3. Per questo ho utilizzato le formule del documento indiano IITK per il calcolo dei coefficienti Ci e Cc, da cui trovo i periodi impulsivo e convettivo.

Ma alla fine dei calcoli, h'i è minore di hi, così come h'c è minore di hc; da qui segue che M' risulta minore di M, situazione che appare contrastante visto che M' è il momento 'sotto' la base.

Che ne pensi? E' ancora accettabile?

Inoltre, vorrei fare un confronto come ordine di grandezza con un calcolo semplice, per vedere la correttezza: che ipotesi faresti? Una mensola incastrata alla base con una determinata massa in sommità?

Grazie ancora


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 21 marzo 2016, 17:00 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 24 novembre 2014, 19:30
Messaggi: 780
ma nel tuo primo post avevi chiesto per un serbatoio di altezza H=3 metri e diametro
D=3 metri, quindi il rapporto D/R = 2 e non >3
per H/R=2 i valori di Ci , Cc, hi, hc, hi', hc' li trovi ancora nell'EC al prospetto A1

comunque se non mi dici le nuove misure del serbatoio come faccio a controllare i tuoi dubbi ?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 49 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
cron




Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010