IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è mercoledì 8 aprile 2020, 9:10

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 21 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: mercoledì 28 aprile 2010, 16:33 
Non connesso

Iscritto il: domenica 3 gennaio 2010, 0:36
Messaggi: 67
Buon giorno,
vi scrivo perchè ho qualche domanda da proporre riguardo ai solai del mio appartamento.
Io in realtà non sono un progettista nè un edile o architetto e di mestiere faccio tutt'altro...
L'idea è di scambiare quattro parole non su questioni puramente tecniche o legate a normative etc.

L'appartamento sta in un edificio in muratura con circa un centinaio d'anni sulle spalle, con solai lignei a singola orditura, costituiti da travi rettangolari di misure indicative 8 x 20 cm, disposte ogni 30 - 40 cm circa, parallelamente alla direzione più corta; sopra c'è un tavolato ligneo che ospita una gettata di alcuni cm. La luce è circa 4 metri e varia un po' da stanza a stanza.
I pavimenti sono cosiddetti "alla genovese", ovvero costituiti da piccole pietre colorate e levigate, disposte a generare differenti disegni ornamentali, molto belli a vedersi.

La cosa che un po' mi preoccupa è la flessione che riguarda ogni pavimento: entro i primi 50 cm misurati a partire da una muratura qualunque e muovendosi verso il centro della stanza, il pavimento scende in maniera omogenea, per poi riaddrizzarsi e proseguire orizzontalmente. Questa cosa accade omogeneamente da tutte e quattro le murature. In pratica il pavimento, che "nasce" a ridosso del muro, scende leggermente e forma una conca piatta al centro (la zona in pendenza riguarda quindi i primi 50 cm dal muro, poi è orizzontale).
L'abbassamento è di 1 - 3 cm a seconda della stanza che si considera e non sembra dipendere in maniera significativa dal carico: i pavimenti, anche scarichi, conservano un'evidente flessione.

In occasione del rifacimento del bagno e cucina ho potuto visionare le travi di quella zona dell'appartamento ed a vista sembrano sane (non sono crepate nè attaccate da parassiti).
Seconda nota: i muri non portanti sorretti dai solai non hanno lesioni dovute allo sprofondamento della base d'appoggio e le porte sono in squadra :biggrin:

Le domande sono: devo preoccuparmi?
I miei vicini sono tutti più o meno nelle stesse condizioni (ed anche una mia amica, che vive in altro edificio con le stesse modalità costruttive, ha notato un analogo andamento dei pavimenti) ma non si preoccupano, dicono che è assolutamente normale per una "casa vecchia".
Seconda cosa: indicativamente, avete una stima di quale sia il carico massimo che ragionevolmente potrei applicare ai solai?
Grazie a tutti,
Andre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 5 maggio 2010, 14:03 
Non connesso

Iscritto il: domenica 3 gennaio 2010, 0:36
Messaggi: 67
So che non sono domande interessanti...
ma voi, vi preoccupereste?
Nella vostra esperienza, visitando appartamenti dell'800 o comunque con antichi solai in legno, avete notato spesso questo genere di inflessione?
Detto questo, a causa di alcuni lavori, ho spostato parecchie cose in casa, caricando in maniera abbastanza intensa una stanza (indicativamente avrò messo circa 150 - 200 kg/mq accumulando scaffali, armadi, scatole con libri, distribuendo abbastanza omogeneamente ovunque tranne che nel centro). Dopo un mese il pavimento non è ancora crollato :D e mi pare non si sia inflesso vistosamente...
ciò mi rassicura, ma vi sarei grato se qualcuno di voi avesse voglia di parlare qualche minuto di eventuali casi simili visionati in passato.
Ciao e grazie!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 6 maggio 2010, 10:48 
Non connesso

Iscritto il: martedì 26 maggio 2009, 11:56
Messaggi: 504
Ho fatto un veloce conto.
Con i dati che posti (sez. travetti 80x200, interasse 40 cm, luce 4m)
un ipotetico solaio con travetti in legno lamellare GL24H ti fornisce
i valori che riporto di seguito.
La deformazione finale è di circa 15 mm.
Rispetto al tuo solaio in + c'è la caldana in calcestruzzo.
Se mi sai dire l'essenza dei tuoi travetti posso essere + preciso!
A occhio, non crolla niente!
Solaio appoggio-appoggio
Verifica a flessione
σm,d (Fd,II) (N/mmq) 12,739
σm,d (Fd,III) (N/mmq) 12,739
Verifica a taglio
τd (Fd,II) (N/mmq) 0,637
τd (Fd,III) (N/mmq) 0,637
Verifiche di esercizio, deformazioni:
w ist 8,812 (mm)
w fin 15,862 (mm)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 10 maggio 2010, 0:40 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: domenica 1 giugno 2008, 17:39
Messaggi: 1612
bafio ha scritto:
...Se i travetti sono stati realizzati da gente vissuta cento anni fa, notoriamente più seria ed onesta di noi, e non ti risultano marci o tarlati, anche per me non crolla niente.

Quoto, indipendentemente dall'analisi dei carichi, e aiutati in ciò molto dal legno.

_________________
Cordiali saluti
Arch. Ugo Terzi


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 11 maggio 2010, 13:52 
Non connesso

Iscritto il: domenica 3 gennaio 2010, 0:36
Messaggi: 67
Grazie per i commenti :D !

In effetti non penso che possa crollare nulla a breve, nel senso che, per quel poco che si può capire abitando normalmente nell'appartamento (e quindi senza fare alcun tipo di misura o avere il benchè minimo riscontro scientifico) i pavimenti non mi sembrano cedere sotto gli eventuali carichi applicati.
Quando ho rifatto il bagno, l'ingresso è diventato una sorta di magazzino per i muratori, che vi hanno posato contemporaneamente tutte le piastrelle (circa 24mq per un peso di circa 20kg/mq che fa circa 480 kg), alcuni sacchi di cemento, colla, stucco ed un monte di sabbia (diciamo almeno 200 kg in tutto), la vecchia vasca in ghisa da circa 100 kg, poi i sanitari nuovi e materiali vari. Il tutto è rimasto li alcuni giorni, senza che il vicino di sotto lamentasse dani o crepe allo stucco del soffitto (comunque l'ingresso è grande, avremo caricato con 100 kg/mq, non di più).
Nell'altra camera ho stimato un carico di circa 150 - 200 kg/mq che oramai è stabile da un paio di mesi, anche se il più presto possibile lo ridurrò, almeno in parte (devo finire i lavori in cucina ed in camera da letto...).

Non avrei motivo per dubitare della bontà dei miei solai a parte, appunto, l'evidente bombatura dei pavimenti, presente più o meno in ogni stanza. Detto questo, le travi che ho visto durante i lavori sembravano belle e di sicuro erano asciutte e non attaccate da parassiti, per lo meno per quello che si può vedere dall'esterno.

Comunque, se crollerà tutto potrò cogliere l'occasione per farvi una foto della sezione delle travi e degli innesti nelle murature :azz:


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 11 maggio 2010, 19:21 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 8 marzo 2007, 17:47
Messaggi: 126
Ciao,

anche io ho fatto un paio di conti a braccio, più o meno con gli stessi carichi ipotizzati da bafio. Se le travi magari anziché 20 sono un po' più piccole, diciamo 17-18 cm, direi che una inflessione di circa 3 cm è abbastanza ragionevole, soprattutto se pensi che si tratta di legno vecchiotto che è stato per molti anni continuamente sotto carico per effetto del peso del pavimento, della caldana etc. alla deformazione elastica, direttamente dovuta al carico su ogni trave (circa un paio di cm) devi sommare l'effettio viscoso di lungo termine, che può essere altrettanto (un paio di cm anche lui), quindi un abbassamento totale di circa 4 cm, nell'ipotesi che il legno sia di buona qualità, le travi abbastanza squadrate etc.
Insomma, se l'abbassamento massimo di questo ordine di grandezza, ossia 3 o 4 cm pari a 1/100 circa delal luce del solaio, be' direi che è abbastanza normale.

_________________
... Usare l'intelligenza guidata dall'esperienza!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: venerdì 14 maggio 2010, 11:09 
Non connesso

Iscritto il: domenica 3 gennaio 2010, 0:36
Messaggi: 67
tric ha scritto:
Ciao,
Insomma, se l'abbassamento massimo di questo ordine di grandezza, ossia 3 o 4 cm pari a 1/100 circa delal luce del solaio, be' direi che è abbastanza normale.


Le travi sono più o meno un palmo, le ho guardate ad occhio ma non le ho misurate, potrebbero effettivamente essere attorno ai 20 cm, con un margine di +- 3 cm, quindi più o meno ci siamo.

Non so che tipo di legno siano le travi, non penso lamellare perchè non penso fosse utilizzato all'epoca di costruzione del palazzo (fine '800 - primi del '900). Un mio vicino mi ha detto il nome del legno di cui erano fatte le vecchie finestre, ancora originali dall'epoca della costruzione, che lui sostituì negli anni '60. Mi ha detto un nome che non ricordo, non era un nome italiano, non era castagno, pioppo etc... era un legno, se non ricordo male, proveniente da un paese nordico, forse Norvegia? Boh...
Sono comunque travi ben squadrate, praticamente un rettangolo quasi perfetto, di colore chiaro.

Un'altra domanda: avete un libro da suggerirmi riguardante le tecniche costruttive di questo genere di edifici, diciamo antichi ma non troppo?
Sono anche stato in comune per vedere se riuscivo a reperire informazioni sulle piante, sulle orditure del solaio, l'anno esatto di costruzione etc, ma dopo un'ora che giravo tra un ufficio e l'altro ho scoperto che i dati del palazzo sono stati spostati in tutt'altra zona di Genova (deputata ad archivio storico, decentralizzato), quindi ho desistito :sad:

Mi piacerebbe documentarmi meglio, ma per un non addetto ai lavori non è banalissimo!
Appena ho un attimo farò un salto in biblioteca, chissà che non si trovi un vecchio libro Hoepli dell'epoca :D


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 10 ottobre 2012, 15:35 
Non connesso

Iscritto il: martedì 25 aprile 2006, 10:40
Messaggi: 132
Località: Genova
Riprendo questa vecchissima discussione perché c'è un aspetto di cui si è parlato che non ha avuto risposta: perché i pavimenti sono inflessi mentre i muri non hanno seguito la freccia del pavimento?
Ho un caso analogo in una perizia e non riesco a spiegarmi tecnicamente quello che mi sembra un controsenso, cioé che il muro sembra stare su da solo, non appoggiato al pavimento (sennò sarebbe anch'esso sprofondato...).

Qualcuno ha idee in merito?
Grazie!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 10 ottobre 2012, 17:32 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 9 luglio 2003, 11:52
Messaggi: 38498
credo perché anche il solaio superiore si è abbassato allo stesso modo e cmq il tramezzo si è adattato "plasticamente" alle deformazioni del solaio

_________________
"l'ingegnere sa quello che fa, e fa quello che sa" (Michele Pagano)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 10 ottobre 2012, 18:43 
Non connesso

Iscritto il: martedì 25 aprile 2006, 10:40
Messaggi: 132
Località: Genova
Pasquale innanzitutto grazie per la risposta.
Onestamente non ho ben capito la tua spiegazione. Se i muri si fossero adattati plasticamente alla freccia del solaio non dovrei vedere 1 cm tra lo zoccolo al piede del muro ed il pavimento mentre è proprio ciò che vedo.
Cioé il mio problema non è solo che non vedo segni sul muro, e qui ci potrebbe stare la tua spiegazione dell'adattamento plastico, ma è che il muro proprio non si è mosso!

Stando così le cose hai altre idee? Io davvero non trovo plausibile giustificazione...

Molte grazie!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 21 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010