IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è venerdì 18 ottobre 2019, 11:14

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 11 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: sabato 13 aprile 2019, 10:38 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 3 marzo 2010, 13:36
Messaggi: 260
Buongiorno a tutti..ho un super quesito per voi: devo realizzare un progetto di miglioramento sismico in un fabbricato esistente in muratura.. da una analisi superficiale sembravano circa 3 teste piene, in seguito ai saggi è invece emerso che si tratta di una muratura caratterizzata dalla seguente stratigrafia: 1 testa piena+camera d'aria di 12 cm+ 1 testa piena.
Ora io vi chiedo... voi come la gestireste la cosa?
Il mio pensiero era stato di trovare un prodotto pompabile (cls cellulare?) che avesse delle caratteristiche approssimabili a quelle della muratura e riempire il foro.
In questo modo mi troverei quasi come con una "muratura a tre teste", dal momento che ovviamente metterei dei diatoni.. vi pare una follia o una ga***a enorme?
Avete da consigliarmi un prodotto interessante oppure un'altra tecnica o altre idee?
In sommità ovviamente metterei un cordolo in acciaio, esterno e delle catene..

Grazie a tutti sin da ora!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 15 aprile 2019, 17:12 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 9 luglio 2003, 11:52
Messaggi: 38114
secondo me bastano i soli diatoni;
eventualmente il riempimento per soli scopi energetici

(poi lo cerco e riposto un utile grafico da un libro del prof. Antonino Giuffré, che ricordo postai già)

_________________
"l'ingegnere sa quello che fa, e fa quello che sa" (Michele Pagano)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 16 aprile 2019, 9:17 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 3 marzo 2010, 13:36
Messaggi: 260
pasquale ha scritto:
secondo me bastano i soli diatoni;
eventualmente il riempimento per soli scopi energetici

(poi lo cerco e riposto un utile grafico da un libro del prof. Antonino Giuffré, che ricordo postai già)



Grazie Pasquale, sempre gentilissimo!
per cui dici "soli" diatoni e trattarlo poi come fosse muratura a due teste?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 16 aprile 2019, 17:41 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 1 luglio 2009, 9:14
Messaggi: 171
Come noi tutti sappiamo, i diatoni si utilizzano per consolidare le pareti a più paramenti che possono manifestare spanciamento sotto l'effetto dei carichi e quindi perdono di resistenza.
I diatoni sono costituiti da elementi cilindrici in cls armato con diametro che varia da 10cm a 15cm. Ora mi domando:

- quanto è grande la parete che dovrebbe essere interessata dai diatoni? Che tipo di muratura si tratta?

- Quanti diatoni necessitano per ottenere il tanto sperato effetto monolitico? Quanti fori e a che interasse metterli?

- Quando si va a sbucherellare la parete, non è che essa si indebolisce? Che si fa in quel caso? Si possono adottare tutte le predisposizioni atte ad effettuare l'intervento in piena sicurezza?

Se lo scopo è rendere monolitica la parete personalmente proseguirei con la strada che dicevi prima, cioè utilizzare una malta da iniettare nell'intercapedine e via...poi proseguirei con ulteriori interventi se vi è necessità.

Saluti da Lugram


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: venerdì 19 aprile 2019, 9:37 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 3 marzo 2010, 13:36
Messaggi: 260
Ciao Lugram, grazie per la risposta.
Le pareti da trattare così... sarebbero tutte! aimè tutto il fabbricato è realizzato in questo modo.. quindi l'intervento sarebbe da fare dappertutto, appunto!
Non so, sono globalmente un pò interdetta.. e cmq lo scopo si, sarebbe rendere monolitico il tutto!
Come la vedi la cosa? può avere un senso?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: venerdì 19 aprile 2019, 11:25 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 1 luglio 2009, 9:14
Messaggi: 171
Frapepe ha scritto:
Ciao Lugram, grazie per la risposta.
Le pareti da trattare così... sarebbero tutte! aimè tutto il fabbricato è realizzato in questo modo.. quindi l'intervento sarebbe da fare dappertutto, appunto!
Non so, sono globalmente un pò interdetta.. e cmq lo scopo si, sarebbe rendere monolitico il tutto!
Come la vedi la cosa? può avere un senso?


clicca qui:
https://www.bossong.com/consolidamento/ ... tonos.html

sembra una soluzione interessante e ben supportata sotto il profilo tecnico ingegneristico...chissà quanto costa!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 22 aprile 2019, 19:19 
Non connesso

Iscritto il: domenica 10 aprile 2005, 11:51
Messaggi: 2440
Frapepe ha scritto:
Buongiorno a tutti..ho un super quesito per voi: devo realizzare un progetto di miglioramento sismico in un fabbricato esistente in muratura.. da una analisi superficiale sembravano circa 3 teste piene, in seguito ai saggi è invece emerso che si tratta di una muratura caratterizzata dalla seguente stratigrafia: 1 testa piena+camera d'aria di 12 cm+ 1 testa piena.
Ora io vi chiedo... voi come la gestireste la cosa?
Il mio pensiero era stato di trovare un prodotto pompabile (cls cellulare?) che avesse delle caratteristiche approssimabili a quelle della muratura e riempire il foro.
In questo modo mi troverei quasi come con una "muratura a tre teste", dal momento che ovviamente metterei dei diatoni.. vi pare una follia o una ga***a enorme?
Avete da consigliarmi un prodotto interessante oppure un'altra tecnica o altre idee?
In sommità ovviamente metterei un cordolo in acciaio, esterno e delle catene..

Grazie a tutti sin da ora!


il concetto di cordli e catene è successivo e serve per il comportamento scatolare, un muro del genere deve esser reso con i paramenti solidali e poi portante, come dipende da quanto possa essere invasivo l'intervento, circa i calcoli nelel verifiche globali puoi anche inventare uan muratura che abbia dei parametri mediati rispetto al reale, nelle verifiche cinematiche devi invece schematizzare i paramenti come sono in realtà e sarà quel vincolo che utilizzerai che ti permetterà di capire se devi inserire diatoni ecc, puoi veder il manuale delle verifiche cinematiche della aedes


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 23 aprile 2019, 23:52 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 9 luglio 2003, 11:52
Messaggi: 38114
siccome avevo dimenticato di ricercare la figura dal libro di Giuffré, eccola

Immagine

la discussione era questa
viewtopic.php?f=2&t=70809
e quest'altra
viewtopic.php?f=16&t=92059

_________________
"l'ingegnere sa quello che fa, e fa quello che sa" (Michele Pagano)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 25 aprile 2019, 19:54 
Non connesso

Iscritto il: martedì 16 giugno 2009, 21:51
Messaggi: 1087
Qual'è la natura dei solai ? Esistono cordoli di piano ?
Nel caso il comportamento scatolare potrebbe essere offerto da questo.
Sì dovorrebbe comunque secondo me fare analisi cinematismo di collasso del singolo paramento
Mentre considerare globalememente un pareterno dallo spessore doppio
O volendo modellare 2 paramenti affiancati.
Se non ricordo male c'era qualcosa sul sito aedes.

Riempire la camera d'aria non so quanto sia benefico a livello di umidita' ( so che il problema strutturale è più importante ma il committente si rende conto prima dei problemi da umidità. ... poi come glieli spieghi...) . Inoltre anche a livello strutturale non è semplice capire come computare tale contributo.

Secondo me sia staticamente che sismicamente per le azioni nel piano non si commette un grosso errore a considerare parete unica.... Fuori piano non sarebbe male renderle collaboranti o con quel sistema di diatoni che ti hanno consigliato o analogamente creando delle barre passanti fermate con dei piatti (diciamo delle Micro catene)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: venerdì 26 aprile 2019, 10:20 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 14 marzo 2011, 17:44
Messaggi: 7147
Località: Atene (Greece)
fare diventare con diatoni una sola parete quei due paramenti separati la vedo come mero esercizio mentale
se si rieme l'intercapedine, i due paramenti non vengono resi un solo monolite se non si pone una rete agli esterni e trattenuta da una sufficiente densità di legature tra le reti esterne stesse.
rete e legature vanno poste prima del riempimento, per facilitare il lavoro.

non credo esista una parete che possa definirsi portante quando questa non raggiunge un certo spessore minimo.

le precauzioni di puntellamento sono indispensabili, vista la snellezza dei due paramenti separati.

_________________
Tra quello che noi riusciamo a malapena a vedere e quello che in realtà accade veramente c'è sempre molta differenza (Banondre, filosofo greco agnostico del II sec. d.C.).


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 11 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010