IngForum
http://www.ingegneri.info/forum/

Modifica aperture nella muratura
http://www.ingegneri.info/forum/viewtopic.php?f=16&t=46914
Pagina 1 di 5

Autore:  boba74 [ venerdì 14 ottobre 2011, 16:33 ]
Oggetto del messaggio:  Modifica aperture nella muratura

Se nel muro portante è già presente un'apertura, e questa viene allargata, devo ovviamente fare una cerchiatura: ma per il dimensionamento dei piedritti, visto che prima c'era già un'apertura con architrave, è comunque necessario considerare la rigidezza della muratura piena, o invece "è possibile" tener conto del fatto che la rigidezza precedente fosse già ridotta?

Stesso discorso: se in una parete ho 2 finestre che ora vengono chiuse e al loro posto viene invece realizzata una nuova apertura (che non coincide necessariamente con il profilo delle vecchie finestre)?

Autore:  sdn73 [ venerdì 14 ottobre 2011, 16:54 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Modifica aperture nella muratura

Quello che devi fare è raffrontare la situazione della PARETE prima e dopo la modifica delle aperture.
Nel caso uno i piedrtitti dovranno supplire alla "porzione" di muratura che tu vai a demolire non all'intera finestra.
Nel caso due potresti non avere bisogno di alcuna cerchiatura....dipende sempre da dimensioni e posizione delle aperture prima e dopo l'intervento.

Ciao

Autore:  boba74 [ venerdì 14 ottobre 2011, 18:01 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Modifica aperture nella muratura

OK, quindi se ho ben capito (anche leggendo la teoria sull'argomento), in un intervento locale non si è sempre obbligati a fare la cerchiatura, basta che nel confronto tra situazione precedente e successiva si dimostri che la parete nel suo complesso abbia una rigidezza non minore di quella precedente?
Ad esempio: se considero l'intera parete (compresa ai lati da muri trasversali e sopra e sotto da pavimento e solaio) che inizialmente ha 2 finestre, ai fini della rigidezza dovrei calcolarmi la rigidezza complessiva "pre intervento" come somma delle rigidezze dei 3 maschi murari compresi tra le 2 aperture e i muri trasversali, e confrontarla con la rigidezza "post intervento" calcolata con i maschi murari "nuovi" ed eventualmente quella dei piedritti della cerchiatura (se c'è ma potrebbe anche non esserci...)

Autore:  sdn73 [ venerdì 14 ottobre 2011, 18:09 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Modifica aperture nella muratura

Si....le verifiche da fare sono:
che non ci sia un peggioramento della resistenza;
che Taglio ultimo e spostamento ultimo allo stato finale siano superiori rispetto allo stato iniziale;
che la variazione di rigidezza del pannello murario vari in un range del 15%

Dunque vedere il valore di tali parametri allo stato iniziale e a quello finale e, se serve, compensare con cerchiature, betoncino armato, rimpeli di muratura o quant'altro necessario.

Ciao

Autore:  boba74 [ lunedì 17 ottobre 2011, 9:36 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Modifica aperture nella muratura

OK forse ci sto arrivando....
Dunque: per determinare la rigidezza, il taglio e lo spostamento ultimo non dovrebbero esserci problemi (calcolo le singole rigidezze e mi costruisco il diagramma forza spostamento della struttura "composta" dai maschi murari e da eventuali piedritti delle cerchiature) e confronto le 2 situazioni.
Per quanto riguarda la "resistenza" cosa intendi esattamente?

Autore:  boba74 [ lunedì 17 ottobre 2011, 10:30 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Modifica aperture nella muratura

Altra Domanda:
Nel semplice caso in cui prima ho una parete completamente priva di aperture e dopo ci faccio un'apertura con cerchiatura, se io dimensiono opportunamente i piedritti semplicemente con un confronto rigidezza prima/rigidezza dopo, il fatto di garantire una "non diminuzione" di rigidezza significa che automaticamente anche il taglio e spostamento ultimo aumentano o invece non è detto e devo quindi sempre passare per tale verifica? Cioè non è scontato che sostituendo parte della muratura con un telaio chiuso la situazione debba sempre necessariamente migliorare?

Autore:  sdn73 [ lunedì 17 ottobre 2011, 12:02 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Modifica aperture nella muratura

Cetrco di risponderti ad entrambe le domande contemporaneamente.
Il giochino nel dimensionamento delle cerchiature sta nel sostituire la porzione di muratura demolita con un telaio che sopporti una quota parte di azioni orizzontali lievemente superiori (resistenza e capacità di deformazione....leggi taglio ultimo e spostamento ultimo), senza modificare significativamente la rigidezza (+ o - 15%).
Ci sono vari casi in cui un aumento del Taglio Ultimo e della capacità di spostamento coicidono con una rigidezza lievemente inferiore, che, se contenuta nel suddetto 15%, è comunque accettabile. Dunque non sempre è necessario partire da un "aumento della" rigidezza.....anzi il procedimento è l'inverso la verifica della rigidezza è il passo finale per vedere di non aver ecceduto ne' "deficitato" (alla faccia dello zingarelli).

Ciao

P.S. oggi vado di fretta spero di non aver scritto troppe sciocchezze

Autore:  boba74 [ lunedì 17 ottobre 2011, 17:02 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Modifica aperture nella muratura

Quindi OK che il taglio ultimo e lo spostamento ultimo devono essere maggiori di prima.
Ma allora:
Quel range del 15% sulla rigidezza (in più o in meno) da dove salta fuori? E' un obbligo di legge o semplicemente un valore di riferimento?
Inoltre: capisco che la rigidezza non possa diminuire più del 15%, ma perchè non può aumentare più del 15%? Forse mi rispondo da solo: altrimenti l'intervento che faccio va ad aumentare eccessivamente la rigidezza di quella parete e quindi la cosa ha effetti a livello "globale" perchè in caso di sisma rischia di assorbire carichi maggiori, visto che la forza orizzontale si ripartisce proporzionalmente alle rigidezze delle pareti?

Autore:  ESCOdalBAR [ lunedì 17 ottobre 2011, 18:28 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Modifica aperture nella muratura

boba74 ha scritto:
Quel range del 15% sulla rigidezza (in più o in meno) da dove salta fuori? E' un obbligo di legge o semplicemente un valore di riferimento?

E' un valore che ha introdotto la Regione Toscana (Delibera n.606 del 21.6.2010) per dare un "senso numerico" alla parola "significativamente" contenuta nell'ultima frase contenuta nel capitolo C8.4.3 della circolare ("la rigidezza dell'elemento variato non cambi significativamente"). Lo stesso punto dice poi che "la resistenza e la capacità di deformazione, anche in campo plastico, non peggiorino ai fini del comportamento rispetto alle azioni orizzontali".
Ciao.

Autore:  boba74 [ martedì 18 ottobre 2011, 9:55 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Modifica aperture nella muratura

Grazie, ora mi è tutto chiaro, so come procedere.... 8)

Pagina 1 di 5 Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
https://www.phpbb.com/