IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è venerdì 15 novembre 2019, 4:11

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 6 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: martedì 10 aprile 2018, 20:08 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 29 giugno 2015, 18:44
Messaggi: 56
Buonasera a tutti,

intervento di svuotamento interno di fabbricato in muratura esistente e realizzazione di nuovo telaio interno in c.a. come nell'immagine seguente.

Immagine

Questioni da indagare:

1) struttura mista?! no se si dimostra che la rigidezza del telaio è ininfluente rispetto a quella della muratura (<15% la variazione del comportamento globale). Affidamento totale dell'azione sismica alla muratura e verifica globale con con dinamica lineare, e pilastri incernierati al piede per portare i carichi verticali senza influenzare la risposta alle azioni orizzontali.

2) cedimenti differenti delle due strutture? si, perchè la muratura è come se fosse orami su suolo rigido, mentre i plinti dei nuovi pilastri su suolo deformabile. Con un cedimento di 1 cm del solo telaio tra i nuovi solai e quelli esistenti orditi sulla muratura si creerebbero pericolosi dislivelli. Ancora peggio per quei solai orditi parzialmente sia su trave che su muratura . Come risolvere? Ampliamento fondazioni (riduzione cedimento) e connessione di quelle nuove a quelle esistenti.

3) fenomeni di martellamento pilastro-muratura? si, allora creazione di una mensola a quota solaio, in testa al pilastro, che in breccia entra nella muratura come un diatone, ammorsando i cantonali e perforazioni lungo l'altezza del pilastro ben progettate.

4) Parete esistente scarica rischio cinematismi? si, allora ammorsamento della soletta alle pareti perimetrali con perforazioni inghisate ad idoneo passo, con funzione di confinamento a tirante. Naturalmente verifica dei meccanismi locali. (non soffermiamoci per il momento sulla resistenza dell'ancoraggio)

Che ne pensate? Individuate altre criticità?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 11 aprile 2018, 0:03 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 9 luglio 2003, 11:52
Messaggi: 38198
per adesso mi fai ricordare che ci sono stati numerosi interventi di realizzazione di una nuova struttura all'interno delle quinte esterne di una da conservare ad esempio per questioni paesaggistiche;
ricordo che ad esempio la cosa è stata fatta per un edificio adibito a banca a Como, lungo la strada prospiciente il lago,

ricordo meglio e ti faccio sapere

_________________
"l'ingegnere sa quello che fa, e fa quello che sa" (Michele Pagano)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 11 aprile 2018, 10:51 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 29 giugno 2015, 18:44
Messaggi: 56
ciao pasquale, ho letto già di questo edificio in altri tuoi post, ma non ho trovato materiale utile al fine strutturale.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 11 aprile 2018, 17:11 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 9 luglio 2003, 11:52
Messaggi: 38198
interventi di questo tipo, specialmente nel riuso di vecchi edifici industriali, ce ne sono molti;
l'interno viene svuotato e resta il solo involucro esterno, poi viene realizzata una nuova struttura portante che ovviamente regge anche l'involucro esterno

ad es.
http://ec2.it/annamarmo/projects/247640 ... -Canonica-
http://www.rivistaprogetti.com/index.ph ... i-al-forno
http://www.ppan.it/stories/svuotare-e-r ... -il-riuso/


devo avere qualche rivista con i dettagli di uno di questi interventi ma prima devo ricordare quale

_________________
"l'ingegnere sa quello che fa, e fa quello che sa" (Michele Pagano)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 11 aprile 2018, 19:55 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 29 giugno 2015, 18:44
Messaggi: 56
Grazie per i link condivisi. Cmq in che senso regge anche l'involucro? la muratura portante (involucro) poggia sulle sue fondazioni e li rimane ai carichi verticali. La questione è solo nei confronti dei meccanismi locali e quindi progettare idonei ammorsamenti che impediscano cinematismi.

Oggi mi sono dedicato ad approfondire la questione della fondazione zoppa a perimetro. Tra i vari post la soluzione più condivisa è andare con travi parallele al perimetro, ma nel caso di plinti risolvere le eccentricità di scarico con delle travi di "ricentraggio" del carico. Ebbene ipotizzando un semplice portale 2D con due pilastri a plinti zoppi specchiati, basta realizzare una trave di collegamento tra i plinti (che cmq bisogna fare in zona sismica) affinche questa e la trave in elevazione creino un momento opposto a quello ribaltante dovuto al carico eccentrico?

la trave di collegamento lavora a compressione e quelle in elevazione come catena? non mi torna qualcosa.. a questo punto non sarebbe meglio realizzare una bella trave alta e rigida che collega i due plinti ottenendo lo stesso beneficio, creandosi al suo interno la coppia stabilizzatrice?

Immagine


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 11 aprile 2018, 21:10 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 29 giugno 2015, 18:44
Messaggi: 56
Praticamente un giro enorme per finire ad una fondazione a trave rovescia che collega i due plinti, senza mensole di prolungamento. Questa se abbastanza rigida, con i carichi dei pilastri sommati e centrati nel nocciolo lavora a semplice compressione distribuendo il carico al terreno uniformemente. Quindi no plinto zoppo, ma trave rovescia.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 6 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010