IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è sabato 20 luglio 2019, 2:56

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: venerdì 3 agosto 2018, 14:02 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 3 agosto 2018, 11:59
Messaggi: 2
salve a tutti,
sono uno studente di Ing. Civile, per l'esame relativo alle costruzioni in acciaio mi è stato assegnato il progetto di una passerella pedonale sita in ambiente urbano ad un altezza dal suolo di 6m e luce netta di 19 m, con uno schema statico di trave con appoggio e carrello agli estremi. Come scelta progettuale ho considerato un impalcato costituito da una soletta di cls con lamiera grecata collaborante, uno strato di cls alleggerito e pavimentazione in pietra, e lo schema strutturale costituito da due travi principali collegate da 9 traversi.
Il problema è che purtroppo il mio piano di studi non prevede l'esame relativo alla progettazione di ponti, e mi sono dovuto arrangiare con il materiale trovato in rete, e proprio per questo chiedo a voi se l'iter che ho effettuato sia giusto in quanto frutto di una somma di cose.
I miei riferimenti iniziali sono stati un esercizio svolto su una passerella in acciaio-legno, e la relazione di un dimensionamento di solaio con lamiera grecata.
Per l'impalcato, ho effettuato le verifiche in fase di getto sulla lamiera, in cui ho preso in considerazione l'area efficace ed effettuato le verifiche a flessione per la flangia e a compressione per l'anima.
Poi ho preso in considerazione la fase in cui la soletta è collaborante, in corrispondenza della quale ho applicato gli schemi di carico 4 e 5, prendendo in considerazione la sez. trasversale, andando a valutare quello più gravoso, che è risultato essere il 4, e ho quindi sommato le sollecitazioni di tale schema con quelle dovute ai carichi permanenti ottenendo le sollecitazioni max.
Ho quindi effettuato le verifiche a flessione e taglio, la resistenza allo scorrimento, e quindi la verifica allo stato limite di servizio, nel quale con l'ausilio di vcaslu ho ricavato i momenti d'inerzia della sezione parzializzata e omogenizzata, fatto una media dei due trovando il momento d'inerzia che ho utilizzato nel calcolo della freccia in cui ho tenuto conto del carico escludendo il peso del cls. La freccia così trovata è risultata essere inferiore a L/350 in cui L è la larghezza dell'impalcato.
Dopo aver fatto questo, ho predimensionato le travi principali e i traversi, e nell'implementazione della struttura sul sap2000 ho trovato problemi con l'azione del vento, che dopo tante ricerche ho capito come calcolare nel caso di un ponte (CNR) e che mi fornisce 3 sollecitazioni, fx, fy, mz agenti sull'asse longitudinale del ponte. Avendo sul software la sola struttura composta dalle travi principali e i traversi con i vincoli esterni, non so proprio come fare. Vi ringrazio anticipatamente e mi scuso, ma purtroppo il prof del corso è stato molto impegnato e non è riuscito a seguirmi, e siccome vorrei tenere l'esame a settembre ho bisogno di un aiuto.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: venerdì 3 agosto 2018, 17:15 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 9 luglio 2003, 11:52
Messaggi: 37867
il procedimento seguito mi sembra corretto;

non ho ben capito l'ultimo problema, quello del vento;
hai una trave con due rigidezze flessionali (nel piano verticale e in quello orizzontale) e con una rigidezza torsionale, quindi occorre analizzare i problemi elastici e aero-elastici che ne conseguono

P.S. non dimenticare le vibrazioni sotto i carichi pedonali, ricordo che se ne è parlato invarie discussioni in questo forum

_________________
"l'ingegnere sa quello che fa, e fa quello che sa" (Michele Pagano)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: venerdì 3 agosto 2018, 17:42 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 3 agosto 2018, 11:59
Messaggi: 2
nel software mi trovo a poter inserire nelle combinazioni, i carichi nelle tre dimensioni x,y,z e questi carichi vanno associati ai frame che sarebbero le mie 2 travi principali e i 9 traversi. Ora siccome dalle formule dateci dal cnr trovo tre componenti del vento fx, fy e mz, che sono idealmente applicate lungo l'asse longitudinale, non so come inserirle nel sap. Quindi chiedevo se ci fosse un modo o se sto sbagliando qualcosa


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: venerdì 3 agosto 2018, 18:29 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 9 luglio 2003, 11:52
Messaggi: 37867
premesso che non ne capisco, qualche cosa l'ho imparata leggendo il capitolo di M. Como nel vol. 2 di Ingegneria delle Strutture, a cura di Giangreco, di cui, forse può esserti utile posto questa figura e relativo testo

Immagine

_________________
"l'ingegnere sa quello che fa, e fa quello che sa" (Michele Pagano)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: domenica 5 agosto 2018, 10:01 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 6 ottobre 2014, 9:31
Messaggi: 1111
un po' di doc specifica

https://mega.nz/#!tR0XgYLS!kGNDPAu2T6kO ... vRtfRQCgq4


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010