IngForum
http://www.ingegneri.info/forum/

Distanza confine problema
http://www.ingegneri.info/forum/viewtopic.php?f=4&t=109588
Pagina 1 di 2

Autore:  salvoandolina [ venerdì 17 maggio 2019, 7:32 ]
Oggetto del messaggio:  Distanza confine problema

Salve ho comprato un immobile con un portico di 50 mq circa 7x7 a 2 m dal confine realizzato con concessione del 1967. Vorrei chiuderlo per realizzare un vano e ciò è compatibile col regolamento urbanistico essendo l’immobile in zona b. L’unico problema è che il comune mi chiede il consenso del vicino, il quale ha costruito a 5 m di distanza con permesso del 2015. A mio parere si tratta di una valutazione errata essendo il mio confine stabilito dalla concessione del 67, mentre il vicino pretende l’arretramento a 5 m; grazie

Autore:  pasquale [ domenica 2 giugno 2019, 17:49 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Distanza confine problema

all'epoca della tua concessione i porticati facevano volume o no ?

perché secondo me nel primo caso hai ragione tu, nel secondo caso ha ragione il vicino;
resta che non comprendo la richiesta del Comune

Autore:  jazz [ lunedì 3 giugno 2019, 11:37 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Distanza confine problema

Se oggi il regolamento prevede la distanza dei 5 metri, ciò che è stato costruito prima è salvo, ciò che viene costruito oggi va posto a distanza di 5 metri. Quindi il porticato e le sue strutture sono salve; l'eventuale tamponamento viola la norma dei 5 metri e non può essere realizzato.

Autore:  porteo.1 [ venerdì 7 giugno 2019, 18:45 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Distanza confine problema

Occorre verificare bene il regolamento comunale. Se il porticato è parte dell'edificio, chiudendolo non si starebbe riducendo la distanza dal confine o dall'altro fabbricato, in quanto la distanza sarebbe già quella esistente; se invece non rientra come definizione come parte dell'edificio (per esempio nel mio regolamento e in molti altri che ho visto, gli aggetti sino ad un metro e mezzo non rientrano nel computo delle distanze) chiudendolo diminuirei la distanza e avrebbe ragione il vicino.

Autore:  salvatorebennardo [ venerdì 7 giugno 2019, 19:46 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Distanza confine problema

secondo me qua:

porteo.1 ha scritto:
Occorre verificare bene il regolamento comunale. Se il porticato è parte dell'edificio, chiudendolo non si starebbe riducendo la distanza dal confine o dall'altro fabbricato, in quanto la distanza sarebbe già quella esistente; se invece non rientra come definizione come parte dell'edificio (per esempio nel mio regolamento e in molti altri che ho visto, gli aggetti sino ad un metro e mezzo non rientrano nel computo delle distanze) chiudendolo diminuirei la distanza e avrebbe ragione il vicino.


manca il concetto di volume.

quindi chiedo: cosa essere volume ?

e poi perché ci mischi gli aggetti? per far comprendere meglio cosa è un non volume?

o.t. questa è un'altra buona ragione (per me) per avere deciso di non praticare più diritto urbanistico e altre robe.

Autore:  pasquale [ sabato 8 giugno 2019, 16:31 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Distanza confine problema

ad es. nel mio regolamento edilizio i porticati non entrano nella volumetria solo nel caso che siano aperti al pubblico,
cosa che in genere non accade per case isolate (anche perché dalle mie parti non c'è la tradizione costruttiva dei porticati ad uso pubblico diffusissima ad es. in Emilia Romagna e Veneto, usata però solo nei centri urbani);
nel mio caso quindi quel porticato farebbe volume e potrei benissimo chiuderlo

P.S. Salvatore sei forte quando usi espressioni da studente di lingua italiana, un poco dalla traduzione di "Via col vento",
però vai bene, almeno usi bene i verbi ausiliari :lol:

Autore:  porteo.1 [ lunedì 10 giugno 2019, 15:36 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Distanza confine problema

salvatorebennardo ha scritto:
secondo me qua:

porteo.1 ha scritto:
Occorre verificare bene il regolamento comunale. Se il porticato è parte dell'edificio, chiudendolo non si starebbe riducendo la distanza dal confine o dall'altro fabbricato, in quanto la distanza sarebbe già quella esistente; se invece non rientra come definizione come parte dell'edificio (per esempio nel mio regolamento e in molti altri che ho visto, gli aggetti sino ad un metro e mezzo non rientrano nel computo delle distanze) chiudendolo diminuirei la distanza e avrebbe ragione il vicino.


manca il concetto di volume.



Non ho parlato di volume perché (almeno qui) non è il volume in senso stretto a dover rispettare le distanze, ma il fabbricato/edificio con anche le sue prominenze, a prescindere che formino volumi; se non erro, in base ad una recente sentenza, potrebbe essere anche una scala l'oggetto che deve stare oltre quella determinata distanza.

Autore:  salvatorebennardo [ lunedì 10 giugno 2019, 21:07 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Distanza confine problema

l'esistente è realizzato con licenza del 1967, pertanto pare in regola.

la chiusura del portico (che al momento lì non considerano volume) costituisce ampliamento della costruzione con nuovo volume.
se le pareti devono stare a 5 mt, non credo proprio possa farsi;
neanche il vicino può derogare - con il suo consenso - alle norme urbanistiche.

quello scimunito del comune non può "invitare" il vicino a derogare sulle distanze urbanistiche, che proprio lo scimunito del comune dovrebbe fare rispettare.

Autore:  reversi [ martedì 11 giugno 2019, 0:09 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Distanza confine problema

salvoandolina ha scritto:
Salve ho comprato un immobile con un portico di 50 mq circa 7x7 a 2 m dal confine realizzato con concessione del 1967. Vorrei chiuderlo per realizzare un vano e ciò è compatibile col regolamento urbanistico essendo l’immobile in zona b. L’unico problema è che il comune mi chiede il consenso del vicino, il quale ha costruito a 5 m di distanza con permesso del 2015. A mio parere si tratta di una valutazione errata essendo il mio confine stabilito dalla concessione del 67, mentre il vicino pretende l’arretramento a 5 m; grazie

se la parete del tuo vicino è finestrata, la distanza di 10 metri tra costruzioni che si fronteggiano è inderogabile.

se la parete del tuo vicino non è finestrata devi leggere nel regolamento edilizio quanto vale in questo caso la distanza tra costruzioni che si fronteggiano.

la distanza dal confine non è mai un problema di regolamento perché si tratta di un diritto disponibile: il tuo vicino può eccepirne la violazione oppure accettarla.

Autore:  porteo.1 [ martedì 11 giugno 2019, 16:23 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Distanza confine problema

salvatorebennardo ha scritto:
l'esistente è realizzato con licenza del 1967, pertanto pare in regola.

la chiusura del portico (che al momento lì non considerano volume) costituisce ampliamento della costruzione con nuovo volume.

Non mi pare che abbiano asserito che è considerato volume
salvatorebennardo ha scritto:
se le pareti devono stare a 5 mt, non credo proprio possa farsi;
neanche il vicino può derogare - con il suo consenso - alle norme urbanistiche.

quello scimunito del comune non può "invitare" il vicino a derogare sulle distanze urbanistiche, che proprio lo scimunito del comune dovrebbe fare rispettare.

Anche qui occorre vedere dove salvoandolina si trova, le Regioni a statuto speciale hanno in qualche caso legislazione differente da quella nazionale (vedasi la mia)

Pagina 1 di 2 Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
https://www.phpbb.com/