IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è martedì 15 ottobre 2019, 8:17

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: giovedì 12 settembre 2019, 13:19 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 settembre 2019, 13:00
Messaggi: 3
Buongiorno,

Sono proprietario di un edificio costruito su un terreno in parte B3 (su cui giace l'edificio) ed in parte agricolo (libero).
Premesso che catastalmente il terreno è composto da un'unica particella e che l'intera area è racchiusa perimetralmente da un recinto, mi reco al comune per un parere preventivo in merito alla realizzazione di una piscina interrata di dimensioni 6x12m da costruire all'interno dell'area agricola limitrofa al fabbricato.
Avendo letto in rete parecchie sentenze di vari TAR e CDS che legittimavano la costruzione di piscine PERTINENZIALI in aree agricole, sono andato abbastanza tranquillo, invece i tecnici mi hanno detto che, anche se il terreno è una pertinenza del fabbricato non è possibile realizzare la piscina in quanto non sussiste OMOGENEITA' URBANISTICA tra le due aree.
Quindi, in parole povere, o realizzo la piscina in zona B3 (ma non ne avrei lo spazio) o niente!
Paradossalmente, mi hanno anche detto che, se l'edificio fosse stato costruito in zona agricola, la realizzazione sarebbe stata possibile.
QUESTA COSA MI HA DECISAMENTE SPIAZZATO.
Qualcuno ha avuto esperienze simili o sa darmi qualche consiglio in merito?

Grazie anticipatamente


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 12 settembre 2019, 18:08 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 9 luglio 2003, 11:52
Messaggi: 38101
secondo me si può ragionare sul fatto che la "pertinenzialità" non è una cosa oggettiva, ma una cosa soggettiva, secondo la volontà del proprietario;
vedi a proposito l'art. 817 del codice civile:
Sono pertinenze le cose destinate in modo durevole a servizio o ad ornamento di un'altra cosa. La destinazione puo' essere effettuata dal proprietario della cosa principale o da chi ha un diritto reale sulla medesima

sono io a decidere cosa è pertinenza della mia abitazione, non "la compatibilità urbanistica" che peraltro è un concetto abbastanza superato nell'urbanistica moderna
(prima della rivoluzione industriale la zonizzazione non esisteva, poi però ha preso l'avvento una visione razionalista-meccanicistica delle attività umane, ed oggi si stanno vedendo i vari guai che ha prodotto)

_________________
"l'ingegnere sa quello che fa, e fa quello che sa" (Michele Pagano)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 12 settembre 2019, 18:29 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 22 novembre 2012, 12:09
Messaggi: 1227
Località: finis terrae
pasquale ha scritto:
secondo me si può ragionare sul fatto che la "pertinenzialità" non è una cosa oggettiva, ma una cosa soggettiva, secondo la volontà del proprietario;
vedi a proposito l'art. 817 del codice civile:
Sono pertinenze le cose destinate in modo durevole a servizio o ad ornamento di un'altra cosa. La destinazione puo' essere effettuata dal proprietario della cosa principale o da chi ha un diritto reale sulla medesima

sono io a decidere cosa è pertinenza della mia abitazione, non "la compatibilità urbanistica" che peraltro è un concetto abbastanza superato nell'urbanistica moderna
(prima della rivoluzione industriale la zonizzazione non esisteva, poi però ha preso l'avvento una visione razionalista-meccanicistica delle attività umane, ed oggi si stanno vedendo i vari guai che ha prodotto)

pasquale, non mi pare che la questione sia la pertinenzialità o meno della piscina.

qua la questione è la sua realizzazione. dopo che l'avrà realizzata si discuterà se potrà essere pertinenza o meno.

perciò, bisogna rispondere a questa domanda: in quel terreno (che è pertinenza dell'abitazione) le vigenti norme urbanistiche nel comune di injack83 consentono la realizzazione della piscina? i tecnici del comune hanno detto no.

vorresti andare a contestare questa loro posizione sulla base di una visione razionalista-meccanicistica delle attività umane che tu non condividi?

o forse vogliamo proporre qualcosa di tecnico?

io proverei a chiedere ai tecnici del comune come cambierebbero le cose frazionando la parte di terreno agricolo e sciogliendo il vincolo di pertinenzialità del terreno con l'adiacente fabbricato. forse così la questione diventerebbe semplicemente "creazione di una piscina in un terreno".

_________________
there must be some way out of here, said the joker to the thief.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 12 settembre 2019, 19:22 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 settembre 2019, 13:00
Messaggi: 3
Reversi, quella della "pertinenza" in realtà è l'unica carta a mio favore, visto che molte sentenze TAR e CDS autorizzano la costruzione di piscine in zona agricola solo se di pertinenza all'abitazione principale.
Se "sciolgo" la pertinenza con un frazionamento si tratterà di realizzare una piscina in un piccolo lotto di terreno AGRICOLO. MISSION: IMPOSSILE!
L'unica cosa che qui non mi torna è la questione dell'OMOGENEITA' URBANISTICA!
Secondo il loro parere, visto che la casa giace in zona B3 e la piscina ricadrebbe in zona E non è possibile realizzarla, nonostante la pertinenzialità sia chiara. :?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 12 settembre 2019, 19:25 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 9 luglio 2003, 11:52
Messaggi: 38101
in zona agricola però è consentito fare vasche di raccolta delle acque piovane (ad uso irrigazione, ma nulla vieta che ci si possa anche fare un bagno :lol: )

_________________
"l'ingegnere sa quello che fa, e fa quello che sa" (Michele Pagano)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 12 settembre 2019, 19:54 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 settembre 2019, 13:00
Messaggi: 3
Beh, si, questo è un vecchio stratagemma :lol: ma mi pare un po rischioso di questi tempi.
Spero solo che l'unica strada non siano le vie legali...


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: venerdì 13 settembre 2019, 10:34 
Non connesso

Iscritto il: martedì 8 gennaio 2008, 20:58
Messaggi: 1646
Località: Chieti
Io ho avuto un caso molto simile, anni fa, e dovrei avere una serie di sentenze e di determinazioni di un paio di regioni che permettevano la realizzazione. Anche io ricevetti un diniego iniziale, ma successivamente, a seguito della lettura dei provvedimenti che dicevo, la realizzazione fu autorizzata. Ricordo le condizioni di base: che la piscina fosse di uso esclusivamente privato e che fosse di dimensioni contenute

_________________
Valutatore Immobiliare Certificato UNI 11558/2014 - Livello Avanzato
La situazione è grave ma non seria (E. Flaiano)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010