IngForum
http://www.ingegneri.info/forum/

Antincendio: distacco di un condominio da impianto idrico
http://www.ingegneri.info/forum/viewtopic.php?f=4&t=91975
Pagina 1 di 1

Autore:  andrew70 [ mercoledì 7 novembre 2018, 11:43 ]
Oggetto del messaggio:  Antincendio: distacco di un condominio da impianto idrico

Buongiorno,

chiedo, per cortesia, un chiarimento sulla situazione seguente:

in un condominio dove attualmente esiste un solo CPI ma 2 sotto-condomini aventi rispettivamente le seguenti attività soggette al controllo di p.i:
una parte ha le attività altezza del fabbricato > 24 m e centrale termica, l'altra parte ha una sola attività ovvero autorimessa interrata con veicoli > 9.

Alcuni anni fà, una parte di condominio (l'autorimessa) ha provveduto a distaccarsi dall'impianto idrico condominiale e si è dotata di un suo rifornimento idrico con un proprio contatore: questa operazione è stata effettuata mediante una progettazione a monte della rete idrica sprinkler a servizio dell'autorimessa stessa. Questa rete a servizio degli sprinkler era già esistente ma ovviamente era prima alimentata dall'impianto idrico comune a tutti e 2 i condomini.

Chiedo se, a fronte della suddetta "separazione" e distacco dell'autorimessa interrata dall'originario impianto idrico condominiale, sia oggi necessario provvedere ad una separazione anche del CPI ovvero se è necessario oggi richiedere conformità separate : una conformità antincendio per il condominio con le 2 attività h> 24 m e centrale termica ed una conformità antincendio con una nuova intestazione per l'autorimessa interrata.

Grazie,
A.

Autore:  boba74 [ mercoledì 7 novembre 2018, 12:44 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Antincendio: distacco di un condominio da impianto idric

Credo sia più una questione "burocratica" che tecnica. Nel senso che se finora le attività erano tutte facenti parte di un unica pratica (stesso numero di pratica VVF per intenderci) allora il fatto di aver separato l'impianto non cambia, semplicemente ora hai 2 impianti divisi, e quindi in sede di SCIA o rinnovi del CPI i 2 impianti avranno collaudi separati e DICO separate, ma faranno parte sempre dello stesso CPI, e comunque in generale le attività secondarie (CT e autorimessa) possono anche avere tempi diversi di rinnovo a seconda di eventuali modifiche intervenute o scadenze, pur rimanendo sempre in una stessa pratica VVF. Cioè, tu hai separato l'impianto, e non le attività.

Se però la parte che si è separata ha una diversa proprietà o una diversa intestazione (ad esempio se viene ceduta a qualcun altro) allora in tal caso si dovranno separare le pratiche VVF, perchè i "responsabili" diventano soggetti diversi quindi ognuno dovrà avere i propri adempimenti e le proprie responsabilità in caso di incendi.

A me sta giusto capitando un condominio in cui ho come attività una CT e un'autorimessa (anche se il condominio in sè non è soggetto perchè <24m), però essendo composto da più corpi di fabbrica ho che la CT serve tutti i civici del complesso, mentre l'autorimessa ne serve solo un paio: in tal caso ho presentato pratiche separate, anche se il condominio è lo stesso, perchè di fatto le due "attività" hanno numeri civici diversi, o comunque non coincidenti, ma più per una questione di chiarezza di gestione che non per reali necessità, tanto è vero che i VVF mi avrebbero accettato anche la pratica unica.

Autore:  andrew70 [ venerdì 9 novembre 2018, 12:43 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Antincendio: distacco di un condominio da impianto idric

Grazie Boba74,

perdonami ma come faccio nella pratica a separare le 2 pratiche ?? Io ho 2 civici diversi.

Quali passaggi e/o moduli al comando devo utilizzare ??

L'ultimo rinnovo (per tutte le 3 attività presebnti) è stato effettuato in data marzo 2013.

Credo quindi che adesso io debba rinnovare solo la conformità per la centrale termica (scade ogni 5 anni) e non per le altre 2 attività, corretto ??

Autore:  boba74 [ venerdì 9 novembre 2018, 16:43 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Antincendio: distacco di un condominio da impianto idric

andrew70 ha scritto:
Grazie Boba74,

perdonami ma come faccio nella pratica a separare le 2 pratiche ?? Io ho 2 civici diversi.

Quali passaggi e/o moduli al comando devo utilizzare ??

L'ultimo rinnovo (per tutte le 3 attività presebnti) è stato effettuato in data marzo 2013.

Credo quindi che adesso io debba rinnovare solo la conformità per la centrale termica (scade ogni 5 anni) e non per le altre 2 attività, corretto ??

Nel tuo caso, anche se hai 2 civici diversi, se finora la pratica è stata unica non vedo cosa cambia per il fatto di aver solo sdoppiato un impianto: nel CPI sono presenti comunque sempre le stesse attività: 77 (edificio civile >24m), 74 (centrale termica) e 75 (autorimessa). La "variante" relativa alla separazione dell'impianto antincendio a servizio dell'autorimessa, non cambia il fatto che la situazione resti immutata dal punto di vista del CPI, quindi per quanto riguarda le pratiche, si dovrebbe semplicemente fare una SCIA di variante senza aggravio del rischio, in questo caso io la farei solo relativamente all'autorimessa, essendo quella che ha una nuova fornitura idrica, allegando il progetto di variante dell'impianto e relativo collaudo e DICO (le restanti attività restano invariate). In tal caso quindi, se dici che l'ultimo rinnovo è del 2013, (quindi CT e autorimessa sono comunque scadute), dovresti presentare:
-SCIA di variante senza aggravio per l'autorimessa
-Rinnovo periodico per la CT (il fatto che sia scaduta da qualche mese non dovrebbe essere un problema per i VVF, solitamente la accettano lo stesso senza sanzioni anche dopo 1 anno, ma dipende dal comando...)
-Per l'attività 77 il rinnovo è ogni 10 anni, quindi quella la rinnoverai tra 5 anni, ora non devi fare nulla.
Nei vari rinnovi e SCIA avrai sempre lo stesso numero di pratica, ma si pagheranno solo i bollettini relativi alle attività oggetto di rinnovo o SCIA (indicandole negli appositi campi con i rispettivi importi), ma restano sempre legate alla stessa pratica.

Non vedo il motivo in questo caso di complicarsi la vita per separare le pratiche, visto che c'è già un CPI, a meno che l'autorimessa non sia diventata un soggetto autonomo e separato dal condominio (in tal caso occorrerebbe chiedere direttamente ai VVF, perchè sarebbe una sorta di voltura "parziale", anche se immagino sarebbe necessario a quel punto presentare una SCIA ex novo alla quale verrà assegnato un nuovo numero di pratica e l'attività 75 verrebbe scorporata dal CPI del condominio.... :roll: ).

Autore:  andrew70 [ sabato 10 novembre 2018, 11:36 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Antincendio: distacco di un condominio da impianto idric

Grazie mille Boba74,

sei stato gentilissimo e chiarissimo.

A.

Autore:  diego3675 [ lunedì 12 novembre 2018, 16:53 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Antincendio: distacco di un condominio da impianto idric

Se il condominio è uno solo (e di conseguenza l'amministratore è uno solo), non vedo perchè separare le pratiche di prevenzione incendi ... andresti solo a incasinare le cose.
Io lascerei tutto assieme e bon

Detto questo, attenzione ai rinnovi scaduti.
Fai una ricognizione di come è l'orientamento del comando, dopo il decreto del luglio 2017, alcuni comandanti in caso di rinnovo scaduto fanno partire in automatico le procedure di polizia giudiziaria.
Altri vogliono, invece, una nuova SCIA (con tutto quello che ciò comporta in termini di dichiarazioni di conformità).

Autore:  andrew70 [ giovedì 31 gennaio 2019, 17:24 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Antincendio: distacco di un condominio da impianto idric

Scusate se riprendo solo ora la discussione,

purtroppo al comando vvf non mi hanno dato risposte soddisfacenti quindi chiedo ancora al Forum un aiuto:

per intenderci, i 2 condomini sono sempre stati caratterizzati da un CF diverso e da civici diversi, anche se sul CPI (unico) vengono riportate tutte le attività (74 - 75 - 77).

Io ritengo che, visto che l'autorimessa si è di fatto dotata di un approvvigionamento idrico diverso ed autonomo rispetto al condominio (con attività 74 e 77), dal punto di vista della sicurezza antincendio debba venire trattata autonomamente.
Tuttavia, e ringrazio ancora Boba74, non mi è chiaro come effettuare una voltura "parziale" e se, soprattutto, questa voltura debba precedere la consegna della Scia senza aggravio di rischio per l'autorimessa.
Invece mi è chiaro che per l'edificio alto (att. 74 e 77) procederò ad un semplice rinnovo solo ed esclusivamente per l'attività ct (74), la 77 scadrà tra 4 anni.

Ringrazio anticipatamente chi mi aiuterà a dipanare questa "matassa".

Autore:  boba74 [ lunedì 4 febbraio 2019, 17:12 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Antincendio: distacco di un condominio da impianto idric

Se sul CPI erano presenti entrambe le ragioni sociali, non si dovrebbe fare alcuna voltura: semplicemente in caso di separazione dell'autorimessa questa sarà intestata solo a una delle due e non più a entrambe.
Se invece il CPI era instatato solo a una delle due ragioni sociali, allora secondo me è meglio fare una voltura relativa alla sola attività autorimessa (o a quelle che vengono ad avere una intestazione diversa rispetto al CPI), indicando sulla voltura solo le attività da volturare.... :roll:
In caso di voluta, la voltura e la scia possono essere presentate contestualmente (ovviamente sulla SCIA ci deve essere già l'intestazione nuova).

Pagina 1 di 1 Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
https://www.phpbb.com/