IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è venerdì 15 novembre 2019, 11:52

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 242 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 18, 19, 20, 21, 22, 23, 24, 25  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: PERCHE???
MessaggioInviato: sabato 12 marzo 2011, 2:28 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 9 luglio 2003, 11:52
Messaggi: 38198
Un piccolo racconto vero.
La scorsa settimana andai con un mio collega, a scrocco con la sua auto :wink: , nel capoluogo della mia provincia per cose di lavoro presso i vari uffici che si trovano li.
Avendo finito le mie cose prima del collega e dovendolo aspettare, andai in una libreria; avrei voluto comprare "Costruire correttamente" di Pier Luigi Nervi ma costava 50 euro e così ripiegai su un libricino su Felix Candela a 7,99 euro :wink:
Alla cassa una delle commesse vide il libro dal titolo "Candela" con in copertina la scultura di Plaza de los Abanicos della città di Cuernavaca in Messico e disse:
"Candela ... un architetto ?"
Siccome la parola architetto, confesso, a volte ha lo stesso effetto di toccarmi un nervo scoperto :lol: , risposi subito:
"Con tutto il rispetto per gli architetti, ma Felix Candela era un ingegnere" :azz:
Osservai che lei ci rimase un pò male (mentre l'altra commessa sorrideva).
Dovendo aspettare in strada il mio collega cominciai a sfogliare il libro:
"Candela nacque a Madrid il 27 gennaio 1910 e studiò alla Escuela Superior de Arquitectura della capitale spagnola, dove si laureò nel 1935"
l'emozione immediata fu: :oops: :oops: :oops:
ma continuando a leggere:
"Ho studiato architettura per puro caso e senza avere alcuna fiducia nelle mie capacità di artista e progettista. Forse è stata questa insicurezza che mi ha spinto a dedicarmi allo studio degli aspetti tecnici e dei materiali ... alla matematica e alle strutture"
a questo punto mi ripresi :angel: e poi:
"Nel 1941 ottenne la cittadinanza messicana e nella sua nuova patria si costruì un famiglia, apprese il lavoro dell'ingegnere civile e proseguì gli studi di matematica da autodidatta ..."
:azz:

Conclusioni: su quel libro ho anche avuto un bonus di 70 centesimi da usufruirne entro un anno; mi manca il libro di Pier Luigi Nervi ma chiederò a qualche amico di andarmelo a comprare, non voglio farmi riconoscere dalla commessa della libreria
:oops:

_________________
"l'ingegnere sa quello che fa, e fa quello che sa" (Michele Pagano)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: PERCHE???
MessaggioInviato: sabato 12 marzo 2011, 11:31 
Non connesso

Iscritto il: martedì 23 dicembre 2008, 10:33
Messaggi: 872
Località: Torino
pasquale ha scritto:
Un piccolo racconto vero.
La scorsa settimana andai con un mio collega, a scrocco con la sua auto :wink: , nel capoluogo della mia provincia per cose di lavoro presso i vari uffici che si trovano li.
Avendo finito le mie cose prima del collega e dovendolo aspettare, andai in una libreria; avrei voluto comprare "Costruire correttamente" di Pier Luigi Nervi ma costava 50 euro e così ripiegai su un libricino su Felix Candela a 7,99 euro :wink:
Alla cassa una delle commesse vide il libro dal titolo "Candela" con in copertina la scultura di Plaza de los Abanicos della città di Cuernavaca in Messico e disse:
"Candela ... un architetto ?"
Siccome la parola architetto, confesso, a volte ha lo stesso effetto di toccarmi un nervo scoperto :lol: , risposi subito:
"Con tutto il rispetto per gli architetti, ma Felix Candela era un ingegnere" :azz:
Osservai che lei ci rimase un pò male (mentre l'altra commessa sorrideva).
Dovendo aspettare in strada il mio collega cominciai a sfogliare il libro:
"Candela nacque a Madrid il 27 gennaio 1910 e studiò alla Escuela Superior de Arquitectura della capitale spagnola, dove si laureò nel 1935"
l'emozione immediata fu: :oops: :oops: :oops:
ma continuando a leggere:
"Ho studiato architettura per puro caso e senza avere alcuna fiducia nelle mie capacità di artista e progettista. Forse è stata questa insicurezza che mi ha spinto a dedicarmi allo studio degli aspetti tecnici e dei materiali ... alla matematica e alle strutture"
a questo punto mi ripresi :angel: e poi:
"Nel 1941 ottenne la cittadinanza messicana e nella sua nuova patria si costruì un famiglia, apprese il lavoro dell'ingegnere civile e proseguì gli studi di matematica da autodidatta ..."
:azz:

Conclusioni: su quel libro ho anche avuto un bonus di 70 centesimi da usufruirne entro un anno; mi manca il libro di Pier Luigi Nervi ma chiederò a qualche amico di andarmelo a comprare, non voglio farmi riconoscere dalla commessa della libreria
:oops:

Sarebbe bello se esistessero ancora tanti ingegneri poeti come Candela o Nervi (del quale ricordo che frequentò ingegneria solo perché, ai suoi tempi, architettura non era ancora riconosciuta come corso di laurea magistrale).
Il primo ingegnere da cui lavorai, a metà tempo durante gli anni di università, conosceva la Divina Commedia e l'Iliade a memoria, e diceva sempre che "l'Italiano non serve a far calcina, ma aiuta a vivere".
Aveva qualche problema coi colori, ma per questo c'ero io. Questo è il tipo di ingegnere che io e Pasquale vorremmo.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: PERCHE???
MessaggioInviato: sabato 12 marzo 2011, 21:44 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 9 luglio 2003, 11:52
Messaggi: 38198
gli architetti e la matematica

Immagine

:rotfl: :rotfl: :rotfl:

_________________
"l'ingegnere sa quello che fa, e fa quello che sa" (Michele Pagano)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: PERCHE???
MessaggioInviato: domenica 13 marzo 2011, 23:12 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 28 giugno 2010, 13:03
Messaggi: 18
un mio professore diceva che l'ingegnere serve per riportare l'architetto sulla terra... bellissime costruzioni da un punto di vista estetico, ma funzionalità praticamente nulla... esempio? la fiera di Milano, provate a far funzionare un macchinario senza corrente, aria, acqua, ecc.. ecc... ecc... a padova eravamo molto razisti nei confronti degli architetti di Venezia...
saluti


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: PERCHE???
MessaggioInviato: lunedì 14 marzo 2011, 1:50 
Non connesso

Iscritto il: martedì 23 dicembre 2008, 10:33
Messaggi: 872
Località: Torino
golia ha scritto:
un mio professore diceva che l'ingegnere serve per riportare l'architetto sulla terra... bellissime costruzioni da un punto di vista estetico, ma funzionalità praticamente nulla... esempio? la fiera di Milano, provate a far funzionare un macchinario senza corrente, aria, acqua, ecc.. ecc... ecc... a padova eravamo molto razisti nei confronti degli architetti di Venezia...
saluti

Il tuo professore... non era un filino semplicista?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: PERCHE???
MessaggioInviato: giovedì 17 marzo 2011, 10:26 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 17 marzo 2010, 19:00
Messaggi: 286
Questa ve la racconto:

Stavamo costruendo una palazzina di 6 piani in ca + torrino in acciaio di 4 piani ... al momento degli scavi in fondazione troviamo i famigerati resti archeologici proprio dove doveva passare una trave di fondazione a T rovescia.
Ero lì con l'architetto, mezza archistar bolognese che mi fa:

"Non possiamo fare le travi di fondaazione A SCAVALCO???"

E io:

"Quando hanno fatto le travi a scavalco a Tecnica ero assente..."

Questo per dire che non si tratta di archietti o ingegneri, ma di professionisti preparati o meno.
Inoltre citando un famoso archietto "Non sarebbe bello che il geometra facesse il geometra, l'ingegnere facesse l'ingegnere e l'archietto facesse l'architetto????"

_________________
"Qualcosa di straordinario, qualcosa di straordinario !!!"


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: PERCHE???
MessaggioInviato: martedì 19 aprile 2011, 12:50 
Non connesso

Iscritto il: sabato 13 dicembre 2008, 15:28
Messaggi: 309
Immagine

:rotfl:


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: PERCHE???
MessaggioInviato: mercoledì 20 aprile 2011, 19:15 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 14 marzo 2011, 17:44
Messaggi: 7161
Località: Atene (Greece)
Quanto sia "importante" questo plurisecolare dilemma lo dimostra la lunghezza di questo thread.

Non credete che gli architetti dovrebbero fermarsi su cosa fanno senza sapere di Ingegneria civile e gli ingegneri su cosa ignorano di Architettura?

_________________
Tra quello che noi riusciamo a malapena a vedere e quello che in realtà accade veramente c'è sempre molta differenza (Banondre, filosofo greco agnostico del II sec. d.C.).


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: PERCHE???
MessaggioInviato: venerdì 13 maggio 2011, 0:06 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 24 ottobre 2008, 14:55
Messaggi: 1296
Località: Milano
IngDaddy,

beh se quel che ti è capitato ti sconvolge, allora ti racconto una storia surreale, a proposito di "fondazioni a scavalco" (che realmente esistono!).

Mi riferisco al nuovo teatro di Brindisi. Quando s'iniziò a scavare nel 1960, ci si accorse che esistevano sotto reperti romani. Ma il ritrovamento non erano "4 muri", ma un'intero isolato romano. Una cosa tipo Pompei.

Sarebbe stato saggio a quel punto mollare l'impresa e piantare il teatro da un'altra parte. Invece no! Ecco il Teatro Sospeso (wow!), il cui senso era di lasciare accessibili gli scavi. Un teatro da 1000 posti sospeso per intero sul perimetro (il tuo "scavalco" a qesto punto impallidisce :biggrin: ).

Quindi? Quindi l'opera ha richiesto 30 anni di lavori. Ma quando è stato inaugurato, non aveva i requisiti previsti dalle nuove norme (ma và!). Quindi è stato adeguato con qualche anno di lavoro aggiuntivo. E quando è giunta la sospirata inaugurazione (non tanto sospirata), mancava il pubblico. Non so neanche se esista più una stagione, visto che la gente non va più a teatro e che il solo funzionamento costa tanto.

In tanti anni non ricordo una volta che fossero aperti gli scavi.

MA SOPRATUTTO
Perché abbiamo fatto quest'opera faraonica demolendo il vecchio teatro neoclassico Verdi, che era già bello che fatto? (E molto più bello e amato dell'attuale?).
E' chiaro che i progettisti si sono accodati alla politica.
Si dice che la politica è l'arte del possibile... Infatti, è mai possibile?


Non so se ti ho consolato o ti ho ammazzato. Spero divertito :badgrin:

_________________
Non mi sveglio mai dal sogno italiano


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: PERCHE???
MessaggioInviato: venerdì 13 maggio 2011, 9:35 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 31 gennaio 2008, 17:11
Messaggi: 1111
Località: PIEMUNT!
sono senza parole! :badboy:

_________________
Colle dell'Assietta 19 luglio 1747: "Noi i bogioma nen" - Conte di San Sebastiano

"Non correre mai più veloce di quanto il tuo angelo custode possa volare"
"Quattro ruote spostano il corpo, due muovono l'anima"


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 242 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 18, 19, 20, 21, 22, 23, 24, 25  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010