IngForum
http://www.ingegneri.info/forum/

PERCHE???
http://www.ingegneri.info/forum/viewtopic.php?f=6&t=24749
Pagina 4 di 25

Autore:  pasquale [ domenica 17 maggio 2009, 16:53 ]
Oggetto del messaggio:  Re: PERCHE???

ok vedo che te la sei presa già,
qui avevo scritto l'esatta citazione
viewtopic.php?f=8&t=24825

P.S. riallacciandomi ad un altro topic, con qualche società che si occupa anche di telefonia, ma più a misura d'uomo, potrete vedere che si pagano solo 2 cents al minuto :lol:

Autore:  massimo b [ domenica 17 maggio 2009, 18:37 ]
Oggetto del messaggio:  Re: PERCHE???

pasquale ha scritto:
ok vedo che te la sei presa

Ma figurarsi se me la prendo: sei troppo simpatico! :D
E tra l'altro, quando scrivi seriamente, condivido quasi sempre le tue opinioni

Autore:  pasquale [ domenica 17 maggio 2009, 18:57 ]
Oggetto del messaggio:  Re: PERCHE???

grazie,
ti meriti questo pezzettino di "Razon y ser de los tipos estructurales" (scusa i tagli, ma copyright, anzi se leggi quello che scrive l'editore McGraw Hill nella seconda pagina dei suoi libri ... ):
"il progettista ha bisogno di mezzi economici per vivere e per poter sviluppare la sua attività; ... ora poiché tale aspetto del problema non dipende dalla sua volontà ... egli deve soddisfare tutta una serie di altre condizioni ... segnaleremo due aspetti ai quali forse il lettore non avrà pensato, ma di cui l'esperienza pratica segna l'importanza. Si tratta dell'ironia e della simpatia ... Senza un minimo d'ironia ... la vita stride come una ruota non ingrassata. Altre volte il successo deriva dalla capacità del progettista di attirare i clienti, ispirando loro una viva simpatia personale; e ciò mentre altri colleghi, d'indubbio valore, non combinano nulla di buono. Sono cose della vita ... che non dobbiamo però dimenticare, se vogliamo vivere"

"Ovviamente il progettista deve possedere, oltre ad un certo senso artistico, anche un profondo senso strutturale e costruttivo ... "
(con questo ultimo passo ritorno alla polemica :lol: )

Autore:  massimo b [ lunedì 18 maggio 2009, 8:34 ]
Oggetto del messaggio:  Re: PERCHE???

pasquale ha scritto:
"Ovviamente il progettista deve possedere, oltre ad un certo senso artistico, anche un profondo senso strutturale e costruttivo ... "
(con questo ultimo passo ritorno alla polemica :lol: )
"Un certo senso artistico"??????????? Cosa sarebbe "un certo senso artistico"? Sale e pepe quanto basta? Una sorta di bon ton naturale?
E' proprio lì che non andiamo d'accordo: dopo il secolo del moderno, della psicologia e della comunicazione, non si può liquidare il tema della bellezza con "un certo senso artistico".
La bellezza non è un optional, che viene quasi spontaneamente dopo la statica e la tecnologia. Non è la "velina" dell'architettura, femminuccia scema che ingentilisce i rudi fondamenti maschili delle strutture e del buon costruire. La bellezza è ciò che ha fatto sì che l'uomo uomo compisse sforzi incredibili per uscire dalle caverne ed imparare a costruire le città.
E non è una roba innata, come "la classe che non è acqua e c'è chi ce l'ha e chi non ce l'ha".
La capacità di produrre bellezza (non quella di fruirne, che è altra cosa), è un fatto scientifico, che si impara con lo studio e con l'allenamento, non coi "sensi".

Autore:  massimo b [ martedì 19 maggio 2009, 8:28 ]
Oggetto del messaggio:  Re: PERCHE???

bafio ha scritto:
massimo b ha scritto:
"Un certo senso artistico"??????????? Cosa sarebbe "un certo senso artistico"? Sale e pepe quanto basta? Una sorta di bon ton naturale?
E' proprio lì che non andiamo d'accordo: dopo il secolo del moderno, della psicologia e della comunicazione, non si può liquidare il tema della bellezza con "un certo senso artistico".
La bellezza non è un optional, che viene quasi spontaneamente dopo la statica e la tecnologia. Non è la "velina" dell'architettura, femminuccia scema che ingentilisce i rudi fondamenti maschili delle strutture e del buon costruire. La bellezza è ciò che ha fatto sì che l'uomo uomo compisse sforzi incredibili per uscire dalle caverne ed imparare a costruire le città.
E non è una roba innata, come "la classe che non è acqua e c'è chi ce l'ha e chi non ce l'ha".
La capacità di produrre bellezza (non quella di fruirne, che è altra cosa), è un fatto scientifico, che si impara con lo studio e con l'allenamento, non coi "sensi".
Caspiterina !
Da non credere.
Giusto, l'avevo dimenticato:
Caspiterina! :devil!:

Autore:  pasquale [ martedì 19 maggio 2009, 10:29 ]
Oggetto del messaggio:  Re: PERCHE???

massimo b ha scritto:
"Un certo senso artistico"??????????? Cosa sarebbe "un certo senso artistico"? Sale e pepe quanto basta? Una sorta di bon ton naturale?
E' proprio lì che non andiamo d'accordo: dopo il secolo del moderno, della psicologia e della comunicazione, non si può liquidare il tema della bellezza con "un certo senso artistico"

ok se allora non siete artisti, siete artigiani ?

Autore:  massimo b [ martedì 19 maggio 2009, 15:00 ]
Oggetto del messaggio:  Re: PERCHE???

bafio ha scritto:
Sono artigiani che diventano artisti, e con l'età sempre sempre più artisti.
Noi invece siamo mezze seghe di partenza, siamo e rimaniamo solo artigiani e non diventeremo mai artisti.
Capitto ?

Ma caro bafio, perché ti devi affliggere?
L'artigiano può subire non una ma almeno due evoluzioni: la prima verso l'artista; l'altra verso l'industriale.
Poi c'è stato Le Corbusier, l'artista industriale, ma non a tutti è chiesto di diventare tanto.

Autore:  cajul [ martedì 19 maggio 2009, 18:19 ]
Oggetto del messaggio:  Re: PERCHE???

non ho capito,ma noi ingegneri saremmo proprio così grigi???

Autore:  massimo b [ martedì 19 maggio 2009, 21:53 ]
Oggetto del messaggio:  Re: PERCHE???

cajul ha scritto:
non ho capito,ma noi ingegneri saremmo proprio così grigi???
Tutt'altro: voi siete uomini d'ingegno, e quindi uomini brillanti! E quindi (mi domando eddìco): un uomo d'ingegno ha poi tutto questo bisogno di essere pure un artista? :D

Autore:  cajul [ mercoledì 20 maggio 2009, 0:41 ]
Oggetto del messaggio:  Re: PERCHE???

considerando che mediamente si fa i salti mortali x conciliare più cose, un po artisti lo siamo,alcune soluzioni strutturali,alcuni calcoli ma anche semplici trovate x gestire problemi pratici che sbucano da ogni dove, insomma la fantasia se uno ce l'ha ce l'ha,non te la da certo un titolo di studio.Quello piuttosto ti allarga la mente e ti stringe qualcos'altro....cmq,elio di elio e le storie tese è ing.elettronico,luciano de crescenzo idem,emilio gadda era ingegnere pure lui,pierluigi marzorati il cestista è ing. civile.Conosco un ing.civile italiano che ha esposto i suoi quadri in un famoso museo di buenos aires,un famoso dj in realtà è ingegnere.Insomma qualche artista,anche l'ingegneria l'annovera.Poi,negli ultimi tempi,l'uso sempre più massiccio di software vari,i FEM,le meshature e tutte queste "stregonerie" info-matematiche a me personalmente più che altro mi hanno rincoglionito.Ma questo è un altro discorso...ahahahahah....cmq,non tutti gli ingegneri hanno sul comodino l'ultimo giornale dell'ingegnere. Detto ciò,in fondo (ma proprio in fondo però) l'ingegnere mediamente non è nè artista,nè genio,nè uomo d'ingegno,nè brillante...è un uomo come tutti gli altri.

Pagina 4 di 25 Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
https://www.phpbb.com/