IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è domenica 28 febbraio 2021, 2:31

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 85 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 ... 9  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: von Braun e Gagarin
MessaggioInviato: lunedì 24 ottobre 2011, 7:06 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 17 febbraio 2005, 10:14
Messaggi: 7749
Località: rimini
mib3 ha scritto:
se si vuole criticare il militare hitler ben venga, ma esaltare la politica del terzo reich anche in forma velata rischiando di trasformare il 3d in una trattazione pseudo apologetica del nazi fascismo


considerazioni etiche da scompartimento di treno.
se si vuole capire come andarono le cose, e trarvi lezioni, bisogna abbandonare il moralismo (che non vuol dire non avercelo: vuol dire che spiegare la storia in termini di bene e di male significa disconoscere il modo in cui la realtà funziona: per la cronaca, è proprio quello che hitler faceva, mentre i suoi contendenti si misuravano in termini di carri armati prodotti ed esplosivi sganciati).

una volta ho letto una battuta che ritengo illuminante: è assodato che hitler fosse a favore dell'uso della carta igienica, non vi vergognate? :clap:
ecco, con i paraocchi ideologici si finisce per prendere cantonate simili: si demonizza ogni cosa, senza capire niente. se si vuole apprendere qualcosa in un campo (in ogni campo, mica soltanto bellico), le scelte compiute devono essere valutate dal punto di vista tecnico indipendentemente dal giudizio morale su chi le compie: hai idea di quanto sangue sia impastato con le pietre del colosseo o della cattedrale di notre dame? ciò non ci impedisce di valutarle come opere architettoniche.

la cosa divertente è che nei forum di storia a cui partecipo, mi si accusa dell'esatto contrario (e cioè di essere aprioristicamente antifascista...): questo per darti una misura di quanto immane sia la cantonata che stai prendendo.
norimberga è meglio lasciarla perdere: giuridicamente fu una mostruosità (condannare a morte persone per reati che quando furono commessi NON ESISTEVANO, non so se ti capaciti; per carità, giustificato dall'enormità della strage, ma ci andrei comunque piano a citarla come esempio di diritto), senza contare il fatto che il boia eseguì volutamente la sentenza di impiccagione in malo modo (senza oliare la corda e senza zavorra, perchè i condannati soffrissero a lungo di soffocamento, invece di venire uccisi dallo spezzamento del collo: si può capire e anche condividere la rabbia per i crimini, ma non so se ti sembra una forma di giustizia: a me sembra assai peggio del colpo alla nuca subito da gheddafi). perciò mi viene da ridere di fronte a quelli che lo chiamano processo: ci siamo vendicati e abbiamo impedito che gente del genere camminasse ancora, stop.
la costruzione processuale serve soltanto a far emergere al pubblico la mole documentale di supporto, non certo a garantire una forma di equità agli imputati.

tuttavia, così per la cronaca, nota che nel 1941 di cui si sta parlando i campi di sterminio non sono ancora funzionanti (l'ordine di attivare la soluzione finale giungerà solo l'anno dopo), così come non c'è ancora la mobilitazione totale e nemmeno è in atto la politica di lavoro coatto in germania :azz:

_________________
"Sul lungo periodo... siamo tutti morti" (John M. Keynes)

Ing. Paolo Bianco


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: von Braun e Gagarin
MessaggioInviato: lunedì 24 ottobre 2011, 12:10 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: domenica 19 giugno 2011, 10:26
Messaggi: 11007
Località: Italia
sofismi.
_________________

La considerazione è equiparabile a una simile espressa in una riunione di un qualunque comitato bioetico per decidere l'impiego o meno di cellule staminali SAPENDO che forse un NO equivale a dare in pasto a un pseudo massone (deviato) il potenziale paziente, con ripercussioni negative sulla vita sociale anche dei famigliari.

Si vuole costituire un ORDINE NUOVO di approccio all'era nazi-fascista ? accomodatevi !

Io mi "dissocio".

non a caso da qualche parte si palava di "Asilo Politico".


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: von Braun e Gagarin
MessaggioInviato: lunedì 24 ottobre 2011, 12:16 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 17 febbraio 2005, 10:14
Messaggi: 7749
Località: rimini
ma di che stai parlando? (anche se in effetti sono parecchi, i nostri politici, che dovrebbero indossare il grembiule e rimettersi a studiare, quando non proprio direttamente il cappello da asino)

_________________
"Sul lungo periodo... siamo tutti morti" (John M. Keynes)

Ing. Paolo Bianco


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: von Braun e Gagarin
MessaggioInviato: lunedì 24 ottobre 2011, 12:53 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: domenica 19 giugno 2011, 10:26
Messaggi: 11007
Località: Italia
info :

mib3 può essere interpretato secondo i canoni hollywoodiani come "uomo in nero", qualora prevalga, tale corrente di pensiero, il nero non fà in alcun modo riferimento alle camicie nere degli italici fasci, ne alle divise dei corpi "speciali" degli SS teutonici.

Per il resto che dirti, se non che, lo spettro ideologico nazi-fascista, personalmente a me fà Paura, più di quello ex-comunista degenerato nei Gulag.

Mi scuso se posso essere sembrato aggressivo od offensivo nella sensibilità altrui in talune mie affermazioni.

:SHY:


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: von Braun e Gagarin
MessaggioInviato: lunedì 24 ottobre 2011, 13:05 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 17 febbraio 2005, 10:14
Messaggi: 7749
Località: rimini
più che altro non si è capito proprio nulla... (viene anzi il sospetto che non fosse chiaro quel che dicevi neanche a te... man in black... out? :biggrin: )

_________________
"Sul lungo periodo... siamo tutti morti" (John M. Keynes)

Ing. Paolo Bianco


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: von Braun e Gagarin
MessaggioInviato: lunedì 24 ottobre 2011, 14:12 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: domenica 19 giugno 2011, 10:26
Messaggi: 11007
Località: Italia
il mein kampf è del 1925.

beh essere anti fascista è più che logico per un nazista, ragionando in termini di potenza bellica. dato che l'italia fascista più che un potente alleato risultò essere un comodo supporto logistico per l'espansione nell'area mediterranea. Se l'italia di Mussolini si comportava come la francia di allora, visto che la dorsale alpina era una formidabile barriera anti invasioni, forse il nostro presente era leggermente diverso, e anziche dei 5 membri permanenti all'onu ce ne stavano 6.

Ma la storia è andata diversamente, se fino a 30 anni fà per non sbagliare, sul territorio italiano c'erano i missili (basati sulla teoria di von braun?) a testata nucleare puntati ad est, con direzione cremlino, e il più grande partito comunista occidentale era quello italiano, che con berlinguer avviò persino una dissociazione dai vertici URSS, ci sarà stato un motivo.

o no?

p.s. talvolta fermandomi per strada mi dicono "man in bear", mah!?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: von Braun e Gagarin
MessaggioInviato: lunedì 24 ottobre 2011, 15:31 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 17 febbraio 2005, 10:14
Messaggi: 7749
Località: rimini
veramente di espandersi nell'area mediterranea hitler non ci pensava proprio, e tanto le operazioni contro la yugoslavia quanto l'africa korps nacquero solo ed esclusivamente per evitare il crollo dell'alleato italico (d'altro canto è ovvio, dimensionalmente parlando, se pensi a quell'unico corpo d'armata, appunto, contro la dozzina di armate che operavano ad est).

viceversa la dorsale alpina non avrebbe fermato certo i tedeschi a lungo, come non fermò le nostre pur scassatissime truppe nel vibrare la famosa "pugnalata alla schiena" (invasione della francia meridionale).
perciò l'italia di mussolini avrebbe forse potuto essere come la spagna di franco, casomai: non sono sicuro che nel complesso ne avremmo guadagnato...

quanto al nazista antifascista, la matrice ideologica era la stessa, anzi lo stesso hitler rimase succube di mussolini (intendo "filosoficamente", nei rapporti tra i due) fino al 1940 (quando si scoprì il bluff delle nostre forze armate, perchè prima l'italia era temuta anche dagli alleati), e anche dopo il "tradimento" legato da un'ammirazione pressochè incondizionata (che costò a mussolini la vita, presumibilmente: ci sono ben più che forti indizi che il duce dopo il 25 luglio volesse semplicemente ritirarsi a scriver memorie... quando si dicono i casi della vita: liberato contro la propria volontà :arg: )

continuo a non cogliere nè il nocciolo nè la direzione del tuo discorso

_________________
"Sul lungo periodo... siamo tutti morti" (John M. Keynes)

Ing. Paolo Bianco


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: von Braun e Gagarin
MessaggioInviato: lunedì 24 ottobre 2011, 15:57 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: domenica 19 giugno 2011, 10:26
Messaggi: 11007
Località: Italia
Ronin ha scritto:
veramente di espandersi nell'area mediterranea hitler non ci pensava proprio


più che un giovane rommel ora mi sento uno che tira una pallina da tennis per cazzeggiare contro un muro, o che tira raudi su una immaginaria linea maginot costruita sulla dorsale alpina.

Probabilmente gli bastava il carbone del bacino della Rurh ?

Anche tu sei fenomenale, vado a pattinare nel brennerpass se chiuso per neve. :badboy:


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: von Braun e Gagarin
MessaggioInviato: lunedì 24 ottobre 2011, 22:52 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 24 ottobre 2008, 14:55
Messaggi: 1296
Località: Milano
mib3 ha scritto:

il concetto delle armi portentose che tu sostieni essere stato solo nella testa del terzo reich, non è forse l'embrione della politica della "Guerra Fredda" che segnò da Yalta ( con l'escursus della guerra in Corea) fino alla fine degli anni ottanta, gli equlibri mondiali?



Credo che il legame non ci sia. Non c'era un blocco di paesi nazisti equivalenti circa a mezzo mondo e l'altra metà democratica . Però in qualche modo sei andato vicino a un nesso che non è tra i più apparenti.
Cioé Hitler comprese anche bene che tra i suoi nemici c'era una "strana alleanza", che si poteva rompere e lui stesso si aspettava fino alla fine che potesse accadere. In qualche modo previde la guerra fredda (probabilmente per nulla fredda, con la sua mentalità)

Hitler a volte era profetico. Era un genio del male, ma pur sempre in qualche modo genio.

_________________
Non mi sveglio mai dal sogno italiano


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: von Braun e Gagarin
MessaggioInviato: martedì 25 ottobre 2011, 12:50 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: domenica 19 giugno 2011, 10:26
Messaggi: 11007
Località: Italia
di solito in guerra vige il principio " il nemico del mio nemico può essere mio amico" dove che per amico si intende un alleato,
è dura da inserire in un contesto che riguarda Hitler,
Genio del male o Psicopatico trascinatore di folle con una spiccata vena megalomane condita da un inquantificabile per eccesso dose di mostruosità,
se non fosse esistito oggi le cose sarebbero diverse,
come però non si sà.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 85 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 ... 9  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBB.it