IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è domenica 27 settembre 2020, 3:18

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 10 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: mercoledì 17 maggio 2006, 12:40 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 21 gennaio 2005, 19:45
Messaggi: 156
Località: Venezia - Mestre
con riferimento al pronunciamento del TAR di genova e della competenza impiantistica... io estenderei anche ad altre tipologie di impianti la "non competenza" di taluni soggetti.

ma sì, la scrivo qua ... così magari condividiamo qualche risata ... (o dovevo scriverla da un altra parte), così poi magari qualcuno poteva dimostrare quanto segue:

Dato un impianto idrico antincendio (idranti) dotato di bocche da 70 mm. (probabilmente risalenti a periodo antecedente l'istituzione dell'UNI), connesso all'acquedotto e privo di vasca e gruppo di spinta, di caratteristiche seguenti:
pressione "statica" (a rubinetti chiusi) a malapena di 2 bar,

vi risulta possibile che la semplice sostituzione delle bocche di incendio, (magari restringendole ad UNI 45) possa variare la lettura "in statica" ad un valore superiore alla misura riscontrata e che possa comportare miglioramenti tali da poter conseguire la conformità alla UNI 10779?

forse è off topic, ...

ma c'è chi ci giurerebbe sopra!

Ciao

Guido

_________________
Guido


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 17 maggio 2006, 13:19 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 17 febbraio 2005, 10:14
Messaggi: 7749
Località: rimini
da quando in qua il requisito di pressione residua degli impianti antincendio si misura sulla pressione statica?

_________________
"Sul lungo periodo... siamo tutti morti" (John M. Keynes)

Ing. Paolo Bianco


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Miracolo!?
MessaggioInviato: mercoledì 17 maggio 2006, 14:13 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 21 gennaio 2005, 19:45
Messaggi: 156
Località: Venezia - Mestre
... da mai, vero

vero altresì ritengo che la pressione statica abbia generalmente motivo d'essere ragionevolmente maggiore rispetto alla pressione dinamica, onde per cui

...sarebbe un miracolo trovare un impianto (alimentato da acquedotto) che in pressione statica presenta valori inferiori a quelli di pressione dinamica.


Se già in ststica arriva a malapena ad una insufficienza piuttosto grave, in "dinamica" come può soddisfare i valori di cui alla UNI 10779?

mah!

_________________
Guido


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: sabato 20 maggio 2006, 20:16 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 10 luglio 2003, 9:33
Messaggi: 1862
Località: salerno
guido ha scritto:
con riferimento al pronunciamento del TAR di genova e della competenza impiantistica... io estenderei anche ad altre tipologie di impianti la "non competenza" di taluni soggetti.

ma sì, la scrivo qua ... così magari condividiamo qualche risata ... (o dovevo scriverla da un altra parte), così poi magari qualcuno poteva dimostrare quanto segue:

Dato un impianto idrico antincendio (idranti) dotato di bocche da 70 mm. (probabilmente risalenti a periodo antecedente l'istituzione dell'UNI), connesso all'acquedotto e privo di vasca e gruppo di spinta, di caratteristiche seguenti:
pressione "statica" (a rubinetti chiusi) a malapena di 2 bar,

vi risulta possibile che la semplice sostituzione delle bocche di incendio, (magari restringendole ad UNI 45) possa variare la lettura "in statica" ad un valore superiore alla misura riscontrata e che possa comportare miglioramenti tali da poter conseguire la conformità alla UNI 10779?

forse è off topic, ...

ma c'è chi ci giurerebbe sopra!

Ciao

Guido


ma che strunzata!!!! riduco le bocche e aumenta la pressione statica... e se metto i naspi figurati che pressione trovo (sempre la stessa...).
ma sti strzt sono figli del moto perpetuo????
e poi dite che la lavatrice non è una giusta applicazione...
caso mai provate con l'altalena.... (almeno qualcuno terrà da pensare...).
mah...
ciao


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 30 maggio 2006, 17:54 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 21 gennaio 2005, 19:45
Messaggi: 156
Località: Venezia - Mestre
le bocche che mi preoccupano sono non quelle "antincendio" ma quelle da cui odo certe "st*****te"

Riferisco, insomma, il "peccato" ma non il "peccatore": non è in questa sede mio fine castigare CHI mi ha indicato e suggerito caldamente tale modifica impiantistica per "migliorare qualcosa".

Davanti a consimili "barzellette" (altrimenti non saprei definirle proprio, benchè l'affermazione in merito alla modifica sia provenuta da un ... "tecnico") partecipandoVi dell'ENORMITA' e della ... "portata" potrei garantire che colui il quale l'ha proferita, lo ha fatto "seriamente" ( e pure in tono polemico, contro chi proponeva la classica vasca d'accumulo e gruppo di spinta) ... troppo costosi !!!

Non disperiamo, ma riflettiamo ... con CHI abbiamo a che fare!

Saludos a todos

_________________
Guido


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 2 giugno 2006, 15:57 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 10 luglio 2003, 9:33
Messaggi: 1862
Località: salerno
guido ha scritto:
le bocche che mi preoccupano sono non quelle "antincendio" ma quelle da cui odo certe "st*****te"

Riferisco, insomma, il "peccato" ma non il "peccatore": non è in questa sede mio fine castigare CHI mi ha indicato e suggerito caldamente tale modifica impiantistica per "migliorare qualcosa".

Davanti a consimili "barzellette" (altrimenti non saprei definirle proprio, benchè l'affermazione in merito alla modifica sia provenuta da un ... "tecnico") partecipandoVi dell'ENORMITA' e della ... "portata" potrei garantire che colui il quale l'ha proferita, lo ha fatto "seriamente" ( e pure in tono polemico, contro chi proponeva la classica vasca d'accumulo e gruppo di spinta) ... troppo costosi !!!

Non disperiamo, ma riflettiamo ... con CHI abbiamo a che fare!

Saludos a todos


quella da te proposta è la soluzione logica di quanto si incontra un qualcosa di simile.
classica vasca con integrazione dall'acquedotto e gruppo di spinta (che serve proprio per avere l'opportuna pressione "nelle condizioni di esercizio dell'impianto").
nella logica tecnica (poi esiste altra logica... te lo spiego dopo...) quest'impianto non può essere neppure collaudato per il rinnovo di CPI (se esiste...).
(l'altra logica...) se invece esiste il CPI, si troverà sempre "un tecnico" che verifica e giura funzionalità dell'impianto... :(

io pensavo che la cosa fosse simile al topic "moto perpetuo"... invece vedo che sotto vi è un fatto serio realmente esistente (penso che è reale sta cosa...). porta pazienza....
ciao


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lunedì 5 giugno 2006, 8:34 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 21 gennaio 2005, 19:45
Messaggi: 156
Località: Venezia - Mestre
... il fatto è semplice.
e sta, io credo, nel concetto di "legalità" che a taluni pare sfuggire.

Se portiamo pazienza, chiudendo un occhio oggi, consentendo il perpetuarsi di tali "moti", prestiamo la nostra coscienza a cose che io direi brevemente ... turpi, commesse non già da noi ma da altri.

Vero che così va il mondo, ma è vero altresì che ... (eticamente parlando, oltre che giudiziariamente-in certi casi) certo comportamento "omertoso" può comportare "omissione".

e deve pesare sulla coscienza di chi si comporta in certo modo.

Bisogna che si sappia in giro come girano certe cose, fare opera di prevenzione e dare notizia Preventivamente alle sedi competenti, ... anche a livello giudiziario!

Se ciascuno di noi fa il suo dovere di "granello di sabbia", potrà sperimentare la proporzionalità inversa intercorrente tra la velocità del moto "perpetuo" suddetto ed il tempo necessario ad ottenere il grippaggio del cinematismo che lo produce.

E' questione di impegno! (e di sputt***re nelle dovute sedi chi non fa bene il proprio lavoro, con scienza e coscienza!)

Ciao

_________________
Guido


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lunedì 5 giugno 2006, 9:51 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 21 gennaio 2005, 19:45
Messaggi: 156
Località: Venezia - Mestre
invece che "portare pazienza, non perdiamo tempo!

... è più efficace

a) una bella quanto discreta segnalazione alla magistratura competente

o è più semplice e veloce

b) un coinvolgimento di striscia, con conseguente informazione contestuale di quanto in a

Ciao!

_________________
Guido


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lunedì 5 giugno 2006, 14:06 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 21 gennaio 2005, 19:45
Messaggi: 156
Località: Venezia - Mestre
N.d.r.: Striscia =[... Striscia la notizia]

_________________
Guido


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 9 giugno 2006, 20:24 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 10 luglio 2003, 9:33
Messaggi: 1862
Località: salerno
guido ha scritto:
... il fatto è semplice.
e sta, io credo, nel concetto di "legalità" che a taluni pare sfuggire.

Se portiamo pazienza, chiudendo un occhio oggi, consentendo il perpetuarsi di tali "moti", prestiamo la nostra coscienza a cose che io direi brevemente ... turpi, commesse non già da noi ma da altri.

Vero che così va il mondo, ma è vero altresì che ... (eticamente parlando, oltre che giudiziariamente-in certi casi) certo comportamento "omertoso" può comportare "omissione".

e deve pesare sulla coscienza di chi si comporta in certo modo.

Bisogna che si sappia in giro come girano certe cose, fare opera di prevenzione e dare notizia Preventivamente alle sedi competenti, ... anche a livello giudiziario!

Se ciascuno di noi fa il suo dovere di "granello di sabbia", potrà sperimentare la proporzionalità inversa intercorrente tra la velocità del moto "perpetuo" suddetto ed il tempo necessario ad ottenere il grippaggio del cinematismo che lo produce.

E' questione di impegno! (e di sputt***re nelle dovute sedi chi non fa bene il proprio lavoro, con scienza e coscienza!)

Ciao

capisco la perplessità ma le cose stanno così. il fatto è che io spesso rimbalzo contro l'enorme omertà fatta di un muro di gomma. dovremmo fare tutti così come dici ma poi vedo che nel piccolo (e singolare...) ognuno guarda il proprio orticello.
è fuori dubbio che parte delle colpe l'hanno proprio i vari ordini che dovrebbero controllare e correggere i propri "affiliati" invece di proteggere costoro.
sfondi una porta aperta su tale questione. e comunque la deontologia professionale , in questa professione, da un po di tempo, sta diventando merce rara...
ciao
sasà


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 10 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBB.it