IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è venerdì 22 novembre 2019, 20:38

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 67 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 3, 4, 5, 6, 7  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 6 giugno 2007, 16:15 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 25 maggio 2006, 17:47
Messaggi: 522
PSK82 ha scritto:
orlandidue ha scritto:
PSK82 ha scritto:
Caro amico,
io cerco di fare dei ragionamenti in base alla logica...

Lodevole tentativo. Peccato per le prospettive tradite dai risultati.
Come dicevano i videogiochi di una volta: try again...
PSK82 ha scritto:
cercando inoltre di produrre delle linee di pensiero e blablabla

Ah sì? E dove? Forse queste?
Cita:
VI MERITATE SOLAMENTE UNA COSA:

IL FASCISMO!

P.S. Almeno questo riuscirà a ripristinare un po' d'ordine

Che profondità, che linee di spessore...
PSK82 ha scritto:
Tu invece cerchi solo di essere -in modo infondatamente ridicolo- polemico con una persona che si è spogliata di qualsiasi albagia e con molta umiltà ha espresso un pensiero limpido.

Qui, come altrove, fai uso di paroloni e latinismi da rosa rosae, per forgiare di una forma apparentemente sofisticata, concetti privi del minimo spessore. Tentativo maldestro: chi è avvezzo ad un italiano ricercato, nota subito lo stile forzato. Consiglio del giorno: esprimiti con gli emoticons.
PSK82 ha scritto:
Sarà anche vero che sono più ignorante di te, ma sicuramente ho capito la vita meglio di te.

Ma non dire vaccate...


1) Mi esprimo come mi pare e piace
2) Continua a dire vaccate
3) Se non riesci a capire quello che dico, comprati un dizionario e try again
4) I tuoi commenti di elevato spessore( ovviamente non polemico) gli sto ancora aspettando

5) Ma vai a cagare

Consiglio per i colleghi: quando li pungete, osservate la reazione. Se si sentono bruciare e gli va il sangue agli occhi...avete colto nel segno e fatto taaanto taaanto male :wink:


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 6 giugno 2007, 16:21 
orlandidue ha scritto:
PSK82 ha scritto:
orlandidue ha scritto:
PSK82 ha scritto:
Caro amico,
io cerco di fare dei ragionamenti in base alla logica...

Lodevole tentativo. Peccato per le prospettive tradite dai risultati.
Come dicevano i videogiochi di una volta: try again...
PSK82 ha scritto:
cercando inoltre di produrre delle linee di pensiero e blablabla

Ah sì? E dove? Forse queste?
Cita:
VI MERITATE SOLAMENTE UNA COSA:

IL FASCISMO!

P.S. Almeno questo riuscirà a ripristinare un po' d'ordine

Che profondità, che linee di spessore...
PSK82 ha scritto:
Tu invece cerchi solo di essere -in modo infondatamente ridicolo- polemico con una persona che si è spogliata di qualsiasi albagia e con molta umiltà ha espresso un pensiero limpido.

Qui, come altrove, fai uso di paroloni e latinismi da rosa rosae, per forgiare di una forma apparentemente sofisticata, concetti privi del minimo spessore. Tentativo maldestro: chi è avvezzo ad un italiano ricercato, nota subito lo stile forzato. Consiglio del giorno: esprimiti con gli emoticons.
PSK82 ha scritto:
Sarà anche vero che sono più ignorante di te, ma sicuramente ho capito la vita meglio di te.

Ma non dire vaccate...


1) Mi esprimo come mi pare e piace
2) Continua a dire vaccate
3) Se non riesci a capire quello che dico, comprati un dizionario e try again
4) I tuoi commenti di elevato spessore( ovviamente non polemico) gli sto ancora aspettando

5) Ma vai a cagare

Consiglio per i colleghi: quando li pungete, osservate la reazione. Se si sentono bruciare e gli va il sangue agli occhi...avete colto nel segno :wink:


Consiglio per te:
il bricolage cerca di farlo in maniera imparziale(sai benissimo a quale tipo di discorso mi riferivo, non certamente alla provocazione sul fascismo).
Ma questo un povero I*******E come te non lo può capire.

Ora puoi continuare a dispensare insulsi consigli.


Top
  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 6 giugno 2007, 16:22 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 25 maggio 2006, 17:47
Messaggi: 522
PSK82 ha scritto:
orlandidue ha scritto:
PSK82 ha scritto:
orlandidue ha scritto:
PSK82 ha scritto:
Caro amico,
io cerco di fare dei ragionamenti in base alla logica...

Lodevole tentativo. Peccato per le prospettive tradite dai risultati.
Come dicevano i videogiochi di una volta: try again...
PSK82 ha scritto:
cercando inoltre di produrre delle linee di pensiero e blablabla

Ah sì? E dove? Forse queste?
Cita:
VI MERITATE SOLAMENTE UNA COSA:

IL FASCISMO!

P.S. Almeno questo riuscirà a ripristinare un po' d'ordine

Che profondità, che linee di spessore...
PSK82 ha scritto:
Tu invece cerchi solo di essere -in modo infondatamente ridicolo- polemico con una persona che si è spogliata di qualsiasi albagia e con molta umiltà ha espresso un pensiero limpido.

Qui, come altrove, fai uso di paroloni e latinismi da rosa rosae, per forgiare di una forma apparentemente sofisticata, concetti privi del minimo spessore. Tentativo maldestro: chi è avvezzo ad un italiano ricercato, nota subito lo stile forzato. Consiglio del giorno: esprimiti con gli emoticons.
PSK82 ha scritto:
Sarà anche vero che sono più ignorante di te, ma sicuramente ho capito la vita meglio di te.

Ma non dire vaccate...


1) Mi esprimo come mi pare e piace
2) Continua a dire vaccate
3) Se non riesci a capire quello che dico, comprati un dizionario e try again
4) I tuoi commenti di elevato spessore( ovviamente non polemico) gli sto ancora aspettando

5) Ma vai a cagare

Consiglio per i colleghi: quando li pungete, osservate la reazione. Se si sentono bruciare e gli va il sangue agli occhi...avete colto nel segno :wink:


Consiglio per te:
il bricolage cerca di farlo in maniera imparziale(sai benissimo a quale tipo di discorso mi riferivo, non certamente alla provocazione sul fascismo).
Ma questo un povero I*******E come te non lo può capire.

Ora puoi continuare a dispensare insulsi consigli.

(Pss...pss...funziona funziona: come gli brucia :P )


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 6 giugno 2007, 16:27 
orlandidue ha scritto:
(Pss...pss...funziona funziona: come gli brucia :P )


:crycry:


Top
  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 6 giugno 2007, 16:35 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 25 maggio 2006, 17:47
Messaggi: 522
Cita:
Consiglio del giorno: esprimiti con gli emoticons.

PSK82 ha scritto:
:crycry:

Il senso del messaggio non c'è ancora.
Ma è un buon inizio...


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 6 giugno 2007, 16:40 
orlandidue ha scritto:
Cita:
Consiglio del giorno: esprimiti con gli emoticons.

PSK82 ha scritto:
:crycry:

Il senso del messaggio non c'è ancora.
Ma è un buon inizio...



:idea:

:prrr:

:sleeping:


Top
  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 6 giugno 2007, 19:01 
Cita:
”Gli” al posto di “loro” (in frasi come “ho incontrato i tuoi e gli ho parlato”) secondo De Rienzo “è entrato nell’uso comune [ed] è ormai accettato dai grammatici”. Giustissimo. Ma questa accettazione è molto antica e si trovano esempi di “gli” per “loro” nella maggior parte dei grandi autori. Del resto un linguista una volta scrisse che “gli” plurale deriva da “illis”: dunque, per naturale passaggio dal Latino all’Italiano, “gli” per il plurale è perfettamente legittimo. Viceversa rimane un errore usare “gli” per una donna (“Ho visto tua madre e gli ho detto…”), perché in questo caso, in latino, si sarebbe usato “illae”. Da cui il nostro “le”. Per quanto riguarda l’origine dell’espressione “spezzare una lancia” a favore di qualcuno, non si tratta affatto di lanciarla. La lancia di cui si parla era quella lunga che si usava nei tornei medievali a cavallo. Essa era fatta in modo da spezzarsi se l’urto contro la “resta” era molto violento, diversamente avrebbe danneggiato anche chi l’impugnava, sbalzandolo magari di sella o ferendolo. E siccome l’assalto con la lancia era all’inizio del torneo, spezzare una lancia corrisponde a dire “cominciare ad impegnarsi”, in senso bellico. Intimo sarà pure superlativo, etimologicamente, ma pochi ormai lo sanno, dunque “il più intimo” non è errore. Non bisogna dimenticare mai che, nella lingua, la regola suprema è l’uso dei ben parlanti.
Gianni Pardo


http://www.corriere.it/Rubriche/Scioglilingua/2007/27aprile.shtml
Cita:
pronome gli - loro
1. La grammatica del Serianni, d'una quindicina d'anni fa, recita chiaramente che "gli" al posto di "loro" non può considerarsi un errore. 2. Il 'Vocabolario Treccani', di stretta osservanza fiorentina (Aldo Duro, a cavallo tra gli anni '980 e '990), dichiara che "gli" dativo plurale, maschile e femminile, è usato da buoni scrittori e ne riporta due esempi. 2a: «Chi si cura di costoro a Milano? Chi gli darebbe retta?» (Manzoni, v. anche sotto). 2b: «le belle ragazze di qui non sono degne di portargli le scarpe, a quelle di Napoli» (Verga. A me questo secondo esempio sembra poco significativo: la frase è colloquiale e direi obbligata la scelta). 3. Il 'Grande Dizionario' del Battaglia riporta altri esempi, estesi su un maggiore arco temporale. 3a: «L'essere amati gli è sommamente caro, parendo loro che chi gli ama gli approvi» (Della Casa: è un bell'esempio d'uso delle due diverse forme nello stesso periodo, con impeccabile senso dello stile). 3b: «Non so quel che i peripatetici fusser per dire, atteso che le considerazioni fatte da voi credo che gli giungerebbero per la maggior parte nuove» (Galileo: qui lo "pseudo-purista" «giungerebbero loro» sarebbe un vero sconquasso). 3c: «Provvedutamente usando le cose del mondo a quel fine che gli furono concedute, conducono ordinatamente la temporal vita e nell'eterna saranno felici» (Cesari, 1817: forse è l'esempio piú neutro: «furono loro concedute» sarebbe equivalente). 3d: «Per via, incontrò i vecchi amici, ma ogni volta, dopo cinque minuti di silenzio e d'imbarazzo, gli stringeva la mano: «Basta, arrivederci!» e se ne andava» (Brancati, 1945: mi sembra l'esempio piú convincente di tutti). 3e: «Se vengono i ladri stanotte,/ salta in mezzo ai filari e gli fiacca la schiena.» (Pavese). 4. Altri due esempi dalla 'Grammatica storica della lingua italiana e dei suoi dialetti' (vol. secondo, §463) di Gerhard Rohlfs, un testo fondamentale di cui esiste un'edizione economica (Einaudi, PBE 149). 4a: «Che gli ho da dire, signori miei» (Fucini, toscano del secondo Ottocento: davvero quasi dialettale). 4b: «molti cittadini eransi andati a richiamare al pretore... per cagione de' beni che egli involati gli avea» (Straparola, novellista del Cinquecento: la frase sfuma via leggerissima insieme ai beni, mentre «involati avea loro» mi ricorderebbe una "pennichella" di bisonti). 5. Nella "quarantana" Manzoni ha sostituito circa un terzo dei "loro" al dativo (in linguaggio maccheronico-informatico non si potrebbe quindi parlare di "replacione"): nella "ventisettana" la frase citata sopra era «Chi darebbe lor retta?». Un altro facile esempio si trova nel capitolo del tumulto, subito prima della presentazione del vecchio malvissuto: un «...guardar loro in viso» diventa «...guardargli in viso», peraltro ostico da pronunziare (oggi credo che useremmo "guardare" come transitivo e scriveremmo "guardarli in viso", anche se a ben vedere ha un significato leggermente diverso). Secondo il Rohlfs, la decisione opposta dell'Ariosto fu dovuta alle censure del toscano Varchi. A mio parere, non vale la pena d'invocare in questa 'querelle' né l'Ariosto né il Manzoni: sono due casi che si compensano, ma soprattutto rappresentano delle forzature. Le loro "seconde scelte" sono entrambe a tesi ("decolloquializzare" in un caso, "ritoscanizzare" nell'altro), non nascono dal ritmo intrinseco del verso o della frase (devo anche dire che mentre nel caso del Manzoni il confronto tra le due edizioni è facilissimo, io non conosco la prima edizione del 'Furioso' e non ne esiste un'edizione interlineare). 6. Da Leopardi ('Zibaldone di pensieri': anche gli appunti personali si possono scivere a un sommo livello di stile) cito però un tipico caso nel quale "gli" starebbe malissimo: «...secondo che lor conveniva».

Autore : Vittorio - Email : [email protected]
Inviato il : 07/01/2003 alle 13.24.49

http://forum.accademiadellacrusca.it/forum_5/interventi/825.shtml


Top
  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 6 giugno 2007, 19:48 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 25 maggio 2006, 17:47
Messaggi: 522
Ignorantone che non sei altro, detto non con la gratuità delle offese che piovono dalla bacatezza del tuo comprendonio, ma con la consapevolezza di quanto privo tu sia di quella ordinaria cultura che ti avrebbe, diversamente, evitato di ricorrere inopportunamente alla ricerca del conforto dell'accademia della crusca, per lenire il bruciore delle meritate scudisciate che ti sei beccato prima. Tanto più che tale improvvida iniziativa ti espone nuovamente al ludibrio di ulteriore scherno: il "gli" inteso nell'accezione del tuo copia-incolla (ah, quanta similitudine fra erbacce dello stesso seme...) è utilizzato nella forma, contemplata dalla grammatica italiana, di complemento di termine, equivalente del dativo latino che tanto hai cercato di dimostrare di conoscere quanto mancato di convincere di aver studiato come si deve. Quel "gli" va inteso "a loro": vado dai tuoi amici e dico a loro, o, nel senso del Manzoni, "alle intimazioni che gli venivan fatte" nel senso di "alle intimazioni che venivano fatte a loro". Quando me lo chiederanno gli risponderò (risponderò a loro).
Il complemento di termine è l'elemento a cui si rivolge l'azione del predicato: rivolgere un'azione a o verso qualcuno.
Nello strafalcione che invece hai commesso e che ingenuamente pensavi di poter far passare per una esibizione di alta linguistica (figurarsi se da te, qualcuno, può mai aspettarsi simili virtuosismi lessicali...), invocando referenze accademiche trovate senz'altro per caso, nell'affannosa ricerca di portare sollievo alle sferzate ricevute, con argomenti per potermi controbattere, il "gli" è usato del tutto a sproposito in luogo di "li" che andava utilizzato come complemento oggetto. "I tuoi commenti li sto aspettando" non può certo essere sosituito, se non nella mente di un ignorante delle tua specie, con "i tuoi commenti gli (a loro) li sto aspettando". Anche un insipiente come te, sono certo, si renderà conto della fasullaggine di tale interpretazione. Il complemento oggetto esprime l'azione del predicato: sto aspettando: che cosa? I commenti. A loro, in tal caso, non esprime alcun senso e nessuna azione. In tutti i grassetti che hai evidenziato il "gli" lo puoi sostituire benissimo con "a loro". Prova a farlo con la tua frase e vedi che bell'effetto vien fuori.
Ora, PiSKello della lingua italiana prima ancora che dell'ingegneria, invece di continuare a ronzarmi attorno sperando di potermi scalfire con quel misero pungiglioncino di orgoglio di cui disponi, viste le sonore batoste che prendi ogni volta, medita una volta per tutte una ben più dignitosa ritirata in sordina e ronza da bravo insettino fra le gramigne che ben ti accolgono. Perchè in questa sede, anche per te, legnate e scudisciate saranno le sole attenzioni che ti puoi aspettare di riscuotere...


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 6 giugno 2007, 20:08 
orlandidue ha scritto:
Ignorantone che non sei altro, detto non con la gratuità delle offese che piovono dalla bacatezza del tuo comprendonio, ma con la consapevolezza di quanto privo tu sia di quella ordinaria cultura che ti avrebbe, diversamente, evitato di ricorrere inopportunamente alla ricerca del conforto dell'accademia della crusca, per lenire il bruciore delle meritate scudisciate che ti sei beccato prima. Tanto più che tale improvvida iniziativa ti espone nuovamente al ludibrio di ulteriore scherno: il "gli" inteso nell'accezione del tuo copia-incolla (ah, quanta similitudine fra erbacce dello stesso seme...) è utilizzato nella forma, contemplata dalla grammatica italiana, di complemento di termine, equivalente del dativo latino che tanto hai cercato di dimostrare di conoscere quanto mancato di convincere di aver studiato come si deve. Quel "gli" va inteso "a loro": vado dai tuoi amici e dico a loro, o, nel senso del Manzoni, "alle intimazioni che gli venivan fatte" nel senso di "alle intimazioni che venivano fatte a loro". Quando me lo chiederanno gli risponderò (risponderò a loro).
Il complemento di termine è l'elemento a cui si rivolge l'azione del predicato: rivolgere un'azione a o verso qualcuno.
Nello strafalcione che invece hai commesso e che ingenuamente pensavi di poter far passare per una esibizione di alta linguistica (figurarsi se da te, qualcuno, può mai aspettarsi simili virtuosismi lessicali...), invocando referenze accademiche trovate senz'altro per caso, nell'affannosa ricerca di portare sollievo alle sferzate ricevute, con argomenti per potermi controbattere, il "gli" è usato del tutto a sproposito in luogo di "li" che andava utilizzato come complemento oggetto. "I tuoi commenti li sto aspettando" non può certo essere sosituito, se non nella mente di un ignorante delle tua specie, con "i tuoi commenti gli (a loro) li sto aspettando". Anche un insipiente come te, sono certo, si renderà conto della fasullaggine di tale interpretazione. Il complemento oggetto esprime l'azione del predicato: sto aspettando: che cosa? I commenti. A loro, in tal caso, non esprime alcun senso e nessuna azione. In tutti i grassetti che hai evidenziato il "gli" lo puoi sostituire benissimo con "a loro". Prova a farlo con la tua frase e vedi che bell'effetto vien fuori.
Ora, PiSKello della lingua italiana prima ancora che dell'ingegneria, invece di continuare a ronzarmi attorno sperando di potermi scalfire con quel misero pungiglioncino di orgoglio di cui disponi, viste le sonore batoste che prendi ogni volta, medita una volta per tutte una ben più dignitosa ritirata in sordina e ronza da bravo insettino fra le gramigne che ben ti accolgono. Perchè in questa sede, anche per te, legnate e scudisciate saranno le sole attenzioni che ti puoi aspettare di riscuotere...


Io continuerò a dire : "gli ho visti". Specialmente su questo forum.
Bye


Top
  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 6 giugno 2007, 20:21 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 25 maggio 2006, 17:47
Messaggi: 522
PSK82 ha scritto:
Io continuerò a dire : "gli ho visti". Specialmente su questo forum.
Bye

E chi se ne frega...


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 67 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 3, 4, 5, 6, 7  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010