IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è mercoledì 13 novembre 2019, 7:17

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: mercoledì 27 giugno 2007, 10:51 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 23 aprile 2003, 15:46
Messaggi: 124
Autore: Mauro Colonna

Come non condividere quanto espresso dal Sig. Maurizio Amato? Le lobby evocate dal Dott. Sabatini (che peraltro dovrebbe decidersi a scegliere il titolo di Ing oppure di Dottore...mi pare che il titolo più adatto sia quello di Dott. (pure nei film di Totò era un titolo che non si negava a nessuno...) non sono forse tali dal momernto che raggruppono un gruppo doi interesse ? Forse che l'ordine degli Ingegneri non lo è? Dunque siamo alle solite...alla classica lotta tra i poveri. La questione di fondo è che ogni legge approvata, non importa su quale argomento, quando affronta i temi delle competenze parla sempre di " un qualcuno abilitato alla professione", e mi sta bene, ma non manca di aggiungere, e che sia iscritto in questo o quell'albo: ecco è lì che nascono le lobby. Maurizio Amato sa molto bene, posso supporre, che all'estero e sopratutto negli Stati Uniti, ciò che conta è la competenza professionale e la responsabilità personale fuori dall'Italia, se non altro per una questione di eleganza, non si esibisce mai un titolo accademico. E in Italia ? Beh! ho detto prima un titolo di Dottore non lo si nega a nessuno. Potenza del titolo di studio che, e sarebbe ora, non dovrebbe avere alcuna valenza legale proprio per non alimentare le già più volte menzionate lobby. Possibile che non ci si renda conto che il mondo tecnologico attuale richiede specializzazioni molto spinte, che ti portano ad operare in settori di nicchia, e per le quali nessuno dei titoli di formazione scolastica da una risposta soddisfacente ? Ma ecco una leggina qualsiasi che ti dice che se non sei iscritto in un albo/ordine professionale non sei nessuno e non puoi operare. La specializzazione la si conquista "on field" con anni di studio e lavoro su una particolare materia. E non mi si venga a dire che colui che ti ha laureato a giugno possa mai negarti l'abilitazione a aettembre, sburgiardebbe se stesso e l'ateneo di appartenenza. Per concludere, vorrei infine fare notare che per l'estero la figura di un Perito Industriale Abilitato alla professione è definita Engineer mentre da noi è definito com Sig. Pinco Palla. In Europa in particolare prevale la figura dell'Expert, ovvero colui che, non solo per formazione scolastica, ma per esperienza diretta è in grado di assicurare competenza e professionalità. Mi rendo, tuttavia conto che abolire il valore legale del titolo di studio significherebbe non ammettere alle cosiddette propozioni per titoli (che nel pubblico sono un core business per molti padrini....) A tutti un caloroso saluto ricordandovi che siamo quel che siamo: dei tecnici ai quali debbono tornare i numeri ed a volte i numeri per tornare richiedono di lavorare assieme in armonia.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 27 giugno 2007, 12:03 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 7 marzo 2007, 16:19
Messaggi: 155
Redazione ha scritto:
Autore: Mauro Colonna

Come non condividere quanto espresso dal Sig. Maurizio Amato? Le lobby evocate dal Dott. Sabatini (che peraltro dovrebbe decidersi a scegliere il titolo di Ing oppure di Dottore...mi pare che il titolo più adatto sia quello di Dott. (pure nei film di Totò era un titolo che non si negava a nessuno...) non sono forse tali dal momernto che raggruppono un gruppo doi interesse ? Forse che l'ordine degli Ingegneri non lo è? Dunque siamo alle solite...alla classica lotta tra i poveri. La questione di fondo è che ogni legge approvata, non importa su quale argomento, quando affronta i temi delle competenze parla sempre di " un qualcuno abilitato alla professione", e mi sta bene, ma non manca di aggiungere, e che sia iscritto in questo o quell'albo: ecco è lì che nascono le lobby. Maurizio Amato sa molto bene, posso supporre, che all'estero e sopratutto negli Stati Uniti, ciò che conta è la competenza professionale e la responsabilità personale fuori dall'Italia, se non altro per una questione di eleganza, non si esibisce mai un titolo accademico. E in Italia ? Beh! ho detto prima un titolo di Dottore non lo si nega a nessuno. Potenza del titolo di studio che, e sarebbe ora, non dovrebbe avere alcuna valenza legale proprio per non alimentare le già più volte menzionate lobby. Possibile che non ci si renda conto che il mondo tecnologico attuale richiede specializzazioni molto spinte, che ti portano ad operare in settori di nicchia, e per le quali nessuno dei titoli di formazione scolastica da una risposta soddisfacente ? Ma ecco una leggina qualsiasi che ti dice che se non sei iscritto in un albo/ordine professionale non sei nessuno e non puoi operare. La specializzazione la si conquista "on field" con anni di studio e lavoro su una particolare materia. E non mi si venga a dire che colui che ti ha laureato a giugno possa mai negarti l'abilitazione a aettembre, sburgiardebbe se stesso e l'ateneo di appartenenza. Per concludere, vorrei infine fare notare che per l'estero la figura di un Perito Industriale Abilitato alla professione è definita Engineer mentre da noi è definito com Sig. Pinco Palla. In Europa in particolare prevale la figura dell'Expert, ovvero colui che, non solo per formazione scolastica, ma per esperienza diretta è in grado di assicurare competenza e professionalità. Mi rendo, tuttavia conto che abolire il valore legale del titolo di studio significherebbe non ammettere alle cosiddette propozioni per titoli (che nel pubblico sono un core business per molti padrini....) A tutti un caloroso saluto ricordandovi che siamo quel che siamo: dei tecnici ai quali debbono tornare i numeri ed a volte i numeri per tornare richiedono di lavorare assieme in armonia.


1) Ing.ir Marco Sabatini (questa è la mia firma)
2) I periti industriali in Eurpa forse non esistono? e quindi vengono chiamati Engineer, ma sono tecnici laureati.

_________________
Marco S.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 27 giugno 2007, 15:49 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 5 gennaio 2006, 12:04
Messaggi: 735
Letto veloce, mi sembra pieno di castronerie:
Non è una leggina qualsiasi, ma è il regolamento delle professioni.
Non vale nulla il titolo? e allora perchè lo vuoi?
Le industrie cercano persone ultraspecializzate? Le industrie in realtà cercano carne da macello da mettere dove piu' gli aggrada (i periti sono preferiti agli ingegneri perchè costano meno, e non serve tutta questa specializzazione)
Lotta tra poveri? A me sembra che ci siano grossi interessi in ballo
Vogliamo allinearci all'europa? togliamo ai periti la possibilità di eseguire la LP.
Negli usa si mette solo il Mr.? vai in usa e non infastidirci
Iscrizione all'albo specifico per svolgere la LP? ti immagini se per curarti potessi rivolgerti anche agli ing?
Vuoi un titolo? studia e laureati


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010