IngForum
http://www.ingegneri.info/forum/

Professionisti triennali
http://www.ingegneri.info/forum/viewtopic.php?f=7&t=12023
Pagina 4 di 4

Autore:  echim [ martedì 27 novembre 2007, 16:44 ]
Oggetto del messaggio: 

sigma ha scritto:
Europa o no, la mia professione la esercito con onestà
e la mia firma vale ancora qualche cosa.

Saluti cordiali

Per.Ind. sempre

sulla firma concordo e ti assicuro che sono contrario a quanto avviene nel resto d'europa.
Per la tua professionalità non ho alcun elemento per discuterne (e non volevo fare allusione nel mio precedente)

Autore:  sigma [ martedì 27 novembre 2007, 16:54 ]
Oggetto del messaggio: 

Finalmente, una discussione costruttiva,
ho sempre avuto molto rispetto per gli ingegneri italiani e nessuno
credimi, vuole minare la vostra immagine.

Saluti

Autore:  echim [ martedì 27 novembre 2007, 17:16 ]
Oggetto del messaggio: 

sigma ha scritto:
Finalmente, una discussione costruttiva,
ho sempre avuto molto rispetto per gli ingegneri italiani e nessuno
credimi, vuole minare la vostra immagine.

Saluti
vedi, dal mio punto di vista il problema non è che se un perito diventa ingegnere x legge mi ruba il lavoro, ma che ottiene qualche cosa che non si è guadagnato (i 5 anni di università vorranno dire qualche cosa?): tra le altre cose, sono anche un sostenitore del valore del titolo che ritengo dia un'indicazione di quello che uno puo' o non puo' fare (lasciamo perdere per un momento il discorso delle esperienze e delle capacità personali).
Nei limiti delle competenze di ognuno, ritengo che i periti, i geometri ed i tecnici non laureati in generale siano necessari, sia nel lavoro da dipendente che da libero professionista.
Purtroppo, nel corso degli anni abbiamo voluto una semplificazione dei corsi di studio (a partire dalle scuole dell'obbligo) arrivando ad avere ingegneri con preparazione simile e spesso inferiore a quella dei periti di qualche anno fa. Invece di prenderne atto e rimboccarci le maniche, abbiamo scelto la via apparentemente piu' veloce: facciamo diventare tutti ingegneri laureati, anche chi non se lo merita, e cosi' ci allineiamo all'europa per il numero di laureati, per l'età media di laurea, eccetera. E buonanotte alle competenze, alla preparazione di base ed alla professionalità (sarà il mondo del lavoro a dargliela).

Autore:  Paffy [ martedì 27 novembre 2007, 17:47 ]
Oggetto del messaggio: 

Dico anche io la mia sull'argomento, dato che mi sta molto a cuore.

Io ho fatto perito e poi ingegneria NO 5 anni (uscito molto bene da entrambe e nei tempi minimi). Dopo 1 anno sotto una società di consulenza mi sono buttato da 4 mesi nella libera professione e sono strafelice perchè i gradi di INGEGNERE bisogna guadagnarseli sul campo, almeno io la vedo così.

Devo dire che come preparazione pratica l'essere perito è quasi meglio dell'essere ingegnere per risolvere molti problemi quotidiani di lavoro; però l'università di da una formamentis stupenda che ti permette di affrontare ogni tipo di problema (la famosa capacità di problem solving che tanto piace a noi ing.).

Una cosa mi fa incazzare ala grande: che i vecchi ingegneroni che incontro e che stimo tanto un po' mi snobbano perche' dicono che il VO era molto piu' difficile di quello nuovo (5 anni); mentre dei triennali nemmeno vogliono sentir parlare..

Ora dico....ma è colpa mia se non esiste piu' il VO? E' colpa di un triennale se esiste questa possibilità di studio? e che cavolo.....se uno ha la possibilità di studiare solo 3 anni e di fare l'ing subito perchè non sfruttarlo? Tanto poi è la pratica e il campo che diranno se sei un bravo ingegnere o no.

Io la penso cosi' ed è quello che sto vedendo sul lavoro, dato che in poco tempo mi sto creando una bella reputazione. E non denigro un 3 anni, perchè se vedo che sul campo è capace lo trattero' sempre con grande rispetto, così come qualsiasi altro essere.

Autore:  sigma [ martedì 27 novembre 2007, 18:00 ]
Oggetto del messaggio: 

Come dicevo prima, questa è una bella discussione.
Di Ingegneri bravi ne ho conosciuti parecchi e anche di bravi Periti ne ho incontrati molti, quindi dico solo quello che è ovvio:

Gli Ingegneri devono fare gli Ingegneri e
i Periti...i Periti.

Se vogliono cambiarci il titolo, in tecnologo o ecc, (Escluso ingegnere...e sono d'accordo) pazienza...

Saluti

Autore:  ing.iunior? [ martedì 27 novembre 2007, 18:31 ]
Oggetto del messaggio: 

azz.. ragazzi.. grazie! Credevo che questo fosse un forum di sole cafonate prima di leggere questo scambio di opinioni. [b]Rispetto[/b] innanzitutto per tutte le figure professionali a tutti i livelli, poi si inzia a discutere! E magari pure costruttivamente per una volta. Saluti a tutti.

Autore:  Paffy [ martedì 27 novembre 2007, 19:38 ]
Oggetto del messaggio: 

Sulla questione ordini professionali non so piu' cosa sia bene e cosa sia male, però penso che se tutto rimanesse come ora non sarebbe malaccio. Ognuno ha il suo ordine e siamo tutti felice, non capisco perchè mischiare tutto.

Io lo dico per la praticità. Nel mio Ordine degli ing non siamo pochi ma si riesce a gestire il tutto il modo molto pratico e veloce. Ma se dovesse esserci un mega ordine, immagino il casino burocratico che possa uscirne

Autore:  sigma [ mercoledì 28 novembre 2007, 8:58 ]
Oggetto del messaggio: 

Sinceramente, sulla questione degli ordini non hai tutti i torti...
La situazione la vedo molto ingarbugliata, spero si risolva tutto per il
meglio, perchè questo limbo comincia veramente a darmi noia

Cordiali saluti a tutti

Autore:  RenatoMario [ mercoledì 12 dicembre 2007, 9:34 ]
Oggetto del messaggio:  Inviterei i moderatori ad intervenire, qualche volta

Ancorchè vecchietto, sono nuovo di questo forum, ma del vecchio ordinamento cerco di mantenere una correttezza ed educazione tra Colleghi che qui dentro rilevo troppo spesso mancare.

Essere del vecchio o del nuovo ordinamento non dà patenti di insultare persone che, a scapito di tutto, sono comunque laureati Ingegneri. Possano o non possano esercitare (io ho la mia posizione, altri la loro), non c'entra nulla con l'elementare rispetto umano e professionale che dovrebbe distinguere lo standing di un Ingegnere, fuori o dentro l'ufficio in cui si lavora e anche dietro l'anonimato di un forum.

O il nuovo stile dell'Ingegnere del 3° millennio è l'insulto gratuito ai colleghi?

Auspico che i moderatori - che spero anch'essi Ingegneri e quindi in grado di comprendere quello che scrivo - intervengano a dare qualche bel "riprovato" o addirittura a sequestrare metaforicamente il libretto. Ai miei tempi si faceva.

Pagina 4 di 4 Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
https://www.phpbb.com/