IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è venerdì 22 novembre 2019, 20:28

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 28 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Decreto Bersani
MessaggioInviato: martedì 5 settembre 2006, 9:13 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 23 aprile 2003, 15:46
Messaggi: 124
Autore: Joe Wine

Gentilissimi colleghi,
Il Ministro Bersani, come già andava dicendo in campagna elettorale, ha avviato quel processo di liberalizzazione delle professioni volto ad abbattere assurdi privilegi di talune categorie. A questo proposito però a me ne vengono in mente principalmente tre: farmacisti, tassisti e notai, rigorosamente elencati in ordine decrescente in termini di posizione dominante sul mercato, anche a scapito dei loro stessi colleghi. Il fatto di fissare un numero di massimo di Farmacie sul territorio, anzichè uno minimo, credo si a paradigmatico dello spirito di inequità della situazione esistente. Lo stesso vale per le licenze dei Taxi, congelate in molte grandi città italiane da tutti coloro già saliti sul treno, alcuni dei quali si sono ritrovati ad acquistare il biglietto a prezzi salatissimi. Parzialmente diversa la situazione della categoria dei Notai, nell'ambito della quale comunque non sussiste il principio dell'ereditarietà e si deve pursempre vincere un bando di concorso per diventarne membri. Comunque non ho ancora ben capito se oggi, ammesso che fossi un farmacista iscritto al relativo Ordine, potrei aprire una farmacia dove vendere zoccoli e supposte, senza pagare la licenza uno o due milioni di euro. Così come non ho capito se posso fare il tassista a Roma senza dovermi prima comprare una licenza da chi già ce l'ha per 100-150.000 euro. Per quanto riguarda il nostro campo, il proveddimento del Ministro si riflette principalmente sull'ambito tariffario, prevedendo l'abolizione degli onorari minimi. Tuttavia nel testo convertito del Decreto si scopre che le tariffe professionali in sé non sono abolite, ma restano a riferimento della liquidazione giudiziale dei compensi professionali: in Tribunale, in pratica l'unica sede in cui finora ci siamo fatti pagare dai clienti secondo tariffa, non è cambiato assolutamente nulla. Quindi nulla di nuovo sotto il sole per ciò che riguarda molti di noi. Molti ma non tutti. Infatti nella nostra categoria i privilegi ci sono, eccome! Se nei confronti della clientela privata si può godere di un rapporto legato al merito e alla capacità del professionista, il quale può onestamente dichiarare le proprie pretese economiche ponendo a riferimento la tariffa o può praticare la sleale concorrenza verso i suoi colleghi chiedendo compensi assurdamente bassi, che peraltro non giustificano la sua nuova BMW e lo studio in Centro, trovando poi facilmente il modo di farsi pagare secondo tariffa, o anche di più - è sufficiente accordarsi con l'Impresa esecutrice dei lavori o con i principali fornitori per spuntare laute integrazioni, rigorosamente in nero, che alla fine il cliente paga inconsapevolmente - ciò non vale invece nell'ambito dei lavori pubblici, laddove si prevede l'affidamente di incarichi "fiduciari" fino a 100.000 (!) euro di parcella. Nel Vocabolario postumo dei professori Falcone e Borsellino il lemma "fiduciario" annovererebbe tra i suoi sinonimi "mafioso" e tra i suoi contrari "trasparente". Sappiamo fin troppo bene infatti quali siano oggi i criteri "fiduciari" diffusi nelle pubbliche amministrazioni, ed in modo particolare negli enti locali: appartenenza politica e/o parentale e partecipazione agli utili. A volte tutti e tre insieme, a totale disconoscimento di competenze professionali specifiche e consolidate presenti sul territorio o altrove. Il Decreto che abolisce i minimi tariffari riuscirà smantellare questo sistema? Forse. Esso infatti riguarda anche le tariffe per i lavori pubblici, sulle quali da adesso potranno praticarsi ribassi superiori al 20%. Procedure di gara relamente aperte con l'applicazione di ribassi secondo la normative vigente per le Imprese darebbero la possibilità ad un ingegnere di Imperia di aggiudicarsi un incarico del Comune di Savona, cosa che oggi non è possibile. Oggi vi sono imprese di Napoli che si aggiudicano lavori a Foggia, con ribassi consistenti e sostenendo maggiori spese. Se pensiamo ad un incarico di progettazione ho motivo di credere che un ingegnere di Reggio Calabria potrebbe tranquillamente trovare conveniente aggiudicarselo a Reggio Emilia, dato che le attività di progettazione si svolgeranno principalmente tra le mura del suo studio. D'altra parte qualcuno potrà sostenere che già un ribasso del 20% fosse eccessivo e che una ulteriore spinta al di sotto di questa soglia si tradurrà inevitabilmente in una qualità scadente del lavoro. Chi sostiene questo probabilmente ignora che a quel ribasso del 20% si deve togliere il contributo al Partito che vi ha sponsorizzato e/o la percentuale che si deve riconoscere agli altri colleghi che vi è stato imposto di inserire nella ATP, e che non faranno un CAxxO. Per cui alla fine, per un lavoro che avete fatto voi al 90%, intascherete il 30%, o anche meno, della tariffa professionale. Per quanto riguarda il paventato scadimento della qualità delle prestazioni, c'è davvero da essere preoccupati, dato che già adesso non mi sempra molto elevato il livello qualitativo della progettazione diffuso tra i piccoli professionisti che operano su incarico dei circa 8.000 Comuni italiani. Ma a contrastare questa recrudescenza di asineria professionale si ergerà a baluardo l'ufficio del responsabile del procedimento, il quale suo malgrado ha l'obbligo di vigilare sul livello di qualità validando o meno il progetto. E allora, cambio di rotta? O rottura del cambio, per cui ci ritroveremo tutti a piedi, come o peggio di prima? esistenti principalemnte nel mondo dei farmacisti dopo 13 anni di attività professionale, ieri l'altro, in vigenza delle nuove norme in ambito tariffario, ho presentato una parcella per una stima di immobili redatta in base alla tariffa professionale (tab.F).

Joe Wine


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Decreto Bersani
MessaggioInviato: martedì 5 settembre 2006, 9:38 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 17 febbraio 2005, 10:14
Messaggi: 7749
Località: rimini
Redazione ha scritto:
ciò non vale invece nell'ambito dei lavori pubblici, laddove si prevede l'affidamente di incarichi "fiduciari" fino a 100.000 (!) euro di parcella.


caro joe wine, a proposito di asineria, gli incarichi fiduciari erano già stati eliminati dall'ultima versione della merloni.
Inoltre non si vede perchè mai l'abolizione dell'obbligo delle tariffe dovrebbe significare un divieto, per chi riesce a spuntarle, di continuare ad applicarle.

_________________
"Sul lungo periodo... siamo tutti morti" (John M. Keynes)

Ing. Paolo Bianco


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Decreto Bersani
MessaggioInviato: martedì 5 settembre 2006, 21:10 
Non connesso

Iscritto il: martedì 10 gennaio 2006, 22:08
Messaggi: 341
Località: Abruzzo
Ronin ha scritto:
Redazione ha scritto:
ciò non vale invece nell'ambito dei lavori pubblici, laddove si prevede l'affidamente di incarichi "fiduciari" fino a 100.000 (!) euro di parcella.


caro joe wine, a proposito di asineria, gli incarichi fiduciari erano già stati eliminati dall'ultima versione della merloni.
Inoltre non si vede perchè mai l'abolizione dell'obbligo delle tariffe dovrebbe significare un divieto, per chi riesce a spuntarle, di continuare ad applicarle.


Infatti, i minimi si applicano solo nei lavori pubblici, e quando si va in causa con il cliente che non vuole pagare, in pratica il decreto Bersani, ha solo preso atto al 90% dello stato di fatto....


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Decreto Bersani
MessaggioInviato: sabato 23 settembre 2006, 20:43 
Non connesso

Iscritto il: sabato 23 settembre 2006, 20:16
Messaggi: 7
Ronin ha scritto:
Redazione ha scritto:
ciò non vale invece nell'ambito dei lavori pubblici, laddove si prevede l'affidamente di incarichi "fiduciari" fino a 100.000 (!) euro di parcella.


caro joe wine, a proposito di asineria, gli incarichi fiduciari erano già stati eliminati dall'ultima versione della merloni.
Inoltre non si vede perchè mai l'abolizione dell'obbligo delle tariffe dovrebbe significare un divieto, per chi riesce a spuntarle, di continuare ad applicarle.


Grazie dell'asino. Complimenti per lo stile.

Il mio riferimento all' "asineria" era riferito al fatto che molti temono il fatto che un eventuale ricorso al ribasso produrebbe uno scadimento delle prestazioni. Cosa sulla quale non sono d'accordo.

Poi mi pare che non sia stata colta la vena ironica dello scritto, dato che mi pare evidente che anche il sottoscritto ritenga che l'abolizione del minimo tariffario sia di fatto una sostanziale legittimazione della prassi corrente.

Per quanto riguarda la modifica della Merloni, non mi pare che la rimozione di un aggettivo abbia modificato profondamente il comportamento delle pubbliche amministrazioni. Proprio di recente ho chiamato un mio collega che riveste il ruolo di RUP presso una pubblica amministrazione la quale aveva indetto un Bando per l'affidamento di un incarico sotto la soglia dei 100.000 euro. Il rapporto di confidenza mi ha spinto a chiedergli esplicitamente se l'incarico fosse già affidato, e la risposta è stata positiva. Pertanto ho rinunciato a partecipare.
L'abolizione del termine "fiduciario" è stato imposto, come noto, dalla normativa comunitaria. Era un argomento, se non sbaglio, sul quale era stata aperta addirittura una procedura di infrazione. La nuova norma stabilisce che "la scelta del contraente avvenga in base ai principi di non discriminazione, trasparenza, proporzionalità e parità di trattamento". Si è cambiato qualche aggettivo e voilà. Ma sempre "fiduciari" restano e io così continuo a chiamarli. Certamente non è possibile dare un incarico dietro l'altro sempre ai medesimi soggetti, ma questo si faceva raramente anche prima. Nei comuni ci sono le coalizioni e ognuno ha il suo tecnico o i suoi tecnici di riferimento. La ruota gira, ma poi ritorna inidetro. Poi se uno crede agli asini... che volano, be' è meglio che si desti.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Decreto Bersani
MessaggioInviato: lunedì 25 settembre 2006, 11:37 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 17 febbraio 2005, 10:14
Messaggi: 7749
Località: rimini
joe wine ha scritto:
La nuova norma stabilisce che "la scelta del contraente avvenga in base ai principi di non discriminazione, trasparenza, proporzionalità e parità di trattamento".


sempre a proposito di asineria, quella è l'ultima versione della merloni, adesso sostituita dal codice appalti (la cui parte dedicata alla progettazione, ai concorsi e alle gare tra professionisti è assai più articolata di un semplice articolo).
Come è ovvio, non basta una legge per cambiare la mentalità delle amministrazioni: esse potrebbero (e di fatto qualche volta lo fanno) riuscire a dare l'incarico a chi vogliono anche con una gara (procedura ristretta o negoziata, come si dice ora): basta invitare 5 (o 3 a seconda dei casi) professionisti compiacenti, ai quali si comunica prima quale importo devono scrivere sull'offerta (e ti assicuro che accade, e che non è difficile trovarli).

La legge si cambia per RIDURRE le possibilità di giochini e maneggi; mi pare un tantino ingeneroso accusare bersani di non saper cambiare per legge la moralità delle persone

_________________
"Sul lungo periodo... siamo tutti morti" (John M. Keynes)

Ing. Paolo Bianco


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Decreto Bersani
MessaggioInviato: lunedì 25 settembre 2006, 20:22 
Non connesso

Iscritto il: sabato 23 settembre 2006, 20:16
Messaggi: 7
Ronin ha scritto:
joe wine ha scritto:
La nuova norma stabilisce che "la scelta del contraente avvenga in base ai principi di non discriminazione, trasparenza, proporzionalità e parità di trattamento".


sempre a proposito di asineria, quella è l'ultima versione della merloni, adesso sostituita dal codice appalti (la cui parte dedicata alla progettazione, ai concorsi e alle gare tra professionisti è assai più articolata di un semplice articolo).
Come è ovvio, non basta una legge per cambiare la mentalità delle amministrazioni: esse potrebbero (e di fatto qualche volta lo fanno) riuscire a dare l'incarico a chi vogliono anche con una gara (procedura ristretta o negoziata, come si dice ora): basta invitare 5 (o 3 a seconda dei casi) professionisti compiacenti, ai quali si comunica prima quale importo devono scrivere sull'offerta (e ti assicuro che accade, e che non è difficile trovarli).

La legge si cambia per RIDURRE le possibilità di giochini e maneggi; mi pare un tantino ingeneroso accusare bersani di non saper cambiare per legge la moralità delle persone



Il Codice degli appalti è stato varato dal Governo Berlusconi. La sua entrata in vigore, inizialmente prevista per il 1° luglio di quest'anno era stata inizialmente congelata dal ministro Di Pietro, salvo ripensamento e quindi definitiva entrata in vigore nei tempi previsiti.
Non vedo cosa c'entri Bersani con questo e con la questione del "fiduciario".
A Bersani va solo il "merito" di avere abrogato i minimi tariffari, per quello che riguarda i professionisti.

Adesso rischi una querela.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Decreto Bersani
MessaggioInviato: martedì 26 settembre 2006, 9:15 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 17 febbraio 2005, 10:14
Messaggi: 7749
Località: rimini
joe wine ha scritto:
Adesso rischi una querela.


non ho capito se da te, o da bersani.
cmq, se questa è la maniera di discutere, diciamo che non mi sembra che l'oggetto del contendere valga la fatica...

_________________
"Sul lungo periodo... siamo tutti morti" (John M. Keynes)

Ing. Paolo Bianco


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Decreto Bersani
MessaggioInviato: martedì 26 settembre 2006, 15:03 
Non connesso

Iscritto il: sabato 23 settembre 2006, 20:16
Messaggi: 7
Ronin ha scritto:
joe wine ha scritto:
Adesso rischi una querela.


non ho capito se da te, o da bersani.
cmq, se questa è la maniera di discutere, diciamo che non mi sembra che l'oggetto del contendere valga la fatica...


Evidentemente la maniera più appropriata di discutere è dare dell'asino al primo che passa.
Complimenti a tutti voi.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 26 settembre 2006, 16:40 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 17 febbraio 2005, 10:14
Messaggi: 7749
Località: rimini
grazie, grazie, adesso però basta difendermi, altrimenti ele_75 dice che "facciamo cartello"

_________________
"Sul lungo periodo... siamo tutti morti" (John M. Keynes)

Ing. Paolo Bianco


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 26 settembre 2006, 16:46 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 8 luglio 2003, 16:46
Messaggi: 2128
Località: Cagliari
Ronin ha scritto:
grazie, grazie, adesso però basta difendermi, altrimenti ele_75 dice che "facciamo cartello"

Mah... a me piace... visto che qualcuno ritiene che siamo la stessa persona, di riflesso mi sento difeso...
Saluti. :wink:

_________________
Dai diamanti non nasce niente
Dal letame nascono i fior


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 28 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010