IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è mercoledì 30 settembre 2020, 8:04

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 85 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6 ... 9  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 17 gennaio 2007, 10:44 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 16 gennaio 2007, 18:14
Messaggi: 350
Ronin ha scritto:
ok.
ma l'effettuare questa verifica renderebbe necessario rieseguire i progetti integralmente.
dunque, è evidente che la quota d'iscrizione all'ordine dovrebbe reperire una quantità di risorse almeno pari alla metà degli onorari del professionista.
il che significa, comunque la si voglia girare, che la tariffa cosiddetta minima suppergiù è doppia rispetto al minimo vero e proprio...


Mi sembra un po' estrema la tua valutazione. Se le commissioni degli Ordini, invece di parlare di tornei di calcetto, lavorassero qualche ora a settimana (e non mi tirerei indietro nel dare il mio contributo alla vita dell'Ordine, che so io, mezza giornata a settimana...con migliaia di iscritti altro che verificare i progetti!) sarebbe più che sufficiente per esaminare, almeno a livello generale, la qualità degli elaborati in circolazione.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 17 gennaio 2007, 10:50 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 16 gennaio 2007, 18:14
Messaggi: 350
Ronin ha scritto:
il punto è questo: io personalmente, e molti altri con me, ritengo di poter lavorare, dignitosamente, a un prezzo inferiore alle tariffe minime.

il principio della tariffa minima non è sbagliato di per sè, ma essa dovrebbe essere davvero minima (e cioè con un FORTISSIMO taglio rispetto a quella delle leggi attuali di riferimento); visto e considerato che in 30 anni di discussione la categoria non è riuscita ad abbassarla di un centimetro, meglio nessuna tariffa.


Allora, vedi che piano piano si comincia a trovare un punto di accordo?
Tanto per cominciare, io ho sempre parlato del "principio" delle tariffe minime, non ho mai parlato dell'entità delle stesse. Anzi, sono d'accordo che le tariffe debbano essere riviste ed aggiornate, sicuramente.
Sul fatto che si possa lavorare dignitosamente a prezzi minori: dipende.
A volte anche a me è capitato di trovare enormemente alte le tariffe. Altre volte, ho dovuto necessariamente chiedere più di quanto previsto, oppure stringere la cinghia (consideriamo le tariffe sui collaudi, ad esempio: sono RIDICOLMENTE BASSE). Tutto dipende da come lavori, dal tempo che sei disposto a dedicare ad ogni progetto. Comunque, MEDIAMENTE le tariffe professionali sono abbastanza adeguate a garantire una prestazione dignitosa, con le eccezioni che dicevo (dipende anche molto dal settore in cui si opera). Ma in ogni caso, ok, accordiamoci su nuove tariffe. Ma non eliminiamo questa forma imprescindibile di tutela della prestazione e della dignità professionale con un colpo di spugna.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 17 gennaio 2007, 10:58 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 16 gennaio 2007, 18:14
Messaggi: 350
afazio ha scritto:

Parole vacue ed arroganti, basate sull'errato presupposto che chi aveva risposto fino a questo punto (e cioe' Ronin, NHLPP ed io) fossero dei giovanisismi laureati. Ma da cosa nasceva in effetti questo pregiudizio se non dal fatto che le tre risposte non erano in sintonia con cio' che si avrebbe voluto leggere?


Dall'esperienza di anni di frequentazione di forum simili? Da commenti del tipo "Eh, gli infimi ingegneri vecchio ordinamento?"
Poi posso anche essermi sbagliato, nel vostro caso. Certo è che da ingegneri "anziani" e liberi professionisti sentire certi commenti velenosi quando uno cerca di difendere la dignità e la natura della nostra professione, francamente lascia un po' sconcertati, e si preferisce pensare che certe idee un po'..."bislacche" (perdonami, ma non posso che ritenere tali idee quali quelle della liberalizzazione totale della nostra professione) appartengano a persone che il mondo della professione di ingegnere non lo conoscono.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 17 gennaio 2007, 11:02 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 16 gennaio 2007, 18:14
Messaggi: 350
antgiangre ha scritto:
concordo quasi totalmente con aLUCArd, credere che l'abolizione delle tariffe sia la strada per far emergere i giovani - almeno da quello che vedo - è tutto fuorchè la realtà.


Finalmente! Pensavo di essere rimasto il solo ad avere un minimo di visibilità della situazione...e come si dice, quando ti sembra che siano tutti matti tranne te devi cominciarti a preoccupare!
Pienamente d'accordo con la tua disamina.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 17 gennaio 2007, 11:31 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 3 novembre 2004, 17:48
Messaggi: 1613
Chi di voi applica le tariffe ai privati?

aLUCArd ha scritto:
Ronin ha scritto:
il punto è questo: io personalmente, e molti altri con me, ritengo di poter lavorare, dignitosamente, a un prezzo inferiore alle tariffe minime.

il principio della tariffa minima non è sbagliato di per sè, ma essa dovrebbe essere davvero minima (e cioè con un FORTISSIMO taglio rispetto a quella delle leggi attuali di riferimento); visto e considerato che in 30 anni di discussione la categoria non è riuscita ad abbassarla di un centimetro, meglio nessuna tariffa.


Allora, vedi che piano piano si comincia a trovare un punto di accordo?
Tanto per cominciare, io ho sempre parlato del "principio" delle tariffe minime, non ho mai parlato dell'entità delle stesse. Anzi, sono d'accordo che le tariffe debbano essere riviste ed aggiornate, sicuramente.
Sul fatto che si possa lavorare dignitosamente a prezzi minori: dipende.
A volte anche a me è capitato di trovare enormemente alte le tariffe. Altre volte, ho dovuto necessariamente chiedere più di quanto previsto, oppure stringere la cinghia (consideriamo le tariffe sui collaudi, ad esempio: sono RIDICOLMENTE BASSE). Tutto dipende da come lavori, dal tempo che sei disposto a dedicare ad ogni progetto. Comunque, MEDIAMENTE le tariffe professionali sono abbastanza adeguate a garantire una prestazione dignitosa, con le eccezioni che dicevo (dipende anche molto dal settore in cui si opera). Ma in ogni caso, ok, accordiamoci su nuove tariffe. Ma non eliminiamo questa forma imprescindibile di tutela della prestazione e della dignità professionale con un colpo di spugna.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 17 gennaio 2007, 12:00 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 16 gennaio 2007, 18:14
Messaggi: 350
NHLPP ha scritto:
Chi di voi applica le tariffe ai privati?


Io mi occupo di diverse cose, molte delle quali (ahimè) non comprese nelle tariffe professionali (come dicevo nell'altro post, sono i settori più critici quanto a livello qualitativo, a riprova di quanto sostengo).
Per gli incarichi relativi ad attività normate dalla tariffa, prendo comunque quest'ultima a riferimento anche nel privato, anche se a volte è necessario applicare sconti per non essere tagliati fuori (c'è sempre qualcuno che per 200 euro firma qualsiasi cosa...e purtroppo i committenti non capiscono la differenza tra i due professionisti); del resto, è ormai consuetudine applicare lo sconto del 20% anche nel Pubblico (lo trovo francamente inspiegabile).
Resta comunque il fatto che, effettivamente, nel privato le tariffe sono ampiamente disattese. E' un'anomalia, che ha sconvolto completamente la situazione. Ma non bisogna partire da questa considerazione per dire: "vabbè, tanto già non si applicano, tanto vale eliminarle". Niente di più sbagliato. Come più volte affermato, ritengo necessario studiare un modo per rendere INELUDIBILE l'applicazione delle tariffe in tutte le attività professionali, per rendere veramente efficace il sistema, garantire la qualità delle prestazioni ed eliminare dal mercato i venditori di fumo.

_________________
aLUCArd (from work)

--
"Per ogni problema complesso esiste una soluzione semplice. Ed è sbagliata."


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 17 gennaio 2007, 12:24 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 17 febbraio 2005, 10:14
Messaggi: 7749
Località: rimini
aLUCArd ha scritto:
Come più volte affermato, ritengo necessario studiare un modo per rendere INELUDIBILE l'applicazione delle tariffe in tutte le attività professionali, per rendere veramente efficace il sistema, garantire la qualità delle prestazioni ed eliminare dal mercato i venditori di fumo.


posso anche essere d'accordo.
ma NEL FRATTEMPO che discutiamo per trovare questo sistema (per altri 30 anni almeno, a occhio), meglio toglierle che mantenerle applicate solo da chi se lo può permettere.
ripeto che la questione è semplicissima: o ha ragione chi vuole l'abolizione, e allora niente tariffe=professionisti meno scadenti a minor prezzo, oppure ha ragione chi la pensa come te, e allora niente tariffe=stessi professionisti scadenti a minor prezzo.
In ogni caso, non ci sono svantaggi (se non per i professionisti scadenti).

_________________
"Sul lungo periodo... siamo tutti morti" (John M. Keynes)

Ing. Paolo Bianco


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 17 gennaio 2007, 12:26 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 3 novembre 2004, 17:48
Messaggi: 1613
Hai ragione, anche per questo non servono.

Di conseguenza:
- la qualità è scarsa (come hai detto tu)
- non si rispettano le tariffe
allora, a che cosa serve l'ordine?



aLUCArd ha scritto:
NHLPP ha scritto:
Chi di voi applica le tariffe ai privati?


Io mi occupo di diverse cose, molte delle quali (ahimè) non comprese nelle tariffe professionali (come dicevo nell'altro post, sono i settori più critici quanto a livello qualitativo, a riprova di quanto sostengo).
Per gli incarichi relativi ad attività normate dalla tariffa, prendo comunque quest'ultima a riferimento anche nel privato, anche se a volte è necessario applicare sconti per non essere tagliati fuori (c'è sempre qualcuno che per 200 euro firma qualsiasi cosa...e purtroppo i committenti non capiscono la differenza tra i due professionisti); del resto, è ormai consuetudine applicare lo sconto del 20% anche nel Pubblico (lo trovo francamente inspiegabile).
Resta comunque il fatto che, effettivamente, nel privato le tariffe sono ampiamente disattese. E' un'anomalia, che ha sconvolto completamente la situazione. Ma non bisogna partire da questa considerazione per dire: "vabbè, tanto già non si applicano, tanto vale eliminarle". Niente di più sbagliato. Come più volte affermato, ritengo necessario studiare un modo per rendere INELUDIBILE l'applicazione delle tariffe in tutte le attività professionali, per rendere veramente efficace il sistema, garantire la qualità delle prestazioni ed eliminare dal mercato i venditori di fumo.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 17 gennaio 2007, 13:13 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 17 gennaio 2007, 12:43
Messaggi: 3
Solo 2 pensieri:
-la tariffa minima non garantisce al cliente di ottenere un lavoro decente... ma può garantire la possibilità di "vita commerciale" a chi, nonostante tutto quel che vede in giro, vuole continuare a lavorare bene.
-raramente il cliente ha la capacità di giudicare la qualità del prodotto fornito dall'ingegnere: il mercato agevola quindi non i migliori professionisti ma i migliori "comunicatori".

_________________
Emanuele


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 17 gennaio 2007, 13:14 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 3 novembre 2004, 17:48
Messaggi: 1613
Non fa una piega

Emanuele Moretta ha scritto:
Solo 2 pensieri:
-la tariffa minima non garantisce al cliente di ottenere un lavoro decente... ma può garantire la possibilità di "vita commerciale" a chi, nonostante tutto quel che vede in giro, vuole continuare a lavorare bene.
-raramente il cliente ha la capacità di giudicare la qualità del prodotto fornito dall'ingegnere: il mercato agevola quindi non i migliori professionisti ma i migliori "comunicatori".


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 85 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6 ... 9  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBB.it