IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è mercoledì 13 novembre 2019, 7:25

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 35 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: martedì 6 febbraio 2007, 18:03 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 23 aprile 2003, 15:46
Messaggi: 124
Autore: Rock is dead

Chi spiegherà ai consumatori che non diventeranno più ricchi risparmiando sulle spese per le parcelle dei professionisti?
Quante volte nella propria vita si ha "a che fare" con un Ingegnere, Architetto, Geologo, Geometra?
E quanto incide sulle proprie economie il risparmio conseguito alla luce del famigerato Decreto Bersani?
Ed ancora, che livello qualitativo ci si aspetta da un lavoro commissionato da un Ente Pubblico quando il ribasso medio si aggira sul 70% della parcella?
Qualcuno obbietterà che il livello era già basso...e figuriamoci adesso, allora!
Ma il messaggio, che faziosamente gli organi di stampa diffondono, è che le liberalizzazioni sono un bene assoluto, perchè così avviene in Europa, dimenticando che l'Europa è fatta da realtà economiche e sociali completamente diverse (come se un tecnico in Svizzera guadagnasse quanto in Italia).
Non ho ancora visto un dibattito in televisione sulla riforma delle professioni...ma ne ho visti tanti sulla nascita del Partito Unico (come se a noi ce ne fregasse qualcosa).
E perchè, se volete abbattere le parcelle dei professionisti, facendoci guadagnare di meno, ci aumentate gli studi di settore? Forse pensate che il lavoro si è moltiplicato?

Queste e tante altre domande avrei voluto farle, Ministro Bersani, ma Lei ovviamente è irraggiungibile ed indifferente alle istanze degli Ordini e dei Professionisti i quali, a differenza dei clown del circo Barnum della politica, lavorano senza orari, si assumono responsabilità, vanno a lavorare anche se malati e nessuno li paga, spendono per aggiornarsi e per acquistare attrezzature, tentano di sopravvivere alle inefficienze di una P.A. intonsa da qualunque riforma in termini di efficienza e produttività.

C'è da scappare da questo paese...


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 6 febbraio 2007, 18:13 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 3 novembre 2004, 17:48
Messaggi: 1613
Bel paragone.

Se anche risparmiassi in tutta la mia vita anche sono 2000 euro di progettazione, un viaggetto al mare non me lo toglie nessuno.

Se anche la collettività risparmiasse qualcosa dei 100 ml (CENTO MILIONI) di Euro sulla progettazione della bretella autostradale di Pavia, che forse non verrà mai realizzata, sarebbe un bel risparmio per tutti.

Redazione ha scritto:
Autore: Rock is dead

Chi spiegherà ai consumatori che non diventeranno più ricchi risparmiando sulle spese per le parcelle dei professionisti?
Quante volte nella propria vita si ha "a che fare" con un Ingegnere, Architetto, Geologo, Geometra?
E quanto incide sulle proprie economie il risparmio conseguito alla luce del famigerato Decreto Bersani?
Ed ancora, che livello qualitativo ci si aspetta da un lavoro commissionato da un Ente Pubblico quando il ribasso medio si aggira sul 70% della parcella?
Qualcuno obbietterà che il livello era già basso...e figuriamoci adesso, allora!
Ma il messaggio, che faziosamente gli organi di stampa diffondono, è che le liberalizzazioni sono un bene assoluto, perchè così avviene in Europa, dimenticando che l'Europa è fatta da realtà economiche e sociali completamente diverse (come se un tecnico in Svizzera guadagnasse quanto in Italia).
Non ho ancora visto un dibattito in televisione sulla riforma delle professioni...ma ne ho visti tanti sulla nascita del Partito Unico (come se a noi ce ne fregasse qualcosa).
E perchè, se volete abbattere le parcelle dei professionisti, facendoci guadagnare di meno, ci aumentate gli studi di settore? Forse pensate che il lavoro si è moltiplicato?

Queste e tante altre domande avrei voluto farle, Ministro Bersani, ma Lei ovviamente è irraggiungibile ed indifferente alle istanze degli Ordini e dei Professionisti i quali, a differenza dei clown del circo Barnum della politica, lavorano senza orari, si assumono responsabilità, vanno a lavorare anche se malati e nessuno li paga, spendono per aggiornarsi e per acquistare attrezzature, tentano di sopravvivere alle inefficienze di una P.A. intonsa da qualunque riforma in termini di efficienza e produttività.

C'è da scappare da questo paese...


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 6 febbraio 2007, 18:14 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 17 febbraio 2005, 10:14
Messaggi: 7749
Località: rimini
Redazione ha scritto:
C'è da scappare da questo paese...


accomodati, che aspetti, c'è pure l'accordo di schengen a facilitarti le cose.
(e che noia....)

_________________
"Sul lungo periodo... siamo tutti morti" (John M. Keynes)

Ing. Paolo Bianco


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 7 febbraio 2007, 9:51 
Non connesso

Iscritto il: martedì 21 novembre 2006, 20:08
Messaggi: 14
Località: Ragusa
frequento pochissimo questo forum perchè, in generale, non condivido assolutamente il tono estremamente polemico e poco costruttivo dei più attivi "personaggi" che vi si agitano dentro; non posso tuttavia fare a meno di chiedere ai vari nhlpp, ronin ecc. ma quali cambiamenti e benefici vi aspettate, per la società italiana e per voi personalmente, dalla liberalizzazione delle tariffe? Pensate effettivamente che il risparmio si debba conseguire sulle spese di progettazione o, non sarebbe molto più grande il risparmio conseguente al progettare e realizzare, in tempi opportuni, solo le opere che servono e non quelle che servono solo ad acchiappare voti o mazzette?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 7 febbraio 2007, 11:06 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 17 febbraio 2005, 10:14
Messaggi: 7749
Località: rimini
Ruskin ha scritto:
ma quali cambiamenti e benefici vi aspettate, per la società italiana e per voi personalmente ... non sarebbe molto più grande il risparmio conseguente


senza dubbio lo sarebbe.
però ho già espresso altre volte la mia opinione sul benaltrismo: inutile dire che bisognerebbe fare ben altro, quando questo ben altro nessuno ce l'ha ben chiaro in testa come e quando e da chi dovrebbe essere fatto (ammesso che si possa fare, e che davvero lo si voglia fare).
io non ho sostenuto mai che l'abolizione delle tariffe sia la soluzione definitiva di tutti i problemi (vi sfido a trovare un passo in cui l'ho detto, tra i miei 2000 messaggi); dico semplicemente che il meglio è nemico del bene.

Mi chiedi cosa ci guadagna la società: relativamente poco (prima, gli incarichi politici per non fare nulla venivano assegnati a tariffa, adesso vengono assegnati a gara, ragion per cui c'è un risparmio secco), ma sempre meglio che niente del tutto.
Mi chiedi cosa ci guadagno io: relativamente poco (prima quelli come me che agganci non ne hanno erano obbligati a far prezzo da tariffa, e quindi l'amministrazione poteva assegnare il progetto a chi voleva, su base politica; adesso non può più, perchè molti fanno meno della tariffa, e quindi se gli agganciati politicamente osano far prezzo da tariffa, perdono subito. e si sta verificando uno strano fenomeno, almeno per la "fettina" che vedo passare io, per cui gli agganciati politicamente, a certe gare in cui si spunta meno della tariffa, non partecipano proprio più, perchè non c'è abbastanza ciccia).
Sempre meglio che niente, secondo me.

Perciò, inutile dire che occorre una riforma più completa, e via cialtroneggiando: se qualcuno ha in mente ESATTAMENTE cosa fare, lo esponga per filo e per segno. Fino ad allora, meglio il poco di Bersani che il nulla dei 30 anni precendenti.

_________________
"Sul lungo periodo... siamo tutti morti" (John M. Keynes)

Ing. Paolo Bianco


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 7 febbraio 2007, 11:31 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 23 novembre 2005, 15:56
Messaggi: 827
Cita:
se qualcuno ha in mente ESATTAMENTE cosa fare, lo esponga per filo e per segno. Fino ad allora, meglio il poco di Bersani che il nulla dei 30 anni precendenti


quoto Ronin e rilancio...se qualcuno sa ESATTAMENTE cosa è meglio per il Paese,lo dica e soprattutto si candidi,avrà il mio piccolo voto se sarà convincente


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 7 febbraio 2007, 11:36 
Non connesso

Iscritto il: martedì 21 novembre 2006, 20:08
Messaggi: 14
Località: Ragusa
non so a che gare di progettazione ti riferisci, per quello che vedo nelle gare "che contano" in termini di importo parcella, la situazione, a mio parere è questa: la parte economica dell'offerta conta per il 20% circa del punteggio, il resto del punteggio viene attribuito in base al curriculum ed ai lavori precedentemente svolti (dai soliti ammanicati che in precedenza hanno fatto tutto: spesso sono delle cooperative di progettazione che, guarda caso, hanno la loro sede in emilia!), l'ultima e decisiva parte del punteggio viene attribuita in base alla soluzione pre-progettuale proposta: questa viene giudicata dai colleghi dipendenti dell'ente che, ad andar bene non sanno nemmeno di che cosa stanno parlando, ad andar male giudicano solo in base alla convenienza politica (ingraziarsi il sindaco od il presidente di turno facendo vincere chi viene da questi "raccomandato") oppure economica (chi li fa lavorare in nero nel gruppo o fa lavorare i loro figli, fratelli ecc.). E posso assicurarti che queste cose le ho viste con i miei occhi.
Circa il "benaltrismo" non per forza fare una cavolata è meglio di non fare niente! Oltretutto, come testimonia anche il mio nome, io sono sempre legato alla favoletta dell'etica che, in politica e nella professione, dovrebbe consentire che le cose vadano per il verso giusto.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 7 febbraio 2007, 11:43 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 17 febbraio 2005, 10:14
Messaggi: 7749
Località: rimini
come tu stesso ammetti, prima le gare erano blindate al 100%.
adesso, con l'eliminazione della parte relativa alla tariffa, sono blindate solo all'80% (che poi scusa, a me pare assolutamente giusto che si tenga in conto il curriculum e i lavori svolti, e lo dice uno che ha un curriculum microscopico).
è o non è un passo avanti?


Come ho già incontrovertibilmente dimostrato in altro thread, l'abolizione della tariffa migliora o lascia inalterate le cose in tutti i casi possibili, tranne uno: quello del professionista che prima lavorava bene, e a causa del taglio delle tariffe, per reggere la concorrenza adesso lavora male.
Se ci sono professionisti in questa situazione (e io non credo che ce ne sia nemmeno uno), che lo ammettano esplicitamente se hanno il coraggio, in modo che si possa valutare l'entità dei danni che l'abolizione delle tariffe ha provocato.
Fino ad allora, poche chiacchiere.

_________________
"Sul lungo periodo... siamo tutti morti" (John M. Keynes)

Ing. Paolo Bianco


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 7 febbraio 2007, 14:03 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 16 ottobre 2006, 20:27
Messaggi: 260
Ronin ha scritto:
come tu stesso ammetti, prima le gare erano blindate al 100%.
adesso, con l'eliminazione della parte relativa alla tariffa, sono blindate solo all'80% (che poi scusa, a me pare assolutamente giusto che si tenga in conto il curriculum e i lavori svolti, e lo dice uno che ha un curriculum microscopico).
è o non è un passo avanti?


Come ho già incontrovertibilmente dimostrato in altro thread, l'abolizione della tariffa migliora o lascia inalterate le cose in tutti i casi possibili, tranne uno: quello del professionista che prima lavorava bene, e a causa del taglio delle tariffe, per reggere la concorrenza adesso lavora male.
Se ci sono professionisti in questa situazione (e io non credo che ce ne sia nemmeno uno), che lo ammettano esplicitamente se hanno il coraggio, in modo che si possa valutare l'entità dei danni che l'abolizione delle tariffe ha provocato.
Fino ad allora, poche chiacchiere.


L'abolizione delle tariffe (unitamente ad altre misure del decreto Bersani) sono volte a favorire la creazione ed il consolidamento di nuovi centri di potere rappresentati da grossi gruppi industriali: esattamente il contrario di ció che serve e di ció che si dice.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 7 febbraio 2007, 14:10 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 3 novembre 2004, 17:48
Messaggi: 1613
Mi spieghi in che modo?

emilio de bono ha scritto:
Ronin ha scritto:
come tu stesso ammetti, prima le gare erano blindate al 100%.
adesso, con l'eliminazione della parte relativa alla tariffa, sono blindate solo all'80% (che poi scusa, a me pare assolutamente giusto che si tenga in conto il curriculum e i lavori svolti, e lo dice uno che ha un curriculum microscopico).
è o non è un passo avanti?


Come ho già incontrovertibilmente dimostrato in altro thread, l'abolizione della tariffa migliora o lascia inalterate le cose in tutti i casi possibili, tranne uno: quello del professionista che prima lavorava bene, e a causa del taglio delle tariffe, per reggere la concorrenza adesso lavora male.
Se ci sono professionisti in questa situazione (e io non credo che ce ne sia nemmeno uno), che lo ammettano esplicitamente se hanno il coraggio, in modo che si possa valutare l'entità dei danni che l'abolizione delle tariffe ha provocato.
Fino ad allora, poche chiacchiere.


L'abolizione delle tariffe (unitamente ad altre misure del decreto Bersani) sono volte a favorire la creazione ed il consolidamento di nuovi centri di potere rappresentati da grossi gruppi industriali: esattamente il contrario di ció che serve e di ció che si dice.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 35 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010