IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è mercoledì 13 novembre 2019, 6:07

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 4 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: martedì 27 febbraio 2007, 11:40 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 23 aprile 2003, 15:46
Messaggi: 124
Autore: FIDELIO

Sono a dir poco IRRITATO dal comportamento di colleghi ingegneri e peggio da laureati junior o periti industriali laureati e geometri...... in soli 5 anni di attività professionale con specializzazione in restauro, edilizia residenziale e soprattutto sicurezza antincendio, da nord a sud del nostro bel paese... ho "incontrato" una marea di colleghi scorretti.. sia nei confronti di altri loro colleghi e sia nei confronti degli stessi committenti. Mi riferisco soprattutto alle promesse di prestazioni professionali a "BASSISSIMO COSTO", soprattutto nell'ambito della sicurezza antincendio e cosa peggiore è risultato il fatto che proprio gli iscritti da lunga data (sopra i 10 anni) all'albo sono risultati le persone più meschine, bugiarde e incompetenti. Chi conosce il mestiere e si sente pienamente responsabile di ciò che progetta, attesta, assevera o consiglia di fare, sa quanto vale il suo lavoro, e ancora sa quanto vale firmare certificazioni che non hanno scadenza come quelle strutturali, infatti secondo me vige una regola non scritta per i colleghi più anziani, ossia le loro responsabilità civili e penali sono meno perseguibili data la loro avanzata età. tutto ciò a svantaggio professionale dei giovani coscienziosi professionisti, ossia coloro che restano convinti che la professione va svolta nel pieno rispetto delle norme deontologiche incluse le regole che obbligano ogni professionista a non intraprendere o incoraggiare comportamenti che denigrino la professione... credo che gli ordini professionali dorebbero effettuare dei corsi OBBLIGATORI sulla deontologia professionale e sui rapporti con tecnici di altri ordini. UN ESEMPIO SU TUTTI.. un perito industriale iscritto al suo albo senza esercitare la professione è titolare di una impresa termoidraulica composta da lui stesso e due collaboratori.... esegue un adeguamento di impianto ad idranti su progetto firmato da lui come perito industriale, emette dichiarazione di conformitàn al progetto come titolare della ditta esecutrice dei lavori.. e udite udite..... collauda l'impianto come tecnico..... NON CONTENTO.... chiede al sottoscritto dinanzi alla committenza di effettuare una perizia asseverata in tribunale al fine di ottenere il CPI (certificato di prevenzione incendi). Giudicate voi se il mio rifiuto è giustificato, al di là dei vizi sulla progettazione ed esecuzione dell'impianto ai sensi delle norme vigenti in materia (UNI, regola dell'arte, etc..), per non parlare del fatto che un altro collega ha effettuato al mio posto la perizia senza uscire dal proprio studio professionale (collega ANZIANO). IL COMMITTENTE MI GIUDICA GIOVANE E INESPERTO, TROPPO ZELANTE.... e io non posso denunciare nessuno perchè non appartenente all'ordine del signore TUTTO FARE di cui sopra e non potendo divulgare alcuna informazione in merito alla committenza..... EVVIVA LA LIBERALIZZAZIONE DELLE TARIFFE, LA PUBBLICITA', E LA CONCORRENZA DEI SERVIZI ALTAMENTE PROFESSIONALI... meditate gente...... meditate....... fidelio


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 27 febbraio 2007, 11:53 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 3 novembre 2004, 17:48
Messaggi: 1613
Gli ingegneri sezione B sono meno del 5% degli iscritti
Gli ingegneri sezione B sono anche quelli da meno tempo iscritti.

Arrabbiati quindi pure con i tuoi colleghi triplici iscritti, ma in un forum, vai all'Ordine o al Collegio.

Altro che ingegneri iunior...


Redazione ha scritto:
Autore: FIDELIO

Sono a dir poco IRRITATO dal comportamento di colleghi ingegneri e peggio da laureati junior o periti industriali laureati e geometri...... in soli 5 anni di attività professionale con specializzazione in restauro, edilizia residenziale e soprattutto sicurezza antincendio, da nord a sud del nostro bel paese... ho "incontrato" una marea di colleghi scorretti.. sia nei confronti di altri loro colleghi e sia nei confronti degli stessi committenti. Mi riferisco soprattutto alle promesse di prestazioni professionali a "BASSISSIMO COSTO", soprattutto nell'ambito della sicurezza antincendio e cosa peggiore è risultato il fatto che proprio gli iscritti da lunga data (sopra i 10 anni) all'albo sono risultati le persone più meschine, bugiarde e incompetenti. Chi conosce il mestiere e si sente pienamente responsabile di ciò che progetta, attesta, assevera o consiglia di fare, sa quanto vale il suo lavoro, e ancora sa quanto vale firmare certificazioni che non hanno scadenza come quelle strutturali, infatti secondo me vige una regola non scritta per i colleghi più anziani, ossia le loro responsabilità civili e penali sono meno perseguibili data la loro avanzata età. tutto ciò a svantaggio professionale dei giovani coscienziosi professionisti, ossia coloro che restano convinti che la professione va svolta nel pieno rispetto delle norme deontologiche incluse le regole che obbligano ogni professionista a non intraprendere o incoraggiare comportamenti che denigrino la professione... credo che gli ordini professionali dorebbero effettuare dei corsi OBBLIGATORI sulla deontologia professionale e sui rapporti con tecnici di altri ordini. UN ESEMPIO SU TUTTI.. un perito industriale iscritto al suo albo senza esercitare la professione è titolare di una impresa termoidraulica composta da lui stesso e due collaboratori.... esegue un adeguamento di impianto ad idranti su progetto firmato da lui come perito industriale, emette dichiarazione di conformitàn al progetto come titolare della ditta esecutrice dei lavori.. e udite udite..... collauda l'impianto come tecnico..... NON CONTENTO.... chiede al sottoscritto dinanzi alla committenza di effettuare una perizia asseverata in tribunale al fine di ottenere il CPI (certificato di prevenzione incendi). Giudicate voi se il mio rifiuto è giustificato, al di là dei vizi sulla progettazione ed esecuzione dell'impianto ai sensi delle norme vigenti in materia (UNI, regola dell'arte, etc..), per non parlare del fatto che un altro collega ha effettuato al mio posto la perizia senza uscire dal proprio studio professionale (collega ANZIANO). IL COMMITTENTE MI GIUDICA GIOVANE E INESPERTO, TROPPO ZELANTE.... e io non posso denunciare nessuno perchè non appartenente all'ordine del signore TUTTO FARE di cui sopra e non potendo divulgare alcuna informazione in merito alla committenza..... EVVIVA LA LIBERALIZZAZIONE DELLE TARIFFE, LA PUBBLICITA', E LA CONCORRENZA DEI SERVIZI ALTAMENTE PROFESSIONALI... meditate gente...... meditate....... fidelio


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 27 febbraio 2007, 20:32 
Non connesso

Iscritto il: martedì 27 febbraio 2007, 20:16
Messaggi: 2
Caro collega esci dalla logica degli ordini professionali e ricordati che nonostante tutto viviamo in uno stato di diritto, se qualche attore del tuo racconto ha commesso un reato oppure ha tenuto un comportamento contrario all'"etica professionale" dovresti denunciarlo indipendentemente dal fatto di appartenere a questo o a quell'albo. A maggior ragione per il fatto che si parla di CPI (dove se non sbaglio è necessario essere iscritti ad un elenco ministeriale). Prima che ingegnere ricorda che sei cittadino!
Se ne leggono fin troppe di storie come la tua dove la logica del profitto viene sempre anteposta alla deontologia professionale, ma finchè noi giovani per timore di ritorsioni professionali (ricorda che cane non mangia cane) non facciamo altro che sfogarci su un forum penso che nulla cambierà e forse riformare o abolire gli ordini professionali non sarebbe poi così catastrofico, almeno ci libererebbe da tante italiche ipocrisie.
Saluti


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 27 febbraio 2007, 21:11 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 17 febbraio 2005, 10:14
Messaggi: 7749
Località: rimini
semplice segnalazione al comando provinciale dei vvf.
poi ci pensano loro.

_________________
"Sul lungo periodo... siamo tutti morti" (John M. Keynes)

Ing. Paolo Bianco


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 4 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010