IngForum
http://www.ingegneri.info/forum/

Professionalità
http://www.ingegneri.info/forum/viewtopic.php?f=7&t=9796
Pagina 2 di 2

Autore:  lorenz [ mercoledì 4 luglio 2007, 16:12 ]
Oggetto del messaggio: 

Tigerjact ha scritto:
Non vorrei essere polemico...
Ma a me è capitato anche di vedere progetti fatti da geometri a cui gli "ingegneri" di turno mettevano una firma senza dare nemmeno un'occhiata...

Profesionalità?


questo vale anche per molti "architetti" di turno....

Autore:  antgiangre [ giovedì 5 luglio 2007, 16:26 ]
Oggetto del messaggio: 

afazio ha scritto:
Vi sono Geni Civili che accettano un calcolo d'una struttura in zona sismica, o una struttura in c.a. non rurale. firmato da un geometra?


Capitato proprio di persona, non il calcolo ma la DL. Anche se la vedo dura sostenere che non si hanno le competenze per progettarla una cosa, ma le si hanno per dirigerla, o no?
Villa in zona 2 su pendio a rischio idrogeologico con piscina interrata.
Ero progettista e DL completo (sia arch che strutt) e mi sono dimesso a metà lavoro per incompatibilità etica con il committente (ricco arrogante e abusivista). Il servizio sismico ha accettato senza battere ciglio la prosecuzione di entrambe le DL da un geometra.

Poi non mi sto a scaldare più di tanto e penso anch'io che saremmo noi a dover evitare di fare concorrenza ai geometri, ma tant'è.

Autore:  ingbs [ mercoledì 25 luglio 2007, 14:02 ]
Oggetto del messaggio: 

afazio ha scritto:
lorenz ha scritto:
non capisco sinceramente perchè porsi a prescindere contro la posizione di maurizio...

Ormai anche noi professionisti siamo entrati nell'era del libero mercato...
Io personalmente ritengo giusto mantenere i miei compensi "nella norma"; si assiste spesso ad individui che deprezzano mostruosamente le loro prestazioni (a scapito della qualità aggiungo io), come altri che si credono padreterni e che sparano cifre astronomiche...

Quando la situazione non è distorta (vedi i raccomandati) sarà il mercato a fare selezione e promuovere chi garantisce il miglior rapporto qualità - prezzo......

Un solo appunto per il nostro amico idraulico...
Da parte della vostra categoria è più facile inseguire la politica dell'aumento dei prezzi, visto che comunque siete in pochi....
Diverso il discorso di noi architetti ed ingegneri, che, pur costituendo un esercito, dobbiamo anche sopportare la concorrenza dei geometri e dei periti edili... che fanno un pò di tutto (anche quello che non potrebbero fare) con prezzi molto inferiori)......
Quindi, magari, prima di farci un amichevole rimprovero, bisognerebbe conoscere bene le problematiche del settore....


Non mi sono mai sentito in concorrenza coi periti o coi geometri.
Un pensiero: se s'avverte un senso di concorrenza con professionisti di preparazione piu' bassa sarà forse perchè si sta operando ai livelli bassi? In altri termini, sono gli ingegneri-architetti a doversi sentire addosso la concorrenza dei periti-geometri o, piuttosto, allo stato delle cose non siano gli ingegneri-architetti a far concorrenza ai periti-geometri?



Un pò per tutti, esistono tre settori:
- civile
- industriale
- informatico
ma è evidente che l'ingegnere (luogo comune) è il civile. Il mio professore di Scienze Delle Costruzioni all'epoca ci mise in guardia....
L'equivalente del genio civile per un informatico?
Ho visto impianti elettrici scomposti in sotto-impianti ingestibili, non scalabili (ovvero non ampliabili facilmente), non aggiornabili alle utime tecnologie. Un intruglio realizzato per non superare la potenza progettabile da un perito.
Peggio per i sistemi informatici, in questo caso neanche realizzati da qualche tipo di perito (ovviamente da rifare da zero ad ogni minima richiesta di espansione e/o aggiornamento).
Questi personaggi fanno concorrenza, eccome, agli ingegneri. E costano meno. Quasi sempre sono i titolari dell'azienda che realizza l'impianto:
il progetto lo offrono a costo zero, e lo sottolineano (sopratutto per il settore infromatico).
Al committente piace così.

Autore:  Ronin [ mercoledì 25 luglio 2007, 14:14 ]
Oggetto del messaggio: 

quali sono i limiti di potenza per i periti?

Autore:  ingbs [ mercoledì 25 luglio 2007, 14:33 ]
Oggetto del messaggio: 

Ronin ha scritto:
quali sono i limiti di potenza per i periti?



nessuno, che io sappia. Ma qualcuno ha considerato il limite di 20Kw!!

Autore:  Sasà [ lunedì 6 agosto 2007, 18:47 ]
Oggetto del messaggio: 

ingbs ha scritto:
afazio ha scritto:
lorenz ha scritto:
non capisco sinceramente perchè porsi a prescindere contro la posizione di maurizio...

Ormai anche noi professionisti siamo entrati nell'era del libero mercato...
Io personalmente ritengo giusto mantenere i miei compensi "nella norma"; si assiste spesso ad individui che deprezzano mostruosamente le loro prestazioni (a scapito della qualità aggiungo io), come altri che si credono padreterni e che sparano cifre astronomiche...

Quando la situazione non è distorta (vedi i raccomandati) sarà il mercato a fare selezione e promuovere chi garantisce il miglior rapporto qualità - prezzo......

Un solo appunto per il nostro amico idraulico...
Da parte della vostra categoria è più facile inseguire la politica dell'aumento dei prezzi, visto che comunque siete in pochi....
Diverso il discorso di noi architetti ed ingegneri, che, pur costituendo un esercito, dobbiamo anche sopportare la concorrenza dei geometri e dei periti edili... che fanno un pò di tutto (anche quello che non potrebbero fare) con prezzi molto inferiori)......
Quindi, magari, prima di farci un amichevole rimprovero, bisognerebbe conoscere bene le problematiche del settore....


Non mi sono mai sentito in concorrenza coi periti o coi geometri.
Un pensiero: se s'avverte un senso di concorrenza con professionisti di preparazione piu' bassa sarà forse perchè si sta operando ai livelli bassi? In altri termini, sono gli ingegneri-architetti a doversi sentire addosso la concorrenza dei periti-geometri o, piuttosto, allo stato delle cose non siano gli ingegneri-architetti a far concorrenza ai periti-geometri?



Un pò per tutti, esistono tre settori:
- civile
- industriale
- informatico
ma è evidente che l'ingegnere (luogo comune) è il civile. Il mio professore di Scienze Delle Costruzioni all'epoca ci mise in guardia....
L'equivalente del genio civile per un informatico?
Ho visto impianti elettrici scomposti in sotto-impianti ingestibili, non scalabili (ovvero non ampliabili facilmente), non aggiornabili alle utime tecnologie. Un intruglio realizzato per non superare la potenza progettabile da un perito.
Peggio per i sistemi informatici, in questo caso neanche realizzati da qualche tipo di perito (ovviamente da rifare da zero ad ogni minima richiesta di espansione e/o aggiornamento).
Questi personaggi fanno concorrenza, eccome, agli ingegneri. E costano meno. Quasi sempre sono i titolari dell'azienda che realizza l'impianto:
il progetto lo offrono a costo zero, e lo sottolineano (sopratutto per il settore infromatico).
Al committente piace così.

almeno quando si incendia un quadro elettrico (e non solo il quadro...) il committente si dovrà pur porre la fatidica domanda sulla competenza...

Autore:  stuv823 [ lunedì 28 luglio 2008, 13:12 ]
Oggetto del messaggio:  29

I could understand the conspiracy stuff if it were something that the market could be badly manipulated on and thus be turned worthless, (oil) say like [url=http://www.qqhee.com]ipods[/url] sugarcane or coffee or something of that nature. We can't just plant oil somewhere else though and undermine the market to control Iraq via debt. Oil is used by the whole world

Pagina 2 di 2 Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
https://www.phpbb.com/