IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è venerdì 6 dicembre 2019, 18:00

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 4 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: sabato 16 novembre 2019, 16:49 
Non connesso

Iscritto il: sabato 16 novembre 2019, 10:16
Messaggi: 2
Salve,

sono proprietaria di una casa indipendente che ha la predisposizione per contatore del GAS a circa 60-80 metri dall'abitazione. L'impianto del gas sia nella casa che di accesso al contatore (che comunque non c'e) fu fatto nell'87 e per motivi che non vi sto a spiegare mai attivato. L'impianto di accesso al contatore dall'edificio e' ovviamente interrato. L'impianto come potete immaginare non ha nessuna certificazione di conformità perche all'epoca non era richiesta. Voglio richiedere l'attivazione dell'utenza del gas e mi e' stata richiesta una dichiarazione di rispondenza. Premetto che i vicini di casa hanno simili impianti e stesse tubature perche l'impiantista fu lo stesso, con la sola differenza che, avendo attivato l'impianto prima del decreto del 2008, non hanno avuto problemi. Tra l'altro io so che l'impianto e' stato fatto secondo le norme vigenti dell'epoca. Premetto inoltre che l'impianto passa per 40 metri per una strada rurale senza asfalto e per una 20-30 metri per una strada privata coperta di asfalto.

Ho interpellato un paio di termoidraulici per il rilascio della dichiarazione di rispondenza e ho notato parecchia confusione nelle loro risposte. Uno mi ha detto che a prescindere la responsabilità non se la prende. Un altro inizialemente mi ha detto che lui testerebbe l'impianto e se funziona mi rilascia il certificato ma devo vedere se l'Italgas accetta i tubi di metallo sotto terra,. Al che gli ho fatto notare che l'italgas accetterebbe la pratica se lui rilascia la dichiarazione di rispondenza. Allora mi ha risposto che l'impianto non e' a norma con le leggi attuali (tubi d plastica sotto terra). Io gli ho fatto notare che lui deve attestare che l'impianto deve essere a norma delle leggi in vigore all'epoca di messa in posa dell'impianto (impianto fatto a regola d'arte) e che l'impianto e' sicuro. Allora mi ha risposto che lui non sa cosa ci sia al disotto del terreno. HO l'impressione che non ci sia molta chiarezza su quello che il termoidraulico deve accertare e per paura della responsabilità non si muove niente e io nel frattempo sto senza termosifoni.

io non voglio ritirarmi da eventuali modifiche dell'impianto in alcune parti dove riconosco i tubi vanno sostituiti. Voglio pero evitare di rifare 80 metri di scavi e tutta la tubazione di accesso al contatore se non e' proprio necessario. Per carità se dopo il sopralluogo la sostituzione si deve fare, che si faccia pure.

Domanda: secondo le norme della verifica, e per quanto riguarda il tratto interrato, e' possibile per un termoidraulico fare degli scavi magari ogni 10 metri per vedere la qualità dell'impianto e se tutto va bene, dichiarare la sua rispondenza alla leggi in vigore all'epoca? Che altro mi consigliate per uscire fuori da questo problema? Come faccio a trovare ua persona onesta che mi dica come stanno le cose?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: sabato 16 novembre 2019, 22:08 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: domenica 4 novembre 2007, 21:21
Messaggi: 1715
Località: Padova-Trento-Udine
La DIRI la può redigere un professionista abilitato o un installatore se l'impianto non è maggiore di 50 kW. Onestamente anche se facessi una prova di tenuta non farei mai una DIRI per un impianto all'esterno che ha più di 30 anni, le stesse norme chiedono verifiche periodiche, gli impianti non sono eterni.

_________________
"Le misure sono state eseguite e interpretate secondo norme imposte dall'autorità competente, il fondamento delle quali ci è rimasto occulto." [Ettore Majorana]


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: sabato 16 novembre 2019, 23:55 
Non connesso

Iscritto il: sabato 16 novembre 2019, 10:16
Messaggi: 2
capisco ma quant impianti ci sono che hanno più di 30 anni, includo quello dei miei vicini? 85%? Allora gli impianti si devono fare ogni 20 anni?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: domenica 17 novembre 2019, 8:48 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: domenica 4 novembre 2007, 21:21
Messaggi: 1715
Località: Padova-Trento-Udine
Dato che in itaglia tutti denunciano tutti se trovi uno che si prende la responsabilità di mettere la firma sulla tua DIRI buon per te.
Ti rendi conto di cosa chiedi ?
Chiedi di dichiarare sicuro un impianto gas che ha più di 30 anni, perché norme o non norme in caso di incidente chi risponde davanti al giudice è colui che ha firmato, poi il committente.
Io te la faccio la DIRI tra ispezioni e rilievi il costo è di 12.000 euri
Prima però faccio redigere il preventivo ed il contratto dal mio avvocato.

_________________
"Le misure sono state eseguite e interpretate secondo norme imposte dall'autorità competente, il fondamento delle quali ci è rimasto occulto." [Ettore Majorana]


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 4 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010