IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è sabato 21 settembre 2019, 9:17

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 12 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Conto Termico per sistema multisplit
MessaggioInviato: giovedì 23 maggio 2019, 10:18 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: domenica 11 settembre 2005, 12:08
Messaggi: 59
Salve,
un cliente ha una unità abitativa in cui è presente sia una caldaia che un sistema multisplit (3 unità interne) a pompa di calore, ed ha intenzione di lasciare la caldaia e sostituire il solo sistema multisplit con uno avente i parametri minimi richiesti dal conto termico, e con tecnologia ad inverter

Ho questi dubbi:

1) Le regole applicative del CT 2.0 prevedono anche la sostituzione 'parziale' nel caso in cui in origine siano presenti più di un generatore di calore: la situazione sopra descritta rientra in questa casistica?

2) Come può essere soddisfatto in un multisplit il requisito "l’installazione su tutti i corpi scaldanti di elementi di regolazione di tipo modulante agente sulla portata,tipo valvole termostatiche a bassa inerzia termica"? Può ritenersi soddisfatto mediante l'adozione della tecnologia ad inverter?

3) Nella documentazione fotografica richiesta ci sono "le valvole termostatiche o del sistema di regolazione modulante della portata": cosa si allega nel caso di un sistema multisplit?

4) Se la nuova PDC ha potenza nominale superiore della precedente e/o una o più unità interne in più rispetto al sistema sostituito, l'incentivo viene riconosciuto?

5) In questo caso, vista la bassa entità dell'incentivo concesso dal GSE, sensibilmente inferiore al 65% dlla spesa totale, sembra molto più conveniente procedere con l'ecobonus: i prerequisiti tecnici mi sembrano molto simili, in quale dei due casi sono più stringenti?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 23 maggio 2019, 12:30 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19221
Località: Ferrara
Beh, se i vecchi split facevano anche riscaltamento, potresti considerarli generatori sostituiti, quindi si tratterebbe di sostituzione parziale....
Riguardo alla convenienza, io non ho mai visti interventi in cui fosse conveniente il conto termico invece delle detrazioni fiscali: in genere ricorrono al GSE quelle società che non possono usufruire in alcun modo della detrazione fiscale per risparmio energetico, oppure coloro che sono a credito di irpef e quindi non riuscirebbero a detrarre.
Riguardo ai requisiti relativi alle valvole termostatiche (o altro dispositivo agente sulla portata), ritengo non sia applicabile alle pompe di calore di tipo split, dato che in questo caso non esiste un fluido termovettore (il gas refrigerante non è un fluido termovettore vero e proprio, dato che si trova all'interno del sistema di generazione, essendo quest'ultimo costituito dall'insieme unità interna+unità esterna, perciò è come se il generatore scaldasse direttamente l'ambiente in cui si trova. O, anche nel caso in cui consideri come fluido vettore l'aria dello split, canalizzata o meno, allora la regolazione della velocità del ventilatore è già di per sè una regolazione di portata.
Le differenze tra ecobonus e GSE a livello di requisiti in questo caso non ci sono, ma il GSE richiede una maggiore burocrazia, e una maggiore quantità di documentazione (certificato di smaltimento, documentazione fotografica, modulistica varia....) rispetto all'ecobonus.
Inoltre dato che l'ecobonus detrae in percentuale alle spese, ci si possono inserire anche eventuali spese di assistenza muraria, o tecniche, mentre il GSE è fisso, quindi raramente conviene.

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 23 maggio 2019, 16:49 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: domenica 11 settembre 2005, 12:08
Messaggi: 59
boba74 ha scritto:
Beh, se i vecchi split facevano anche riscaltamento, potresti considerarli generatori sostituiti, quindi si tratterebbe di sostituzione parziale.....


Rileggendo il mio post credo però di aver dato per scontato, forse erroneamente, un particolare, e cioè che, sia allo stato ante-operam che post-operam, la caldaia con i suoi radiatori ed il sistema multisplit sono a servizio degli stessi ambienti, cioè in uno stesso locale abbiamo sia il radiatore che l'unità interna del multi. In questo caso è sempre valido il conto termico? E l'ecobonus del 65%?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: venerdì 24 maggio 2019, 9:51 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19221
Località: Ferrara
lazzappa ha scritto:
boba74 ha scritto:
Beh, se i vecchi split facevano anche riscaltamento, potresti considerarli generatori sostituiti, quindi si tratterebbe di sostituzione parziale.....


Rileggendo il mio post credo però di aver dato per scontato, forse erroneamente, un particolare, e cioè che, sia allo stato ante-operam che post-operam, la caldaia con i suoi radiatori ed il sistema multisplit sono a servizio degli stessi ambienti, cioè in uno stesso locale abbiamo sia il radiatore che l'unità interna del multi. In questo caso è sempre valido il conto termico? E l'ecobonus del 65%?

Il 65% no, perchè da che so io la sostituzione non può essere parziale, quindi se hai già un altro sistema che fa riscaldamento (es. caldaia) non si può mettere in detrazione gli split a meno che non dismetti la caldaia e li utilizzi come unica fonte di riscaldamento. Per il conto termico invece mi pare che non sussista questa interpretazione, perchè si va a "sostituzione", cioè tu sostituisci un generatore con un altro che dismetti, a prescindere che inizialmente ve ne sia più di uno, e che quelli non dismessi restino in essere, inoltre non si fa riferimento a quali ambienti sono riscaldati da che cosa e quali no.
Ma non so se esistono chiarimenti o circolari in tal senso applicabili nell'ambito della pratica GSE.

In ogni caso, ritengo sia più conveniente utilizzare il bonus casa per gli split, dato che il 50% è comunque senz'altro maggiore del contributo GSE, e non hai vincoli di sostituzione integrale o parziale (vale anche per le nuove installazioni).

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: venerdì 24 maggio 2019, 12:32 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: domenica 11 settembre 2005, 12:08
Messaggi: 59
boba74 ha scritto:
lazzappa ha scritto:
boba74 ha scritto:
Beh, se i vecchi split facevano anche riscaltamento, potresti considerarli generatori sostituiti, quindi si tratterebbe di sostituzione parziale.....


Rileggendo il mio post credo però di aver dato per scontato, forse erroneamente, un particolare, e cioè che, sia allo stato ante-operam che post-operam, la caldaia con i suoi radiatori ed il sistema multisplit sono a servizio degli stessi ambienti, cioè in uno stesso locale abbiamo sia il radiatore che l'unità interna del multi. In questo caso è sempre valido il conto termico? E l'ecobonus del 65%?

Il 65% no, perchè da che so io la sostituzione non può essere parziale, quindi se hai già un altro sistema che fa riscaldamento (es. caldaia) non si può mettere in detrazione gli split a meno che non dismetti la caldaia e li utilizzi come unica fonte di riscaldamento. Per il conto termico invece mi pare che non sussista questa interpretazione, perchè si va a "sostituzione", cioè tu sostituisci un generatore con un altro che dismetti, a prescindere che inizialmente ve ne sia più di uno, e che quelli non dismessi restino in essere, inoltre non si fa riferimento a quali ambienti sono riscaldati da che cosa e quali no.
Ma non so se esistono chiarimenti o circolari in tal senso applicabili nell'ambito della pratica GSE.

In ogni caso, ritengo sia più conveniente utilizzare il bonus casa per gli split, dato che il 50% è comunque senz'altro maggiore del contributo GSE, e non hai vincoli di sostituzione integrale o parziale (vale anche per le nuove installazioni).


..però il vademecum ENEA sulle PDC parla di sostituzione totale o parziale e la FAQ 6.D ne ribadisce l'applicabilità.


Detto ciò mi pongo un altro problema: se il vecchio impianto era un multisplit trial ed al suo posto installo 3 monosplit al servizio degli stessi locali, con un lieve aumento di potenza totale, (mettiamo anche superiore al 10%, da giustificare con asseverazione del tecnico), può ancora ritenersi applicabile il conto termico? Ed in tal caso si fa una sola pratica? In tal caso quale valore di COP si usa per il calcolo dell'incentivo se le tre macchine sono di taglia differente ed anno valori di COP leggermente diversi tra loro?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: venerdì 24 maggio 2019, 13:00 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19221
Località: Ferrara
lazzappa ha scritto:

..però il vademecum ENEA sulle PDC parla di sostituzione totale o parziale e la FAQ 6.D ne ribadisce l'applicabilità.


Detto ciò mi pongo un altro problema: se il vecchio impianto era un multisplit trial ed al suo posto installo 3 monosplit al servizio degli stessi locali, con un lieve aumento di potenza totale, (mettiamo anche superiore al 10%, da giustificare con asseverazione del tecnico), può ancora ritenersi applicabile il conto termico? Ed in tal caso si fa una sola pratica? In tal caso quale valore di COP si usa per il calcolo dell'incentivo se le tre macchine sono di taglia differente ed anno valori di COP leggermente diversi tra loro?

Nella pratica GSE puoi inserire più pompe di calore, per ciascuna indicando i valori di potenza e COP, e alla fine l'incentivo viene calcolato in automatico, non vanno fatte più pratiche, ma una sola.

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: venerdì 24 maggio 2019, 16:29 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: domenica 11 settembre 2005, 12:08
Messaggi: 59
boba74 ha scritto:
lazzappa ha scritto:

..però il vademecum ENEA sulle PDC parla di sostituzione totale o parziale e la FAQ 6.D ne ribadisce l'applicabilità.


Detto ciò mi pongo un altro problema: se il vecchio impianto era un multisplit trial ed al suo posto installo 3 monosplit al servizio degli stessi locali, con un lieve aumento di potenza totale, (mettiamo anche superiore al 10%, da giustificare con asseverazione del tecnico), può ancora ritenersi applicabile il conto termico? Ed in tal caso si fa una sola pratica? In tal caso quale valore di COP si usa per il calcolo dell'incentivo se le tre macchine sono di taglia differente ed anno valori di COP leggermente diversi tra loro?

Nella pratica GSE puoi inserire più pompe di calore, per ciascuna indicando i valori di potenza e COP, e alla fine l'incentivo viene calcolato in automatico, non vanno fatte più pratiche, ma una sola.


Ok quindi l'incentivo totale sarà calcolato come somma dei tre singoli calcoli relativi alle rispettive nuove PDC...

Ma dunque a tuo parere la sostituzione di un trial con tre mono in linea di principio è contemplato sia dal CT 2.0 che dall'ecobonus (o eventualmente anche il Bonus Casa)?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: venerdì 24 maggio 2019, 18:20 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sabato 17 marzo 2007, 22:43
Messaggi: 3306
Località: brescia
Se aumenti le 'utenze servite' (e vai tu a capire come le determinano esattamente), il CT non ti passa.

_________________
Art.1 : L'Italia è una Repubblica fondata sul Lavoro. ..degli altri.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 27 maggio 2019, 10:09 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: domenica 11 settembre 2005, 12:08
Messaggi: 59
giotisi ha scritto:
Se aumenti le 'utenze servite' (e vai tu a capire come le determinano esattamente), il CT non ti passa.

ma se da un trial (3 unità interne) passo a 3 monosplit, non mi pare che aumentino le 'utenze servite'.....ciò che amumenta è solo il numero di unità esterne (e non necessariamente la potenza totale installata, e se questa aumentasse più del 10% andrebbe giustificato con asseverazione del tecnico)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 27 maggio 2019, 17:55 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19221
Località: Ferrara
lazzappa ha scritto:
giotisi ha scritto:
Se aumenti le 'utenze servite' (e vai tu a capire come le determinano esattamente), il CT non ti passa.

ma se da un trial (3 unità interne) passo a 3 monosplit, non mi pare che aumentino le 'utenze servite'.....ciò che amumenta è solo il numero di unità esterne (e non necessariamente la potenza totale installata, e se questa aumentasse più del 10% andrebbe giustificato con asseverazione del tecnico)

Di pratiche GSE per pompe di calore ne ho appena fatta una:
In una prima scheda devi inserire l'impianto precendete: hai la possibilità di inserire uno o più generatori, indicandone per ciascuno la potenza il rendimento e la tipologia.
In una seconda scheda devi inserire l'impianto nuovo: anche qui puoi inserire uno o più generatori, con i rispettivi dati, a prescindere dal numero di generatori che hai inserito nella prima scheda.
Dal che si intende che ciò che tu inserisci nella seconda scheda va a sostituire tutto ciò che hai inserito nella prima scheda.
Formalmente la pratica va avanti e la richiesta viene inoltrata. (Nel mio caso ho sostituito una caldaia a gas con 2 pompe di calore).
Non so però se questa cosa viene sottoposta a un successivo controllo: per il momento la mia pratica risulta inviata e in corso di verifica, a differenza delle pratiche ENEA quelle del GSE vengono assegnate a un funzionario (nome-cognome scritto sulla ricevuta) e quindi entro un certo tempo possono essere concluse, o bocciate o sottoposte a richiesta di integrazioni. Magari appena ho una risposta ve la faccio sapere... :roll:

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 12 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010