IngForum
http://www.ingegneri.info/forum/

modifica impianto riscaldamento a pavimento
http://www.ingegneri.info/forum/viewtopic.php?f=9&t=109899
Pagina 1 di 1

Autore:  look77 [ lunedì 15 luglio 2019, 16:50 ]
Oggetto del messaggio:  modifica impianto riscaldamento a pavimento

chiedi consigli riguardo un ampliamento di una cucina, verrà chiuso il portico e fatto salottino.non ce nessun modo di arrivare dalla caldaia in quel locale con tubi,ma per poter installare anche li il riscaldamento a pavimento è possibile intercettare quello esistente dalla cucina? togliere piastrella, intercettare,fare aggiunta e riposizionare la piastrella?la superficie di coprire è di circa 20mq scarsi.
grazie

Autore:  boba74 [ lunedì 15 luglio 2019, 17:17 ]
Oggetto del messaggio:  Re: dimensione impianto riscaldamento a pavimento

In che modo intenderesti farlo? facendo semplicemente un'aggiunta al tubo a pavimento esistente della cucina? Ma sai quanto è lungo questo tubo? E sai quindi se sia possibile allungarlo ancora? Considera che 20 mq, anche tenendo un passo 15 significa aggiungere almeno 140metri di tubo, cosa che richiede almeno 2 nuovi anelli (dato che a lunghezza massima del singolo circuito non dovrebbe superare i 70-100m, altrimenti le perdite di carico sono eccessive e non arriva la portata richiesta per quel circuito) , la vedo grigia quindi attaccarsi a un anello esistente, che per poco che sia sarà anche lui già qualche decina di metri.

Se fai un ampliamento di un impianto esistente l'unico modo "serio" sarebbe quello di aggiungere attacchi sul collettore esistente, o addirittura aggiungere un nuovo collettore (dato che nella maggior parte dei casi i collettori hanno il numero di attacchi contati, quindi a meno che non fosse stato predisposto a suo tempo per tener conto di eventuali ampliamenti non hai più posto.

La soluzione che vedo io è intercettare le tubazioni principali della caldaia, fare uno stacco fino ad arrivare al nuovo locale, facendo passare i tubi in una canaletta a battiscopa o a soffitto (in modo da non toccare il pavimento esistente) e installare un nuovo collettore da 2 o più attacchi nel nuovo locale in ampliamento e nuova distribuzione a pavimento (numero attacchi e passi dei tubi calcolati in base alle dispersioni, che trattandosi di un portico chiuso immagino non saranno poche).
Poi, va verificato che la pompa attuale sia sufficiente ad alimentare anche il collettore aggiuntivo.
Potrebbe essere meno invasivo aggiungere semplicemente un radiatore o un fan coil anzichè andare a pavimento, o se proprio non è possibile arrivare alla caldaia, prevedere un impianto autonomo per il portico (tipo uno split). :roll:

Autore:  look77 [ lunedì 15 luglio 2019, 17:32 ]
Oggetto del messaggio:  Re: modifica impianto riscaldamento a pavimento

grazie delle info.allora mi è impossibile arrivare dalla caldaia in quanto avrei porte da passare e il soffitto è con travi a vista.la soluzione alternativa che avrei pensato è mettere una stufa a pellet ... l'impianto esistente alimenta una cucina di 27mq divisa in 2 anelli, quindi confermate l'impossibilità di attaccarsi al tubo esistente che gia serve 14mq circa.
il riscaldamento a pavimento elettrico nn l'ho preso in considerazione in quanto non abbiamo fotovoltaico
grazie cmq

Autore:  MarcoMoschetti [ lunedì 15 luglio 2019, 18:20 ]
Oggetto del messaggio:  Re: dimensione impianto riscaldamento a pavimento

boba74 ha scritto:
In che modo intenderesti farlo? facendo semplicemente un'aggiunta al tubo a pavimento esistente della cucina? Ma sai quanto è lungo questo tubo? E sai quindi se sia possibile allungarlo ancora? Considera che 20 mq, anche tenendo un passo 15 significa aggiungere almeno 140metri di tubo, cosa che richiede almeno 2 nuovi anelli (dato che a lunghezza massima del singolo circuito non dovrebbe superare i 70-100m, altrimenti le perdite di carico sono eccessive e non arriva la portata richiesta per quel circuito) , la vedo grigia quindi attaccarsi a un anello esistente, che per poco che sia sarà anche lui già qualche decina di metri.

Se fai un ampliamento di un impianto esistente l'unico modo "serio" sarebbe quello di aggiungere attacchi sul collettore esistente, o addirittura aggiungere un nuovo collettore (dato che nella maggior parte dei casi i collettori hanno il numero di attacchi contati, quindi a meno che non fosse stato predisposto a suo tempo per tener conto di eventuali ampliamenti non hai più posto.

La soluzione che vedo io è intercettare le tubazioni principali della caldaia, fare uno stacco fino ad arrivare al nuovo locale, facendo passare i tubi in una canaletta a battiscopa o a soffitto (in modo da non toccare il pavimento esistente) e installare un nuovo collettore da 2 o più attacchi nel nuovo locale in ampliamento e nuova distribuzione a pavimento (numero attacchi e passi dei tubi calcolati in base alle dispersioni, che trattandosi di un portico chiuso immagino non saranno poche).
Poi, va verificato che la pompa attuale sia sufficiente ad alimentare anche il collettore aggiuntivo.
Potrebbe essere meno invasivo aggiungere semplicemente un radiatore o un fan coil anzichè andare a pavimento, o se proprio non è possibile arrivare alla caldaia, prevedere un impianto autonomo per il portico (tipo uno split). :roll:


Sembrano le soluzioni più ragionevoli anche a me.
Puoi giusto verificare se hai un collettore più vicino al nuovo locale e valutare il passaggio da quel punto li.
Esternamente non hai modo di passare?

Autore:  look77 [ lunedì 15 luglio 2019, 18:39 ]
Oggetto del messaggio:  Re: modifica impianto riscaldamento a pavimento

si ma dovrei correre sopra il cappotto o tagliare sotto.non ho ancora provveduto a fare la pavimentazione esterna e quindi non ho battiscopa.ma correre esterno non è rischioso perdere caloria? l'impianto lavora tutto in bassa temperatura.
abito in provincia di venezia

Pagina 1 di 1 Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
https://www.phpbb.com/