IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è lunedì 17 febbraio 2020, 0:42

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: venerdì 23 agosto 2019, 10:45 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 29 novembre 2004, 10:20
Messaggi: 235
Con il decreto requisiti minimi in fase di progettazione deve erssere verificato il valore di H'T (coefficiente medio globale di scambio termico per trasmissione), che può essere interpretato come un valore di trasmittanza media dell'edificio (media pesata delle trasmittanzae dei vari elementi disperdenti).
Seguendo vari corsi, ho appreso che diminuendo tale valore (quindi ad esempio migliorando la coibentazione delle pareti esterne) si ha un miglioramento del comportamento dell'edificio nel periodo invernale (diminuzione del fabbisogno Qh,nd), di contro si ha un peggioramento del comportamento dell'edificio nel periodo estivo (aumento del fabbisogno Qc,nd).
M;entre il primo comportamento (quello in fase invernale) è fisicamente comprensibile (aumento della coibentazione genera un abbattimento dei fabbisogni), il secodo comportamento (quello in fase estiva) non riesco a comprenderlo (un aumento della coibentazione genera un aumento dei fabbisogni).
Qualcuno saprebbe darmi delle spiegazioni in merito?
Grazie


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: venerdì 23 agosto 2019, 13:58 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 11 giugno 2012, 17:40
Messaggi: 759
Non è per nulla scontato che ad un abbassamento dell' H't (che sostanzialmente è legato alle trasmittanze di strutture opache, vetrate e ponti termici) corrisponda un miglioramento delle prestazioni invernali ed un corrispettivo peggioramento delle prestazioni estive.
Nel periodo invernale, certo, più la struttura è isolata e più le sue prestazioni sono migliori.
D'altro canto, durante il periodo estivo la faccenda è più complessa. Una bassa trasmittanza riduce certamente anche l'apporto della trasmissione di calore attraverso l'involucro, ma si deve tener conto anche dell'irraggiamento che agisce sulle strutture opache e, soprattutto, su quelle trasparenti. Sulle prime si deve valutare correttamente anche la trasmittanza periodica e l'attenuazione, che siano compatibili sia con la zona climatica ma anche con la tipologia di struttura. Sulle seconde si deve intervenire con ombreggiamenti esterni e/o con trattamenti superficiali riflettenti, trovando il giusto compromesso tra limitare gli apporti estivi ma non bloccando del tutto quelli invernali.

Poi, c'è chi dice che se si isola troppo le strutture il calore che arriva con l'onda di sfasamento di cui sopra diventa impossibile da smaltire. Ma, a mio parere:
- o si accetta che al giorno d'oggi, le estati di una zona climatica E possono avere tranquillamente pomeriggi con temperature di 37-38°C e ciò implica di predisporre anche un sistema di climatizzazione
- o si accetta che senza un sistema di raffrescamento attivo si devo un po' soffrire e sperare che basti spalancare le finestre di notte per smaltire un po' di calore.

Il fatto è che non c'è un sistema costruttivo universale che va bene per tutti i climi e per tutti gli impianti (a mio parere, il classico sistema laterizio+cappotto lo vedo sempre più obsoleto) ma andrebbero valutate le strutture migliori di volta in volta in funzione di vari parametri.

_________________
Io arrivo sempre tardi in ufficio, ma cerco di rimediare andando via presto. (C. Lamb)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010