IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è martedì 25 febbraio 2020, 6:22

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 18 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: domanda sul rapporto S/V
MessaggioInviato: martedì 6 ottobre 2009, 8:56 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 27 febbraio 2008, 9:40
Messaggi: 107
Nel caso di appartamento che confina con altri appartamenti riscaldati la superficie di separazione tra questi viene considerata nel calcolo della superficie disperdente ai fini di determinare il rapporto S/V?
Grazie!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: domanda sul rapporto S/V
MessaggioInviato: martedì 6 ottobre 2009, 9:36 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19350
Località: Ferrara
mic. ha scritto:
Nel caso di appartamento che confina con altri appartamenti riscaldati la superficie di separazione tra questi viene considerata nel calcolo della superficie disperdente ai fini di determinare il rapporto S/V?
Grazie!

Secondo me no.

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: domanda sul rapporto S/V
MessaggioInviato: martedì 6 ottobre 2009, 15:40 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 3 agosto 2009, 10:46
Messaggi: 231
Anche secondo me. Nelle UNI TS 11300 (punto 8, se non sbaglio) indica le temperature interne. Gli appartamenti confinanti riscaldati hanno T:20°, quindi non disperde.
Anche se in realtà non sono proprio daccordo visto che non è detto che il mio vicino riscaldi allo stesso modo. Sarebbe meglio un coefficiente di riduzione se pur minimo.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: domanda sul rapporto S/V
MessaggioInviato: martedì 6 ottobre 2009, 17:02 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19350
Località: Ferrara
Inermes ha scritto:
Anche secondo me. Nelle UNI TS 11300 (punto 8, se non sbaglio) indica le temperature interne. Gli appartamenti confinanti riscaldati hanno T:20°, quindi non disperde.
Anche se in realtà non sono proprio daccordo visto che non è detto che il mio vicino riscaldi allo stesso modo. Sarebbe meglio un coefficiente di riduzione se pur minimo.

sì è vero, ma questo vale a livello di "potenza massima istantanea", se devi per esempio dimensionare un impianto, ma a livello "medio annuo" il mio vicino avrà all'incirca le mie stesse temperature, e anche se utilizza l'impianto diversamente (potrebbe tenere più alto e in tal caso apportarmi calore, o viceversa), io non posso saperlo...

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: domanda sul rapporto S/V
MessaggioInviato: martedì 6 ottobre 2009, 17:44 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 31 maggio 2007, 0:23
Messaggi: 6887
Località: Roma
No, non va considerata, anche se mi sembra che Mc4 (non vorrei sbagliare col Termus nuovo) dice nel manuale che se si imposta una T inferiore a 20°C la inserisce nella S disperdente, e non mi sembra una cosa buona.

_________________
il riscaldamento centralizzato più ti scalda più conviene
niente carbone mai più metano
R. G.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: domanda sul rapporto S/V
MessaggioInviato: martedì 6 ottobre 2009, 19:08 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: domenica 26 novembre 2006, 20:36
Messaggi: 1201
Località: Cagliari
Nel caso di case a schiera la superficie confinante va considerata come superficie disperdente.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: domanda sul rapporto S/V
MessaggioInviato: mercoledì 7 ottobre 2009, 10:36 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 29 ottobre 2007, 22:36
Messaggi: 472
gianca51 ha scritto:
Nel caso di case a schiera la superficie confinante va considerata come superficie disperdente.


Non sono tanto d'accordo.
Ti spiego perché: mentre nel Dpr 412/93 la S di S/V era la SUPERFICIE che delimita il volume V (e quindi ti potrei dar ragione) dal 192 (vedi allegato C) la S diventa "la superficie che delimita verso l'esterno (ovvero verso ambienti non dotati di impianto di riscaldamento), il volume riscaldato V"

Come vedi la definizione è ben diversa.

MeA


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: domanda sul rapporto S/V
MessaggioInviato: mercoledì 7 ottobre 2009, 10:43 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19350
Località: Ferrara
infatti, a livello di bilancio annuo (su cui si basa appunto il concetto di fabbisogno e di EPi), l'appartamento confinante se è riscaldato non rappresenta una dispersione, e quindi non va considerato. Del resto si dovrebbe considerare una T diversa, e tale scelta diventerebbe alquanto arbitraria, chi mi dice che non sia un apporto anzichè una dispersione?
Poi se uno vuole "barare" e considerarlo per aumentare il rapporto S/V e aumentare così i limiti, è un alto paio di maniche.... 8)

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: domanda sul rapporto S/V
MessaggioInviato: mercoledì 7 ottobre 2009, 10:53 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 29 ottobre 2007, 22:36
Messaggi: 472
boba74 ha scritto:
infatti, a livello di bilancio annuo (su cui si basa appunto il concetto di fabbisogno e di EPi), l'appartamento confinante se è riscaldato non rappresenta una dispersione, e quindi non va considerato. Del resto si dovrebbe considerare una T diversa, e tale scelta diventerebbe alquanto arbitraria, chi mi dice che non sia un apporto anzichè una dispersione?
Poi se uno vuole "barare" e considerarlo per aumentare il rapporto S/V e aumentare così i limiti, è un alto paio di maniche.... 8)


Mi è capitata tra le mani una L10 del 1998 in cui pur di rientrare nei parametri di legge venivano considerate disperdenti (di 3-4°C) anche le varie pareti all'interno di uno stesso appartamento... :arg: credo sia il caso limite, che dire... geniale! :mrgreen:

MeA


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: domanda sul rapporto S/V
MessaggioInviato: mercoledì 7 ottobre 2009, 15:49 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 31 maggio 2007, 0:23
Messaggi: 6887
Località: Roma
Infatti mi pare che Mc4 se si abbassa la T da 20 a 19 già le computa, e non sono d'accordo, mentre è giusto considerarle come dispersioni quando l'impianto è diverso.
Cavolo se considerassi le S di appartamenti contigui mi si verificherebbero tutti, porca miseria il termus (almeno il vecchio) non lo fa.

_________________
il riscaldamento centralizzato più ti scalda più conviene
niente carbone mai più metano
R. G.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 18 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
cron

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010