IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è giovedì 17 ottobre 2019, 19:48

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 8 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Dispersione vetrocamera
MessaggioInviato: giovedì 9 febbraio 2006, 19:45 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 8 luglio 2003, 21:16
Messaggi: 89
Località: Varese
Salve sto progettando un impianto di climatizzazione di una scuola che và a sostituire il vecchio impianto di riscaldamento a caldaia e una serie infinita di split solo freddo. In questa scuola gli infissi sono stati realizzati recentemente (meno di 2 anni fa) ed hanno le seguenti caratteristiche:
serramenti esterni del tipo Monoblocco realizzati con profili estrusi d’alluminio lega 6060 (UNI EN 573-3), a taglio termico, sezione mm. 50÷100, verniciati a polvere, colore standard RAL 1013.I profili secondo la certificazione in mio possesso garantiscono al serramento le seguenti prestazioni: classe di permeabilità all’aria 2 (UNI EN 12207); classe di tenuta all’acqua 8A (UNI EN 12208); classe di resistenza al vento 3 (UNI EN 12210); trasmittanza termica complessiva U compresa fra 3,5 e 5,2 W/(m2.·K) calcolata secondo il procedimento previsto dalla norma UNI EN 10077-1 e sono dotati di vetri termoacustici isolanti (vetrocamera) composti da due cristalli incolori da 4 mm collegati fra loro con un’intercapedine di 6 mm.
In base a questa certificazione ho pensato di lasciare gli infissi ma il RUP (che ha casualmente un cugino che fa il rappresentante di vetri ad alto isolamento) sostiene che in base al DLGS 192/2005 (Attuazione della direttiva 2002-91-CE relativa al rendimento energetico nell'edilizia) entrato in vigore il 1 gennaio del 2006 i vetri non sono idonei. Specifico che siamo in un comune in zona climatica A con valori limite della trasmittanza centrale termica U dei vetri espressa in W/m2K pari a 5,0. Per precisione lui sostienne che l'intercapedine deve essere almeno di 9 millimetri e riempita con aria secca. Io non sarò una grande esperta di infissi ma nei vetrocamera ricordo che il materiale più scarso è l'aria secca mentre quando si vuole ottenere qualcosa di più isolante al posto dell'aria si mette del gas con caratteristiche speciali e questo 9 millimetri non mi risulta da nessuna parte e mi sembra impensabile ed improponibile cambiare degli infissi nuovi per queste sciocchezze ma lui insiste dicendo che chi ristruttura dopo il 1 gennaio 2006 deve adeguarsi al decreto ed in più deve fare una dichiarazione che, se falsa, rischia di mandare in galera lui e me.
Mi potete aiutare a capirne qualcosa di più?
Grazie

_________________
Sara


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 9 febbraio 2006, 20:09 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 17 febbraio 2005, 10:14
Messaggi: 7749
Località: rimini
quanto posso chiederti come consulenza, se ti suggerisco di leggerti il decreto in questione?

_________________
"Sul lungo periodo... siamo tutti morti" (John M. Keynes)

Ing. Paolo Bianco


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Dispersione vetrocamera
MessaggioInviato: venerdì 10 febbraio 2006, 10:37 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 8 luglio 2003, 16:46
Messaggi: 2128
Località: Cagliari
Ribadisco quanto ti ha già suggerito Ronin.
Ti fornisco un'informazione in più: D.Lgs. 192/05, Allegato C.
Saluti. :wink:

_________________
Dai diamanti non nasce niente
Dal letame nascono i fior


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 10 febbraio 2006, 12:21 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 4 ottobre 2005, 14:37
Messaggi: 118
In zona termica "A" devi verificare due limiti (già menzionato Allegato C):

trasmittanza delle chiusure comprensive di infissi 5,5 W/m² °C
trasmittanza dei vetri 5 W/m² °C

Un doppio vetro 4-6-4 ha una tramittanza (10077 pagina 16) di 3,3 W/m² °C.

Se il telaio ha una trasmittanza di 3,5 W/m² °C perchè cambiare le finestre? (solo per accontentare il rappresentante?)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 10 febbraio 2006, 13:45 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 27 settembre 2004, 18:50
Messaggi: 2838
Località: Brescia
Concordo con i colleghi.

Ti ricordo solo di leggere anche l'articolo 3 del decreto, in cui sono specificati gli ambiti di intervento, per capire (se il cugino del cugino insiste) fino a che punto per il tuo fabbricato devi rispettare i limiti in esso contenuto.

Puoi trovare qui il decreto: http://www.ording.cr.it/common/normativ ... 05_192.pdf

L'art. 3, al punto c) 2) prevede ad esempio che in caso di nuova installazione di impianti termici in edifici esistenti o ristrutturazione degli stessi impianti ... si debba procedere con ... una applicazione limitata al rispetto di specifici parametri, livelli prestazionali e prescrizioni

I cugini rappresentanti sono odiosi...


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 10 febbraio 2006, 15:57 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 8 luglio 2003, 21:16
Messaggi: 89
Località: Varese
Ronin ha scritto:
quanto posso chiederti come consulenza, se ti suggerisco di leggerti il decreto in questione?

Ti ringrazio per il suggerimento ma il decreto lo avevo letto già anzi se stavi più attento avresti notato che riportavo anche dei valori dell'allegato C. Chiedevo aiuto solo perchè non sono un'impiantista e volevo il conforto di qualcuno più esperto che magari mi desse qualche imbeccata per contraddire un collega più grande e per giunta RUP.
Grazie comunque

_________________
Sara


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 10 febbraio 2006, 16:02 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 8 luglio 2003, 21:16
Messaggi: 89
Località: Varese
Alberto ha scritto:
In zona termica "A" devi verificare due limiti (già menzionato Allegato C):

trasmittanza delle chiusure comprensive di infissi 5,5 W/m² °C
trasmittanza dei vetri 5 W/m² °C

Un doppio vetro 4-6-4 ha una tramittanza (10077 pagina 16) di 3,3 W/m² °C.

Se il telaio ha una trasmittanza di 3,5 W/m² °C perchè cambiare le finestre? (solo per accontentare il rappresentante?)

Grazie Alberto e grazie Enterprise voi mi siete stati veramente utili...come dice qualcuno...resto a disposizione...
Ciao
P.S. Non ho capito ancora se nei vetrocamera nell'intercapedine ci può essere un materiale più scarso dell'aria secca. Perchè temo che l'osservazione fatta era proprio sull'interno dell'intercapedine...

_________________
Sara


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 10 febbraio 2006, 23:51 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 4 ottobre 2005, 14:37
Messaggi: 118
Sara ha scritto:
Non ho capito ancora se nei vetrocamera nell'intercapedine ci può essere un materiale più scarso dell'aria secca. Perchè temo che l'osservazione fatta era proprio sull'interno dell'intercapedine...

L'aria ha probabilmente la conduttività più alta di tutti gli altri gas utilizzati in vetrocamere (argon, etc). Anche se esistono sicuramente gas più performanti, nel tuo caso è più che sufficiente.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 8 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010