IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è sabato 14 dicembre 2019, 21:13

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: interruttore differenziale puro
MessaggioInviato: martedì 16 maggio 2006, 19:13 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 17 ottobre 2005, 17:12
Messaggi: 216
Il differenziale puro deve essere protetto dal sovraccarico e dal cortocircuito.

Volendo realizzare un Q.E. con un interruttore generale di tipo "differenziale puro" e tanti interruttori magnetotermici a protezione di varie linee elettriche derivate; ne discende che il differenziale puro deve avere una corrente nominale non inferiore alla somma delle correnti nominali dei magnetotermici?

La domanda discende dal fatto che spesso per sezionare molto i circuiti si utilizzano tanti magnetotermici da 10A o 16A dai quali però non viene effettivamente prelevato 10A o 16A.

grazie.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: interruttore differenziale puro
MessaggioInviato: martedì 16 maggio 2006, 20:07 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 10 luglio 2003, 9:33
Messaggi: 1862
Località: salerno
dts ha scritto:
Il differenziale puro deve essere protetto dal sovraccarico e dal cortocircuito.

Volendo realizzare un Q.E. con un interruttore generale di tipo "differenziale puro" e tanti interruttori magnetotermici a protezione di varie linee elettriche derivate; ne discende che il differenziale puro deve avere una corrente nominale non inferiore alla somma delle correnti nominali dei magnetotermici?

La domanda discende dal fatto che spesso per sezionare molto i circuiti si utilizzano tanti magnetotermici da 10A o 16A dai quali però non viene effettivamente prelevato 10A o 16A.

grazie.

ci vuole il magnetotermico. il q.e. non è protetto (se non ne hai uno a monte...).
poi di differenziali con correnti nominali elevate ci sono... qual'è il problema?
ciao


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: interruttore differenziale puro
MessaggioInviato: mercoledì 17 maggio 2006, 8:20 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 17 febbraio 2005, 10:14
Messaggi: 7749
Località: rimini
dts ha scritto:
ne discende che il differenziale puro deve avere una corrente nominale non inferiore alla somma delle correnti nominali dei magnetotermici?


non bisognerebbe rispondere con un'altra domanda, ma ti chiedo: il quadro elettrico e la linea che lo alimenta vengono dimensionati per la somma delle potenze nominali di tutte le linee in partenza?
Evidentemente no, si applicano i coefficienti di contemporaneità.
Se rifletti sul significato del parametro "corrente nominale", ti rendi conto che il discorso è lo stesso.

_________________
"Sul lungo periodo... siamo tutti morti" (John M. Keynes)

Ing. Paolo Bianco


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: interruttore differenziale puro
MessaggioInviato: mercoledì 17 maggio 2006, 10:11 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 17 ottobre 2005, 17:12
Messaggi: 216
questo ragionamento, già fatto in passato, l'ho rimesso in discussione dopo aver letto un articolo sul sito elektro.it riguardante la scelta del differenziale. Il suddetto articolo, quando si occupa della protezione contro il sovraccarico, fa i seguenti esempi:

1) differenziale puro da 25A a valle del quale ci sono due magnetotermici da [b]10A[/b]: protezione dal sovraccarico corretta

2) differenziale puro da 25A a valle del quale ci sono due magnetotermici da [b]16A[/b]: protezione dal sovraccarico non corretta


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 17 maggio 2006, 10:53 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 17 febbraio 2005, 10:14
Messaggi: 7749
Località: rimini
santocielo, è ovvio che se le linee sono soltanto 2, parlare di coefficienti di contemporaneità non ha molto senso, perchè la contemporaneità di entrambe è cmq possibile...
E' altrettanto ovvio che se ho, poniamo, 10 linee da 10 A con contemporaneità 0.5 e una linea da 500 A con contemporaneità 0.1, applicando la contemporaneità senza cervello mi viene fuori che a monte mi bastano 100 A...

ma queste considerazioni valgono, come ho detto, anche per il quadro e la linea a monte: il ragionamento è il medesimo (e ha le medesime insidie, se applicato con eccessiva brutalità): dunque quel che devi rimettere in discussione è il modo con cui applichi il metodo della contemporaneità, non il fatto che tale metodo vada applicato.

_________________
"Sul lungo periodo... siamo tutti morti" (John M. Keynes)

Ing. Paolo Bianco


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 17 maggio 2006, 14:15 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 17 ottobre 2005, 17:12
Messaggi: 216
grazie


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 17 maggio 2006, 16:30 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 10 febbraio 2006, 21:02
Messaggi: 469
per il discorso del differenziale puro dts dice bene... se a valle del diff. puro ci sono 3 MT da 16A il diff. puro deve essere min. da 50A perchè teoricamente ciascun MT può lasciar passare 16A e quindi in totale al puro possono arrivare 48A la contemporaneità in questo caso non entra in gioco.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 17 maggio 2006, 19:45 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 28 febbraio 2006, 18:59
Messaggi: 157
Località: Nuoro
La domanda originaria poneva anche la questione della protezione contro il corto circuito; ipotizzando che a monte del differenziale puro non ci sia nessuna protezione (altrimenti tutti i discorsi sono perfettamente inutili) ne discende che:
- il differenziale puro non è protetto contro il corto circuito, che dovesse verificarsi a valle dei suoi morsetti; infatti non è dotato di sganciatori di sovracorrente con potere di interruzione idoneo;
- il differenziale puro non è protetto contro il sovraccarico se la somma delle correnti nominali dei derivati è maggiore della sua corrente nominale.
In definitiva: o si mette nel Q.E. un generale magnetotermico differenziale o si mette un differenziale puro ma protetto a monte (della linea di arrivo al Q.E. ) da un magnetotermico idoneo.
Qualche altra considerazione, nell'ipotesi di sistema TT:
a) per ragioni di selettività di intervento per guasto a terra (che è quello più frequente) è sconsigliabile l'uso di un differenziale puro a monte di tanti magnetotermici: un guasto a terra su una linea derivata provoca l'intervento del generale differenziale e tanti saluti alla continuità di servizio; se un differenziale è necessario (perchè per esempio la carpenteria del Q.E. non è in isolamento doppio e dunque costituisce una massa e pertanto va eseguita la protezione contro in contatti indiretti mediante interruzione automatica coordinata con l'impianto di terra), allora che il differenziale sia almeno del tipo S (selettivo) o ritardato (regolabile);
b) se la carpenteria del Q.E. è in isolamento doppio, io sceglierei la soluzione con magnetotermico generale e magnetotermici differenziali derivati: è più costosa ma consente una selettività maggiore, un'eventuale ricerca guasti più facile e più rapida, ecc.

Se il sistema è un TN (e pertanto, in linea di massima, con ancora maggiori esigenze di continuità di servizio), allora il differenziale non è strettamente necessario: l'intervento in questo caso può essere affidato ai soli magnetotermici (che "vedono" un guasto a terra alla stessa stegua di un corto circuito), coordinado il tutto con l'impedenza dell'anello di guasto.
Saluti

_________________
Sebastiano


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 17 maggio 2006, 19:51 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 10 febbraio 2006, 21:02
Messaggi: 469
ovviamente la mia risposta era relativa alla protezione dal sovracarico
concordo con sebago per quanto riguarda la protezione dal cortocircuito


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010