IngForum
http://www.ingegneri.info/forum/

vaso d'espansione
http://www.ingegneri.info/forum/viewtopic.php?f=9&t=54399
Pagina 1 di 2

Autore:  fra85 [ martedì 25 settembre 2012, 11:35 ]
Oggetto del messaggio:  vaso d'espansione

Buongiorno, vorrei sapere voi come scegliete la precarica del vostro vaso d'espansione?grazie

Autore:  antostr [ martedì 25 settembre 2012, 12:10 ]
Oggetto del messaggio:  Re: vaso d'espansione

fra85 ha scritto:
Buongiorno, vorrei sapere voi come scegliete la precarica del vostro vaso d'espansione?grazie


Raccolta R2009 - CAP.R.3.B. - punto 4.3 (vaso chiuso con diaframma):

"P1 = pressione assoluta in bar, a cui è precaricato il cuscino di gas, pressione che non potrà risultare inferiore alla
pressione idrostatica nel punto in cui viene installato il vaso (o alla pressione di reintegro del gruppo di
riempimento).
Tale valore iniziale di pressione assoluta non potrà essere inferiore a 1.5 bar"

Autore:  fra85 [ martedì 25 settembre 2012, 13:01 ]
Oggetto del messaggio:  Re: vaso d'espansione

ti ringrazio, prendendo un esmpio reale, impianto di riscaldamento da 1000kW, quindi temperatura max 80°C dislivello caldaia / punto più alto 5m, secondo te è troppo bassa come precarica vaso 1,5 bar?? posso avere un malfunzionamento dell'impianto con una precarica sbaglaita?

Autore:  A.C. [ martedì 25 settembre 2012, 15:37 ]
Oggetto del messaggio:  Re: vaso d'espansione

fra85 ha scritto:
ti ringrazio, prendendo un esmpio reale, impianto di riscaldamento da 1000kW, quindi temperatura max 80°C dislivello caldaia / punto più alto 5m, secondo te è troppo bassa come precarica vaso 1,5 bar?? posso avere un malfunzionamento dell'impianto con una precarica sbaglaita?

La potenza dell'impianto non è importante ai fini del calcolo del vaso di espansione secondo Raccolta R. La temperatura massima non può essere 80°C, ma 98°C o 100°C a seconda della temperatura di intervento della valvola di intercettazione del combustibile. Per il calcolo del vaso ti serve la quota di installazione del vaso di espansione, la quota di installazione della valvola di sicurezza e la pressione di intervento della valvola di sicurezza, oltre al contenuto d'acqua dell'impianto.
La pressione di precarica assoluta deve essere maggiore di 1,5 bar e dipende anche dalle varie quote di impianto vaso di espansione e valvola di sicurezza. Ovviamente devi fare attenzione anche al fatto che la pressione di funzionamento a freddo e a caldo (fino all'intervento della valvola di sicurezza) sia sempre compatibile con tutti i componenti di impianto.
Ovviamente una precarica non adeguata può compromettere il funzionamento normale dell'impianto, in quanto non permette il corretto funzionamento del vaso di espansione.
Ciao Alessandro

Autore:  boba74 [ martedì 25 settembre 2012, 16:35 ]
Oggetto del messaggio:  Re: vaso d'espansione

attenzione, è la pressione assoluta a non dover essere inferiore a 1,5 bar, il che significa che la pressione di precarica del vaso (che solitamente viene impostata rispetto all'atmosferica) non deve essere inferiore a 0,5 bar (pressione relativa).
In genere io metto una precarica di 1,5bar, che è più che sufficiente (se non sovrabbondante) per qualsiasi impianto, ad eccezione di quelli in cui la sommità dell'impianto supera i 15m, perchè in tal caso la pressione idrostatica è maggiore....

Autore:  Ninov [ martedì 25 settembre 2012, 17:28 ]
Oggetto del messaggio:  Re: vaso d'espansione

C'è anche da aggiungere che il valore di precarica dei vasi che compri è solo un dato di fabbrica. Quando verrà installato nulla vieta all'idraulico di regolare la pressione al valore che hai calcolato a progetto. (quindi anche un vaso da 1,5 bar può essere installato laddove abbia bisogno ad es. di 1,8 bar).

Autore:  A.C. [ martedì 25 settembre 2012, 17:43 ]
Oggetto del messaggio:  Re: vaso d'espansione

Ninov ha scritto:
C'è anche da aggiungere che il valore di precarica dei vasi che compri è solo un dato di fabbrica. Quando verrà installato nulla vieta all'idraulico di regolare la pressione al valore che hai calcolato a progetto. (quindi anche un vaso da 1,5 bar può essere installato laddove abbia bisogno ad es. di 1,8 bar).

Aggiungerei inoltre che il valore indicato sul vaso è un valore relativo. A me non è mai capitato di alzare il valore della precarica (ho fatto pochi condomini). Negli ultimi impianti consegnati prima dell'ultima Raccolta R ho sempre dovuto abbassare la precarica a 0,7-0,8 relativi per colmare la variazione del coefficiente di espansione da 0,035 a 0,0421.
Ciao! Alessandro

Autore:  Ninov [ martedì 25 settembre 2012, 18:24 ]
Oggetto del messaggio:  Re: vaso d'espansione

Chiaro. Il mio era un esempio fatto sui 15 m di altezza idrostatica di qualche messaggio sopra. 8)

Autore:  antostr [ mercoledì 26 settembre 2012, 10:01 ]
Oggetto del messaggio:  Re: vaso d'espansione

fra85 ha scritto:
ti ringrazio, prendendo un esmpio reale, impianto di riscaldamento da 1000kW, quindi temperatura max 80°C dislivello caldaia / punto più alto 5m, secondo te è troppo bassa come precarica vaso 1,5 bar?? posso avere un malfunzionamento dell'impianto con una precarica sbaglaita?


1,5 nel tuo caso va bene, perchè hai 0,5bar di pressione idrostatica... poi 1,5 bar relativi sono 2,5 assoluti :wink:
tieni conto che il volume del vaso dipende anche dalla pressione di taratura della VDS (che a sua volta dipende dalla potenza del generatore e pressione max di esercizio dell'impianto)...
per fare questi conti ho fatto un semplice foglio di calcolo... c'è anche un foglio nella sezione download, però non so se è aggiornato alla raccolta R2009... cmq leggi bene la norma, non è poi così complicato... al max se sei nella "cacca" ti passo il mio ahahah :lol:

Autore:  boba74 [ mercoledì 26 settembre 2012, 10:11 ]
Oggetto del messaggio:  Re: vaso d'espansione

antostr ha scritto:
fra85 ha scritto:
ti ringrazio, prendendo un esmpio reale, impianto di riscaldamento da 1000kW, quindi temperatura max 80°C dislivello caldaia / punto più alto 5m, secondo te è troppo bassa come precarica vaso 1,5 bar?? posso avere un malfunzionamento dell'impianto con una precarica sbaglaita?


1,5 nel tuo caso va bene, perchè hai 0,5bar di pressione idrostatica... poi 1,5 bar relativi sono 2,5 assoluti :wink:
tieni conto che il volume del vaso dipende anche dalla pressione di taratura della VDS (che a sua volta dipende dalla potenza del generatore e pressione max di esercizio dell'impianto)...
per fare questi conti ho fatto un semplice foglio di calcolo... c'è anche un foglio nella sezione download, però non so se è aggiornato alla raccolta R2009... cmq leggi bene la norma, non è poi così complicato... al max se sei nella "cacca" ti passo il mio ahahah :lol:

Anch'io mi sono fatto il foglio excel. Quello che può trarre in inganno è in effetti la discrezionalità sulla scelta della pressione di taratura (deve essere maggiore di...), per tanto a seconda del valore scelto potremmo calcolare volumi dei vasi anche molto variabili. Per es. avevo un SW che mi faceva le pratiche ISPESL, calcolandomi in automatico i vasi (l'ho abbandonato perchè mi sono reso conto che facevo prima a mano), e nel suo algoritmo per il calcolo del vas inseriva come pressione di precarica esattamente quella minima necessaria. Questo da un punto di vista del calcolo è corretto, e permette anche di ottenere volumi dei vasi inferiori, ma poi costrnge a tararli a valori diversi uno dall'altro (se hai tanti vasi in una stessa centrale), e a valori diversi da quelli di targa. A livello pratico si fa prima ad acquistare e installare vasi con pressione di targa già impostata a 1,5 così l'installatore non diventa matto a ritararli tutti... :roll:

Pagina 1 di 2 Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
https://www.phpbb.com/