IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è domenica 15 settembre 2019, 22:11

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: mercoledì 7 giugno 2006, 16:20 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 8 luglio 2003, 16:46
Messaggi: 2128
Località: Cagliari
Un impianto elettrico in un'abitazione è stato realizzato più di venti anni fa (prima dell'entrata in vigore della 46/90) e, nonostante dovesse essere messo a norma entro il 1993, non è mai stata redatta la dichiarazione di conformità.
In quell'abitazione vengono ora svolti dei lavori di manutenzione straordinaria, per cui l'impresa, per eseguire questi lavori, si collega all'impianto esistente.
Arriva un controllo dell'Ispettorato del Lavoro. L'ispettore chiede di vedere la dichiarazione di conformità dell'impianto che, ovviamente, non esiste.
A questo punto sembra che l'unica soluzione possibile sia beccarsi una multa (che, peraltro, è abbastanza irrisoria: violazione dell'art. 10, sanzione da lire 100.000 a lire 500.000).
Qualcuno, invece, sostiene che per gli impianti realizzati precedentemente alla 46/90 e per i quali non sia stato necessario adeguamento da parte di un'impresa abilitata (la quale, per cui, non può rilasciare dichiarazione di conformità) è sufficiente una dichiarazione da parte di professionista abilitato, il quale dichiari che l'impianto è realizzato secondo la regola dell'arte (norme UNI e CEI) ed è dotato di salvavita ed è, pertanto, conforme alla 46/90.
Qualche parere?!?
Saluti. :wink:

_________________
Dai diamanti non nasce niente
Dal letame nascono i fior


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 7 giugno 2006, 17:23 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 26 dicembre 2005, 11:54
Messaggi: 265
Località: roma
il professionista abilitato può emettere una sua perizia
tuttavia con quella ci si fa pochino

per adeguarsi senza fare lavori, nelle sole abitazioni e a condizione che gli impianti siano a norma, basta un atto notorio del proprietario ai sensi del DPR 392/1994 art 6


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 8 giugno 2006, 9:01 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: martedì 8 luglio 2003, 16:46
Messaggi: 2128
Località: Cagliari
stirn ha scritto:
il professionista abilitato può emettere una sua perizia
tuttavia con quella ci si fa pochino

per adeguarsi senza fare lavori, nelle sole abitazioni e a condizione che gli impianti siano a norma, basta un atto notorio del proprietario ai sensi del DPR 392/1994 art 6

Grazie.
Saluti. :wink:

_________________
Dai diamanti non nasce niente
Dal letame nascono i fior


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 9 giugno 2006, 10:47 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 26 dicembre 2005, 11:54
Messaggi: 265
Località: roma
chicco ha scritto:
stirn ha scritto:
il professionista abilitato può emettere una sua perizia
tuttavia con quella ci si fa pochino

per adeguarsi senza fare lavori, nelle sole abitazioni e a condizione che gli impianti siano a norma, basta un atto notorio del proprietario ai sensi del DPR 392/1994 art 6

Grazie.
Saluti. :wink:


figurati

saluti


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 9 giugno 2006, 20:12 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 10 luglio 2003, 9:33
Messaggi: 1862
Località: salerno
stirn ha scritto:
il professionista abilitato può emettere una sua perizia
tuttavia con quella ci si fa pochino

per adeguarsi senza fare lavori, nelle sole abitazioni e a condizione che gli impianti siano a norma, basta un atto notorio del proprietario ai sensi del DPR 392/1994 art 6


se gli impianti sono a norma bisogna saperlo o almeno esserne certi.
per essere certo devi chiedere consulenza.
se chiedi consulenza e non sei a norma, sei soggetto a lavori .
se fai i lavori sei soggetto a dich di conf.

ora ipotizza una qualsiasi persona media del popolo italiano. secondo te questo è in grado di sapere se è in regola oppure no? secondo te basta il differenziale per esserlo? ha appropriate cognizioni tecniche? sa se è esistente un impianto di terra? il circuito di terra è efficiente? mah, il popolo italiano certifica e autocertifica quasi tutto... bisogna solo appurare se è vero. io so solo che in questo paese muoiono ancora troppe persone per scarica elettrica. spesso negli appartamenti. circa 1600 persone all'anno... però queste cose non vengono dette nei notiziari. fa clamore solo quando un extracomunitario, non assicurato, non inquadrato, lavorando in un cantiere va giu dall'impalcatura. è giusto che si faccia critica su questi incidenti ma chiudere gli occhi sugli infortuni domestici quando questi possono essere evitati stride fortemente per ciò che si chiama stato democratico.
certamente la legge c'è (diciamo le lobby dei condomini hanno tirato fuori sta scappatoia della dichiarazione) ma vorrei vedere come fa un amministratore (di solito è un ragioniere o giu di li...) a certificare con atto notorio la conformità di un impianto condominiale... :devil!:
tanto per la giusta riflessione del forum su quanto la norma giuridica declara...
a voi le opinioni....
saluti
sasà


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010