IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è sabato 16 novembre 2019, 0:54

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 26 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3
Autore Messaggio
MessaggioInviato: lunedì 19 novembre 2018, 11:54 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 27 aprile 2009, 10:38
Messaggi: 24
Il tuo ragionamento sull'ACS è corretto ma non rispecchia lo spirito dell'introduzione della deroga, che non voleva creare penalizzazioni eccessive dovute alla disparità dei fabbisogni, nel momento in cui l'uso è il medesimo. Va da sè che se l'uso è diverso, le situazioni non sono confrontabili (cioè non siamo nel caso in cui, suo malgrado, un condomino consuma più di un altro).

Ti posso garantire che il calcolo dei mm di fabbisogno deve essere riferito all'edificio originale: questo principio, anche se non sancito esplicitamente nella norma 2015, era stato affermato in maniera abbastanza omogenea in vari contesti (CNI, ANTA, etc). Infatti è stato ora stabilito esplicitamente nella versione 2018 della 10200, con riferimento anche ad un art. del codice civile che regola i mm di proprietà.

Ora secondo me si apre un mondo sulla nuova norma, che cambia il calcolo della Qinv, introduce il fattore d'uso e stabilisce appunto tipo di modellazione (A2, A3) ed edifici su cui fare il calcolo.
Ad esempio, quali parametri "reali" adottare nella modellazione A3 per il calcolo della Qinv e del fattore d'uso? Solo le temperature medie mensili effettive? Anche le temperature interne? Nessuna delle due, facendo coincidere A3 con A2 (cosa che non è esclusa a priori...)

Inoltre: la norma è retroattiva?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 21 novembre 2018, 11:47 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 27 aprile 2009, 10:38
Messaggi: 24
Le questioni da me sollevate non sono di interesse?
Sono nella discussione sbagliata?
Grazie


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 21 novembre 2018, 13:07 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19256
Località: Ferrara
No, anzi, le questioni sono interessanti, purtroppo per quanto mi riguarda non ho ancora applicato la nuova norma 2018, perchè tutti i lavori fatti finora erano precedenti, e quest'anno non ho ancora avuto un lavoro nuovo inerente la contabilizzazione (chi voleva adeguarsi entro il 2017 l'ha fatto, chi ad oggi non si è ancora adeguato sembra fregarsene bellamente :lol: )
Riguardo alla retroattività, io finora avevo sempre applicato il concetto secondo cui i mm andassero calcolati sulla situazione effettiva e non quella "originale" cosa per altro fortemente voluta anche dagli stessi condomini, che volevano vedersi riconosciuti un numero di millesimi inferiore dovuto appunto agli eventuali lavori svolti nei propri alloggi. Anzi, sto provvedendo ad "aggiornare" i mm in quei condomini dove 2 anni fa feci le tabelle millesimali e nel frattempo qualcuno ha sostituito gli infissi.... :badboy:
Ora, a prescindere da quello che dice la nuova edizione della norma, qualora dovessi applicarla retroattivamente, non posso io adesso andare da quei condomini e dire: no ragazzi, mi dispiace, avete sostituito gli infissi per niente, dato che i mm vanno riferiti alla situazione originale. 8)
Lo so che alla fine il risparmio si ha comunque sul lato "volontario", ma vaglielo a spiegare, (ricevo continuamente visite da parte di inquilini che chiedono se nel calcolo ho tenuto conto di questo o di quello).

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 21 novembre 2018, 13:18 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 27 aprile 2009, 10:38
Messaggi: 24
Uno dei motivi per cui si è sostenuta la tesi secondo cui i mm andavano calcolati sull'edificio originale era proprio il fatto di non innescare un aggiornamento continuo dei mm a seguito di iniziative di un singolo sulla sua u.i. (serramenti, insufflaggio, etc), ma solo su iniziative collegiali (cappotti, sottotetti, porticati). La cosa più interessante che avevo letto per "gestire" le istanze dei privati era che in caso di interventi dei singoli, questi avrebbero avuto diritto all'aggiornamento dei mm se avessero dimostrato (a loro carico) un miglioramento energetico di almeno il 10%, applicando cioè ai mm di riscaldamento quanto prevede il codice civile per i mm di proprietà (riforma del 2012).

Comunque ti auguro di acquisire dei nuovi lavori UNI10200, così sarai obbligato a "cimentarti" sulla versione 2018 e ci potremo confrontare!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 21 novembre 2018, 14:09 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19256
Località: Ferrara
FelixIng ha scritto:
Uno dei motivi per cui si è sostenuta la tesi secondo cui i mm andavano calcolati sull'edificio originale era proprio il fatto di non innescare un aggiornamento continuo dei mm a seguito di iniziative di un singolo sulla sua u.i. (serramenti, insufflaggio, etc), ma solo su iniziative collegiali (cappotti, sottotetti, porticati). La cosa più interessante che avevo letto per "gestire" le istanze dei privati era che in caso di interventi dei singoli, questi avrebbero avuto diritto all'aggiornamento dei mm se avessero dimostrato (a loro carico) un miglioramento energetico di almeno il 10%, applicando cioè ai mm di riscaldamento quanto prevede il codice civile per i mm di proprietà (riforma del 2012).

Comunque ti auguro di acquisire dei nuovi lavori UNI10200, così sarai obbligato a "cimentarti" sulla versione 2018 e ci potremo confrontare!

Beh, ovviamente nel mio caso l'aggiornamento dei millesimi non lo faccio gratis, anzi se lo pagano coloro che a seguito di interventi sulla propria UI intendono procedere con l'aggiornamento (per altro, non obbligatorio a questo punto), e ovviamente poi i nuovi mm vengono sottoposti all'assemblea che li dovrà approvare. Non mi pareva un grosso problema il fatto di aggiornare ogni anno i millesimi.
Ora cmq vedo di "aggiornarmi" sulla nuova edizione. 8)

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: domenica 2 dicembre 2018, 18:00 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 6 giugno 2018, 14:20
Messaggi: 6
boba74 ha scritto:
ma perchè vogliono a tutti i costi incasinare le cose?
Che senso ha mettere una "deroga" sull'applicabilità Della 10200, senza specificare precisamene quando tale deroga è applicabile.... :badboy:
Perchè non lo scrivono chiaramente sulla legge invece di affidarsi a circolari o "pareri" che non hanno alcun valore legale?
O sennò, evitavano di mettere deroghe e scrivevano che la 10200 si applica sempre. :azz:
Ci deve essere uno "scopo" occulto dietro tutto ciò, un po' come la storia dei distacchi dal centralizzato...... :roll:

happy glass
Immagine

Coincidenze? Io non credo...


Ok. Non ha validità normativa.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 26 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010