IngForum
http://www.ingegneri.info/forum/

Charimenti MISE disapplicazione UNI10200, dove sarebbero?
http://www.ingegneri.info/forum/viewtopic.php?f=9&t=83405
Pagina 1 di 3

Autore:  marcoaroma [ lunedì 6 marzo 2017, 14:56 ]
Oggetto del messaggio:  Charimenti MISE disapplicazione UNI10200, dove sarebbero?

In vari articoli e forum si parla e si cita un chiarimento del MISE su come valutare le differenze di fabbisogno per arrivare a determinare la differnza superiore al 50% secondo cui si può non applicare la UNI10200 secondo il D.L.vo 141/2016.
La circolare o simile è introvabile. Forse l'hanno ritirata?
Riuscite a dare un link ufficiale anche se poi non è una norma e quindi non ha una forte validità. Metto qualche link ma di ufficiale non trovo nulla.
http://forum.edilclima.it/viewtopic.php ... &start=150
http://www.ingenio-web.it/Articolo/4672 ... 10200.html
http://www.quotidianocondominio.ilsole2 ... d=AD3OlI0B

Autore:  lucabia77 [ martedì 7 marzo 2017, 17:25 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Charimenti MISE disapplicazione UNI10200, dove sarebbero

io ho questo documento:

http://www.ordineingegneri.genova.it/do ... FIOPA2.pdf


quello ce dici te è da pag.23

Autore:  marcoaroma [ giovedì 9 marzo 2017, 2:14 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Charimenti MISE disapplicazione UNI10200, dove sarebbero

Avevo chiesto un riferimento ufficiale, il tuo file non lo è, anche se molto utile. Il testo di questo chiarimento o la formula o il link del tuo stanno in rete e anche nei link che ho messo. Ma il riferimento ufficiale non c'è. Sembra sia scomparso.

Autore:  lucabia77 [ venerdì 10 marzo 2017, 12:06 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Charimenti MISE disapplicazione UNI10200, dove sarebbero

quel testo è di per se un riassunto (come si specifica i chiarimenti del mise non hanno al forza di una legge)...

http://ingegneri.chieti.it/wp-content/u ... A-MISE.pdf

nella linea guida si dice ce il mise ha risposta alla nota sopra .....provo a sentire il CNI se è possibile avere una copia di questo documento del mise!!!

vi tengo aggiornati

Autore:  marcello60 [ venerdì 10 marzo 2017, 12:49 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Charimenti MISE disapplicazione UNI10200, dove sarebbero

Si tratterebbe di una e-mail informale, se ne è parlato a suo tempo in questo forum:

http://forum.edilclima.it/viewtopic.php?f=17&t=22123&p=145312&hilit=mallone#p145312

Autore:  lucabia77 [ venerdì 10 marzo 2017, 13:40 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Charimenti MISE disapplicazione UNI10200, dove sarebbero

mail mandata ....vediamo se il CNi ha delle news!!!

Autore:  marcoaroma [ sabato 11 marzo 2017, 2:01 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Charimenti MISE disapplicazione UNI10200, dove sarebbero

Leggendo vari link parlavano di circolare Mise del 24 novembre mi sembra ma non esiste e forse l'hanno ritirata. Comunque è strano.

Autore:  lucabia77 [ lunedì 20 marzo 2017, 14:13 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Charimenti MISE disapplicazione UNI10200, dove sarebbero

mi è arrivata la risposta del CNI. confermo che l'unico chiarimento è una mail informale del funzionario del MISE.


Egr. Ing. Biagiotti,
si riporta qui di seguito la risposta pervenutaci dal MISE, da Lei richiesta.
Cordiali saluti.

La Segreteria del C.N.I.



Gentile Ingegnere,
a seguito dei colloqui intercorsi, a riscontro alla nota del 22/09/2016 le segnalo quanto segue.

Innanzitutto mi preme segnalare che i quesiti 5 e 6 non sono di competenza di questo Ufficio, a riguardo può provare a rivolgersi alla Direzione generale per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica.

Evidenzio inoltre che i quesiti 2, 3 e 4 risultano poco chiari e, al fine di fornire adeguato riscontro, dovrebbero essere opportunamente riformulati.

Per quanto riguarda gli altri quesiti comunico quanto segue:
· in merito al quesito 1, l’edificio polifunzionale è definito dal dlgs 102/2014, come edificio destinato a scopi diversi e occupato da almeno due soggetti che devono ripartire tra loro la fattura dell'energia acquistata. Non si ritiene pertanto rilevante la proprietà del fabbricato, ai fini della norma, bensì la necessità o meno di ripartire la spesa per la fattura dell'energia acquistata;
· in merito al quesito 7, primo punto, appare evidente che con il termine “edificio” deve intendersi ogni edificio;
· in merito al quesito 7, secondo punto, si ritiene che l’efficienza e la proporzione in termini di costi debba essere valutata dal tecnico chiamato in causa, in base alla metodologia indicata dalla norma tecnica ivi citata;
· in merito al quesito 7, terzo punto, ignorando le segnalazioni poco chiare, si evidenzia che la norma recita (art. 9, comma 5, lettera d)):
“...laddove siano comprovate, tramite apposita relazione tecnica asseverata, differenze di fabbisogno termico per metro quadro tra le unità immobiliari costituenti il condominio o l'edificio polifunzionale superiori al 50 per cento, è possibile suddividere l'importo complessivo tra gli utenti finali attribuendo una quota di almeno il 70 per cento agli effettivi prelievi volontari di energia termica.”

Per quanto riguarda il fabbisogno termico si intenda il fabbisogno ideale di energia termica utile della singola unità immobiliare per riscaldamento, raffrescamento e produzione di acqua calda sanitaria, secondo le definizioni contenute nella norma UNI/TS 11300 parte 1 e 2.

La procedura per il calcolo delle differenze di fabbisogno delle singole unità immobiliari sarà la seguente:
· calcolo del fabbisogno ideale di energia termica utile di ciascun appartamento;
· individuazione dell'appartamento con il fabbisogno a metro quadro più basso e dell'appartamento con il fabbisogno a metro quadro più elevato;
· confronto dei fabbisogni per metro quadro tra i due appartamenti suddetti e determinazione della relativa differenza. La formula da utilizzarsi è la seguente:

(Fabbisogno termico massimo – Fabbisogno termico minimo)Fabbisogno termico massimo

Se la differenza suddetta è superiore al 50%, allora sarà opportuno valutare due differenti sistemi di ripartizione delle spese, uno secondo la norma UNi10200 e l’altro utilizzando il criterio di ripartizione alternativo prospettato dal decreto.

Cordiali saluti.

Autore:  marcoaroma [ martedì 21 marzo 2017, 0:41 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Charimenti MISE disapplicazione UNI10200, dove sarebbero

Ok. Non ha validità normativa.

Autore:  boba74 [ mercoledì 22 marzo 2017, 0:35 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Charimenti MISE disapplicazione UNI10200, dove sarebbero

ma perchè vogliono a tutti i costi incasinare le cose?
Che senso ha mettere una "deroga" sull'applicabilità Della 10200, senza specificare precisamene quando tale deroga è applicabile.... :badboy:
Perchè non lo scrivono chiaramente sulla legge invece di affidarsi a circolari o "pareri" che non hanno alcun valore legale?
O sennò, evitavano di mettere deroghe e scrivevano che la 10200 si applica sempre. :azz:
Ci deve essere uno "scopo" occulto dietro tutto ciò, un po' come la storia dei distacchi dal centralizzato...... :roll:

Immagine

Coincidenze? Io non credo...

Pagina 1 di 3 Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
https://www.phpbb.com/