IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è venerdì 6 dicembre 2019, 10:31

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 11 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: giovedì 21 aprile 2016, 16:44 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 10 dicembre 2014, 20:19
Messaggi: 80
Buongiorno a tutti,
da un po di tempo sto cercando una correlazione tra il fabbisogno di energia termica utile per il riscaldamento ed il carico termico di progetto.

Le due quantità devo poter essere correlate in quanto i valori e parametri che si utilizzano sono gli stessi: trasmittanze, elementi opache, elementi trasparenti, volume lordo, superfici disperdenti.

Ho chiesto a due tecnici di un software, ma mi hanno dato una risposta opposta all'altro...

Il mio dubbio è il seguente: per dimensionare un generatore per solo riscaldamento, eseguito il calcolo del carico termico di progetto, ed ottengo una potenza in kW.

Se calcolo il fabbisogno di energia utile per il riscaldamento, ottengo un'energia espressa in kWh.

Ora io vorrei capire come poter correlare i due risultati. So che sono due quantità differenti, ma l'energia è un a potenza per un tempo, quindi suppongo che ci sia un modo per riuscire a correlare le due quantità.

Ho provato dividendo l'energia per il tempo di funzionamento, ottenendo una potenza che però non assomiglia a quella ottenuta tramite il carico termico.

C'è qualcuno che ha qualche suggerimento in merito?

Grazie in anticipo per le eventuali risposte


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 21 aprile 2016, 17:23 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19275
Località: Ferrara
non si possono correlare direttamente.
il fabbisogno utile che ottieni è espresso in kWh/anno ed è l'energia che il tuo edificio "consuma" in un anno (o meglio, durante il periodo di riscaldamento). Mentre il "carico termico" sarebbe la potenza dispersa (kW) attraverso l'involucro dell'edificio in condizioni di progetto (ossia con determinate condizioni di temperatura esterna) ed equivale alla potenza che dovresti fornire per compensare quella dispersa dall'involucro per mantenere una temperatura interna di 20°C quando fuori ce ne sono (ad esempio) -5°C.
Ora, la potenza dipende solo ed esclusivamente dalle trasmittanze dell'involucro e dai ricambi d'aria prefissati (es. 0,5 vol/h) mentre il fabbisogno dipende anche da come variano le temperature durante la stagione di riscaldamento (quindi dalle condizioni climatiche medie mensili della località), nonchè dagli apporti solari, dagli apporti interni, ecc...
Quindi non può esistere una correlazione, perchè il carico termico è una potenza istantanea riferita a una condizione massima di progetto (e che durante l'inverno non si verifica quasi mai, o comunque per pochissimo tempo) mentre il fabbisogno è una energia calcolata su un lungo periodo, in cui le temperature esterne variano mensilmente e quindi una fantomatica potenza "media" che moltiplicata per il tempo ti da il fabbisogno non ha praticamente nulla a che fare con la potenza calcolata prima, sebbene "dimensionalmente" siano compatibili...
Ma la mia domanda è: a che ti serve questa correlazione?

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 21 aprile 2016, 17:59 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 10 dicembre 2014, 20:19
Messaggi: 80
boba74 ha scritto:
non si possono correlare direttamente.
il fabbisogno utile che ottieni è espresso in kWh/anno ed è l'energia che il tuo edificio "consuma" in un anno (o meglio, durante il periodo di riscaldamento). Mentre il "carico termico" sarebbe la potenza dispersa (kW) attraverso l'involucro dell'edificio in condizioni di progetto (ossia con determinate condizioni di temperatura esterna) ed equivale alla potenza che dovresti fornire per compensare quella dispersa dall'involucro per mantenere una temperatura interna di 20°C quando fuori ce ne sono (ad esempio) -5°C.
Ora, la potenza dipende solo ed esclusivamente dalle trasmittanze dell'involucro e dai ricambi d'aria prefissati (es. 0,5 vol/h) mentre il fabbisogno dipende anche da come variano le temperature durante la stagione di riscaldamento (quindi dalle condizioni climatiche medie mensili della località), nonchè dagli apporti solari, dagli apporti interni, ecc...
Quindi non può esistere una correlazione, perchè il carico termico è una potenza istantanea riferita a una condizione massima di progetto (e che durante l'inverno non si verifica quasi mai, o comunque per pochissimo tempo) mentre il fabbisogno è una energia calcolata su un lungo periodo, in cui le temperature esterne variano mensilmente e quindi una fantomatica potenza "media" che moltiplicata per il tempo ti da il fabbisogno non ha praticamente nulla a che fare con la potenza calcolata prima, sebbene "dimensionalmente" siano compatibili...
Ma la mia domanda è: a che ti serve questa correlazione?



Grazie per la risposta.

Però non condivido pienamente quanto affermato: il carico termico non è la massima potenza, perchè la temperatura esterna potrebbe (in pochissime occasioni), scendere al di sotto di quella di progetto. Pertanto avrei per qualche ora una potenza non in grado di soddisfare la richiesta di riscaldamento. Es: Torino laT progetto è -8, ma in alcune ore potrei andare a -10 o -15, e quindi avrei una carenza nel riscaldamento.

A parte questa osservazione, condivido il resto del discorso, però penso che seppure l'energia sia mediata sul periodo di riscaldamento (quindi su qualche mese), questa deve poter essere in qualche modo confrontata con il carico termico.

Tale correlazione la vorrei per poter utilizzare un software che però calcola solamente il fabbisogno di energia termica utile (è un software per certificazione energetica), anche per il calcolo del carico termico.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 21 aprile 2016, 18:14 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19275
Località: Ferrara
Il carico termico serve appunto per dimensionare gli impianti (e come tale, richiede una T di progetto, che è vero che non è quella minima in assoluto, ma è comunque una temperatura cautelativa al di sotto della quale si può anche ammettere che l'impianto vada "in crisi" perchè raramente si raggiungono tali caondizioni.
Tornando a noi, non è corretto pretendere di "dimensionare" gli impianti cercando una correlazione tra il fabbisogno calcolato da un SW di certificazione energetica e la potenza di calcolo: è un voler ripercorrere la strada al contrario, dal momento che a monte il fabbisogno parte dal calcolo della potenza e non viceversa. Potresti per assurdo anche fare un calcolo "completo" con un SW che ti fa tutto, e vedere in che modo sono correlate le 2 grandezze, ma scommetto che ogni edificio ti darà valori diversi di tale coefficiente di correlazione, proprio per il discorso che facevo prima, che ogni edificio fa storia a sè,
8)

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 21 aprile 2016, 19:09 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 10 dicembre 2014, 20:19
Messaggi: 80
boba74 ha scritto:
Il carico termico serve appunto per dimensionare gli impianti (e come tale, richiede una T di progetto, che è vero che non è quella minima in assoluto, ma è comunque una temperatura cautelativa al di sotto della quale si può anche ammettere che l'impianto vada "in crisi" perchè raramente si raggiungono tali caondizioni.
Tornando a noi, non è corretto pretendere di "dimensionare" gli impianti cercando una correlazione tra il fabbisogno calcolato da un SW di certificazione energetica e la potenza di calcolo: è un voler ripercorrere la strada al contrario, dal momento che a monte il fabbisogno parte dal calcolo della potenza e non viceversa. Potresti per assurdo anche fare un calcolo "completo" con un SW che ti fa tutto, e vedere in che modo sono correlate le 2 grandezze, ma scommetto che ogni edificio ti darà valori diversi di tale coefficiente di correlazione, proprio per il discorso che facevo prima, che ogni edificio fa storia a sè,
8)



Hai ragione, ma appunto perchè il fabbisogno parte dalla potenza che secondo me ci deve essere una correlazione.

Ho provato due software differenti, inserendo i dati di condomini diversi e su 5 prove, non trovo la correlazione tra energia e potenza, però in due casi, dall'energia sono riuscito a calcola una potenza che è molto simile alla potenza del generatore che è installato in centrale.
Quindi potrebbe esser fortuna, perchè, come dici tu, ogni edificio è a se..


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: venerdì 22 aprile 2016, 0:10 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 31 maggio 2007, 0:23
Messaggi: 6885
Località: Roma
2 software 5 edifici su 2 hai indovinato le P delle caldaie installate. Stai tirando a casaccio. Fatti aiutare da Gigi, o anche GG.

_________________
il riscaldamento centralizzato più ti scalda più conviene
niente carbone mai più metano
R. G.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: venerdì 22 aprile 2016, 9:30 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19275
Località: Ferrara
ma ripeto.... a che ti serve "indovinare" la potenza della caldaia? La caldaia ce l'hai già, a che ti serve sapere di che potenza è?
E del resto se il tuo scopo è dimensionare una caldaia o addirittura un intero impianto (ad esempio in caso di nuovi edifici), devi utilizzare strumenti di calcolo un po' più idonei, e il calcolo della certificazione energetica è l'ultimo dei problemi... :roll:

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: venerdì 22 aprile 2016, 9:49 
Non connesso

Iscritto il: domenica 28 marzo 2010, 23:07
Messaggi: 150
Uno strumento che potrebbe forse esserti utile è la "firma energetica". In base al rilievo dei consumi reali di un impianto (energia) e delle condizioni al contorno è possibile sia verificare la potenza dell'impianto sia la sua corretta gestione.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: venerdì 21 settembre 2018, 19:43 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 7 ottobre 2013, 13:40
Messaggi: 13
boba74 ha scritto:
non si possono correlare direttamente.
il fabbisogno utile che ottieni è espresso in kWh/anno ed è l'energia che il tuo edificio "consuma" in un anno (o meglio, durante il periodo di riscaldamento). Mentre il "carico termico" sarebbe la potenza dispersa (kW) attraverso l'involucro dell'edificio in condizioni di progetto (ossia con determinate condizioni di temperatura esterna) ed equivale alla potenza che dovresti fornire per compensare quella dispersa dall'involucro per mantenere una temperatura interna di 20°C quando fuori ce ne sono (ad esempio) -5°C.
Ora, la potenza dipende solo ed esclusivamente dalle trasmittanze dell'involucro e dai ricambi d'aria prefissati (es. 0,5 vol/h) mentre il fabbisogno dipende anche da come variano le temperature durante la stagione di riscaldamento (quindi dalle condizioni climatiche medie mensili della località), nonchè dagli apporti solari, dagli apporti interni, ecc...
Quindi non può esistere una correlazione, perchè il carico termico è una potenza istantanea riferita a una condizione massima di progetto (e che durante l'inverno non si verifica quasi mai, o comunque per pochissimo tempo) mentre il fabbisogno è una energia calcolata su un lungo periodo, in cui le temperature esterne variano mensilmente e quindi una fantomatica potenza "media" che moltiplicata per il tempo ti da il fabbisogno non ha praticamente nulla a che fare con la potenza calcolata prima, sebbene "dimensionalmente" siano compatibili...
Ma la mia domanda è: a che ti serve questa correlazione?

Mi collego a questo vecchi post, evitando di aprirne uno nuovo, visto che si presta ai miei dubbi. il carico termico di progetto sere per dimensionare i terminali mentre il fabbisogno di energia termica utile per il riscaldamento kwh serve per la scelta della potenza del generatore, giusto? ma nelle schede tecniche dei generatori le potenze sono espresse in kw, come fare?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: domenica 23 settembre 2018, 22:44 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19275
Località: Ferrara
john78 ha scritto:
il carico termico di progetto sere per dimensionare i terminali mentre il fabbisogno di energia termica utile per il riscaldamento kwh serve per la scelta della potenza del generatore, giusto?

no.

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 11 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010