IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è venerdì 20 settembre 2019, 9:32

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 16 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2
Autore Messaggio
MessaggioInviato: mercoledì 14 novembre 2018, 14:30 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 31 maggio 2007, 0:23
Messaggi: 6884
Località: Roma
Quindi applicare una controparete la vedi esclusa dalla voce "intervento che interessa l’involucro edilizio". Interessante. Hai suggerimenti più specifici?
Che ne pensano anche agli altri?
Grazie.

_________________
il riscaldamento centralizzato più ti scalda più conviene
niente carbone mai più metano
R. G.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 14 novembre 2018, 16:02 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19221
Località: Ferrara
marcoaroma ha scritto:
Quindi applicare una controparete la vedi esclusa dalla voce "intervento che interessa l’involucro edilizio". Interessante. Hai suggerimenti più specifici?
Che ne pensano anche agli altri?
Grazie.

Nel caso dell'accoppiato siamo in effetti un po' "borderline", tuttavia io considero che se fosse una semplice parete in cartongesso con intercapedine d'aria, applicata ad esempio a scopo "finitura" per realizzare cavedi per nascondere canaline elettriche, scarichi, ventilazioni, o anche semplicemente pilastri o travi sporgenti, allora di certo non può essere considerata intervento sull'involucro, allo stesso modo di un intonaco interno o di un controsoffitto a quadrotti o di nuovo rivestimento messo sopra o al posto di uno esistente....

Nel caso in mezzo ci metti anche l'isolante la cosa potrebbe essere "discutibile", ma del resto laddove la trasmittanza non può essere raggiunta e non è materialmente possibile andare oltre quei 4-5cm non vedo alternative se non quella di considerarla una controparete (o meglio, l'unica alternativa sarebbe quella di non realizzarla affatto per evitare di ricadere nelle verifiche e tenersi la casa così com'è).
A quel punto: se è il committente a essere d'accordo a voler mettere l'accoppiato, l'unico che potrebbe avere da ridire è il tecnico comunale che guarda la L10, ma del resto anche una semplice controparete non isolata, o un semplice parquet messo al posto delle piastrelle "migliora" la trasmittanza rispetto a quello che c'era prima, il che non significa che debba per forza considerarlo un intervento di isolamento dell'involucro edilizio.
Ora, siccome sono io il tecnico che fa la L10, e ci scrivo che quella struttura non è oggetto di intervento ai fini energetici, non vedo motivo per cui la cosa possa essere messa in discussione: avrà la trasmittanza che avrà ma non sarà oggetto di verifica. E anche in caso che qualcuno dopo anni tiri fuori la mia L10, ci sarà scritto questo, non ho scritto che questa parete rispetta il valore limite di trasmittanza, nè che ci viene messo un isolante da 12cm e la rispetta, perchè in tal caso sarebbe falso.

Al limite, potrei verificare (volontariamente, in quanto non obbligatorio visto che non è oggetto di intervento) che non si formi condensa, cosa senz'altro fattibile anche laddove le strutture non rispettano necessariamente le trasmittanze, e magari cogliere la palla la balzo specificando che l'accoppiato viene messo solo a scopo di eliminare il problema della condensa ma non a scopo di isolamento.
Purtroppo non ho un vero e proprio "appiglio" legale per confermare questa cosa, se non il buonsenso. 8)

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 14 novembre 2018, 20:12 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 31 maggio 2007, 0:23
Messaggi: 6884
Località: Roma
Grazie per le precisazioni.
In effetti è una scelta tra tecnico e committente se la questione la si vuole affrontare in tale maniera, a meno poi di verifiche del Comune.
Il paragone che fai con le piastrelle non tiene però , perché proprio la Regione dove Tu lavori ha detto che contano nelle verifiche in una delle faq, "la rimozione del rivestimento ceramico di rivestimento delle facciate equivale a tutti gli effetti alla rimozione dell’intonaco, dando quindi luogo all’obbligo di rispettare i requisiti minimi di prestazione energetica previsti dalla DGR 1715/2016".
Neanche tiene il discorso, isolo solo ai fini condensa, proprio perché si interviene sulla parete.
Mi convince di più il discorso che la controparete può essere considerata una finitura. Bisognerebbe interpellare il Comune.

_________________
il riscaldamento centralizzato più ti scalda più conviene
niente carbone mai più metano
R. G.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 15 novembre 2018, 11:43 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19221
Località: Ferrara
marcoaroma ha scritto:
Il paragone che fai con le piastrelle non tiene però , perché proprio la Regione dove Tu lavori ha detto che contano nelle verifiche in una delle faq, "la rimozione del rivestimento ceramico di rivestimento delle facciate equivale a tutti gli effetti alla rimozione dell’intonaco, dando quindi luogo all’obbligo di rispettare i requisiti minimi di prestazione energetica previsti dalla DGR 1715/2016".

Beh, io intendevo piastrelle del pavimento, quindi un rivestimento "interno", mentre lì parla delle facciate, quindi la parte esterna.
Se andiamo a generalizzare ogni tipo di rivestimento su ogni superficie, allora non si potrebbero neppure rifare intonaci interni o pavimenti senza ricadere nella riqualificazione energetica dell'involucro.... non penso sia questo lo scopo di tali leggi. :lol:

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 15 novembre 2018, 16:19 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sabato 17 marzo 2007, 22:43
Messaggi: 3306
Località: brescia
Io invece credo proprio di si.

Se ti limiti a tinteggiare, tra qualche anno dovrai di nuovo metterci mano e quindi avrai allora la possibilità di adeguarti ed iniziare a risparmiare.
Se rifai l'intonaco in modo sostanziale (non semplici ritocchi) o se, in ogni caso, fai interventi importanti, destinati a durare decenni, al legislatore non va bene che tu non ti adegui.

<ps. Poi saniamo a spese nostre gli abusi di Ischia e tutti qs sofismi vanno ovviamente allegramente a meretrici>

_________________
Art.1 : L'Italia è una Repubblica fondata sul Lavoro. ..degli altri.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 15 novembre 2018, 19:02 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 8 giugno 2015, 18:02
Messaggi: 345
Cita:
... <ps. Poi saniamo a spese nostre gli abusi di Ischia e tutti qs sofismi vanno ovviamente allegramente a meretrici>

Che cattivone!

Prego agevolare gli orari del seguente comunicato ufficiale del vento del cambiamento:

Immagine

Alle ore 22:24 del 13 novembre convocano il Consiglio dei Ministri per lo stesso giorno, ore 20:30.
Sarà il famoso (perchè inesistente) moltiplicatore keynesiano degli investimenti.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 16 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot], mirco m. e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010