IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è venerdì 23 agosto 2019, 6:54

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: mercoledì 31 ottobre 2018, 11:22 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19193
Località: Ferrara
Salve, vorrei risolvere un dubbio relativo alle canne fumarie: siccome nella 7129, (ma anche nella 11528 in caso > 35 kW) sono riportate le varie distanze e quote di sbocco minime, che hanno valori diversi a seconda che il camino funzioni in pressione positiva o negativa.
Ma è possibile capire a priori se un camino funzioni in pressione positiva o negativa? Cioè se la caldaia ha un ventilatore per espellere i fumi è sufficiente ciò per dire che siamo in condizioni di pressione positiva? O dipende dalle condizioni di combustione e dalla geometria del camino? Ma in tal caso come si fa a capire quali distanze minime applicare?

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mercoledì 31 ottobre 2018, 12:44 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19193
Località: Ferrara
Mi rispondo da solo:
Dal calcolo della canna fumaria?
Applicando la UNI EN 13384 si può verificare il funzionamento in pressione positiva o negativa a seconda dei casi.
Non riesco però a capire, in caso di nuova canna fumaria (e quindi dal calcolo deve risultare ovviamente verificata), in quali condizioni la verifica risulti positiva per un funzionamento a "pressione positiva" (scusate il gioco di parole), perchè facendo delle prove anche con caldaie a condensazione pressurizzate, le condizioni di funzionamento con pressione positiva non risultano mai verificate, in pratica tra tutti i vari diametri di canna fumaria quelli al di sotto di un certo valore forniscono funzionamenti a pressioni positive ma non sono verificati, mentre sopra un certo diametro il funzionamento diventa a pressione negativa e sono verificati, quasi come se il funzionamento a pressione positiva sia di per sè non ammesso.... :roll:

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 5 novembre 2018, 18:26 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 1 novembre 2013, 19:33
Messaggi: 10
Ciao Boba,

anche io sto "studiando" sull'argomento, volevo infatti aprire una discussione sulla possibilità di allacciare 2 caldaia per piano calcolate con la UNI 13384-2.

Mentre ragiono sulla tua domanda, ti chiederei che SW utilizzi per i calcoli ?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 6 novembre 2018, 9:08 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19193
Località: Ferrara
stivingreen ha scritto:
Ciao Boba,

anche io sto "studiando" sull'argomento, volevo infatti aprire una discussione sulla possibilità di allacciare 2 caldaia per piano calcolate con la UNI 13384-2.

Mentre ragiono sulla tua domanda, ti chiederei che SW utilizzi per i calcoli ?

utilizzo il classico Aster che solitamente viene dato in licenza gratuita dai rivenditori di canne fumarie...

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 8 novembre 2018, 12:02 
Non connesso

Iscritto il: sabato 14 aprile 2012, 15:19
Messaggi: 75
Non ho esperienza diretta con le normative, ma la canna fumaria è una potente pompa di aspirazione e a meno di condizioni particolari, vedo difficile "escluderla".
Anzi, capita che la canna fumaria aspiri più aria di quanta ne porti la ventola.

Da un punto di vista fisico, la canna fumaria è un condotto con la sua perdita di carico.
La girante del generatore ha il suo diagramma portata/prevalenza
alla stessa maniera la canna fumaria calda genera la sua prevalenza che è direttamente proporzionale all'altezza.

Quindi a meno di casi eccezionali, avrai sempre un contributo delle due "pompe", bisogna poi vedere quale è la più grande.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: giovedì 8 novembre 2018, 12:37 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19193
Località: Ferrara
andreansr125 ha scritto:
Non ho esperienza diretta con le normative, ma la canna fumaria è una potente pompa di aspirazione e a meno di condizioni particolari, vedo difficile "escluderla".
Anzi, capita che la canna fumaria aspiri più aria di quanta ne porti la ventola.

Da un punto di vista fisico, la canna fumaria è un condotto con la sua perdita di carico.
La girante del generatore ha il suo diagramma portata/prevalenza
alla stessa maniera la canna fumaria calda genera la sua prevalenza che è direttamente proporzionale all'altezza.

Quindi a meno di casi eccezionali, avrai sempre un contributo delle due "pompe", bisogna poi vedere quale è la più grande.

In effetti il paragone con la pompa è corretto.... Da un lato hai il ventilatore della caldaia che spinge (pressione positiva), dall'altra il tiraggio naturale che "tira" (pressione negativa), quindi solo se la prevalenza del ventilatore supera quella del tiraggio il condotto nella sua globalità funziona a pressione positiva, il che probabilmente avviene in certe condizioni (indicativamente: più la canna fumaria è stretta e corta meno tiraggio ha, e quindi prevale una pressione positiva).
Quello che non capisco è a livello normativo "quando" la situazione è idonea anche per funzionare a pressione positiva: facendo diverse prove con una stessa caldaia e stessa altezza di canna fumaria, partendo dai diametri più bassi e via via a crescere risulta che per i diametri inferiori il funzionamento è a pressione positiva, ma la verifica non è soddisfatta, aumentando via via il diametro quando il funzionamento diventa a pressione negativa la verifica è soddisfatta.
Però siccome il funzionamento a pressione positiva in certi casi è ammesso (tanto è vero che le distanze minime e le quote di sbocco in caso di pressione positiva ci sono, e sono addirittura inferiori a quelle previste per la pressione negativa), vorrei capire in quali condizioni potrebbe risultare soddisfatta questa verifica.

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: venerdì 9 novembre 2018, 16:46 
Non connesso

Iscritto il: sabato 14 aprile 2012, 15:19
Messaggi: 75
non conosco la normativa, quale è la formula che ti determina la verifica?

Il tiraggio (la prevalenza) dipende direttamente dal dislivello della canna fumaria tra il focolare e lo sbocco sul tetto, quindi variare il diametro della canna comporta solo una variazione delle perdite di carico e quindi della portata in gioco, ma non altera il fatto che la canna fumaria tiri e la ventola spinga...

fai la prova con una canna fumaria da 1 metro e una da 10.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010