IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è sabato 14 dicembre 2019, 16:07

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 22 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Clausius vs Darwin
MessaggioInviato: mercoledì 27 luglio 2016, 19:33 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: domenica 19 giugno 2011, 10:26
Messaggi: 11007
Località: Italia
fatevi devolvere il 10% degli stipendi dei parlamentare di destra , se glielo chiedete, forse vi impiccano come Mussolini .


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Clausius vs Darwin
MessaggioInviato: mercoledì 27 luglio 2016, 19:35 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: domenica 19 giugno 2011, 10:26
Messaggi: 11007
Località: Italia
fatevi devolvere il 10% degli stipendi dei parlamentare di destra , se glielo chiedete, forse vi impiccano come Mussolini .


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Clausius vs Darwin
MessaggioInviato: giovedì 28 luglio 2016, 10:12 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19282
Località: Ferrara
Trovato!
Leggi questo articolo:

http://www.contra-versus.net/uploads/6/ ... uzione.pdf

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Clausius vs Darwin
MessaggioInviato: giovedì 28 luglio 2016, 14:31 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19282
Località: Ferrara
E, in merito a come "funziona" l'evoluzione a livello microscopico e macroscopico, vedi qui (soprattutto l'ultima parte quando parla di come si originano nuove specie a partire da quella iniziale):

https://drive.google.com/file/d/0B_12jz ... sp=sharing

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Clausius vs Darwin
MessaggioInviato: domenica 7 agosto 2016, 23:11 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sabato 17 marzo 2007, 22:43
Messaggi: 3318
Località: brescia
Ho letto il materiale che mi avete passato (eh, le ferie servono a qualcosa), ma non mi pare che entrino nel tema.

Gould non afferma che la complessità di organismi che si sono evoluti successivamente non sia maggiore di quella degli organismi primordiali: semplicemente mette in luce che l'evoluzione non procede verso organismi più complessi: li genera, (e di pari complessità, prima, non c'erano), ma continuano a condividere la vita con organismi meno complessi, presenti precedentemente, che continuano la loro linea evolutiva; quindi afferma che la complessità non è molla dell'evoluzione, ma piuttosto accidente inevitabile: rimane il fatto che organismi più complessi evolvono a partire a organismi meno complessi, e non viceversa, come ci si dovrebbe aspettare dall'applicazione della legge di Clusius. (*)

Di questo fatto, Ayala da anche una spiegazione logica, in termini di alleli recessivi, cioè mutazioni 'in pectore', in grado di manifestarsi solo in determinate condizioni, dando origine a mutazioni visibili.
Tieni presente che quanto sostiene Ayala presuppone che una famiglia sia tanto piu' 'pronta ai cambiamenti' quanto più complesso è il suo DNA, con molti alleli recessivi; se ne hai pochi, il tuo DNA può mutare solo 'per errore', quindi molto raramente in modo utile.

Qui ci sarebbe un'altra osservazione da fare, ma ci porterebbe forse fuori discorso, e cioè perchè, dopo gli eventi di sparizione di massa, alcuni ordini siano 'piu' pronti' di altri a occupare gli spazi rimasti liberi.
In soldoni, caduto il meteorite e posatasi la polvere, perchè i rettili sopravvissuti si siano limitati a sopravvivere, mentre i mammiferi fossero pronti a esplodere. (lo stesso si potrebbe dire per altri phila per le catastrofi precedenti)

Ma tornando al punto, nessuno nega che la complessità stia crescendo. Non sarà un vantaggio evolutivo, ma cresce, a dispetto dei costi 'entropici' che questo comporta.

Anche il libro di Pasquale non entra nel punto; spiega, passo passo e con estrema chiarezza PERCHE' l'entropia non puo' che crescere, e che, in un tempo sufficientemente lungo, possa 'naturalmente' portare a fenomeni di 'decrescita locale' tuttaltro che 'inspiegabili'. Purtroppo, il tempo sufficientemente lungo è valutabile in 10 alla 10 alla 300 ... un po' alto: molto alto.

Ora, la terra non ha avuto tutto questo tempo per assemblare 'a caso' un tot di amminoacidi, che, sempre 'a caso', si siano incastrati in una molecola che contemporaneamente potesse :
a. essere stabile
b. essere in grado di duplicarsi esattamente
c. essere in grado, per copia parziale, di produrre tutto il materiale organico minimo, atto a mantenere le opportune condizioni ambientali, di costruire amminoacidi, proteine, enzimi e quantaltro 'minimo' alla sua sopravvivenza.

Oltretutto, questo fenomeno 'naturale', dovrebbe essersi prodotto UNA e UNA SOLA volta.
Infatti, tutta la materia vivente è formata da molecole spesso dotate di chiralità, ma, in questo caso, solo la specie molecolare sinistrorsa è attivamente impiegata nei processi vitali.

Se il primo assemblaggio fosse avvenuto 'per caso' una molteplicità di volte, avremmo invece un po' di 'vita sinistra' e un po' di 'vita destra', cioè con amminoacidi destrorsi, eliche destrorse ecc.ecc.ecc., cosa che non mi risulta sia mai stata osservata.

(*) PS. il fatto che sti sistemi viventi insistano a non voler degradare, vale solo fintanto che sono 'vivi'; se muoiono, immediatamente arriva Clausius e degradano.
Questo vuol dire che, nei processi vitali, oltre a consumare poca energia chimica per produrre molto lavoro, c'è anche lo spazio per coltivare questo bel passatempo di tenere bassa l'entropia del 'castello vitale' e, di tanto in tanto, anche per 'provare' configurazioni diverse, che, come dice Ayala, possano 'venir buone' in un mutato futuro.

_________________
Art.1 : L'Italia è una Repubblica fondata sul Lavoro. ..degli altri.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Clausius vs Darwin
MessaggioInviato: lunedì 8 agosto 2016, 17:07 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 9 luglio 2003, 11:52
Messaggi: 38254
hai visto anche Pierre Teilhard de Chardin ?
( "Il fenomeno umano"; "L'avvenire dell'Uomo"; "Le singolarità della specie umana", e forse più semplice leggere il libro di S. Quinzio sul suo pensiero "Che cosa ha "veramente" detto" T. d. C." )

P.S. perdonatemi ma non lo faccio per rovinarvi le vacanze con libri da leggere :azz: :lol:
è necessario precisare che Teilhard vede la cosa da un punto di vista di fede religiosa , nonostante questo dovette soffrire abbastanza
https://it.wikipedia.org/wiki/Pierre_Te ... de_Chardin

_________________
"l'ingegnere sa quello che fa, e fa quello che sa" (Michele Pagano)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Clausius vs Darwin
MessaggioInviato: mercoledì 10 agosto 2016, 9:32 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19282
Località: Ferrara
In effetti, non siamo ancora giunti al nodo iniziale del 3D.......
Qui sono introdotti concetti nuovi, ad esempio la neghentropia:
https://www.google.it/url?sa=t&source=w ... 3Pd2M9EAqg

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Clausius vs Darwin
MessaggioInviato: martedì 6 settembre 2016, 21:53 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19282
Località: Ferrara
Beh? Finite le ferie? :lol:

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Clausius vs Darwin
MessaggioInviato: venerdì 9 settembre 2016, 9:14 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sabato 17 marzo 2007, 22:43
Messaggi: 3318
Località: brescia
Mi sono imbattuto in questo :

http://www.carocci.it/index.php?option= ... 8843047253

ma, lungi dallo spiegare se la meccanica quantistica viola o meno il II principio, (quando vien meno il secondo principio si introduce la perdita di un quanto di informazione, cosi che l'entropia aumenti lo stesso), mi smarrisco in formalismi matematici.

Sulla neghentropia, il libro suggerito da Pasquale (Ayala) ne da una diversa definizione, concettualmente identica, molto chiara.

Piuttosto, è singolare notare che queste domande aleggiano sin dagli albori della meccanica quantistica; 'What's life?' se lo era già chiesto Schrodinger mentre lisciava il gatto. Son quasi 80 anni che ci giriamo intorno.

_________________
Art.1 : L'Italia è una Repubblica fondata sul Lavoro. ..degli altri.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Clausius vs Darwin
MessaggioInviato: sabato 10 settembre 2016, 16:17 
Non connesso

Iscritto il: sabato 10 settembre 2016, 15:58
Messaggi: 12
บทความที่ดีจริงๆ ..... ขอบคุณสำหรับการแบ่งปัน

golden slot mobile :arrow: :arrow:


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 22 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010